l'analisi

Pubblicità online, terremoto in arrivo: IAB Europe nel mirino del Garante Privacy Belga

L’autorità di controllo del Belgio ha avviato una istruttoria con riferimento al Transparency and Consent Framework di IAB Europe. Sono osservazioni rilevanti, per le loro implicazioni sul mercato pubblicitario, anche italiano. Ecco le conseguenze

Pubblicato il 28 Ott 2020

Chiara Benvenuto

Associate Dipartimento Data Protection Rödl & Partner

Vincenzo Colarocco

Responsabile del Dipartimento Data Protection, Compliance e Cyber Security, Studio Previti Associazione Professionale

mercato adv

Le fondamenta del mercato pubblicitario online europeo tremano, per l’indagine che il Garante Privacy Belga sta conducendo su IAB Europe.

Con l’entrata in vigore del GDPR, IAB Europe – l’associazione europea che riunisce IAB (“Interactive Advertising Bureau”, principale associazione di categoria delle aziende di comunicazione e pubblicità) dei singoli Paesi membri – ha predisposto il Transparency and Consent Framework (“TCF”), con il proposito di supportare tutti i soggetti della catena della pubblicità digitale a garantire la conformità al nuovo Regolamento, ma anche alla Direttiva ePrivacy, in occasione del trattamento dei dati personali posto in essere nell’erogazione dei propri servizi.

In ragione dei plurimi reclami pervenuti da parte degli interessati, l’autorità garante privacy del Belgio ha avviato una istruttoria con riferimento al TCF. E dato che questo framework è alla base del mercato, questi sviluppi avranno conseguenze importanti sugli attori.

Che cos’è il Transparency and Consent Framework di IAB Europe

Il TCF, tra le altre cose, consente di accedere ad un “ambiente” (Consent Management Platform – CMP) in cui gli editori di siti web possono comunicare ai visitatori quali dati vengono raccolti e con quali aziende collaborano per la loro elaborazione: lo scopo è quello del raggiungimento del maggior livello di trasparenza ed informazione per l’utente.

WHITEPAPER
La Top 5 delle minacce informatiche e come contrastarle
Sicurezza
Cybersecurity

Gli aderenti al framework sono tenuti a predisporre le informative ed i canali di acquisizione in maniera uniforme: in questo modo, si intende perseguire l’adozione di un linguaggio comune per la fornitura di pubblicità e contenuti online pertinenti e a volte personalizzati.

Il 21 agosto 2019 è stata lanciata una versione riveduta del TCF, il TCF 2.0, a seguito di un’ampia consultazione di settore.

Tra le novità della versione 2.0 vi è la previsione della possibilità per gli utenti di fornire o negare il consenso in maniera ulteriormente granulare: in questo modo, gli utenti otterrebbero un maggiore controllo sull’utilizzo dei propri dati da parte degli operatori del settore.

Il nuovo framework non produrrebbe benefici solo ed esclusivamente nei confronti degli utenti: agli editori verrebbe offerta la possibilità di ottenere un maggior controllo sia sui dati raccolti attraverso le proprie piattaforme, sia sulle operazioni di trattamento poste in essere da parte dei partner tecnologici.

Che cosa ha rilevato l’autorità di controllo belga sulla privacy

All’esito dell’istruttoria, con apposito report, l’autorità belga ha qualificato IAB Europe come titolare del trattamento.

La conclusione a cui è giunta l’autorità si basa sulle seguenti considerazioni:

  • il TCF impone regole obbligatorie ai soggetti aderenti, tra cui figurano gli inserzionisti e tutti coloro i quali hanno adottato una CMP;
  • la partecipazione al TCF è soggetta a pagamento, dovendosi, quindi, ritenere integrata l’erogazione di un servizio a beneficio di IAB;
  • IAB detiene la gestione ed il controllo;
  • IAB ha predisposto un elenco di finalità del trattamento dei dati raccolti;
  • IAB determina i mezzi di elaborazione;
  • IAB esercita il proprio controllo anche mediante la verifica della conformità degli aderenti al framework, in particolare con la previsione della natura vincolante di Termini e Condizioni.

A fronte di tale qualifica, l’authority ha svolto una serie di considerazioni in relazione ad alcuni aspetti del TCF che indurrebbero a ritenere lo stesso in contrasto con il GDPR ed in generale con la normativa vigente.

In particolare, a parere dell’autorità belga:

  • il TCF pone erroneamente gli obblighi informativi e di trasparenza nei confronti degli utenti sui soggetti aderenti e sugli editori, mentre IAB, in qualità di titolare del trattamento, dovrebbe essere tenuto all’assolvimento di detti obblighi;
  • IAB incoraggia il ricorso all’interesse legittimo per il trattamento dei dati per la profilazione degli utenti. L’autorità ritiene che l’interesse legittimo non sia una base giuridica accettabile per la profilazione. Inoltre, anche se lo fosse, l’autorità osserva che non vi è alcuna prova che IAB abbia eseguito un legitimate interest assessment;
  • i titolari del trattamento utilizzano il TCF per elaborare dati di natura particolare, nonostante il TCF non fornisca regole adeguate a tale elaborazione. In particolare, la disciplina di cui all’art. 9 GDPR, per il trattamento di detta categoria di dati, richiede la preventiva acquisizione di un consenso esplicito in forma scritta, concetto questo differente dal “consenso univoco” promosso dal TCF;
  • Il TCF violerebbe gli articoli 24 e 32 del GDPR (rispettivamente sulla responsabilità del titolare del trattamento dei dati e sulla sicurezza del trattamento) dal momento che gli attori del trattamento sono autorizzati ad intrattenere rapporti con terzi editori anche a fronte dell’evidenza della violazione da parte di questi policy interne predisposte da IAB e/o della normativa UE applicabile.

La replica di IAB

IAB, con dichiarazione rilasciata il 16 ottobre sul proprio sito web, ha sostenuto come le osservazioni dell’autorità si basino su un erroneo convincimento.

A parere di IAB, sarebbe in primo luogo erronea la qualificazione di titolare del trattamento: partendo da questo assunto, IAB non sarebbe tenuto a porre in essere gli adempimenti informativi prescritti dalla normativa nei confronti degli utenti in occasione dell’adesione al TCF.

A parere di IAB nulla osta al ricorso al legittimo interesse quale base giuridica in occasione del trattamento per profilazione, e comunque il ruolo di IAB, da questi identificato in quello di responsabile e non di titolare, esonererebbe lo stesso dallo svolgimento di un legitimate interest assessment, che infatti spetterebbe esclusivamente agli aderenti.

Con riferimento al trattamento di particolari categorie di dati, che a parere dell’autorità sarebbe avvenuto in assenza di uno specifico consenso espresso in forma scritta, IAB rappresenta come il report ignori la circostanza per cui le policy adottate in occasione dell’adesione al framework escludono specificamente il trattamento di dati particolari.

Infine, IAB sostiene che le determinazioni del report siano inesatte anche con riguardo a quanto affermato sull’intervenuta violazione degli artt. 24 e 32, atteso che i soggetti aderenti sono tenuti a segnalare la sospetta violazione del publisher e ad astenersi da qualsiasi istruzione che si ponga in violazione con il TCF e con la normativa vigente.

Lo stato del procedimento

Il report è adesso al vaglio della Litigation Chamber.

IAB ha termine sino al 7 dicembre per fornire osservazioni per iscritto.

A loro volta, le parti che hanno presentato i reclami avverso il TCF innanzi all’autorità, possono esaminare le osservazioni di IAB e presentare le proprie ulteriori osservazioni entro l’11 gennaio, che a sua volta avrà tempo fino al 15 febbraio per presentare una ulteriore replica.

IAB non esclude di sollevare una questione pregiudiziale innanzi alla Corte di Giustizia europea sui ruoli del trattamento in caso di decisione negativa della Litigation Chamber.

Quali conseguenze e responsabilità, le ricadute sulle attività pubblicitarie online

In attesa dell’esito della vicenda sopra descritta, alcune considerazioni possono essere svolte sulle possibili conseguenze in cui potrebbe incorrere il gestore della piattaforma laddove ospiti un sistema di acquisizione dei consensi non conforme alla normativa vigente. Si pensi al caso dell’appalto per l’adeguamento della piattaforma o all’inserimento di indicatori di tracciamento di soggetti terzi.

La normativa ascrive, infatti, al gestore della piattaforma un controllo diretto sulle modalità di predisposizione dell’informativa privacy e di ogni altra informazione inerente al trattamento di dati personali eseguito tramite detta piattaforma.

Presso la piattaforma potrebbero essere installati cookie di tracciamento di prima parte, per conto e nell’interesse del gestore della piattaforma, ma anche di terza parte, ad esempio da parte di una concessionaria pubblicitaria per la realizzazione di cluster appetibili per futuri inserzionisti.

In primo luogo, il gestore potrebbe essere chiamato a rispondere in qualità di titolare del trattamento con riferimento ai cookie di prima parte, laddove venisse accertata la violazione delle disposizioni sugli adempimenti informativi e sulla raccolta del consenso.

Sebbene, infatti, possa scegliere di esternalizzare la gestione degli adempimenti informativi (es. predisposizione del cookie banner) è questi a definire finalità e modalità del trattamento e, quindi, a mantenere la supervisione ed il controllo sui contenuti veicolati attraverso la propria piattaforma, dovendo il fornitore attenersi al rispetto delle sue istruzioni.

Per quanto concerne, invece, i cookie di terza parte, grava sulla piattaforma ospite l’obbligo di controllo preventivo in ordine a informative e moduli per il consenso, a prescindere dalla ricorrenza della titolarità autonoma del vendor inserzionista e/o della concessionaria.

Il Garante per la protezione dei dati personali, con provvedimento dell’8 maggio 2014, ha affermato che ai fini di mantenere distinta la responsabilità dei gestori di siti web da quella delle terze parti i medesimi gestori sono tenuti ad acquisire già in fase contrattuale i collegamenti alle pagine web contenenti le informative e i moduli per l’acquisizione del consenso relativo ai cookie delle terze parti, con la conseguenza che l’omissione di tale accertamento preliminare (si fa riferimento alla fase precontrattuale), o comunque l’accettazione di moduli per l’acquisizione del consenso predisposti in palese violazione della normativa vigente, si tradurrà nella responsabilità del gestore che, scientemente, abbia consentito tale acquisizione per il tramite della propria piattaforma.

In entrambi i casi sopra illustrati, il gestore dovrebbe opporsi all’inserimento, presso la propria piattaforma, di detta modalità, o quantomeno avanzare una proposta di modifica, in linea con le prescrizioni per la validità del consenso.

A fronte del pervenuto report, un simile scenario potrebbe indurre i titolari delle piattaforme ospiti delle estensioni del framework a presentare proposte di modifica e/o richieste di chiarimento in relazione alle criticità rappresentate dall’authority, al fine di non incorrere in eventuali profili di responsabilità.

WHITEPAPER
Certificazioni GDPR: tutti i vantaggi per le organizzazioni che vi aderiscono
Legal
Privacy
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Valuta questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 4