digitale e mobilità

Gestire meglio il traffico grazie allo scambio dati: il progetto Tangent



Indirizzo copiato

Il progetto di ricerca Tangent ha definito regole e ruoli per la condivisione di dati di mobilità per abilitare la realizzazione e sperimentazione di nuovi strumenti per l’ottimizzazione delle operazioni di gestione del traffico stradale

Pubblicato il 15 gen 2024

Marco Comerio

Mobility Research Leader di Cefriel



La sfida delle smart road per la smart mobility

Garantire differenti tipologie di servizi di mobilità è una delle condizioni per la partecipazione di tutte le persone a una società inclusiva. Negli ultimi anni si è registrato un aumento significativo della disponibilità di servizi di mobilità grazie alla maggior diffusione della micro-mobilità e della mobilità condivisa.

Se, da un lato, questa nuova offerta di servizi supporta l’inclusività delle persone, dall’altro, l’utilizzo di servizi di mobilità eterogenei rende la gestione del traffico una sfida più complessa da superare. La gestione del traffico deve passare dalla tradizionale gestione dei volumi di veicoli sulle nostre strade alla gestione della rete delle diverse tipologie di veicoli in circolazione.

Il progetto TANGENT per una nuova gestione del traffico stradale

Il progetto di ricerca europeo TANGENT sta sviluppando nuovi strumenti per l’ottimizzazione delle operazioni di gestione del traffico, elaborando dati forniti dagli operatori dei servizi di mobilità, acquisiti da sensori distribuiti sul territorio e generati da utenti e veicoli.

Gli strumenti definiti da TANGENT hanno l’obiettivo di migliorare sia la gestione del traffico in tempo reale che quella predittiva, fornendo informazioni chiare e puntuali alle autorità dei trasporti per supportarli nelle decisioni da prendere e nei piani da attuare per risolvere un ingorgo stradale o per pianificare al meglio la mobilità durante un grande evento.

TANGENT sta sperimentando questi strumenti in quattro città pilota (Atene, Greater Manchester, Lisbona e Rennes) con l’obiettivo di supportare una gestione del traffico più efficiente in termini di riduzione della congestione, riduzione delle emissioni di CO2 ed aumento della sicurezza.

Le sfide relative alla gestione dei dati

Per abilitare lo sviluppo e la sperimentazione dei nuovi strumenti per la gestione del traffico sono necessarie diverse tipologie di dati. Cefriel partecipa al progetto TANGENT per abilitare un’efficace condivisione dei dati tra i diversi enti coinvolti nel progetto (operatori di trasporto, municipalità, gestori del traffico, università e centri di ricerca) e il loro corretto utilizzo.

Come mostrato in figura, le sfide affrontate sono state varie. Ciascuna sfida è caratterizzata da una esigenza pratica:

  • localizzare i dati, ovvero chiedersi: Quali dati sono disponibili e dove? Spesso le sorgenti di dati necessarie non sono facili da individuare perché le loro descrizioni sono incomplete e di difficile interpretazione. In questo caso, si ha un problema a livello di metadati.
  • Accedere ai dati: Come posso accedere ai dati? L’accesso ai dati può avvenire mediante differenti soluzioni software e può richiedere meccanismi di autenticazione e autorizzazione che spesso non sono semplici da comprendere ed utilizzare.
  • Armonizzare i dati: Come posso rendere i dati confrontabili e utilizzabili congiuntamente? I dati provengono da sorgenti differenti e per questo motivo risultano spesso eterogenei sia nel formato che nei modelli adottati per formalizzarne il contenuto. Occorre armonizzarli per renderli confrontabili e utilizzabili congiuntamente.
  • Integrare i dati: Come posso “fondere” i miei dati e migliorarne la qualità? I dati, provenendo da diverse sorgenti, possono presentare duplicazioni, inconsistenze e disomogeneità (come, per esempio, l’utilizzo di diverse unità di misura). Per integrarli occorre identificare correlazioni e spesso applicare tecniche per il miglioramento della qualità dei dati.
  • Estrarre i dati: Come posso fornire accesso a specifiche parti dei dati? Gli utenti hanno bisogno di accedere a specifiche parti dei dati e potenzialmente anche a specifiche versioni (dati in tempo reale o dati storici). E’ necessario, quindi, definire soluzioni software specifiche per soddisfare le varie esigenze progettuali.

Cosa ha definito TANGENT per facilitare il superamento di queste sfide

TANGENT si è posto l’obiettivo di definire le regole e i ruoli dei vari attori coinvolti nello scambio e nell’utilizzo di dati necessari per le attività di progetto. Tale insieme di regole e ruoli è stato denominato “TANGENT data governance model”.

La metodologia usata da TANGENT per definire il modello ha previsto due attività propedeutiche: analisi degli attuali modelli di governance per lo scambio dati utilizzati in progettualità relative al settore della mobilità al fine di individuare best practice e discussione di queste ultime durante workshop con autorità, operatori e ricercatori coinvolti nelle attività delle quattro città pilota del progetto.    

Le best practice emerse dalle attività propedeutiche che hanno guidato la definizione del TANGENT data governance model sono state:

  • definizione di un catalogo digitale per supportare la condivisione dei dati. Ciascuna sorgente dati deve essere descritta mediante metadati che consentano di acquisire conoscenza sul contenuto dei dati disponibili e sul loro potenziale riuso.
  • definizione di regole per la pubblicazione delle sorgenti dati nel catalogo digitale e concessione di accesso agli utenti richiedenti.
  • definizione di regole per governare correttamente le attività di manipolazione dei dati (per esempio, l’armonizzazione ed integrazione) e per abilitarne il riuso.

Quali sono gli aspetti principali del TANGENT data governance model

I ricercatori di Cefriel, considerando i risultati delle attività propedeutiche, hanno definito il TANGENT data governance model partendo dai seguenti requisiti indispensabili per una data governance efficiente: la data governance ha diversi obiettivi, deve prevedere la gestione di differenti tipologie di sorgenti dati, deve prevedere l’utilizzo di diversi strumenti e tecnologie per gestire i dati, si rivolge a diversi processi di gestione dei dati e coinvolge diverse persone con differenti ruoli e conregole differenti nella gestione di ciascun processo.

Ad esempio, per governare il processo di condivisione dei dati tra i diversi enti coinvolti nel progetto, il modello definisce le regole per la pubblicazione dei dati nel catalogo condiviso specificando chi le deve applicare e da chi debbano essere verificate.

Gli aspetti relativi allo scambio dati più complessi da affrontare e regolamentare

Nonostante sia riconosciuta l’importanza della condivisione dei dati per abilitare una miglior gestione del traffico, ci sono alcuni aspetti che risultano particolarmente complicati da gestire:

  • Accesso a dati business-critical: alcuni dati sono considerati estremamente rilevanti per il business di un’azienda e quindi la loro condivisione, manipolazione e riuso devono essere regolamentati con particolare attenzione. Nel progetto TANGENT sono stati definiti specifici accordi (per esempio, NDA) tra il fornitore e l’utilizzatore di questa tipologia di dati.
  • Mancanza di dati storici: i dati storici relativi, ad esempio, al traffico stradale o all’affluenza dei mezzi pubblici sono fondamentali per la gestione predittiva del traffico. Spesso, però, questi dati non sono disponibili. Il progetto TANGENT ha risolto il problema definendo servizi per la raccolta dei dati in tempo reale per creare collezioni di dati storici.
  • Disponibilità di dati eterogenei: spesso i dati sono eterogenei sia nel formato che nei modelli adottati per formalizzarne il contenuto. TANGENT ha definito un’apposita soluzione per l’armonizzazione dei dati per renderli confrontabili ed utilizzabili congiuntamente.

Una efficace strategia di data governance, come quella definita da TANGENT, può facilitare la condivisione e il riuso dei dati e abilitare la creazione di nuovi strumenti per l’ottimizzazione delle operazioni di gestione del traffico. Tramite semplici regole e accordi sui dati è, infatti, possibile abilitare un miglioramento sia nella gestione del traffico in tempo reale che nella pianificazione della mobilità in vista di un grande evento, il tutto con il fine di ridurre la congestione stradale e l’inquinamento e aumentare la nostra sicurezza.

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati

Articolo 1 di 4