storage e sostenibilità

Data Center pilastri del digitale sostenibile: strategie e best practice

Il mercato Data Center si sta affermando tra i settori trainanti della digital economy, ma ha un impatto ambientale non indifferente. Le aziende del settore devono pertanto usare strumenti in grado di ridurre il consumo energetico e le risorse usate costruire le strutture. L’esempio di Data4

29 Set 2022
Davide Suppia

Country Director Italia & Vice President Sales di Data4 Group

Sicurezza-data-center

Tra le principali sfide delineate dal Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR) c’è la digitalizzazione della Pubblica Amministrazione che rappresenta una delle spinte principali per la ripresa, ed è indicata come uno dei sei pilastri per il rilancio delle economie europee nel Recovery and Resilience Facility Plan. In questo senso il PNRR destina a oggi circa il 25% a investimenti in tecnologie, infrastrutture e processi digitali finalizzati a incrementare e promuovere l’efficienza digitale del Paese.

Tra questi investimenti, 900 milioni di euro sono stati destinati al consolidamento e la razionalizzazione dei siti e delle infrastrutture digitali italiane, tramite la costruzione di un polo strategico nazionale articolato in quattro data center che si occuperanno di ospitare i dati e i servizi strategici delle pubbliche amministrazioni centrali, locali e delle strutture sanitarie, per la successiva migrazione delle informazioni e dei dati verso un ambiente cloud. L’obiettivo è la migrazione dei dati di almeno 100 amministrazioni per settembre 2024 e un target finale di 280 entro giugno 2026.

How Data Centers Impact the Environment

Lo storage dei dati sensibili: servono strutture dedicate

Questo processo di digitalizzazione nazionale è guidato dall’agenda politica su più fronti: dalla pubblica amministrazione al settore privato, sul mercato è sempre più crescente il bisogno di strutture dedicate che ospitino i dati di multinazionali e PMI, che si stanno gradualmente spostando dai data center on premise verso un ambiente cloud. Si stima infatti che tra il 2010 e il 2021 il volume di dati creati, copiati e utilizzati sia cresciuto esponenzialmente a livello mondiale, passando da 2 a 79 zettabytes (fonte: Statista). Questi numeri non sono che destinati ad aumentare.

WHITEPAPER
Smart building: una guida per semplificare la progettazione della rete

La domanda del mercato esprime quindi, senza alcun dubbio, il bisogno di creare luoghi sicuri per lo storage dei dati sensibili, e spinge alla costruzione di nuovi e sempre più evoluti Data Center che possano abilitare questa transizione digitale nei suoi vari aspetti: dall’evoluzione del mercato del lavoro con lo smart working alla consultazione dei propri documenti fiscali o risultati clinici online; dallo svolgimento di pratiche amministrative da remoto all’utilizzo dello smartphone per pagamenti e intrattenimento online…In Italia, attualmente, come indicato a inizio anno dai dati da una ricerca del tavolo di lavoro Data Center condotta dall’Osservatorio Cloud Transformation del Politecnico di Milano, esistono 190 strutture di Data Center, e si prevede che questo numero sia destinato a superare le 200 unità nei prossimi tre anni.

Polo Strategico Nazionale, opportunità unica per l’Italia: ma la sfida è l’execution

L’Impatto sull’ambiente e gli strumenti per regolarlo e compensarlo

Il promettente mercato Data Center che è in continua espansione sul territorio italiano, si sta affermando tra i settori trainanti della digital economy, ma ha però un impatto ambientale non indifferente. La sfida del nostro tempo e di questo settore in particolare, che deve essere regolato con urgenza, è quella di compiere un percorso verso la neutralità climatica in linea con le direttive dell’Unione Europea, sfruttando al meglio le opportunità offerte dal PNNR e gli investimenti rivolti alla rivoluzione green. In questo senso le aziende del settore ICT e in particolare i costruttori di data center ricopriranno un ruolo fondamentale nel saper gestire il proprio impatto climatico, che non si limita unicamente ai consumi energetici ma coinvolge anche gli ecosistemi e le risorse naturali utilizzate per costruirli e gestirli.

Una nuova norma dell’UIT sottolinea infatti come il rispetto dell’Accordo di Parigi esigerà dal settore ICT una riduzione delle emissioni del 45% entro il 2030. Per raggiungere questo obiettivo, le aziende operanti nel settore Data Center devono avvalersi di strumenti che permettano l’intervento sul fronte del consumo energetico e delle risorse utilizzate per la costruzione delle strutture. Secondo una ricerca condotta dall’Università di Padova tra gli strumenti più utilizzati per bilanciare l’impatto ambientale del settore ICT c’è l’utilizzo di energia rinnovabile per alimentare i Data Center da un lato, e l’analisi del ciclo di vita delle infrastrutture dall’altro.

L’impatto ambientale dei datacenter: approcci e sfide per uno sviluppo sostenibile

Quest’ultimo metodo rappresenta il sistema di riferimento per la valutazione dell’impatto ambientale di un prodotto o in questo caso di uno o più data center, tenendo in considerazione tutta la durata della sua esistenza dalla sua creazione, sviluppo e smaltimento, utilizzando 14 criteri di monitoraggio che analizzano e che riguardano, oltre al consumo energetico, anche altri fattori importanti come l’utilizzo dell’acqua e delle terre rare. L’analisi del ciclo di vita è utilizzata al momento dal 33% delle aziende nei propri Data Center, tra cui Data4.

Best Practice europee: il caso Data4

Per quanto riguarda la misurazione diretta delle proprie emissioni i grandi gruppi che operano nel settore Data Center, appoggiandosi alla metodologia raccomandata dal Protocollo GHG per misurare le emissioni di gas a effetto serra, devono essere in grado di realizzare un bilancio che possa analizzare il proprio impatto ambientale sui 3 ambiti Scope 1, Scope 2 e Scope 3. Grazie a questo strumento, il Gruppo Data4 ha lavorato dapprima sulla riduzione delle emissioni globali di CO2 legate alle sue attività, ed è poi riuscito a compensare la quota restante ottenendo la neutralizzazione di tutte le emissioni derivanti dalle sue attività in Europa nel 2021 tramite l’accordo con un importante operatore del settore della silvicoltura, FRANSYLVA per il quale la società finanzia e promuove numerosi progetti di rimboschimento per le foreste in Francia, rappresentando una Best Practice per il settore Data Center, sempre più attento al tema della sostenibilità (secondo la ricerca dell’Università di Padova il 64% delle aziende che si sono sottoposte al Survey dichiara di possedere già una policy ambientale esplicita, mentre un altro 22% lavora per svilupparla).

Questi progetti, certificati dal PEFC come garanzia di gestione sostenibile e rientranti anche nell’ambito della categoria “Bas Carbone” del Ministero della Transizione Ecologica Francese, consentiranno in particolare di contribuire localmente al rinnovamento della foresta francese, agevolare l’adattamento al cambiamento climatico, proteggere la biodiversità, fornire alternative ai combustibili fossili per l’edilizia e sviluppare l’occupazione locale, dimostrando come la sostenibilità ambientale del settore ICT non dipenda unicamente dai consumi energetici ma da un approccio ad ampio respiro che sappia tenere conto della complessità dei fattori che influenzano il reale impatto di un Data Center sul territorio in cui opera.

Best practice di matrice interamente europea, come quella di Data4 devono essere un modello di riferimento per il mercato dei Data Center italiano: l’Italia ha infatti molto da imparare dai suoi vicini di casa per implementare una transizione virtuosa seguendo linee guida già percorse e che hanno dimostrato di portare risultati solidi e duraturi. La strategia “Bas Carbone” adottata da Data4 in Francia può infatti essere estesa ad altri territori e realtà aziendali anche in Italia per supportare la transizione ecologica di pari passo con la digitalizzazione, delineando la possibilità per il Paese di sviluppare una digital economy tanto remunerativa quanto sostenibile.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 4