LO SCENARIO

Usa contro Cina, le tecno-armi della nuova Guerra fredda post-covid

La battaglia sui sistemi operativi fra Google e Huawei è solo il “momento Sputnik” di un più vasto conflitto per la supremazia mondiale: tecnologica ed economica. Ecco come i sistemi intelligenti impatteranno sugli assetti delle reti di imprese

26 Mag 2020
Ernesto Damiani

Senior Director of Robotics and Intelligent Systems Institute at Khalifa University, Fellow of the Japanese Society for the Progress of Science (JSPS)

sicurezza_615131330

Non è solo una “rappresaglia”. Nell’annuncio di Huawei di un proprio sistema operativo “anti-Android” si nasconde una decisione strategica per il futuro dell’economia mondiale. Che vede Cina e Usa fronteggiarsi per la creazione di domini interamente sotto il proprio controllo grazie all’Intelligenza artificiale. Vediamo gli scenari che si prefigurano alla luce della pandemia covid-19.

Prima Guerra fredda: lo Sputnik

L’ottobre 2019 ha visto alcuni successi della tecnologia cinese che – seppure meno visibili al grande pubblico – presentano una certa analogia con quei momenti cruciali di sessant’anni fa. Proviamo ad analizzarne uno che avrà grande impatto nell’era tecnologica post-COVID: Huawei ha annunciato HarmonyOS (in Cina, Hong Meng), il suo sistema operativo distribuito pensato per eliminare la dipendenza da Android dei dispositivi cinesi.

WEBINAR
18 Ottobre 2022 - 15:00
Strategia Omnicanale: quanto la conosci e la usi? Sfide e strategie per essere un passo avanti
Digital Transformation
Intelligenza Artificiale

Molti commentatori hanno visto in questo annuncio una semplice rappresaglia commerciale, una reazione alla sospensione da parte di Google (avvenuta a Maggio 2019) della licenza Android di Huawei. Secondo altri si tratta invece di una decisione strategica che ha un legame diretto con la competizione in atto nell’Intelligenza Artificiale.

Il sistema operativo è il nucleo di software che si occupa della gestione delle periferiche di input e di output che sono collegate (o si collegheranno in futuro) ad un sistema. Qualunque sia la periferica, il sistema operativo si occupa di acquisire i dati in ingresso a e renderli disponibili ai processi applicativi, locali e remoti. Le periferiche in grado di gestire conversazioni bidirezionali tramite interfacce vocali intelligenti, gli Universal Responder (UR) come Google Assistant, sono oggi un punto chiave dell’innovazione tecnologica.

Il ruolo degli Universal Responder

Gli utenti di tutto il mondo hanno iniziato a chiedere ai loro UR come risolvere problemi complessi come, per esempio, le configurazioni dei loro dispositivi domestici, gli investimenti da fare in Borsa o il regalo da acquistare per la persona cara. Chi riceve le domande poste tramite gli UR può ricavare informazioni sui richiedenti, acquisendo un vantaggio competitivo decisivo.

Nel Business-to-Business, il “perimetro” tecnologico a cui gli UR sono collegati tramite il loro sistema operativo deve gestire un gran numero di interrogazioni (un esempio business-to-business ispirato alla Via della Seta: “quale ciclo di finissaggio è adatto alla seta grezza di cui dispongo?”). Queste domande comprendono informazioni la cui conoscenza è potenzialmente molto vantaggiosa per chi deve rispondere (ad esempio, le scansioni delle fibre di seta grezza da rifinire).

La pandemia COVID ha acceso i riflettori su un’altra funzione di raccolta informazioni dei futuri OS pr dispositivi mobili, quella che registra gli incontri tra telefonini attraverso uno scambio di codici da dispositivo a dispositivo via Bluetooth Low Energy (BLE). Questa funzione, che è utilizzata dai protocolli di tracciamento anonimo come DP-3T che sono alla base della app Immuni, sarà comunque integrata in Android e iOS e probabilmente diverrà importante per le future app comportamentali che sfrutteranno dati di contatto in forma non anonima, raccogliendo prima il consenso degli utenti.

La raccolta dati attraverso gli UR

Se denotiamo con p la dimensione di ciò che diviene noto a chi pone le domande tramite gli UR (o utilizza una app che raccoglie ed elabora dati sugli incontri) e con n la cardinalità delle informazioni che diventano note a chi genera le risposte, gli UR odierni hanno creato un perimetro “grande p, grande n“. Se però alle richieste che pervengono tramite gli UR aggiungiamo le informazioni che sono rese disponibili dai dispositivi (ad esempio le co-locazioni geografiche delle domande), otteniamo un perimetro in cui p è sempre grande, ma n diventa addirittura smisurato.

Al centro di questo perimetro si trova oggi l’ecosistema dell’Intelligenza Artificiale, formato dai modelli messi a punto da vari attori industriali ed accademici per svolgere compiti di grande rilevanza economica quali le scelte manageriali (nel nostro esempio, la scelta di una tecnica industriale da adottare), la classificazione, e la predizione di eventi futuri.

Questi modelli sono spesso addestrati in modo variazionale, sovrapponendo un adattamento (tuning) sulla base degli input effettivi (nel nostro esempio, e scansioni delle fibre di seta presentate dagli utenti) a un addestramento preliminare (training) fatto su esempi standard. In altri casi, i modelli sono addestrati in modo collaborativo, facendo eseguire fasi diverse dell’addestramento a operatori diversi, ciascuno dei quali dispone di una parte degli esempi che non può o non vuole condividere con gli altri.

Flusso dati premiato dal mercato

Il nostro esempio di interrogazione B2B chiarisce che l’esecuzione di un modello genera certamente valore per gli utenti esterni al perimetro (individua il finissaggio migliore per una data fornitura di seta) ma premia anche chi ha messo a punto il modello stesso. Nel nostro esempio, oltre a farsi pagare l’inferenza come servizio, chi esegue il modello può accumulare conoscenza sulla qualità e quantità della produzione di seta grezza, un’informazione sfruttabile per altre transazioni sul mercato.

Oggi, l’implementazione dei modelli presenti nel principale perimetro esistente, quello occidentale, avviene usando librerie open source messe a disposizione dai grandi gruppi statunitensi, che sono efficienti e comode da usare. Riscriverle da zero da parte di un concorrente, anche uno ricco di risorse come la Cina, sarebbe difficile e poco produttivo; ma introdurre degli UR che girano su un sistema operativo autonomo permette di creare un perimetro interamente sotto il proprio controllo.

Dando per scontato che lo sforzo di stabilire un proprio perimetro tecnologico sia alla portata dell’industria e della ricerca cinesi, potremmo domandarci cosa ci sia di male nel farlo. In fondo, stabilire una propria sfera d’influenza economica è un’aspirazione legittima. Per rispondere a questa domanda, bisogna osservare che un elemento distintivo della possibile Guerra Fredda tra Cina e Stati Uniti è che la Cina rappresenta per gli Stati Uniti un concorrente economico pericoloso, molto di più di quanto non lo sia mai stata l’Unione Sovietica.

Una Guerra fredda all’insegna del tech

La gara tra Cina e Stati Uniti non si svolge nei Centri di ricerca militari, come quella tra Stati Uniti e Unione Sovietica negli anni Cinquanta, ma nelle reti di imprese. La spinta politica verso una concorrenza economica sempre più accesa può spingere chi agisce all’interno del perimetro a massimizzare l’estrazione di valore per sé (l’accumulo di informazione di contesto), portando a una situazione in cui la qualità delle inferenze fatte per conto terzi passa in secondo piano rispetto agli interessi di chi le esegue.

Si può fare un’analogia interessante con un caso di scuola sull’innovazione tecnologica che ci riporta indietro ai tempi dello Sputnik. I sovietici dovettero allora affrontare il problema dell’imbardata, termine che designa l’oscillazione (non voluta) di un missile intorno a un asse verticale passante per il suo baricentro. Un angolo di imbardata eccessivo su traiettorie lunghe come quelle che portano da terra all’orbita terrestre può portare un missile a uscire dalla traiettoria e a schiantarsi. Il mondo scientifico occidentale restò sorpreso dalla capacità dei sovietici di risolvere questo difficile problema; ma poi si scoprì che invece di cercare di progettare un missile balistico il cui profilo garantisse a priori un angolo di imbardata piccolo, gli scienziati sovietici avevano usato motori sterzanti, azionando i quali furono in grado di correggere l’angolo d’imbardata durante la traiettoria di lancio.

Il tema del controllo discrezionale

Una scelta come questa aggiunge però un elemento discrezionale di controllo che risulta determinante perché il sistema controllato abbia il comportamento desiderato. Come dimostrano casi recenti dell’industria aeronautica, affidando il controllo discrezionale di sistemi complessi a un sistema automatico si rischia che – per cause impreviste – questo controllo non venga poi attuato nella realtà, con conseguenze anche molto gravi.

Se ci saranno due perimetri tecnologici in competizione tra loro, la tentazione di ricorrere a elementi discrezionali per controllare il proprio sistema economico (e colpire quello degli avversari) invece di fare lo sforzo di garantire a tutti proprietà come la correttezza e l’equità commerciale potrebbe rivelarsi molto forte.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
PA
Sostemibilità
Analisi
Formazione
Salute digitale
Sicurezza
Sostenibilità
Digital Economy
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati

LinkedIn

Twitter

Whatsapp

Facebook

Link