la riflessione

Uccidere la privacy per combattere il virus: l’errore fatale delle democrazie

In questi momenti cruciali per il futuro del Paese, caratterizzati dal panico da coronavirus, dobbiamo resistere alla tentazione di barattare alcuni diritti (pur comprimibili) con una presunta maggiore sicurezza: è il caso della privacy. Vediamo perché non deve passare il messaggio che la privacy è qualcosa di superfluo

10 Mar 2020
Diego Dimalta

Studio Legale Dimalta e Associati

Privacy: identità personale e digitale nella società dell'informazione

Una delle reazioni più comuni che si possono verificare a seguito di eventi catastrofici è quella di rinunciare ad alcuni diritti o libertà in favore di una maggiore sicurezza.

Eclatante l’esempio di quello che accadde l’indomani dell’11 settembre 2001, quando i cittadini statunitensi rinunciarono senza batter ciglio a gran parte della loro privacy pur di consentire al Governo di esercitare tutti i poteri invasivi – e inquisitori – previsti nel “Patriot Act”.

L’insorgenza e l’attuale diffusione del Coronavirus rappresenta, per le nuove generazioni, un evento di forte rottura con il passato, come fu per le generazioni passate l’attacco terroristico alle Torri gemelle o, ancora prima, le due guerre mondiali.

Coronavirus, niente sarà più come prima

Ci sarà un prima e un dopo Coronavirus, ma in questi momenti cruciali per il futuro del nostro Paese, dobbiamo comunque resistere alla tentazione sempre più forte di “barattare” alcuni diritti – sia pure comprimibili – con una presunta maggiore sicurezza.

WHITEPAPER
DATI: come PROTEGGERLI e mantenerli CONFORMI alle regole? Scarica la Guida
Sicurezza dei dati
Database

Si leggono in questi giorni le ipotesi più disparate, da chi ritiene giusto inserire norme nuove che permettano al Governo di sorvegliare lo stato di salute dei cittadini attingendo alle miniere di informazioni presenti sui nostri smartphone, fino a chi suggerisce addirittura di sospendere parzialmente l’applicazione del GDPR.

Entrambe le posizioni sono a parere di chi scrive poco condivisibili, per i motivi che si vanno ad esporre.

Secondo alcuni, l’esigenza di un intervento immediato dello Stato insieme alla necessità di assicurare un interscambio “agile” di informazioni fra organi competenti, per monitorare in tempo reale la situazione di crisi, sarebbe un motivo sufficiente per spingere verso una legittima – quanto pericolosa – deroga alle norme di protezione dei dati personali al fine di creare norme nuove che consentano l’accesso ai dati prodotti dai nostri device.

Gestione dati personali durante le emergenze: perché servono nuove norme

Legittima perché, in effetti, in uno scenario emergenziale di livello nazionale, il codice di protezione civile (cfr. art. 25) consente l’emanazione di ordinanze in deroga ad ogni disposizione vigente, sia pure nel rispetto dei principi generali dell’ordinamento giuridico e delle norme dell’Unione Europea; pericolosa, invece, in relazione alla natura dei diritti che possono essere compromessi, primo fra tutti quelli connessi alla riservatezza dei cittadini.

In questo momento, chi è chiamato ad agire per contrastare l’avanzata del virus, ha “fame” di dati (personali e non), perché c’è la necessità – percepita da tutti – di poter accedere ad ogni tipo di informazione che potrebbe essere in qualche modo utile alla salvaguardia della sicurezza e salute pubblica.

Parola d’ordine: evitare abusi ingiustificati

Ma non è certamente accedendo alle informazioni raccolte dalle app dei nostri smartphone che si sconfigge un’epidemia.

Nei prossimi mesi le norme sulla protezione dei dati, alla pari dei diritti e delle libertà che le stesse intendono tutelare, saranno inevitabilmente “stressate” da attività di trattamento dei dati personali audaci, perché figlie di un periodo emergenziale.

Ma neppure in questo momento così delicato per la tenuta della nostra democrazia dobbiamo essere tentati dall’abbandonare i principi generali sanciti dal GDPR, primi fra tutti i principi di necessità e proporzionalità.

Possiamo comprimerli, limitarli, ma non abbandonarli del tutto.
Questi principi cardine, espressione del più generale principio di minimizzazione, devono guidare l’azione di governo anche in uno stato di emergenza, per evitare abusi ingiustificati. Ogni deroga dovrà essere motivata e mai come in questi momenti vi è il bisogno di pensare in ottica “by design”, cioè affrontando il tema privacy fin dai primi attimi in cui si ragiona su provvedimenti e decisioni, a maggior ragione se in deroga alle norme vigenti.

A tal riguardo dobbiamo chiederci “per quale fine sarebbe opportuno accedere ai dati presenti sulle app dei cittadini?”

Per conoscere lo stato di salute? Questo sarebbe inutile, perché spesso il coronavirus fa presa in modo del tutto asintomatico. Di contro, ci sono persone con la febbre che non hanno il virus.

No, non può essere questa la finalità. L’unica utilità potrebbe derivare dall’accesso ai dati di geolocalizzazione, per capire se un soggetto – la cui positività è nota – sia stato in contatto con altre persone.

Le norme esistono già

Ma queste informazioni sono facilmente reperibili anche senza norme speciali e senza accesso ai dati conservati sui dispositivi personali dei cittadini. Non serve dunque alcuna nuova normativa, gli strumenti per raggiungere le finalità sperate, esistono e vengono già frequentemente utilizzati.

Ma anche laddove si ritenesse di giustificare l’emanazione di nuove norme che concedano l’accesso a tutti i nostri dati presenti sugli smartphone, resterebbero tanti e troppi i rischi connessi a tali attività di trattamento.
Si pensi, ad esempio, al tema della conservazione dei dati eventualmente acquisiti dalla protezione civile e, in genere da enti pubblici, nel corso delle operazioni di indagini volte a ricostruire gli ultimi spostamenti e contatti dei contagiati per fermare la diffusione del virus.

Una ricerca complessa che riguarderebbe una enorme mole dati.

Si potrebbe sostenere che tali dati sarebbero raccolti in forza di legittime basi giuridiche, posto che il Regolamento europeo, in combinato disposto con il novellato codice privacy italiano, prevede l’ipotesi del trattamento di dati sensibili per motivi di interesse pubblico rilevante, se necessario per l’espletamento della funzione di protezione civile (cfr.: art. 9, pgf. 2 lett. g) GDPR; art. 2-sexies, co. 2 lett. u) Dlgs. n. 196/2003).

Ma cosa accadrebbe alla scadenza del termine dello stato di emergenza?

Tutti i dati acquisiti in circostanze eccezionali sarebbero prontamente eliminati?
E in caso negativo, verrebbero adottate misure di sicurezza per rendere quantomeno pseudonomizzati i dati in possesso?
Sono tutte domande che- prima di chiedere a gran voce nuove norme- dovremmo porci sin da adesso, nonostante l’urgenza del momento spinga in un’altra direzione.

Non è difatti auspicabile l’adozione di provvedimenti figli della paura e della fretta di fare qualcosa. Sarebbe invece consigliabile la creazione di un gruppo di esperti “privacy” che affianchi – in maniere permanente – la protezione civile e il governo in questa fase, per adottare decisioni immediate che tutelino comunque i dati personali al livello più alto possibile in relazione alle finalità del trattamento, evitando in questo modo scelte azzardate.

Perché è sbagliato sospendere l’applicazione del Gdpr

Allo stesso modo non è condivisibile l’opinione espressa qui da altro stimato collega, il quale ha suscitato scalpore (e consensi) per aver suggerito la sospensione dell’applicazione del GDPR per tutto il 2020. In realtà, titoli a parte, la proposta non prevede la sospensione in toto del GDPR ma solo dell’applicazione delle sanzioni pecuniarie, permanendo quindi le sanzioni cosiddette correttive (tra le quali, ad esempio, l’ammonizione).

Ora, pur risultando apprezzabile un simile approccio volto ad aiutare le aziende che sicuramente si troveranno ad affrontare un anno molto difficile, non si può non rilevare la dannosità di un eventuale provvedimento in questo senso.

Spieghiamo meglio.

Come i lettori di questa testata sanno bene, la data protection è già vista dagli imprenditori italiani come un adempimento inutile. “Il GDPR è una norma fatta per far guadagnare voi avvocati”; questo ci si sente dire entrando in diverse aziende.

Quanta la fatica spesa per far capire che il GDPR, invece, è una norma pensata per tutelare i diritti fondamentali delle persone e che non dovrebbe essere vista come l’ennesimo adempimento burocratico, ma come un’occasione per evolvere il proprio business ed ottenere un vantaggio competitivo a livello di mercato.
Ancora oggi divulgare la cultura privacy è una pratica molto difficile, nonostante le innovazioni normative degli ultimi anni che hanno imposto un generale cambio di rotta.
In questo senso, l’obiettivo di noi addetti ai lavori (più o meno esperti) dovrebbe essere quello di far percepire alla collettività che il futuro della nostra democrazia passa dai dati e dalla nostra capacità di metterli in sicurezza; e che se non lo facciamo oggi, il rischio è che domani potrebbe essere troppo tardi.

In un contesto simile sarebbe devastante l’impatto di una sospensione delle sanzioni da parte del Garante. Perché? Perché – anche in buona fede – passerebbe il messaggio che la privacy è un qualcosa di superfluo, di inutile, di cui possiamo parlare solo quando tutto il resto gira bene.

La privacy non è la Cenerentola delle norme

Del resto, se vogliamo sospendere le sanzioni, perché allora non sospendere le sanzioni per chi viola le norme di sicurezza? Perché non sospendere le sanzioni per chi viola le norme di igiene? Potremmo sospendere anche il diritto d’autore, tanto che male fa copiare l’idea di un musicista? (Chiaramente sono domande da leggere in tono sarcastico)

La privacy non può essere vista come la cenerentola delle norme che proteggono azienda e lavoratori. Tutte queste normative, come anche il GDPR, sono normative essenziali. Allentare le maglie di uno stato di diritto significherebbe delegittimarne l’esistenza stessa.

Del resto, il Garante in diverse occasioni ha dimostrato come il suo fine ultimo non sia assolutamente quello di far fallire le imprese. È da anni che Antonello Soro lo ripete. Non esistono infatti provvedimenti squilibrati da parte del Garante e abbiamo buoni motivi per pensare che le cose non cambieranno a breve.

Di contro, il rischio che si correrebbe in caso di sospensione delle sanzioni, è che un’impresa ne approfitti, vendendo dati a terzi, inviandoli a Paesi extra Ue senza le dovute garanzie o commettendo illeciti che oggi sarebbero fortemente sanzionati.

Qualcuno potrebbe obiettare: ma vi sono anche altri poteri correttivi in mano all’Autorità, come l’ordine di cancellazione di dati personali o la limitazione definitiva del trattamento.

È vero, ma il punto, come si diceva più sopra, non è tanto se esistano altri metodi di sanzione, alternativi a quello pecuniario. No. Il punto è che il GDPR è una norma di pari livello rispetto a tutte le altre norme dell’ordinamento e, sospenderne (anche solo parzialmente) l’applicazione, significherebbe ammetterne la minore importanza rispetto ad ogni altra disciplina.

Conclusioni

Si tratta dunque di una proposta che, sebbene animata da buoni intenti, non dovrebbe essere presa in considerazione.

È evidente a tutti che ci aspettano momenti molto difficili. Ma non li supereremo inserendo norme eccessive o delegittimando la privacy.

Il panico dilaga ma, almeno noi – persone di legge – dobbiamo aver fiducia nel nostro ordinamento e vedere in esso un’ancora di salvataggio e non un impedimento per la tutela delle persone e delle imprese. L’Italia saprà reagire, e lo farà nel rispetto delle regole. Ne siamo certi.

WHITEPAPER
Certificazioni GDPR: tutti i vantaggi per le organizzazioni che vi aderiscono
Legal
Privacy
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati