sicurezza informatica

Ecco il “cybersecurity educator”: cosa fa e perché è importante in azienda

Il cybersecurity educator è, tra le figure indicate nel Quadro europeo delle competenze in materia di cybersicurezza, quella incaricata di “migliorare le conoscenze, le abilità e le competenze di cybersecurity” all’interno di un’organizzazione. Ecco perché è importante

Pubblicato il 23 Feb 2023

Achille Pierre Paliotta

Ricercatore INAPP

shutterstock_2080599925.jpg

L’ENISA ha riassunto tutti i ruoli legati alla sicurezza informatica in 12 profili, tutti molto importanti nel contesto della sicurezza informatica. Tra questi, vogliamo soffermarci sul Cybersecurity educator, cioè la figura che all’interno delle organizzazioni è chiamato a promuove e consolidare l‘importanza della cybersecurity in termini di awareness.

Un profilo di grande importanza alla luce del fatto che una governance efficace dell’ecosistema della cybersecurity deve necessariamente basarsi su un triplice e adeguato investimento: tecnologia, processi e policy di natura organizzativa nonché personale altamente qualificato. Tutti e tre questi elementi sono essenziali alla tenuta complessiva dell’ecosistema e al suo continuo sviluppo dinamico. L’aspetto tecnologico, indubbiamente, è quello di cui si parla più spesso nella stampa di opinione e tra gli addetti ai lavori.

Enisa: “Nasce il quadro europeo delle competenze di cybersecurity, ecco perché è importante”

Cybersecurity, l’importanza della formazione del personale

Gli aspetti relativi alle policy e processi organizzativi sono sostanzialmente misconosciuti seppur cruciali anch’essi nel regolare l’esistenza stessa della cybersecurity. Tuttavia, questi due aspetti da soli non possono fornire una protezione significativa dagli attacchi informatici se il personale del settore non è in grado di garantire una corrispondente sicurezza informatica. Ciò è tanto più vero non solo riguardo alla forza lavoro specialistica ma anche a quella generalista, poiché le minacce informatiche interessano l’ecosistema digitale in cui siamo tutti immersi; in questo senso, si dovrebbe immaginare e implementare a livello operativo una formazione diffusa per l’intero corpo sociale, a partire dall’istruzione primaria, come si è messo in luce in un precedente articolo.

La pervasività dei problemi informatici evitabili, come i sistemi mal configurati, la lentezza nell’implementazione delle patches e l’insufficiente attenzione alla gestione del rischio, difatti, può spesso essere collegata alla carenza di personale informatico o alla loro non adeguata formazione. Per non parlare, poi, di tutta la questione che ha a che fare con l’ingegneria sociale (phishing, spear phishing, vishing, ecc.) Questi problemi non sono solo costosi da rimediare, dopo che si sono verificati gli incidenti messi in opera da attori malevoli, ma sono anche una minaccia per la sicurezza nazionale, in particolare quando si verificano nei sistemi di infrastrutture critiche o nelle catene di approvvigionamento da cui dipendono tali infrastrutture.

La carenza di profili professionali per soddisfare la domanda di cybersecurity

Assicurare che i posti di lavoro siano occupati da personale altamente qualificato non garantirà di per sé il successo nella protezione della cybersicurezza nazionale dagli attori malevoli, anche nation-state, ma il fatto di non riuscire a riempire tutte le posizioni aperte del settore (job vacancies) rappresenta comunque una sorta di “fallimento” in quanto le organizzazioni non potranno contare sulle necessarie contromisure atte a contrastare gli attacchi malevoli. E qui si apre un primo punto dolente in quanto vi è una forte richiesta di profili professionali che in questo determinato momento non si è in grado di soddisfare pienamente. Tale carenza di profili è stata quantificata in circa 100.000 unità, da parte del Direttore Generale dell’Agenzia per la Cybersicurezza Nazionale (ACN), Roberto Baldoni. Non si è in grado di verificare la veridicità di tale assunto in quanto non esistono, a tutt’oggi, rilevazioni ad hoc che possano fornire una quantificazione esatta del labor shortage nel settore.

Un’altra tematica chiave è costituita dagli studi sulle competenze e sulle qualificazioni, le quali hanno l’obiettivo di promuovere:

  • il riconoscimento dei profili professionali e delle competenze;
  • la progettazione e l’armonizzazione dei programmi di istruzione, formazione iniziale e continua nonché delle attività di sviluppo professionale.

È indubbio che quest’ultima tematica si leghi anche al primo punto, vale a dire quello di identificare le professioni e le competenze critiche che sono richieste dal sistema produttivo in questo determinato periodo storico.

Un ultimo punto è quello legato alla comunicazione e alla diffusione di una conoscenza condivisa tra datori di lavoro e potenziali candidati al fine di attrarre nuovo personale qualificato nel campo della cybersicurezza, fornirgli un orientamento adeguato o assistergli nella pianificazione dei loro percorsi di carriera. In definitiva, si tratta di creare un lessico comune tra tutti gli addetti ai lavori e stakeholders che operano in questo campo riguardo ai ruoli, alle competenze, alle abilità e alle conoscenze (knowledge, skills and abilities, KSA).

È da sottolineare, infine, che la Commissione europea, lo scorso 12 ottobre, ha designato il 2023 come “European Year of Skills”, al fine di “further promote a mindset of reskilling and upskilling. The aim is to ensure that nobody is left behind in the twin transitions and the economic recovery, and to notably address labour shortages for a better skilled workforce in the Union that is able to seize the opportunities of this process” (European Commission COM(2022) 526 final:3).

I dodici profili legati alla sicurezza informatica

A questo riguardo, può essere salutato con favore l’iniziativa intrapresa dall’Agenzia europea per la cybersicurezza (EU Agency for Cybersecurity, ENISA) la quale ha pubblicato, a settembre 2022, il Quadro europeo delle competenze in materia di cybersicurezza (European Cybersecurity Skills Framework, ECSF).

L’ENISA ha riassunto tutti i ruoli legati alla sicurezza informatica nei seguenti 12 profili:

  • Chief Information Security Officer (CISO);
  • Cyber Incident Responder;
  • Cyber Legal, Policy and Compliance Officer;
  • Cyber Threat Intelligence Specialist;
  • Cybersecurity Architect;
  • Cybersecurity Auditor;
  • Cybersecurity Educator;
  • Cybersecurity Implementer;
  • Cybersecurity Researcher;
  • Cybersecurity Risk Manager;
  • Digital Forensics Investigator;
  • Penetration Tester.

I dodici profili professionali individuati dal Framework europeo rappresentano, come detto, un primo passo obbligato in direzione di un obiettivo ambizioso che è quello di creare un linguaggio comune relativo ai compiti e competenze necessari in un contesto di sicurezza informatica. Mediante essi si può anche pervenire a una quantificazione del mismatch tra domanda e offerta di lavoro, al fine di mettere a punto delle policy efficaci, da parte degli Stati membri, e di colmare le carenze finora riscontrate nel settore.

Il “Cybersecurity Educator”

Non è qui possibile affrontare, per ragioni di spazio, la descrizione di tutti i profili e valutare anche criticamente se essi coprono l’intero perimetro del settore oppure se la loro descrizione sia più o meno efficace a fini classificatori. Ciò potrà avvenire solo mettendoli alla prova della realtà, vale a dire effettuando delle indagini ad hoc, ad esempio rilevandone l’effettiva richiesta da parte del sistema produttivo nazionale. Qui, ci si limiterà a presentare, pertanto, assai brevemente, solo il “Cybersecurity Educator” il cui obiettivo sintetico è quello di “migliorare le conoscenze, le abilità e le competenze di cybersecurity” e l’obiettivo dettagliato quello di “progettare, sviluppare e condurre programmi di sensibilizzazione, formazione ed educazione in materia di sicurezza informatica e di protezione dei dati”. Nel corso della sua attività, egli “utilizza metodi, tecniche e strumenti didattici e formativi appropriati per comunicare e migliorare la cultura, le capacità, le conoscenze e le competenze delle risorse umane in materia di cybersecurity”.

Le skill del cybersecurity educator

Le skills principali sono quelle di:

  1. Identificare le esigenze di sensibilizzazione, formazione e istruzione in materia di cybersecurity;
  2. Progettare, sviluppare e fornire programmi di apprendimento per soddisfare le esigenze di cybersecurity;
  3. Sviluppare esercitazioni di cybersecurity, comprese le simulazioni che utilizzano ambienti di cyber range;
  4. Fornire formazione per ottenere certificazioni professionali di cybersecurity e protezione dei dati;
  5. Utilizzare le risorse formative esistenti in materia di cybersicurezza;
  6. Sviluppare programmi di valutazione per le attività di sensibilizzazione, formazione ed educazione;
  7. Comunicare, presentare e riferire agli stakeholders;
  8. Identificare e selezionare approcci pedagogici appropriati per il pubblico a cui si rivolge;
  9. Motivare e incoraggiare le persone.

In conclusione, quello che ci si può qui augurare è che il “Cybersecurity Educator” possa trovare una buona diffusione all’interno delle diverse entità organizzative operanti nel campo dell’educazione e della formazione, sia quelle relative all’istruzione di base sia quelle della formazione iniziale e continua poiché il lavoro da svolgere è assai oneroso e abbisogna del contributo di personale qualificato a tutti i livelli.

* Le opinioni qui espresse dall’autore non coinvolgono quelle dell’Ente di appartenenza.

Valuta la qualità di questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati

Articolo 1 di 3