L'ANALISI

Digitale e sostenibilità: ecco come cambiano i modelli di business

Abbracciare l’innovazione non significa solo investire in tecnologie innovative ma (soprattutto) innovare il modello di business raccogliendo i nuovi fabbisogni legati alla sostenibilità. Ma quali sono i razionali di questa convergenza così significativa? Gli esempi che lo chiariscono

Pubblicato il 27 Feb 2023

Stefano Belletti

Senior Advisor ed ESG Independent Director presso Accompany, autore del libro “Verde e Digitale”

Photo by Riccardo Annandale on Unsplash

Uno studio presentato al World Economic Forum ha evidenziato come le aziende identificate “leader di domani” hanno previsto di realizzare un incremento dei profitti con una probabilità 2,5 volte maggiore rispetto alle altre aziende, grazie proprio alla capacità di accelerare in modo congiunto la transizione al digitale e alla sostenibilità. Tali aziende combinano digitale e sostenibilità – investono di più in innovazione, abbracciando l’idea che la sostenibilità e la tecnologia digitale non siano due aree separate da prioritizzare; dirigono l’investimento di innovazione in modo consapevole verso iniziative che portano avanti insieme le due anime.

Sostenibile e digitale, così l’azienda del futuro: strumenti e persone per farla bene

Effettivamente le tecnologie digitali rappresentano una grande opportunità per la sostenibilità ambientale. Da un’analisi condotta su oltre duecento casi implementativi, emerge che circa la metà dei casi prevede soluzioni di advanced analytics e che prevalgono le tecnologie digitali del bundle “intelligent asset” (soluzioni industriali IoT abbinate a strumenti di analisi ed interpretazione dei dati), rispetto a quelle del bundle “virtual marketplace” (soluzioni commerciali supportate da web, social media, mobile, blockchain).

Figura 2 – Utilizzo delle tecnologie digitali (fonte: S. Belletti, “Verde & Digitale”, EdizioniAmbiente, 2022)

I casi analizzati impattano sostanzialmente tre domini di processo in un’ottica di sistemi interconnessi:

  • operational management, responsabile della gestione di materiali, prodotti e beni nel ciclo di produzione, vendita, consumo e riutilizzo/riciclo/rigenerazione di un’azienda, secondo un modello circolare e a basso impatto ambientale;
  • sustainability engine, responsabili delle attività critiche in grado di indirizzare i due sistemi di attività precedenti, determinando il modo in cui l’azienda progetta prodotti/servizi/processi, comunica brand e mission, coinvolge gli interlocutori, acquista gli input e valuta i rischi associati alle proprie scelte.
  • environmental management, responsabile di fornitura, conservazione e rigenerazione delle risorse naturali come gestione delle utility (acqua, gas, elettricità) e dell’impatto sull’ambiente (ecosistemi ed emissioni CO2).

Figura 2 – Trasformazione digitale e sostenibile dei sistemi di attività interconnessi (fonte: S. Belletti, “Verde & Digitale”, EdizioniAmbiente, 2022)

I sei razionali della convergenza tra sostenibilità e digitale

Le tecnologie digitali offrono quindi un ampio spettro di opportunità ma, in definitiva, quali sono i razionali di questa convergenza così significativa tra sostenibilità e digitale?

Emergono sei razionali, che costituiscono le caratteristiche essenziali che il digitale può offrire alla sostenibilità ambientale, in modo da esserne fattore di abilitazione e/o di accelerazione; ne distinguiamo due tipologie.

La prima è costituita dai razionali base, gli archetipi della relazione, naturalmente legati nel nostro immaginario alle potenzialità del digitale: dematerializzazione degli oggetti, associazione delle informazioni identitarie, separazione tra localizzazione e presenza.

La seconda tipologia è più articolata e sofisticata: sono i razionali evoluti, che richiedono l’adozione di tecnologie digitali più complesse e/o di loro combinazioni- razionali qui di seguito descritti con casi selezionati.

Disponibilità di dati in tempo reale e in forma granulare

La disponibilità di dati lungo il ciclo di vita di un asset[1] (impianto, prodotto, materiale o fonte energetica) – dati soggetti poi ad aggregazione e normalizzazione – garantisce nuovi livelli di trasparenza, conoscenza, reattività e adattamento, principalmente attraverso la tecnologia IoT abbinata con sensori di campo e tag RFID. Questa caratteristica è altamente pervasiva e abilita la capacità di analisi e valutazione (si veda il razionale successivo), consentendo di rendere efficiente e produttivo l’uso delle risorse, abilitare modelli on demand/just-in-time, garantire reattività nel monitoraggio e ripristino secondo schemi circolari, assicurare velocità nel decision-making, comprendere il profilo di consumo e abilitare microtransazioni.

Il caso Loccioni

Loccioni – azienda marchigiana operante nel settore dell’elettronica avanzata- ha realizzato una delle prime microgrid energetiche in Italia (100% elettrica), raggiungendo il risultato delle emissioni negative. La microgrid utilizza sensori che comunicano secondo protocolli wireless IoT e che monitorano sia i consumi energetici sia il comfort degli occupanti (in termini di temperatura, umidità, luminosità e qualità dell’aria). Per il controllo e l’attuazione delle opportune strategie tramite big data analytics in grado di analizzare le serie temporali, viene gestita una quantità enorme di dati. Le strategie di controllo sono diverse e vanno dalla semplice gestione di soglie di automazione alla gestione di operazioni complesse, grazie ad algoritmi di machine learning che correlano in tempo reale più variabili, per esempio per le previsioni.

L’esempio di Angaza

Angaza[2] è una start up statunitense che fornisce prodotti cruciali (life changing products che vanno dalle soluzioni alimentate a energia solare fino alle stoviglie per la cucina) ai consumatori che vivono in località remote ed a basso reddito nei paesi emergenti, non raggiunte dalla rete elettrica. Il modello di business di Angaza è una combinazione di sistemi di monitoraggio dell’utilizzo dei prodotti e di microfinanziamento grazie alla piattaforma digitale PAYG, che supporta i distributori (last-mile distributors) che vogliono vendere prodotti nei mercati emergenti, dove l’accesso al capitale e all’energia è molto limitato: i prodotti PAYGready – nei quali cioè sono stati integrati i device IoT di Angaza – possono essere consegnati agli utenti finali (consumatori o piccole imprese) in cambio di un piccolo acconto. La tecnologia IoT integrata monitora quindi il consumo energetico o il tempo di utilizzo e disattiva automaticamente il prodotto se il credito prepagato viene esaurito e non viene effettuato uno dei pagamenti previsti (che vengono effettuati tramite applicazione mobile).

Diviene possibile attivare le cosiddette politiche di precisione,[3] che aiutano a identificare e comprendere i fabbisogni specifici di diversi segmenti della popolazione o, al limite, di singoli individui o della natura stessa, e di progettare politiche di precisione in grado di rispondere a queste necessità in modo molto più personalizzato e preciso di quanto avviene tradizionalmente.

La start up olandese Bundles

La start up olandese Bundles[4] progetta offerte basate su servizi e tecnologia digitale per fornire applicazioni su base washing-as-a-service: utilizza in particolare la tecnologia IoT per monitorare i prodotti e ridurre l’uso di energia, acqua e detergenti, fornendo i relativi servizi di manutenzione e riparazione per prolungare l’uso del prodotto. Ha introdotto un modello di business pay-per-wash per le lavatrici: le famiglie pagano per carico di biancheria e ricevono suggerimenti e strumenti per ridurre le spese di lavaggio in termini di energia, acqua e detersivo.

Capacità aumentata di analisi e di valutazione

Strumenti basati su intelligenza artificiale e advanced analytics sfruttano, correlano e interpretano i dati raccolti, fornendo le informazioni necessarie a definire e gestire contesti complessi. Utilizzano funzionalità avanzate di analisi dei dati e di indicatori prestazionali composti, che richiedono l’integrazione di fonti diverse ed eterogenee, di immagini, di dati strutturati e non, e rendono possibile la valutazione di dipendenze e la simulazione di scenari con possibilità di decentrare alcune funzionalità computazionali collegate ai device sul campo (edge e fog computing). L’abilità di monitorare e gestire in modo elettronico oggetti nel mondo fisico consente il datadriven decision-making, che diviene il processo più importante a cui affidarsi per migliorare le prestazioni, ridisegnare processi sostenibili e modelli di business circolari, scoprire nuovi fenomeni che aprono percorsi diversi all’innovazione: i sistemi cognitivi operano correlazioni di secondo, terzo o quarto ordine, impossibili da osservare per gli esseri umani ma tipici dei sistemi naturali e di quelli complessi che si sviluppano in modo non lineare.[5] Si pensi alla possibilità di identificare, comprendere e modificare comportamenti di consumo delle risorse grazie a sistemi intelligenti che incentivino i cittadini alla separazione dei rifiuti attraverso sistemi di remunerazione, non solo con l’obiettivo di gestire i rifiuti, ma di veicolare comportamenti responsabili.

General Motors

General Motors[6] ha avviato un programma per esaminare rapidamente multiple permutazioni nella progettazione delle parti e delle componenti di un’autovettura, in modo che abbia un’impronta ecologica inferiore: il programma di AI-based generative design risolve problemi complessi di tipo ingegneristico e di sviluppo del prodotto utilizzando tecnologie di Intelligenza artificiale in ambiente di cloud computing. A differenza della progettazione tradizionale (che prima disegna la soluzione, poi determina come costruirla e successivamente passa alla prototipazione per testarne le proprietà), il generative design svolge contemporaneamente queste attività. A livello di impatto ambientale, i benefici sono evidenti: componenti con un peso inferiore comportano l’ottimizzazione del consumo di materiali, energia e CO2 necessari per produrli.

Papkot

Papkot[7], una start up francese, fondata nel 2020 da un italiano, fornisce una soluzione brevettata 100% carta per sostituire completamente la plastica o altre sostanze chimiche pericolose negli imballaggi, mantenendo lo stesso livello di prestazioni: completamente biodegradabile, compostabile e riciclabile come qualsiasi normale carta vergine, ha l’obiettivo di ridurre al minimo l’impatto ambientale e l’impronta di carbonio innescando modelli circolari. Papkot basa il suo sviluppo su un approccio data centric. L’intersezione tra ingegneria chimica e intelligenza artificiale (machine learning) ha consentito all’azienda di sviluppare una serie di prodotti più performanti su un numero crescente di tipologie di carta, per un numero crescente di applicazioni, in un decimo del tempo rispetto al lavoro svolto in modo tradizionale

Connessione e comunicazione degli stakeholder

Le tecnologie digitali forniscono un’aumentata capacità di interazione tra gli attori eterogenei che operano nell’ecosistema, e sono caratterizzate dall’effetto-rete, per cui più utenti le usano e più il sistema cresce e acquisisce valore, una caratteristica molto utile e apprezzata ai fini della sostenibilità (network effect).[8] Hanno un ruolo unico: consentono da un lato, a livello strutturale, la connettività di base attraverso le tecnologie infrastrutturali (indicate nel primo paragrafo di questo capitolo), dall’altro, a livello funzionale, permettono la comunicazione, la condivisione e l’interazione tra gli attori coinvolti attraverso soluzioni relazionali e nuovi ambienti collaborativi virtuali. Mettono a disposizione funzionalità diversificate, con un ventaglio di tecnologie a differente livello di maturità e diffusione:

  • comunicazione interpersonale e condivisione di contenuti base creando network/comunità e dando visibilità alle organizzazioni informali (communication and social engagement);
  • condivisione di documenti e informazioni in cui la conoscenza viene messa a disposizione, fruita e promossa (document and knowledge sharing);
  • fiducia, trasparenza, tracciabilità e autenticazione in una catena di fornitura fisica e/o virtuale con possibilità di microtransazioni certificate (value chain transparency & traceability);
  • transazione di vendita in mercati nuovi e paralleli per il recupero degli scarti, lo scambio di materie prime seconde e il second hand (marketplace and electronic commerce);[9]
  • collaborazione attiva e operativa per la gestione e la conduzione di attività in gruppo con l’obiettivo di un output comune (co-working and open collaboration).

La piattaforma Responsible Sourcing Blockchain Network

Responsible Sourcing Blockchain Network (RSBN)[10] è una piattaforma aperta di collaborazione a livello industriale che ha l’obiettivo di promuovere e supportare l’approvvigionamento responsabile di minerali rari e cruciali; utilizza la tecnologia blockchain per aumentare l’efficienza, la sostenibilità e la trasparenza nella catena di approvvigionamento. La piattaforma è una soluzione offerta da RCS Global Group, società accreditata nell’audit e nella certificazione di pratiche sostenibili nelle catene di approvvigionamento di risorse naturali.

Alibaba

Alibaba[11] ha investito nella start up di riciclo dell’usato dell’elettronica di consumo Huishoubao.[12] Fondata nel 2014, Huishoubao si concentra sul riciclo di telefoni cellulari, tablet e altri dispositivi elettronici di consumo, attraverso canali online e offline che includono un sito web e un account WeChat dedicato.[13] Ha stretto partnership con i produttori di telefoni cellulari come Huawei e Vivo e altri operatori delle telecomunicazioni in Cina per promuovere la propria attività di riciclo. Ha lanciato un sito di ecommerce per la vendita di prodotti di seconda mano, una piattaforma online per il noleggio dei dispositivi e i chioschi ATM che permettono agli utenti di riciclare i propri telefoni cellulari usati e che sono in grado di rilevare e valutare automaticamente i dispositivi utilizzati, pagando poi gli utenti (C2B, Consumer-to-Business).

Come evidenziato brevemente dai casi selezionati e descritti, abbracciare l’innovazione non significa solo investire in tecnologie innovative (semplificando “climate tech”), ma – ed oserei dire soprattutto – innovare il modello di business raccogliendo i nuovi fabbisogni legati alla sostenibilità.

L’adozione di combinazioni o bundle di tecnologie comporta in generale un ambito di applicazione e di impatto più ampio, in cui prevale il significato di business della trasformazione digitale rispetto a quello prettamente tecnologico della digitalizzazione. Ci viene in soccorso Stefano Epifani,[14] quando afferma che “[…] la trasformazione digitale è rivoluzione di senso, è qualcosa che ci induce a cambiare il modello di business e a comprendere come fare del digitale uno strumento di sviluppo sostenibile”, ed è affascinante la distinzione nelle dimensioni che, sempre secondo lui, può avere il digitale:

  • una dimensione di processo, in cui si guarda al ruolo del digitale come elemento di process automation o di process re-engineering in un contesto in cui la dimensione è endogena all’azienda (prevalenza del come);
  • una dimensione di senso, in cui si guarda alla trasformazione digitale in una dimensione esogena alla singola organizzazione, e che traguarda al cambiamento di senso a livello sociale ed economico apportato dallo sviluppo tecnologico (prevalenza del cosa).

Senza voler disquisire sulla terminologia e provando a calare tali dimensioni nella realtà aziendale, la trasformazione digitale coniuga due direttrici di sviluppo: l’ambito di applicazione crescente (dall’attività al processo per arrivare al modello di business) e un maggiore grado di apertura verso l’esterno della catena del valore (dall’endogeno all’esogeno). La figura riportata enuclea tre stadi di sviluppo e di maturità della trasformazione digitale.

Figura 3 – Gli stadi della trasformazione digitale (fonte: S. Belletti, “Verde & Digitale”, EdizioniAmbiente, 2022)

E questo porta con sé un muovo modo di fare innovazione in ottica di “open innovation” in cui le fonti di innovazione sono distribuite, anche fuori dall’azienda – coinvolgendo la platea degli stakeholders. Il digitale interviene e valorizza i diversi contributi integrandosi da un lato con le tecnologie innovative e dall’altro fornendo gli strumenti per trasformare il modello di business.

Conclusioni

I tre stadi identificati (Digitization, Digital evolution, Digital reinvention) sono funzione delle due direttrici, ossia ambito e grado di apertura, secondo la progressione nell’impatto della trasformazione digitale. Lo stadio avanzato relativo alla modifica di modelli di business esistenti e/o alla creazione di nuovi è quello che supporta un nuovo modello d’impresa, aperta ed ibrida, in cui le catene del valore si estendono e si modificano, l’architettura di business si configura come un insieme di piattaforme interoperabili che superano i confini aziendali e integrano tecnologie digitali, dati interni ed esterni, asset fisici e competenze.

Note

  1. Kupers R., et al., Enabling business decisions that integrate Natural Capital. Learning from a complex systems perspective, ICAEW per Natural Capital Coalition, 2015.
  2. Meyerson B., Intelligent assets: unlocking the circular economy potential, Ellen MacArthur Foundation, 2016.
  3. Azzone G., A. Balducci, P. Secchi, Infrastrutture e Città. Innovazione, coesione sociale e digitalizzazione, cit.
  4. Ellen MacArthur Foundation, A model offering multiple benefits for multiple electronic products: Bundles
  5. Kupers R., et al., Enabling business decisions that integrate Natural Capital. Learning from a complex systems perspective, cit.
  6. Lacy P., J. Long, W. Spindler, The Circular Economy Handbook. Realizing the Circular Advantage, cit.
  7. Informazioni basate sul programma B Heroes 2022 e sulla documentazione fornita direttamente dall’azienda.
  8. Srnicek N., Platform Capitalism, Polity Press, Cambridge 2017.
  9. Si possono identificare piattaforme di scambio (cedere senza nulla in cambio), di swapping (scambio tra beni di pari valore) o di looping (riciclo, riuso vero e proprio) che permettono di estendere o riaprire un nuovo ciclo di vita per un determinato prodotto (Bozzoli C., Il ruolo del digitale nell’economia circolare, The Innovation Group, Digital Italy Summit 2021, 4 novembre 2021).
  10. Dickinson A., Blockchain and sustainability through responsible sourcing, IBM, 28 dicembre 2020.
  11. Lacy P., J. Long, W. Spindler, The Circular Economy Handbook. Realizing the Circular Advantage, Palgrave MacMillan, Londra 2020.
  12. Tradotto dal cinese, significa “riciclando tesori”.
  13. App di messaggistica ampiamente diffusa su scala mondiale.
  14. Epifani S., Perché la sostenibilità non può fare a meno della trasformazione digitale, Digital Transformation Institute, 2020

Valuta la qualità di questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati

Articolo 1 di 4