privacy

Trasferimento dati Ue-Usa, confutiamo le critiche all’executive order di Biden

Max Schrems, l’avvocato che col suo ricorso ha portato all’annullamento degli accordi di adeguatezza tra Europa ed USA, ha sollevato dei dubbi anche sul recente ordine esecutivo firmato da Joe Biden. Esaminiamo le criticità sollevate per capire se si tratta davvero di ostacoli insormontabili

21 Ott 2022
Angela Lo Giudice

Avvocato, Polimeni.Legal

joebiden-signature

Non ha mancato di sollevare qualche perplessità il tanto atteso executive order firmato dal Presidente Usa per un nuovo accordo che risolva definitivamente il problema dei trasferimenti dei dati fra il vecchio e il nuovo continente.

Ma per capire se le criticità – in primis quelle sollevate dall’organizzazione NOYB di Max Schrems – siano davvero insormontabili, occorre partire da un dato fondamentale ma spesso sottovalutato: l’ordinamento degli Stati Uniti d’America è profondamente diverso rispetto a quello europeo e pertanto, se l’executive order si analizza esclusivamente con occhi europei si corre il rischio di fossilizzarsi su divergenze che non potranno mai essere appianate.

Il principale equivoco in cui si cade, quindi, è quello di pensare che la valutazione di adeguatezza che l’Europa è chiamata a fare corrisponda a una verifica di sostanziale equivalenza tra gli ordinamenti, mentre così non è, né potrebbe essere.

Scorza: “Executive order di Biden, ecco i punti critici, quelli positivi e quelli da chiarire”

Le principali criticità dell’executive order

Attraverso il suo sito, l’Avvocato Max Schrems, che già due volte si è reso fautore dell’annullamento dei precedenti accordi di adeguatezza tra Europa ed USA (tanto che entrambe le sentenze portano il suo nome) ha dichiarato di nutrire seri dubbi circa l’idoneità del documento a soddisfare il diritto dell’unione europea.

WHITEPAPER
DATI: come PROTEGGERLI e mantenerli CONFORMI alle regole? Scarica la Guida
Sicurezza dei dati
Database

Adeguatezza non vuol dire equivalenza

Non si può pretendere che un paese con una propria storia, delle proprie leggi e un sistema giudiziario estremamente lontano dal nostro modifichi la sua intera essenza per rendersi sovrapponibile a quello europeo. E, difatti, non è quello che chiede l’articolo 45 GDPR.

La domanda da porsi quindi, per avanzare ipotesi circa la buona riuscita dell’accordo, non è se l’ordinamento americano sia equiparabile (inteso come sovrapponibile) a quello europeo ma se l’ordinamento americano, con tutte le sue peculiarità, i suoi limiti e la sua legislazione sia in grado di offrire delle garanzie adeguate ai cittadini europei.

A onor del vero, la responsabilità per tale sviamento è da attribuirsi proprio alla Corte di Giustizia dell’Unione europea che nella sentenza Schrems I, dovendo definire la nozione di livello di protezione adeguato, ha indicato che dovesse trattarsi di una “protezione sostanzialmente equivalente a quella garantita all’interno dell’Unione” senza rendersi conto che là dove il legislatore ha preteso vi fosse equivalenza, lo ha dichiarato espressamente.

Per esempio, il nostro GDPR (ma la stessa direttiva 95/46/CE allora vigente) prevede che il livello di tutela dei diritti e delle libertà delle persone relativamente al trattamento dei dati sia equivalente in tutti gli Stati membri.

Appare chiaro allora che, se il concetto di equivalenza è stato utilizzato esclusivamente per definire i rapporti tra gli stati membri mentre si è riservato quello di adeguatezza ai paesi extra UE è proprio al fine di tenere in debita considerazione e salvaguardare le ovvie differenze presenti tra i diversi stati e ordinamenti.

A ogni buon conto è questa sovrapposizione che, con ogni probabilità, ha condizionato ogni successiva interpretazione fino a indurci a ritenere che tutto quanto sia “diverso” non sia corretto.

Inoltre, occorre delimitare l’oggetto dell’analisi: lo scopo dell’executive order è, conformemente alle indicazioni date con la sentenza Schrems II, quello di introdurre elementi di controllo e protezione rispetto al trattamento dei dati effettuato da parte delle autorità pubbliche di cui si è lamentata l’eccessiva ingerenza e mancanza di controllo, aggiungendo degli strumenti di ricorso effettivi.

Le obiezioni di NOYB

Chiarito questo punto, la prima obiezione di Noyb riguarda la natura dell’atto, che non è una legge ma un ordine esecutivo e, pertanto, si tratterebbe di una semplice direttiva interna.

In realtà, l’executive order non ha una minore valenza o efficacia delle leggi e, inoltre, nel sistema costituzionale americano la questione relativa al trattamento dei dati di cittadini stranieri è sempre stata appannaggio dell’esecutivo; proprio per questo è essenzialmente disciplinato da una serie executive order. Certamente, un limite può essere ravvisato nella possibile coesistenza di questi strumenti ma, proprio al fine di ovviare a ciò, si stabilisce che in caso di conflitto tra executive order si applicherà la normativa che prevede una tutela più elevata.

Quello che manca, come evidenziato da Noyb, è la previsione che riconosca il diritto alla protezione dei dati personali come diritto inviolabile.

Anche questo aspetto deve, tuttavia, essere valutato guardando al sistema americano nel suo complesso ed alla sua storia. La Costituzione degli Stati Uniti d’America riconosce questo diritto esclusivamente ai cittadini e, probabilmente, andrebbe modificata. Posto che adeguatezza non vuol dire equivalenza non sembra che si possa richiedere uno sforzo di questo tipo.

La validità del sistema di ricorso

Il secondo aspetto su cui NOYB presta attenzione è che il sistema di ricorso previsto non sia sufficientemente valido.

Tralasciando l’analisi del primo livello (ben definito dall’Avv. Scorza – componente del collegio per la protezione dei dati personali – come un ricorso gerarchico) che è esclusivamente interno, occorre soffermarsi sul secondo livello di questo nuovo meccanismo.

Per la prima volta, vengono stabilite delle garanzie precise in materia di indipendenza, inamovibilità ed elevata specializzazione.

A tal proposito, si ritiene che la circostanza che i giudici siano nominati dall’esecutivo e cioè dall’Attorney General non possa (di per sé) far concludere che ci sia una mancanza di indipendenza.

Si consideri banalmente, come rilevato dall’Avv. Scorza, che il collegio dell’autorità garante per la protezione dei dati personali ha una genesi politica essendo eletto dal parlamento; successivamente, però, gode di garanzie di indipendenza.

Alla luce del diverso ordinamento deve poi essere valutata la mancanza di un ricorso “in tribunale”. La motivazione è ovvia: negli USA, l’accesso al tribunale è condizionato dalla capacità di dimostrare di aver subito un danno; si è comunque fatto in modo che il risarcimento del danno possa essere determinato da questo “tribunale”.

L’executive order non impedisce il controllo di massa

Da ultimo, e questo è l’aspetto più critico sollevato da Noyb, tale sistema non sarebbe idoneo a impedire il controllo di massa, nonostante siano stati introdotti i criteri di necessità e proporzionalità tanto cari all’Europa.

Per analizzare tale aspetto occorre prendere in considerazione che necessità e proporzionalità non sono concetti tipici del sistema giuridico americano e della sua storia ma, al contrario, sono concetti esclusivamente europei che il governo americano ha accettato venissero introdotti nel suo sistema proprio per venire incontro all’Europa; chiaro quindi che le definizioni possano non combaciare.

Tuttavia, la sezione 2 c) II) continua a consentire il controllo di massa seppur in casi limitati ed espressamente elencati.

Conclusioni

Come rilevato da Stefano Fratta (EMEA Privacy Policy Director – Meta) per esempio oggi, a differenza di quanto avveniva in passato, non viene autorizzato il ricorso alla sorveglianza di massa per la tutela degli interessi economici importanti non essendo stato ritenuto necessario e proporzionato. Ciò non è di poco conto.

D’altra parte, quello che lascia perplessi è che il procedimento autorizzativo, seppur in alcuni casi collegiale, sia esclusivamente interno e non vi siano degli strumenti di controllo successivi.

Ad avviso di chi scrive è su questo punto che si giocherà la partita.

Il procedimento è ancora lungo ma, da un lato l’impegno degli Stati Uniti è evidente e, dall’altro, l’analisi dovrà essere fatta (stavolta) senza confondere adeguatezza ed equivalenza.

WHITEPAPER
Certificazioni GDPR: tutti i vantaggi per le organizzazioni che vi aderiscono
Legal
Privacy
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 4