STRATEGIE social

Privacy first, ecco perché proteggere i dati conviene anche a Facebook

Svolta user-oriented dopo la crisi di fiducia esplosa con Cambridge Analytica. Saranno privilegiate le comunicazioni cross-platform, private e criptate rispetto ai post pubblici. Una svolta che potrebbe favorire una maggiore sicurezza degli utenti. Ma anche il core business del social basato sui dati

09 Mag 2019
Francesco Filieri

Legal Specialist Eurobet Italia

Giuseppe Pisciotto

Trainee Lawyer, Studio Finazzi Avvocati

facebook

Il fronte privacy si è rivelato il vero tallone d’Achille di Facebook. Il rilancio passa ora da uno switch strategico che punta a tutelare la sicurezza degli utenti, ma anche a blindare i dati in possesso dell’azienda dalle mire dei competitor.

Sì, perché una maggiore attenzione per la privacy potrebbe convenire anche a Facebook, e questo Zuckerberg lo sa molto bene. In questo contesto vanno inseriti il recente annuncio di un redesign che ruota intorno ai gruppi, alla chat Messenger (criptata) e alle storie, al grido (by Zuckerberg) “il futuro è privato”.

Cambridge Analytica vs raccolta del dato

Sappiamo che di contro il 2018 non è stato certo un anno facile per i big tech e per i social media, soprattutto per  la società guidata da Mark Zuckerberg che dopo il caso Cambridge Analytica ha registrato un calo del titolo in borsa pari a circa il 7,3%. Si tratta di una società di consulenza fondata da Robert Mercer nel 2013 che, prima dello scandalo che l’ha coinvolta, trattava dati personali raccolti mediante i canali social al solo fine di creare profili psicometrici degli utenti.

WHITEPAPER
Gestione dei contratti e GDPR: guida all’esternalizzazione di attività dei dati personali
Legal
Privacy

E il 2019 non sembra essere iniziato meglio. Infatti, proprio in questi giorni sono state scoperte due nuove fughe di dati personali che hanno coinvolto più di mezzo miliardo di utenti della piattaforma.

Tali violazioni sono il frutto di una cultura aziendale che ha messo al primo posto il profitto e l’ossessione per il controllo sulla popolazione world wide, lasciando in secondo piano la tutela dei dati personali dei soggetti interessati.

Lo scopo di questo microtargeting comportamentale era quello di costruire pubblicità altamente personalizzate in base al profilo di ogni singola persona. Infatti, grazie a un potente algoritmo, C.A. era in grado di processare un’enorme mole di dati riuscendo a far leva non solo sulle preferenze degli utenti ma anche sulle loro emozioni, desideri e stati d’animo. Ciò si traduceva in campagne di marketing altamente efficaci, in grado di riuscire addirittura a veicolare il voto degli elettori.

Ma cosa c’entra Facebook con Cambridge Analytica?

Per capire il ruolo di Facebook nella vicenda dobbiamo fare qualche passo indietro. Nel 2014 un ricercatore dell’Università di Cambridge, Aleksandr Kogan, realizzò “thisisyourdigitallife” (“questa è la tua vita digitale”), una app che prometteva agli utenti di produrre profili psicologici e comportamentali, basandosi sulle loro attività online.

Per utilizzare quest’app gli utenti dovevano collegarsi tramite “Facebook Login”, fornendo le informazioni personali contenute nel proprio profilo Facebook.

In questo modo thisisyourdigitallife raccolse i dati di 50 milioni di cittadini americani che trasferì illecitamente alla società C.A., ingaggiata dall’attuale presidente degli Usa Donald Trump per fornire supporto allo stesso durante la corsa alla Casa bianca.

Nei giorni scorsi due nuove fughe di dati personali di Facebook sono state scoperte. La violazione più grave riguarda 540 milioni di informazioni che sono state trovate dal team di Cyber Risk di UpGuard su un cloud accessibile a tutti. Il secondo breach, invece, interessa i dati di “soli” 20.000 utenti, ma non per questo è meno grave.

Come funzionerà la nuova comunicazione 

Da Cambridge Analytica ad oggi molte cose sono cambiate. Il 25 maggio dello scorso anno è entrato in vigore il GDPR e Facebook ha rivisto molti aspetti riguardanti la sua gestione, molto allegra, dei dati personali. L’aria è cambiata e il CEO di Facebook lo ha capito bene.

Lo scorso 6 marzo Zuckerberg in un post sulla sua pagina Facebook ha annunciato una doppia rivoluzione. Da un lato ha dichiarato: “Renderemo possibile l’invio di messaggi ai propri contatti usando qualunque nostro servizio, e prevediamo di estendere questa interoperabilità anche agli sms”, e dall’altro ha aggiunto: “Ci sono vantaggi in termini di privacy e di sicurezza nell’interoperabilità“.

Inoltre, in tema di riservatezza Zuckerberg ha comunicato anche il lancio di una nuova piattaforma online che avrà l’obiettivo di garantire la massima privacy degli utenti, aumentando la sicurezza e la protezione dei dati su tutti i servizi della società.

Fino appunto agli ultimi annunci di redisegn della piattaforma.

Quali vantaggi per il social dalla svolta “privata”

Dopo gli scandali del 2018, quindi, sembra che Zuckerberg abbia deciso di puntare sulle comunicazioni private piuttosto che sulla condivisione pubblica dei contenuti: “Credo che il futuro della comunicazione si muoverà sempre di più su servizi criptati e privati con cui le persone possono essere più fiduciose che quello che si dicono resti al sicuro e che i loro messaggi e contenuti non resteranno in circolazione per sempre”.

Ma siamo davvero sicuri che una società che ha costruito il proprio modello di business sui dati sia in grado di mettere in atto una svolta privacy? Certo, molti esperti hanno concentrato le proprie perplessità proprio su questo punto, su quale possa essere il modello di business nel momento in cui i dati – conversazioni si spostano da luoghi pubblici a luoghi privati. 

Tuttavia, ad avviso di chi scrive, dal nuovo approccio Facebook potrebbe trarre dei vantaggi per almeno due motivi.

Innanzitutto, sicurezza e privacy sono diventati un valore essenziale: gli utenti chiedono sempre più sicurezza e tutela della vita privata, per strada o a casa propria, e naturalmente anche su internet. E un luogo pubblico come Facebook, non può far finta di non sentire le richieste della gente.

Se meno informazioni sono pubbliche, gli utenti del social si sentiranno meno esposti e potranno intensificare l’uso del social. Al tempo stesso, sarà più facile per Facebook monitorare i casi di hate speech e disinformazione pubblica su social (andando così incontro a richieste crescente dei Governi; di contro sarà più difficile però per terze parti monitorare questi fenomeni, che tenderanno sempre più a muoversi nel sotto bosco di gruppi privati chiusi e chat).

In secondo luogo, Facebook ha capito che non conviene diffondere troppi dati ai suoi competitor: i dati sono un asset aziendale e chi ne ha di più vince.

WHITEPAPER
Certificazioni GDPR: tutti i vantaggi per le organizzazioni che vi aderiscono
Legal
Privacy
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
PA
Sostemibilità
Analisi
Formazione
Salute digitale
Sicurezza
Sostenibilità
Digital Economy
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati