neuralink e non solo

Neuroscienze e AI, difendere i diritti dagli abusi della tecnica



Indirizzo copiato

Avanzano le neuroscienze, grazie all’intelligenza artificiale e si aprono nuove vie di interazione uomo-macchina, come insegna il caso Neuralink. Importante quindi sostenere il dibattito sui neurodiritti. Vediamo il piano giuridico in questione

Pubblicato il 2 feb 2024

Francesca Niola

Fellow – ISLC, Università degli Studi di Milano



neuro scienze, cervello brain

Nell’ultimo decennio, la convergenza tra neuroscienze e intelligenza artificiale (IA) ha segnato una svolta significativa nel campo della tecnologia. Recenti progressi nell’IA ispirata al cervello hanno raggiunto un punto di svolta nella collaborazione tra i due campi, con l’IA che, iniziata con l’ispirazione dalle neuroscienze, ha raggiunto prestazioni notevoli con una dipendenza minore dalla comprensione neuroscientifica tradizionale​ .

Neuralink’s Clinical Trial: The PRIME Study

Questa evoluzione è in particolare evidenziata dalle tecniche di neuroimaging come la Risonanza Magnetica Imaging (MRI), la fMRI funzionale e l’Elettroencefalografia (EEG), le quali sono nuove frontiere nell’avanzamento della neuroscienza computazionale​.

La novità Neuralink

Poi è arrivato Neuralink, di Elon Musk, che sembra volersi spinger un passo oltre nella capacità di interpretare il pensiero tramite elettrodi collegati al cervello; allo scopo non solo di aiutare disabili ma anche – dice Musk – aprire le porte a una nuova interfaccia uomo-macchina nell’era dell’IA.

La caratteristica fondamentale e rilevante per il diritto è che l’impiego di neurotecnologie è stato distratto dall’ambito medico-sanitario, che si ora ne aveva descritto il perimetro (pur sollevando interrogativi etici).

Nel caso di Neuralink invece l’impianto di chip neurali (Telepathy) nel cervello umano, pur rimanendo ancorato alla volontà di dimostrare benefici per le patologie neurologiche, è però sostanzialmente funzionale a rendere più efficiente il rapporto uomo-computer.

L’interazione tra AI e neuroscienze ha portato a opportunità senza precedenti nel campo dei miglioramenti cognitivi, anche di persone affette da patologie cerebrali degenerative, con la potenzialità di rivoluzionare la comprensione e l’enhancement delle capacità cognitive umane​[1].

Tuttavia, il “salto” dal mondo della medicina a quello dei servizi è notevole e problematico, poiché se da un lato l’esercizio della professione medica è presidiata da obblighi stringenti che tutelano la persona e la sua dignità e da finalità migliorative della sua salute, altrettanto non può dirsi per il campo della tecnologia pura.

Ciò pone importanti riflessioni che qui possono solo anticiparsi.

Dal punto di vista giuridico, l’integrazione delle tecnologie avanzate di neuroimaging e dei dati neurali raccolti in algoritmi di IA che rispettino la privacy e l’integrità dei dati personali nel contesto del quadro normativo attuale, incluso il GDPR, richiede una riflessione approfondita rispetto al bilanciamento tra l’innovazione tecnologica, la predittività algoritmica e le garanzie di protezione dei dati personali e la salvaguardia dei diritti fondamentali, quali “la libertà mentale, la privacy mentale, l’integrità mentale e la continuità psicologica”[2].

Il tema dei neurodiritti

I neurodiritti, dati la loro natura intima e personale, potrebbero richiedere un inquadramento legale specifico che vada oltre le interpretazioni tradizionali dei diritti fondamentali[3], per affrontare le minacce uniche e personali che le neurotecnologie presentano​ .

La regolamentazione di questi diritti dovrà essere reasonable e well tailored per rispondere efficacemente alle rapide innovazioni nel campo dell’IA e delle neuroscienze, garantendo al contemporaneo la protezione della dignità umana e l’integrità della persona contro potenziali abusi tecnologici​.

Due correnti di pensiero

Il dibattito sui neurodiritti si articola attorno a due correnti principali nel panorama accademico.

  • La prima, tradizionale, nega la possibilità di riconoscere tutela giuridica ai neurodiritti, alla quale si oppone la tesi più progressista che, al contrario, sostiene la necessità di ampliare il catalogo dei diritti. La tesi conservatorista afferma che la protezione delle attività cerebrali – con specifico riguardo alla lettura non consensuale del cervello – sia già adeguatamente compresa nell’attuale corpus dei diritti fondamentali quali la libertà cognitiva e di autodeterminazione del pensiero[4], come delineati nella Dichiarazione Universale dei Diritti Umani (UDHR) e in particolare dagli articoli 3, 6, 8 e 9 della CEDU.
  • Diversamente argomenta la tesi che sostiene la necessità di una loro regolamentazione esplicita anche in Italia[5]. Alcuni autori[6] sostengono la necessità di tutelare nuovi “neurodiritti” specifici per proteggere adeguatamente il cervello e la mente dall’abuso di neurotecnologie emergenti. Questa posizione riconosce che l’ambito di protezione dei diritti e delle libertà esistenti è insufficiente e che, nonostante possa essere ampliato durante la loro applicazione, nuovi neurodiritti dovrebbero essere introdotti per colmare rapidamente l’attuale lacuna nella protezione legale[7].

Tale impostazione teorica ha trovato terreno fertile in Cile. Il disegno di legge Boletín N° 13.828-19, adottato in Cile, introduce modifiche costituzionali per istituire i neurodiritti. Questa legislazione specifica mira a tutelare l’integrità fisica e mentale degli individui in relazione all’uso delle neurotecnologie. Centrali nella riforma sono le disposizioni volte a proteggere i dati neurali dall’essere oggetto di commercio o manipolazione[8]. Il disegno di legge stabilisce che tali dati, per la loro natura sensibile e personale, devono essere trattati come inalienabili, elevando così la protezione dei dati neurali a un livello paragonabile a quello degli organi umani.

Possibile integrazione uomo-macchina

Da qui la domanda: mantenendo ferme le norme già vigenti è possibile immaginare una integrazione normativa uomo-macchina? La dottrina[9] più progressista guarda con favore al concetto di cyberabilità ovvero «opportunità reali» di azioni volte al raggiungimento del benessere derivanto da interazioni uomo-macchina in cui l’azione è distribuita tra elementi umani e neurotecnologici. La determinazione della responsabilità in questi scenari è complessa poiché coinvolge sia il creatore del sistema di IA che l’utente finale, oltre a considerare il grado di autonomia del sistema e la chiarezza delle interazioni tra umani e macchine.

In altri termini, la prospettiva costituzionalistica entro la quale si ritiene opportuno svolgere le future riflessioni riguarda la tutela della libertà di pensiero, in particolare da possibili forme di sorveglianza. Questa problematica, posta all’attenzione della comunità accademica e giuridica di massimo rilievo, interpella direttamente la sostanza dei diritti fondamentali, in particolare la libertà di pensiero, garantita dall’articolo 9 della Carta dei Diritti Fondamentali dell’Unione Europea e, in ambito nazionale italiano, dall’articolo 21 della Costituzione.

I rischi

Il rischio inerente a tali tecnologie non è meramente ipotetico ma si colloca in una dimensione reale e attuale, dove la potenzialità di accesso diretto ai processi cognitivi dell’individuo apre scenari di controllo e manipolazione precedentemente inesplorati. La libertà di pensiero, intesa come l’ultimo baluardo di resistenza dell’individuo di fronte al potere, si trova così esposta a nuove forme di intrusione che potrebbero rendere obsoleti i tradizionali meccanismi di tutela.

In tale contesto, il ricorso a neurotecnologie per fini di sorveglianza solleva questioni di legalità costituzionale, etica e di diritto internazionale dei diritti umani. L’articolo 8 della Convenzione Europea dei Diritti dell’Uomo, pur tutelando il diritto al rispetto della vita privata, si scontra con le potenzialità invasive delle neurotecnologie, le quali potrebbero eludere le tradizionali garanzie procedurali e sostanziali previste per la limitazione di tale diritto.

Il dialogo accademico e giurisprudenziale recente, riconoscendo la necessità di un aggiornamento normativo, ha iniziato a interrogarsi sulla fattibilità di un nuovo corpus di norme che regolamenti specificamente l’uso delle neurotecnologie, in un tentativo di bilanciare il progresso scientifico con la salvaguardia dei diritti fondamentali.

Il principale argomento contro l’uso incontrollato delle neurotecnologie per scopi di sorveglianza si radica nel concetto di dignità umana, anch’esso tutelato a livello costituzionale e internazionale. La dignità, intesa come valore intrinseco dell’essere umano, implica una sfera di autonomia personale inaccessibile e inviolabile, che le neurotecnologie, se mal impiegate, potrebbero compromettere irrimediabilmente.

Basterà? Sappiamo, sin da ora, di no.

Bibliografia


[1] La Collection di BMC Neuroscience sull’intersezione tra neuroscienze cognitive e IA ha come obiettivo la promozione dell’integrazione delle conoscenze e dei progressi in entrambi i campi, con il fine ultimo di far progredire la nostra comprensione della cognizione umana e sviluppare un’IA più sofisticata​ ​. Inoltre, la fusione di neuroscienze, ingegneria e informatica, esemplificata dagli impianti neurali e dalle Brain-Computer Interfaces (BCI), offre grandi promesse. Man mano che queste tecnologie continuano ad evolvere sono destinate a ridefinire non solo la nostra comprensione del cervello ma anche i contorni stessi dell’esperienza umana

[2] Ienca, M. – Andorno, R.: ‘Verso nuovi diritti umani nell’era delle neuroscienze e delle neurotecnologie’, Life Sciences, Society and Policy, 2017, 13, (1), 5

[3] AD Vanberg, ‘Informational Privacy Post GDPR: End of the Road or the Start of a Long Journey?’ (2021) 25(1) The International Journal of Human Rights 52–78 https://doi.org/10.1080/13642987.2020.1789109 (hereafter Vanberg, ‘Informational Privacy Post GDPR’).

[4] Bublitz, C. (2015). Cognitive Liberty or the International Human Right to Freedom of Thought. In: Clausen, J., Levy, N. (eds) Handbook of Neuroethics. Springer, Dordrecht

[5] Ienca M. – Pollicino O., Serve un habeas corpus dei neurodiritti, in Corriere della sera, 26 febbraio 2021.

[6] Ienca, M.: ‘Neuroprivacy, neurosecurity e brain-hacking: Emerging issues in neural engineering’, in Editor (Ed.)^(Eds.): ‘Book Neuroprivacy, neurosecurity and brain-hacking: Emerging issues in neural engineering’ (Schwabe, 2015, edn.), pp. 51-53; Yuste, R., Goering, S et Alii.: ‘Four ethical priorities for neurotechnologies and AI’, Nature News, 2017, 551, (7679), pp. 159 e Pizzetti, F.: ‘Una proposta per una: “Dichiarazione universale sulle neuroscienze e i diritti umani”‘, Voci Bioetiche (Newsletter della cattedra di bioetica dell’Unesco), 2017, 6, (10), pp. 3-6

[7] Kellmeyer, P. (2022). ‘Neurorights’: A Human Rights–Based Approach for Governing Neurotechnologies. In S. Voeneky, P. Kellmeyer, O. Mueller, & W. Burgard (Eds.), The Cambridge Handbook of Responsible Artificial Intelligence: Interdisciplinary Perspectives (Cambridge Law Handbooks, pp. 412-426). Cambridge: Cambridge University Press. doi:10.1017/9781009207898.032

[8] Zúñiga-Fajuri, Alejandra, et al. “Neurorights in Chile: Between neuroscience and legal science.” Developments in neuroethics and bioethics 4 (2021): in partic. 173.

[9] Essmann B, Mueller O. AI-Supported Brain–Computer Interfaces and the Emergence of ‘Cyberbilities.’ In: Voeneky S, Kellmeyer P, Mueller O, Burgard W, eds. The Cambridge Handbook of Responsible Artificial Intelligence: Interdisciplinary Perspectives. Cambridge Law Handbooks. Cambridge: Cambridge University Press, passim, in partic.438.

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati

Articolo 1 di 3