Norme e sicurezza

Regolamento e-Privacy, per l’EDPB possibili sovrapposizioni al GDPR: ecco quali

L’EDPB con uno statement ha censurato la presenza di possibili sovrapposizioni fra la nuova normativa e-Privacy e il GDPR, spiegando inoltre che il nuovo regolamento dovrà puntare su un livello di sicurezza tecnologico elevato e sul libero consenso degli utenti

22 Mar 2021
Riccardo Berti

avvocato Centro Studi Processo Telematico

Franco Zumerle

Avvocato Coordinatore Commissione Informatica Ordine Avv. Verona

Requirements-for-GDPR-Data-Processing-Agreement-700x500

La presa di posizione dell’EDPB, con uno statement di marzo 2021, sul Regolamento e-Privacy, proposto dalla Commissione Europea ancora nel 2017 e ora in via di approvazione da parte del Concilio e del Parlamento UE, da un lato dimostra come l’autorità condivida l’approccio delle istituzioni europee per il Regolamento, ma censura la presenza di residue potenziali sovrapposizioni fra la nuova normativa e il GDPR.

Il regolamento e-Privacy dovrà fondarsi a detta dell’EDPB su un livello di sicurezza tecnologico elevato e su un consenso libero e autentico degli utenti, sfidando in maniera efficace il caos generalizzato delle cookie policy, promuovendo un’interessante soluzione che passi dai browser (che permettono di centralizzare la scelta relativa ai cookie, così evitandoci una decisione da prendere e disperdere sito per sito, con notevoli perdite di tempo per i naviganti). Importante anche la crittografia dei dati, che il Gruppo dei Garanti promuove non solo nel momento statico di archiviazione del dato ma anche nel momento dinamico della trasmissione del dato, soffermandosi sulla cosiddetta crittografia end-to-end (E2EE).

e-Privacy, il rapporto con il GDPR

Lo statement è da contestualizzare nell’irrigidimento di EDPB ed EDPS, da ricondurre al fatto che il GDPR è ormai un Regolamento rodato e che oggi pretende un compiuto adeguamento non solo da parte dei soggetti a cui si applica la disciplina, ma anche da parte del legislatore comunitario quando accidentalmente “dimentica” la tutela della riservatezza nel licenziare normative intrecciate con quella di cui al GDPR. Il trend, ben rappresentato nel puntuale e rigido esame normativo destinato anche al Data Governance Act ed alla Direttiva NIS verosimilmente non è destinato a cambiare ed anzi c’è da attendersi che la privacy diventerà sempre più centrale nella normativa comunitaria, con il ruolo di fulcro del GDPR che verrà verosimilmente riaffermato, oltre che dai Garanti con quest’attività consultiva preventiva, anche dalla giurisprudenza comunitaria.

WHITEPAPER
Previeni i difetti di sicurezza nelle applicazioni: la soluzione in 5 punti
Sicurezza
Software

Regolamento ePrivacy approvato dal Consiglio UE: gli scenari che si aprono

L’EDPB ha dedicato al Regolamento e-Privacy varie dichiarazioni e pareri tra il 2018 e oggi, evidenziando come il Regolamento e-Privacy, che si intreccia fittamente con il GDPR, non può in alcun modo cambiare quest’ultima normativa, né attenuare il livello di tutela che la stessa prevede, creando così, di fatto, uno “spazio separato” in cui non valgono tutte le regole del regolamento UE 679/2016, quasi come se la e-privacy valesse meno della privacy.

Non va dimenticato che l’EDPB è da tempo impegnato, insieme al Garante Europeo, nel “tutelare” il GDPR anche a livello normativo comunitario, così da evitare che si creino incongruenze normative o mancati coordinamenti in tema di definizioni o altro che possano creare confusione o fornire un appiglio per gli operatori, tale da consentirgli di aggirare le norme del GDPR in particolari settori. Altro tema su cui torna il Gruppo dei Garanti è la promozione dell’utilizzo della crittografia a tutela dei dati personali, in particolare di quella end-to end che garantisce la sicurezza dei dati in transito.

Gli obiettivi dell’e-Privacy secondo l’EDPB

Inoltre, il Garante pone l’attenzione sulla competenza delle autorità di controllo nazionali, i singoli Garanti, anche con riferimento alla disciplina e-Privacy. L’EDPB ritiene inoltre che il regolamento e-Privacy dovrebbe migliorare la situazione attuale in tema di acquisizione del consenso online e su app mobili. L’obiettivo del regolamento, condiviso dal Gruppo dei Garanti, dovrebbe essere quello di restituire il controllo agli utenti censurando prassi che rendono complesso evitare di concedere il consenso.

Secondo lo Statement la bozza di Regolamento dovrebbe andare oltre rispetto a quanto appena evidenziato e obbligare direttamente i browser e i sistemi operativi a mettere in atto un meccanismo di facile utilizzo ed efficace che consenta ai titolari del trattamento di ottenere il consenso (solo quando liberamente espresso).

Un ulteriore elemento che il Gruppo dei Garanti sottolinea è la necessità di un approccio che preservi la privacy per quanto riguarda le soluzioni, estremamente diffuse sulla rete, che impongono all’utente contratti “prendere o lasciare”, con la necessità di ottenere un autentico e libero consenso anche in queste ipotesi, senza che sia possibile subordinare l’accesso a servizi e funzionalità al consenso di un utente all’archiviazione di informazioni o al trattamento ulteriore dei dati (l’EDPB fa l’esempio dei cosiddetti “cookie wall“, che bloccano la visione del contenuto fino a quando non si accetta la generazione dei cookie da parte del sito web). L’EDPB suggerisce quindi l’introduzione di una disposizione esplicita nel regolamento e-Privacy per sancire questo divieto.

Inoltre, il Gruppo dei Garanti censura la proposta di Regolamento laddove formula una deroga, a detta dell’EDPB troppo ampia e generica, per la misurazione dell’audience, deroga che l’EDPB propone di limitare esclusivamente alla fornitura di statistiche all’operatore, senza che trascenda nella profilazione.

La crittografia nel Regolamento e-Privacy

Anche con riguardo al Regolamento e-Privacy il Gruppo dei Garanti UE evidenzia la necessità di una crittografia forte e affidabile nel mondo digitale moderno. Secondo l’EDPB, una crittografia avanzata e adeguata allo stato dell’arte dovrebbe essere la regola generale per garantire un flusso di dati sicuro, libero e affidabile tra cittadini, imprese e governi, ed è fondamentale per garantire la conformità del trattamento con i requisiti di sicurezza prescritti dal GDPR.

La crittografia end-to-end, dal mittente al destinatario, è anche l’unico modo per garantire la protezione completa dei dati in transito. Anche qui il Gruppo dei Garanti ricorda che ogni possibile tentativo di indebolire la crittografia, anche per scopi come la sicurezza nazionale, priverebbe completamente quei meccanismi di protezione del loro scopo, a causa del possibile uso illegale di eventuali backdoor o soluzioni simili.

Secondo l’EDPB la crittografia deve rimanere standardizzata, forte ed efficiente e deve diventare la base per il trattamento in sicurezza dei dati personali nell’Unione.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
PA
Sostemibilità
Analisi
Formazione
Salute digitale
Sicurezza
Sostenibilità
Digital Economy
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 2