Direttiva Case Green

Edilizia sostenibile per un futuro a emissioni zero: proposte per edifici smart in Italia



Indirizzo copiato

La Direttiva Ue “Case Green” mira a ridurre i consumi energetici e le emissioni degli edifici, per un parco immobiliare a emissioni zero entro il 2050. La Direttiva impone requisiti più severi per edifici nuovi e ristrutturati, promuovendo la riqualificazione energetica e l’uso di energie rinnovabili. La Community Smart Building, promossa da The European House…

Pubblicato il 8 feb 2024

Benedetta Brioschi

Partner e Project Leader della Community Smart Building di The European House – Ambrosetti



Green e Digital

Dopo mesi di negoziati, il 7 dicembre 2023 il Parlamento europeo, il Consiglio e la Commissione europea hanno raggiunto l’accordo sulla DirettivaCase Green” (Energy Performance of Buildings Directive – EPBD). Con l’obiettivo di ridurre i consumi energetici e di ottenere un parco immobiliare ad emissioni zero entro il 2050, la Direttiva rivista stabilisce più ambiziosi requisiti di prestazione energetica per gli edifici nuovi e ristrutturati nell’Unione Europea e incoraggia gli Stati Membri a rinnovare il proprio patrimonio edilizio.

In questo contesto, la riqualificazione energetica del settore edilizio italiano assume quindi un ruolo centrale, richiedendo interventi concreti per lo sviluppo e la riconversione smart degli edifici nel nostro territorio.

Facciamo il punto sulle misure previste dalla Direttiva Ue prima di presentare alcune proposte concrete per favorire lo sviluppo e la riconversione smart degli edifici in Italia.

L’impatto energetico degli edifici in Europa

Oggi non possiamo più rimandare un dibattito serio e approfondito sulla transizione efficiente e sostenibile del parco immobiliare. Gli edifici sono il settore più energivoro in Europa. Consumano oltre il 40% dell’energia e sono responsabili del 36% delle emissioni di gas a effetto serra. Gli edifici rappresentano inoltre i maggiori consumatori di gas in Europa, impiegato principalmente per il riscaldamento, il raffreddamento e l’acqua calda all’interno delle abitazioni.

In tale contesto, gli interventi di riqualificazione e l’utilizzo di fonti energetiche rinnovabili negli edifici costituiscono misure chiave per ridurre le emissioni di gas a effetto serra e la dipendenza energetica dell’Unione Europea e dei suoi Stati Membri dai combustibili fossili. Ad oggi, circa l’85% degli edifici in Europa è stato costruito prima del 2000 e quasi il 75% del parco immobiliare è inefficiente sul piano energetico, evidenziando ampi margini di miglioramento per favorire la transizione energetica.

Le misure chiave della Direttiva per ridurre le emissioni di gas

La nuova Direttiva UE “Case Green” segna un passo avanti importante in questa direzione, definendo una serie di misure volte ad aiutare i Paesi europei a migliorare strutturalmente il parco immobiliare, riducendone il fabbisogno energetico e favorendo gli interventi di riqualificazione energetica, con un’attenzione particolare agli edifici appartenenti alle classi energetiche inferiori.

Rispetto alla prima bozza presentata lo scorso 14 marzo, la nuova Direttiva EPBD garantisce ai singoli Paesi europei maggiore autonomia nel definire le modalità di intervento più adatte allo specifico contesto nazionale. La bozza definitiva prevede che ciascuno Stato Membro presenti un “Piano nazionale per la riqualificazione energetica degli edifici”, con l’obiettivo prioritario di ridurre del 16% i consumi energetici primari del parco immobiliare entro il 2030 e del 20-22% entro il 2035. Tali misure nazionali dovranno garantire che almeno il 55% della riduzione dei consumi medi di energia sia ottenuta attraverso la ristrutturazione degli edifici a peggior performance energetica. La Direttiva stabilisce infatti che le politiche nazionali dovranno agire prioritariamente sul 15% degli edifici più energivori, appartenenti alla classe energetica “G”.

Obiettivo emissioni zero

Già la prima bozza della Direttiva “Case Green”, risalente a marzo 2023, prevedeva che tutti gli edifici dovessero impegnarsi al raggiungimento di determinate classi energetiche, a seconda delle diverse categorie e destinazioni d’uso. In particolare, gli edifici residenziali dovevano essere ristrutturati per raggiungere:

  • la classe energetica E entro il 2030;
  • la classe energetica D entro il 2033.

Gli edifici pubblici e non residenziali dovevano invece raggiungere:

  • la classe energetica E entro il 2027;
  • la classe energetica D entro il 2030.

Tutti gli edifici di nuova costruzione dovevano inoltre essere a emissioni zero a partire dal 2030, mentre nel caso di edifici pubblici l’obbligo decorreva dal 2028.

Obiettivi e sfide della nuova versione della Direttiva

La nuova versione della Direttiva abbandona l’idea di includere specifici requisiti di ristrutturazione per i singoli edifici sulla base delle diverse classi energetiche, preferendo invece un approccio più discrezionale basato su regole flessibili che fanno riferimento ai dati medi dell’intero patrimonio edilizio. In sintesi, la Direttiva UE definisce la cornice e i target generali a cui tutti i Paesi europei devono attenersi nell’elaborazione dei singoli Piani Nazionali per la riqualificazione energetica degli edifici, consentendo ad ogni Paese di fissare le proprie priorità.

Le norme per gli edifici non residenziali

Riguardo al settore degli edifici non residenziali, le norme prevedono un miglioramento graduale in accordo con gli standard minimi di prestazione energetica. Entro il 2030, la Direttiva prevede la ristrutturazione di almeno il 16% degli edifici non residenziali con le prestazioni energetiche più basse, con un target al 2033 che mira a ristrutturare il 26% degli edifici non residenziali. In generale, la nuova Direttiva UE ha introdotto una serie di modifiche alla versione precedente definendo un quadro normativo meno restrittivo e introducendo maggiori margini di flessibilità negli obiettivi e nei tempi necessari al raggiungimento dei target previsti.

Gi edifici esentati dalle misure della direttiva Ue

La Direttiva UE stabilisce inoltre la possibilità di esentare alcune categorie particolari di edifici, che potranno essere esclusi dagli interventi di ristrutturazione. Tra questi rientrano non solo gli edifici storici, le chiese e i monumenti, ma anche le abitazioni unifamiliari con una superficie inferiore a 50 metri quadri e le seconde case utilizzate per meno di quattro mesi all’anno.

Le implicazioni della nuova Direttiva UE “Case Green” per l’Italia

Con riferimento all’Italia, sono circa 1,8 milioni gli edifici residenziali più energivori, appartenenti alla classe energetica “G”, su un totale di 12 milioni. Nel mirino dell’Unione Europea rientrano anche 230 mila edifici pubblici non residenziali che appartengono alla classe più energivora. Inoltre, secondo le nuove regole, almeno 3 milioni di edifici italiani risulterebbero esclusi dagli interventi di riqualificazione in quanto appartenenti alle categorie di edifici esclusi sopracitate.

L’importanza della riqualificazione energetica del settore edilizio italiano

L’obsolescenza del patrimonio immobiliare italiano rende ancora più urgente e strategico il processo di riqualificazione del settore edilizio. Come emerge dall’Osservatorio della Community Smart Building di The European House – Ambrosetti, l’Italia presenta un parco immobiliare obsoleto, con l’81% degli edifici che ha più di 30 anni (vs. 73% della Francia e 62% della Spagna) e circa il 75% degli Attestati di Prestazione Energetica emessi nel 2021 con una classe energetica pari o inferiore alla E. Non solo: negli ultimi cinque anni, il tasso di rinnovamento edilizio italiano è stato pari allo 0,85% all’anno (vs. 1,7% di Francia e Germania), in un Paese che detiene uno dei consumi di suolo tra i più alti d’Europa (7,6%, quasi il doppio della media UE). In questo contesto, gli investimenti del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR) rappresentano un’opportunità importante ma da soli non bastano: con i fondi messi a disposizione del PNRR è possibile raggiungere un tasso di rinnovo del 1,2%, ancora lontano dall’obiettivo del 2,1% necessario per allinearsi al target europeo.

La Direttiva pone dunque le condizioni per accelerare il processo di efficientamento energetico del settore edilizio. Per non farsi cogliere impreparata e raggiungere gli sfidanti target europei, nei prossimi anni l’Italia dovrà investire massicciamente e promuovere politiche per favorire la transizione smart degli edifici italiani, verso “hub di servizi automatizzati real time e adattivi, integrabili con l’organismo edilizio e l’ecosistema esterno, dotati di tecnologie connesse, interoperabili e sostenibili che permettono l’ottimizzazione nell’utilizzo delle risorse idriche e energetiche, dei costi di realizzazione e gestione e la massimizzazione del well-being e della sicurezza degli individui”, come da definizione della Community Smart Building.

Proposte concrete per lo sviluppo e la riconversione smart degli edifici in Italia

I temi e le problematiche evidenziate dalla Direttiva europea sono al centro anche del lavoro della Community Smart Building, promossa da The European House – Ambrosetti con la partecipazione degli attori leader della filiera (sono partner della Community ad oggi ABB, ANCE Lombardia, Bticino, Celli Group, Comoli Ferrari, Kone, MCZ, Principe Ares, Progetto CMR, Tekser e Veos). Il tavolo di lavoro della Community ha individuato alcune proposte concrete per favorire lo sviluppo e la riconversione smart degli edifici in Italia.

  • Definire tutti gli standard associati al concetto di Smart Building secondo la definizione olistica proposta dalla Community, che vede l’edificio come la somma di tutte le parti coinvolte, sia le componenti esterne sia le tecnologie interne. Questo consentirebbe di definire specifici requisiti tecnici e normativi che a loro volta permettano una maggiore integrazione delle diverse soluzioni legate agli Smart Building, creare sistemi di incentivazione su misura, che garantiscano incentivi più efficienti ed efficaci, riducendo lo spreco di risorse economiche e migliorare la sostenibilità ed efficienza energetica e idrica dell’edificio, grazie all’introduzione di requisiti per l’efficienza, l’uso di fonti rinnovabili e di materiali sostenibili e circolari
  • Promuovere la determinazione della classe energetica degli edifici, includendo anche gli interventi sui prodotti e sulle tecnologie che li caratterizzano (es. elettrodomestici, impiantistica, illuminazione, erogatori, elevatori, ecc.)
  • Creare un «Libretto Casa» a valenza legale, anche in formato digitale, che tenga traccia delle attività di riqualificazione effettuate sull’edificio affinché siano adeguatamente valorizzate anche in fase di valutazione dell’immobile. Il “Libretto Casa” favorirebbe una migliore pianificazione degli investimenti privati per la riqualificazione della casa, garantendo un maggiore riconoscimento del valore dell’abitazione attraverso un meccanismo certificato di payback rispetto all’investimento del cittadino, migliorerebbe l’efficienza del flusso delle informazioni, specialmente nel campo della manutenzione, aiuterebbe a monitorare l’impiego e l’efficienza delle componenti smart e a garantire la trasparenza sugli interventi effettuati e aumenterebbe la consapevolezza dei benefici associati al rinnovamento smart degli edifici sulla base dei dati raccolti (informazione sintetica sui risparmi ottenibili, ritorno degli investimenti, glossario delle tecnologie, ecc.).

La strada da seguire per i prossimi anni è chiara, ora occorre percorrerla mettendo a sistema le migliori competenze del Paese.

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati

Articolo 1 di 4