L’analisi del rischio nel trattamento dati: come farla per non violare il Gdpr

L’analisi del rischio è un adempimento fondamentale vista la necessità di attuare attività di trattamento il più possibile sicure per tutti gli interessati, così come richiesto dal Gdpr. Il caso Google Analytics, gli aspetti legali del trattamento dati, cosa deve fare un titolare del trattamento

02 Ott 2022
Alessandro Vercellotti

Avvocato del Digitale, Founder Partner dello studio Legal for Digital

GDPR

L’analisi del rischio rappresenta un tassello fondamentale nell’ottica di responsabilizzazione di ogni titolare del trattamento, soggetto chiamato dal GDPR a fare tutto il necessario per assicurare la giusta tutela e protezione delle persone con riguardo al trattamento, nonché un valido aiuto in un momento di profonda incertezza come quello in cui si trovano tutti gli operatori del settore in seguito alla sentenza Schrems II con cui la Corte di Giustizia Europea ha invalidato l’accordo tra gli Stati Uniti e l’Unione Europea chiamato Privacy Shield.

Valutazione del rischio e accountability: come “mettere a terra” gli adempimenti del GDPR 

Lo “tsunami” Google Analytics

Tra le problematiche emerse nel nostro Paese e non solo, è emersa ad esempio quella relativa all’utilizzo di Google Analytics.

Con un Provvedimento del 9 giugno 2022 n. 9782890 il Garante per la protezione dei dati personali ha infatti ammonito una società che utilizzava Google Analytics (GA3 o Analytics Universal) sul proprio sito, riconoscendo come illecito il trattamento dei dati personali raccolti per il tramite di Google Analytics per via del trasferimento degli stessi extra UE in particolare negli Stati Uniti.

WHITEPAPER
Robot intelligenti: i vantaggi nei progetti di automazione nell'Industry4.0
Industria 4.0
Realtà virtuale

È noto a tutti che, nel corso dell’istruttoria, l’Autorità ha esaminato nel dettaglio le misure supplementari adottate dalla società destinataria del provvedimento e in particolare la cosiddetta opzione “IP-Anonymization” prevista da Google Analytics nonché la cifratura dei dati, ritenendole entrambe non idonee a garantire un adeguato livello di protezione dei dati personali trattati.

Si è trattato di un vero e proprio tsunami in ambito privacy che ha messo in allarme tutti gli addetti ai lavori, dai web master agli IT interni alle aziende, dai consulenti legali ai DPO, generando una situazione di grande incertezza.

Non si può negare che, allo stato, la soluzione più auspicabile sia certamente il raggiungimento di un accordo politico tra Europa e Stati Uniti, volto a regolare in maniera certa e definitiva il tema del trasferimento dei dati extra UE e ciò non solo con riferimento a Google Analytics, ma anche con riferimento a tutti gli altri servizi di uso quotidiano che comportano un trasferimento di dati personali negli Stati Uniti. Di questo accordo, tuttavia, ad oggi non si hanno notizie certe.

Gli aspetti legali della questione del trattamento dei dati

Alla luce di ciò, la conoscenza degli aspetti legali della questione del trattamento dei dati personali extra UE è fondamentale al fine di decidere consapevolmente quale strada intraprendere.

Non dimentichiamo, infatti, che il principio di responsabilizzazione sancito dal GDPR, impone al titolare del trattamento di mettere in atto misure tecniche e organizzative adeguate a garantire che tutte le attività di trattamento siano poste in essere in conformità alla normativa privacy e, in un siffatto scenario, il processo di valutazione e gestione del rischio rappresenta un importante passo nel percorso di responsabilizzazione del titolare del trattamento, nonché un valido aiuto in sede di predisposizione di misure funzionali alla protezione dei dati e ciò a prescindere dall’eventuale trasferimento dei dati trattati al dì fuori dei confini europei.

La valutazione dei rischi nella normativa privacy

In particolare, la normativa privacy richiede al titolare del trattamento una valutazione complessiva dei rischi connessi alle attività di trattamento poste in essere e, in base a quanto emerso, la realizzazione di adeguate misure per limitare i suddetti rischi. Più in particolare, le misure progettate e realizzate devono assicurare un adeguato livello di sicurezza bilanciando da un lato, lo stato dell’arte e i costi di attuazione e, dall’altro, i rischi che presentano i trattamenti e alla natura dei dati personali da proteggere.

È importante precisare che la normativa non fornisce una indicazione tassativa circa le misure di sicurezza da adottare, ma fornisce solo un elenco esemplificativo di misure che possono essere adottate dal Titolare del Trattamento sulla base delle risultanze dell’analisi dei rischi condotta, tra cui:

  • pseudonimizzazione e cifratura dei dati personali;
  • capacità di assicurare su base permanente la riservatezza, l’integrità, la disponibilità e la resilienza dei sistemi e dei servizi di trattamento;
  • la capacità di ripristinare tempestivamente la disponibilità e l’accesso dei dati personali in caso di incidente fisico o tecnico;
  • l’esistenza di una procedura per testare, verificare e valutare regolarmente l’efficacia delle misure tecniche e organizzative al fine di garantire la sicurezza del trattamento.

Ciascuna di queste misure generiche dovrà poi concretizzarsi tanto in misure tecniche, ossia quelle riferite ad uno strumento, macchina o elaboratore che verrà utilizzato dal Titolare del Trattamento nell’espletamento delle attività di trattamento, sia in misure organizzative, affidate invece ai comportamenti dei soggetti coinvolti nelle attività di trattamento, i quali dovranno essere precisamente regolamentati e standardizzati e livello aziendale.

Nel valutare poi il livello di adeguatezza delle misure adottate, ai sensi dell’art. 32 del GDPR, il Titolare del Trattamento dovrà stabilire se le stesse siano in grado di prevenire e contrastare i rischi tipicamente derivanti dall’attività di trattamento, ossia distruzione, perdita, modifica, divulgazione non autorizzata o dall’accesso, in modo accidentale o illegale, a dati personali trasmessi, conservati o comunque trattati.

Come il Titolare del Trattamento può procedere alla valutazione dei rischi

Fatte queste premesse, esaminiamo in concreto come il Titolare del Trattamento può procedere alla valutazione dei rischi.

Il metodo orizzontale

In particolare, egli può approcciarsi all’attività di analisi del rischio adottando dapprima il metodo cosiddetto orizzontale, con riferimento a ciascuno dei quattro settori in cui il rischio è suscettibile di verificarsi, ossia quello:

– del comportamento degli operatori;

-de i dispositivi hardware;

– dei dispositivi software;

– del contesto.

Per ciascuno di questi settori sarà necessario indicare le misure tecniche e organizzative attuate dal titolare del trattamento con particolare riferimento alla:

– pseudonimizzazione e alla cifratura dei dati personali

– capacità di assicurare su base permanente la riservatezza, l’integrità, la disponibilità e la resilienza dei sistemi e dei servizi di trattamento

– capacità di ripristinare tempestivamente la disponibilità e l’accesso dei dati personali in caso di incidente fisico o tecnico

– esistenza di procedure per testare, verificare e valutare regolarmente l’efficacia delle misure tecniche e organizzative al fine di garantire la sicurezza del trattamento.

A questo punto, per ciascun profilo e per ciascun asset coinvolto, deve essere effettuata una valutazione in termini di probabilità e gravità che tiene conto dei principali rischi alla sicurezza dei dati personali menzionati all’art. 32 GDPR e che possono derivare dalla “distruzione, dalla perdita, dalla modifica, dalla divulgazione non autorizzata o dall’accesso, in modo accidentale o illegale, a dati personali trasmessi, conservati o comunque trattati”.

L’analisi del rischio verticale

Successivamente, richiamandosi alla valutazione effettuata con metodo orizzontale, sarà possibile condurre un’analisi del rischio verticale, ossia per processo, ricorrendo ai criteri dettati dalle linee guida ENISA per valutare in concreto se le misure di sicurezza adottate e precedentemente indicate contribuiscono effettivamente alla riduzione e gestione del rischio.

Al fine di supportare il titolare del trattamento nell’attività di analisi dei rischi, infatti, l’ENISA, congiuntamente al Gruppo di Lavoro cui ha preso parte anche il Garante Privacy italiano, ha elaborato uno specifico approccio per la valutazione del rischio di sicurezza, in virtù di quanto previsto dall’art. 32 del GDPR in tema di sicurezza del trattamento.

In particolare, la valutazione viene condotta sulla base di specifici parametri predeterminati e, all’esito dell’analisi, sarà possibile esprimersi circa il livello generale di rischi, identificato come prodotto tra i risultati di impatto e le probabilità di accadimento, sulla base di quattro livelli predefiniti (basso, medio, alto e critico).

In primo luogo, dovranno essere definite con precisione le diverse attività di trattamento determinandone per ciascuna gli aspetti più rilevanti come, a titolo esemplificativo, le categorie di dati trattati, i destinatari degli stessi, gli strumenti coinvolti nel trattamento. In secondo luogo, dovrà essere valutato l’impatto che, in termini di gravità, un eventuale incidente di sicurezza potrebbe avere con riferimento ai diritti degli interessati, considerando i principali rischi già considerati nella precedente fase di valutazione e richiamati dall’art. 32 del GDPR.

Sarà inoltre necessario valutare, in termini di probabilità, le potenziali minacce connesse alle attività di trattamento individuate. Solo dopo aver determinato la gravità dell’impatto e la probabilità che la minaccia si verifichi, sarà possibile effettivamente procedere con una valutazione finale del rischio. A conclusione dell’analisi, dovranno essere individuate le misure tecniche e organizzative da adottare o eventualmente da potenziare all’esito delle risultanze emerse.

Qualora il livello generale di rischio dovesse risultare elevato, sarà onere del titolare del trattamento condurre una valutazione di impatto sulla protezione dei dati con lo scopo di indagare ulteriormente i profili di rischio emersi e, qualora non sia possibile adottare misure idonee, egli dovrà consultare l’Autorità di controllo prima di porre in essere l’attività di trattamento.

Conclusioni

Come anticipato, l’analisi del rischio si rivela quindi essere un adempimento fondamentale vista la necessità di porre in essere attività di trattamento che si rivelino il più possibile sicure per tutti gli interessati, così come richiesto dalla normativa privacy.

WHITEPAPER
Supply Chain: ecco come ottenere un tracciamento trasparente grazie all'IoT
IoT
Industria 4.0
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 4