rischio caos

Sanzioni Gdpr, le nuove linee guida Edpb: per le aziende rimedio peggiore del male?

Per il calcolo delle sanzioni legate alle violazioni del Gdpr, l’Edpb ha individuato un sistema in cinque step finalizzato a individuare criteri unitari per tutti gli Stati membri. C’è però il rischio che imprese e PA siano costrette a districarsi all’interno di una matassa di numeri e calcoli, difficilmente gestibile

09 Giu 2022
Rossella Bucca

avvocato, Studio Previti associazione professionale

Lorenzo Pinci

praticante avvocato Studio Previti

GDPR-1

Lo “European Data Protection Board” (“EDPB”) ha adottato le linee guida 04/2022 concernenti il calcolo delle sanzioni susseguenti alle violazioni del GDPR.

Obiettivo: armonizzare la metodologia di calcolo, a integrazione di quanto previsto dalle linee guida adottate sul tema dal Working Party 253 il 3 ottobre 2017. Ma sarà davvero così o si rischia che il rimedio sia peggiore del male?

Violazioni del GDPR: ecco le linee guida EDPB per la “misura” delle sanzioni

Sanzioni, cosa prevede il Gdpr

Preliminarmente all’analisi delle nuove linee guida 04/2022 (di seguito anche “Linee Guida”), pare opportuno soffermarsi, seppur brevemente, su quanto previsto dal GDPR. L’articolo 58, paragrafo 2, lettera i), demanda alle singole autorità di controllo competenti il potere di irrogare una sanzione amministrativa pecuniaria ai sensi dell’art. 83 o in funzione delle circostanze di ogni singolo caso.

WHITEPAPER
DATI: come PROTEGGERLI e mantenerli CONFORMI alle regole? Scarica la Guida
Sicurezza dei dati
Database

Dal combinato disposto delle due norme, si evince l’approccio “concreto” del Regolamento europeo che, espressamente, all’articolo 83, individua requisiti di natura generale per l’applicazione delle sanzioni, aggiungendo che essere debbano comunque essere effettive, proporzionate e dissuasive.

Di più: il paragrafo 2 dell’art. 83 statuisce che, al momento di decidere se infliggere una sanzione amministrativa pecuniaria e di fissare l’ammontare della stessa in ogni singolo caso, debbano tenersi in conto una serie di elementi, tra i quali spiccano la natura, la gravità e la durata della violazione, “tenendo in considerazione la natura, l’oggetto o la finalità del trattamento in questione nonché il numero di interessati lesi dal danno e il livello del danno da essi subito”.

GDPR - Gabriele Faggioli, CEO di P4I

Sulla scorta di tali assunti normativi, il “WP253” aveva emanato, nell’ottobre 2017, le linee guida riguardanti l’applicazione e la previsione delle sanzioni amministrative pecuniarie ai fini del Regolamento (UE) n. 2016/679, nel corso delle quali si procedeva a una disamina compiuta sulla lettera dell’art. 83, concludendo sulla necessità, a carico delle autorità di controllo, di individuare, tra i fatti pertinenti del caso, i criteri più utili per valutare se sia necessario imporre una sanzione amministrativa pecuniaria appropriata in aggiunta alle o in sostituzione delle misure di cui all’articolo 58 e auspicando la collaborazione costante per l’applicazione coerente delle sanzioni sul territorio dell’Unione.

Gdpr, sanzioni e responsabilità: tutto ciò che c’è da sapere

Cosa prevedono le nuove Linee Guida

Orbene, i suggerimenti del WP253 non hanno impedito l’emergere di diverse criticità. Basti pensare alla notevole disarmonia nell’applicazione delle sanzioni tra Stati Membri, alla poca trasparenza nel calcolo delle sanzioni e alla difficoltà delle imprese a quantificare il “rischio privacy” conseguente ad una violazione.

Sulla scorta di tale filone – e delle sue significative problematicità – l’EDPB prova a concentrarsi tanto sulle circostanze del caso concreto che giustificano l’irrogazione della sanzione quanto sull’individuazione di una metodologia nuova, articolata su 5 diversi step, al fine di rendere chiaro e trasparente il calcolo delle sanzioni amministrative. Ad onore del vero, il testo pubblicato dal “Board” è sottoposto a consultazione pubblica fino al 27 giugno 2022, al fine di raccogliere le opinioni e le preoccupazioni delle parti interessate e dei cittadini.

Step 1: valutazione dei comportamenti e delle violazioni che faranno scattare la sanzione

Nel corso dello step 1 – “concurrent infringements and the application of article 83(3) gdpr” – l’autorità di controllo dovrà valutare specificatamente i comportamenti e le violazioni che faranno scattare la sanzione, quindi verificare se, in concreto, sussista eventuale “concorso” tra le condotte illecite. Difatti, qualora venissero in rilievo trattamenti tra loro “collegati”, non sarebbe possibile irrogare una sanzione che superi l’importo stabilito per la violazione più grave, come prescritto, del resto, dal paragrafo 3 dell’art. 83 del GDPR.

Step 2 e 3: starting point per quantificare la sanzione

Negli step 2 e 3 – “starting point for calculation” e “aggravating and mitigating circumstances” – l’autorità di controllo, al fine di individuare la somma da infliggere quale sanzione, sarà tenuta a servirsi di una sorta di “starting point” costituito dai seguenti elementi: categorizzazione della natura delle violazioni, gravità della violazione e fatturato dell’impresa. Quest’ultimo requisito, in particolare, consente di infliggere una sanzione con la maggiore efficacia deterrente possibile, tenendo adeguatamente in conto anche la ricorrenza di eventuali circostanze attenuanti e/o aggravanti, ad esempio i benefici finanziari conseguiti o le perdite evitate, direttamente o indirettamente, quale conseguenza della violazione, come indicato dal par. 2, lett. k) dell’art. 83.

Step 4: individuazione del massimo edittale applicabile

Nello step 4 – “legal maximum and corporate liability” – sarà necessario individuare il massimo edittale applicabile in relazione al caso concreto ed evitare che, attraverso il calcolo meramente matematico, questo possa essere superato.

Nell’individuare la sanzione amministrativa per infrazioni di bassa gravità, l’autorità di controllo dovrà determinare l’importo di partenza in un punto intermedio tra lo 0 e il 10% del massimo edittale, nel caso in cui si tratti di importo massimo statico, come indicato dall’art. 83, par. 4 del GDPR. Per infrazioni di media gravità, il punto intermedio si sposta tra il 10% e il 20% del massimo edittale applicabile. Per infrazioni di elevata gravità, si fa riferimento ad una percentuale tra il 20% e il 100% del massimo edittale applicabile. A tale scopo, il “Board” ritiene opportuno concentrare l’attenzione sull’entità del fatturato delle imprese, con l’obiettivo – poc’anzi menzionato – di rendere la sanzione il più possibile dissuasiva.

Esemplificativamente parlando, per le imprese con fatturato medio inferiore a 50 milioni di euro, l’autorità competente potrà procedere al calcolo, partendo da una base di importo pari al 2% della cifra inizialmente individuata. Non così per le imprese il cui fatturato oscilla tra i 100 e i 250 milioni di euro, per cui dal 2% si può giungere a una percentuale massima del 20% rispetto all’importo inizialmente individuato.

Da ciò consegue che lo “starting point” andrà ridotto in virtù del parametro oggettivo individuato. Pertanto, per le imprese con fatturato annuo inferiore a 2 milioni di euro, il quantum potrà essere ridotto fino allo 0,2% dell’importo iniziale, con la possibilità di crescere a seconda delle circostanze concrete.

Step 5: analisi di efficacia, effettività e dissuasività della sanzione

Nello step 5 – “effectiveness, proportionality and dissuasiveness” – sarà necessario analizzare e valutare se l’importo finale della sanzione soddisfi i requisiti di efficacia, effettività e dissuasività e, laddove opportuno, l’autorità potrà procedere ai dovuti adeguamenti dell’importo della sanzione.

Conclusioni

Da quanto emerso, è possibile conclusivamente ritenere che il lavoro svolto dall’EDPB nasca dall’esigenza, manifestata a gran voce dalle imprese e dalle pubbliche amministrazioni, di conoscere in maniera certa e quanto più possibile oggettiva l’ammontare delle sanzioni, a seconda delle condotte illecite riscontrate.

Ciò a ulteriore elemento di efficacia e applicazione di quanto prescritto dalle disposizioni del GDPR, per evitare che un aspetto così delicato venga subordinato al forte rischio di procedimenti privi di parametri oggettivi. Del resto, l’approccio suggerito dalla normativa – relativo a una valutazione “caso per caso” – presuppone comunque la progettazione di un sistema il più possibile uniforme e armonizzato, per evitare distorsioni all’interno dei singoli Stati membri. Il rischio, tuttavia, è che il rimedio sia “peggiore del male”, dal momento che sono ancora tante le variabili rimesse alla valutazione delle singole autorità competenti, specie con riferimento alla considerazione delle particolarità della fattispecie concreta.

Inoltre, il sistema individuato dall’EDPB, se da una parte può apparire finalizzato all’individuazione di criteri unitari per tutti gli Stati membri, porta con sé il significativo pericolo che le imprese e le pubbliche amministrazioni siano costrette a dimenarsi all’interno di una matassa di numeri e calcoli, difficilmente gestibile. Non resta che attendere gli sviluppi che emergeranno dalla consultazione pubblica, nell’auspicio che le preoccupazioni delle parti interessate non rimangano inascoltate.

WHITEPAPER
Certificazioni GDPR: tutti i vantaggi per le organizzazioni che vi aderiscono
Legal
Privacy
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 2