agritech

Agricoltura, l’innovazione dev’essere alla portata di tutti: le sfide

Grazie al digitale, gli agricoltori possono affrontare problemi come il consumo eccessivo di acqua e pesticidi, il rilevamento precoce delle malattie delle colture, la perdita di biodiversità. Ma l’AgTech dev’essere inclusiva e sostenibile o creerà nuove disparità

Pubblicato il 09 Dic 2022

Federica Maria Rita Livelli

Business Continuity & Risk Management Consultant

img_agricoltura_1280x720-1

Il settore agricolo, considerato tra i più prudenti e conservatori, non sembra essere immune al fascino della tecnologia. Non vi è dubbio che l’intelligenza artificiale (AI) possa convertirsi in una leva strategica per rendere la produzione alimentare più efficiente nel rispetto dell’ambiente e per il raggiungimento degli obiettivi di sostenibilità dell’Agenda ONU 2030, ovviamente “con juicio” e non senza le debite precauzioni.

Agritech: le startup puntano sulla sostenibilità per produrre di più e sprecare meno

Obiettivi dell’Agricoltural Technology (AgTech)

Negli ultimi anni vi è stata una crescente richiesta di agricoltura sostenibile per ridurre l’impronta di carbonio delle attività agricole, aumentare la produzione alimentare e migliorare le condizioni economiche della comunità agricola, ciò comporta una necessaria innovazione olistica del settore, ovvero un’agricoltura intelligente e digitale, che ha dato vita alla cosiddetta “Agricoltural Technology” (AgTech) che va dalla robotica agricola al monitoraggio del suolo e delle colture fino all’analisi predittiva. L’obiettivo è quello di garantire un futuro sostenibile e un’agricoltura più produttiva, efficiente e uno standard di sicurezza più elevato, in ogni fase del ciclo produttivo.

WHITEPAPER
IoT e Smart Agriculture: in crescita le soluzioni
Smart agrifood
Precision agricolture

I lati positivi delle tecnologie in agricoltura

Grazie all’AI è possibile affrontare problemi come il consumo eccessivo di acqua, l’uso eccessivo di pesticidi, il rilevamento precoce delle malattie delle colture, la perdita di biodiversità e la frammentazione delle catene di approvvigionamento.

Molte aziende del settore agricolo stanno già utilizzando l’AgTech per modernizzare le proprie fattorie, utilizzando droni, sensori IoT e macchinari automatizzati e raccogliendo dati che vengono elaborati da algoritmi di deep learning ed architetture big stack; strumenti che consentono agli agricoltori di visualizzare tutti i parametri di produzione delle operazioni in tempo reale e di ricevere consigli sulla scelta dei semi o sull’applicazione di fertilizzanti e pesticidi.

L’uso della tecnologia semplifica la complessità delle attività agricole poiché rende disponibili dati più dettagliati e precisi per supportare il complesso processo decisionale in azienda dalla previsione alla decisione. Stiamo assistendo ad un risveglio dallo status quo tipico dell’agricoltura convenzionale che va strutturata attorno a principi informatici e algoritmici che investono i più svariati segmenti della produzione – dalla raccolta allo stoccaggio e alla distribuzione – e che rafforzano le comunicazioni tra i vari attori dell’agroecosistema, migliorando sempre più la visibilità lungo la catena di approvvigionamento e rendendo il processo più trasparente e altamente efficiente.

Gli ostacoli all’AgTech

Naturalmente, l’accesso a Internet – nelle comunità urbane e rurali – è fondamentale per l’adozione dell’AgTech e l’uso di piattaforme di analisi dei Big Data.

Mancanza di accesso a internet

Al contrario, ancora oggi, molte aree rurali del Nord America e dell’Europa sperimentano una mancanza di banda larga e di accesso a Internet, anche se si stanno facendo sforzi per ovviare a tale problema. Secondo McKinsey entro il 2030, le infrastrutture di connettività avanzate di qualche tipo copriranno circa l’80% delle aree rurali del mondo, con l’unica eccezione dell’Africa, dove solo un quarto della sua area sarà coperto.

Di fatto, se la connettività venisse maggiormente garantita in agricoltura, il settore potrebbe comportare un aumento di 500 miliardi di dollari del prodotto interno lordo globale entro il terzo decennio del XXI secolo, producendo un miglioramento del 7-9% rispetto al totale previsto e allevierebbe gran parte dell’attuale pressione sugli agricoltori.

Fonte immagine McKinsey

Il rischio lock-in

Un altro ostacolo all’AgTech è l’età media degli agricoltori nei paesi occidentali poiché l’aumento dell’età ha una correlazione negativa con l’adozione di strumenti tecnologici come computer e piattaforme online.

Inoltre, gli agricoltori vengono spesso “allettati” da proposte di vendita di uno specifico sistema agricolo di precisione o digitale, credendo che la tecnologia li aiuterà ad aumentare la resa del raccolto o a gestire meglio i problemi dell’azienda agricola. I modi con cui gli strumenti digitali vengono commercializzati “intrappolano” molti agricoltori in un “blocco tecnologico” tramite il debito che si converte in meccanismo chiave per cui gli agricoltori si impegnano per acquisire una tecnologia agricola di un marchio e di un sistema specifico. Ne consegue che, spesso, questi sistemi agricoli non sono in grado di elaborare i dati agricoli che provengono da strumenti digitali di altri marchi, rafforzando il predominio di alcuni sistemi tecnologici su altri e, al contempo, lasciando l’agricoltore con debiti finanziari e limitate capacità di elaborazione dei dati.

Erosione delle competenze strategiche

A questo punto va ricordato che l’AgTech potrebbe portare col tempo all’erosione delle competenze strategiche che gli agricoltori acquisiscono a causa di un’eccessiva dipendenza dall’uso della tecnologia. Pertanto, le conoscenze agricole “tradizionali” che permettono di “sentire”, di praticare e di eseguire le attività agricole dovrebbero essere rafforzate, ovvero, l’AgTech dovrebbe integrare e sostenere queste pratiche invece di eliminarle.

Gli aspetti sopra descritti sono stati evidenziati anche dall’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura (FAO), all’interno del rapporto “Lo Stato dell’Alimentazione e dell’Agricoltura 2022 (SOFA), in cui si pone particolare enfasi sulla necessità di implementare l’AgTech in maniera omogenea in modo tale da evitare le disuguaglianze, rendendola accessibile anche ai piccoli produttori e ad altri gruppi emarginati, quali i giovani e le donne.

L’AgTech e la potenza dei dati

È già stato dimostrato che la tecnologia innovativa costituisce una leva preziosa per rendere l’agricoltura sempre più efficiente e rispettosa dell’ambiente e, al contempo, garantire scorte di cibo stabili per le generazioni future.

L’AgTech, comunque, non è di per sé un’isola: il settore agricolo può trarre vantaggio dall’apprendimento da altre pratiche del settore pubblico e dalla loro innovazione digitale. Ad esempio, l’iniziativa European Health Data Space funge da apripista per la cooperazione sui dati in tutto il continente. La nuova piattaforma svolgerà un ruolo rivoluzionario e fondamentale nel garantire che i dati sanitari rimangano uniformi tra tutti i paesi fornendo ai produttori agricoli informazioni per affrontare questioni più ampie come le malattie, le tendenze del settore agricolo e le informazioni sulla fornitura e favorire un notevole impulso alla ricerca e allo sviluppo.

L’urgenza di innovazione è tanto più incisiva dato che lo scenario che ci attende non è rassicurante: secondo le previsioni delle Nazioni Unite, la popolazione mondiale aumenterà del 26% entro il 2050, raggiungendo i 9,7 miliardi; entro il 2030, l’approvvigionamento idrico diminuirà del 40% rispetto al fabbisogno idrico globale; l’aumento dei costi dell’energia e del lavoro sta già mettendo sotto pressione i margini di profitto degli agricoltori.

Ancora, circa un quarto dei terreni coltivabili risulta essere degradato e necessita di un significativo ripristino prima di poter sostenere nuovamente le colture su larga scala. E, come se non bastasse, aumentano sia le “pressioni ambientali” (in termini di cambiamento climatico e impatto economico di eventi meteorologici catastrofici) sia le pressioni sociali (tra cui la spinta per pratiche agricole più etiche e sostenibili) come standard più elevati per il benessere degli animali da allevamento.

Conclusioni

La crisi COVID-19 ed i conflitti in atto hanno ulteriormente intensificato le sfide che l’agricoltura deve affrontare in cinque aree: efficienza, resilienza, digitalizzazione, agilità e sostenibilità.

La chiave, quindi, è sviluppare strumenti digitali più numerosi e più efficaci per l’industria e promuoverne l’adozione diffusa ma sempre garantendo l’implementazione di una AgTech “armonica”, ovvero, inclusiva e sostenibile.

Di qui la necessità di creare quanto prima le basi per: una legislazione adeguata anche per l’AgTech; le infrastrutture; gli accordi istituzionali; l’istruzione e l’addestramento degli agricoltori digitali; la ricerca & sviluppo; il sostegno ai processi di innovazione da parte sia dei Governi sia degli attori privati, le protezioni sociali dei lavoratori meno qualificati che rischiano maggiormente di essere emarginati durante questa transizione all’agricoltura digitale.

L’Agtech si dovrà convertire sempre più in leva strategica preziosa in grado di garantire un’innovazione “armonica”, ovvero, garantire la sovranità della terra, la sovranità della conoscenza, la sovranità dei dati e la sovranità alimentare degli agricoltori dato che sono tutte questioni interconnesse e necessitano un approccio risk-based e resilience-based.

EVENTO DIGITALE 23 marzo
Industry4.0, sfide, incentivi e tecnologie per un futuro in crescita. Ti aspettiamo online!
IoT
Manifatturiero/Produzione
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Valuta questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 4