L'iniziativa

Gli startupper delle smart city: diffondere la conoscenza

Solo il 7 per cento degli italiani sa che cosa è una smart city. Ma una piena comprensione da parte delle persone favorisce la partecipazione, perché le città intelligenti vivono di innovazione che parte dal cittadino. Si può iniziare anche da una mappa interattiva, come ha scelto di fare Cisco per immaginare la Milano del 2015

13 Mag 2013
florio-130510092824

Il primo passo per trasformare le comunità in ambienti intelligenti è mettere in campo iniziative che permettano ai cittadini di comprendere le nuove opportunità, che possono nascere dalla disponibilità di un insieme di tecnologie capaci sia di migliorare processi ed esperienze della realtà quotidiana, sia di trasformare i cittadini stessi in utenti attivi e protagonisti di innovazione.

Anche grazie ad alcune scelte istituzionali, che hanno individuato nel tema delle comunità intelligenti uno degli elementi centrali per diffondere la digitalizzazione ed i suoi effetti positivi, nel nostro paese i progetti “smart” si moltiplicano. Un fattore comune che caratterizza molte di queste proposte è il coinvolgimento di numerosi stakehoder – singole persone, imprese, organizzazioni – attraverso varie forme di “call for idea”, bandi, consultazioni.

Si tratta di modalità che interessano inizialmente partner del settore privato e segmenti abbastanza ristretti di popolazione che già dispongono di mezzi e conoscenze adeguati: potremmo definirli gli “startupper” delle città digitali, coloro che sono in grado di aderire operativamente alle proposte che vengono dalle istituzioni, di integrare nelle iniziative istituzionali le proprie attività, o di creare nuovi servizi.
Nella gran parte dei casi, invece, i comuni cittadini – che pure sono di fatto gli stakeholder più importanti di una città smart – devono ancora essere messi in grado di sapere, di interagire, di utilizzare strumenti e servizi digitali, così da poter assumere un ruolo attivo, partecipativo nella trasformazione della comunità in cui vivono.

Questa dicotomia appare chiaramente nella ricerca Gli Italiani e l’Agenda Digitale, che Cisco ha commissionato a fine 2012 all’ISPO per comprendere quanto sanno, cosa pensano e cosa si attendono gli italiani rispetto alla digitalizzazione del paese, a livello individuale e collettivo. Una parte dello studio – che ha coinvolto sia un campione rappresentativo della popolazione italiana maggiorenne, sia un panel di opinion leader selezionato dalla società di ricerca – è stata dedicata al tema smart city, ed in particolare al tema della trasformazione di Milano in una “città intelligente” nel quadro del progetto Expo Milano 2015

E’ emerso che il 77% della popolazione non ha mai sentito parlare di smart city, e gli altri ne sono a conoscenza piuttosto vagamente; solo il 7% ha dichiarato di sapere bene di cosa si tratta. Più numerosi (il 32%) coloro che hanno sentito parlare del progetto di trasformare Milano, sul percorso verso Expo 2015, in una smart city. Resta comunque un 68% di popolazione che non ha idea dell’eredità di innovazione che si intende creare al traino di un evento di grandissima importanza per il rilancio del nostro paese.

Ben diversa la questione per quanto riguarda gli opinion leader, selezionati fra personalità di spicco del mondo economico, dei media, della cultura e delle istituzioni. Il 70% di essi conosce il tema smart city – oltre la metà dichiara di conoscerlo molto bene – ed il 66% è al corrente dei progetti per Milano smart legati a Expo 2015. Riguardo ad essi, praticamente tutti coloro che ne sono al corrente (il 98%) ritengono che la vera sfida sia legata al far sì che l’innovazione nata intorno ad Expo sia utile per i cittadini anche dopo il 2015; ed il 91% ritiene che il darsi l’obiettivo di far nascere una Milano più smart per Expo sia uno stimolo importante per la nascita di nuove idee e progetti innovativi.

Queste evidenze dimostrano che è necessario che i soggetti maggiormente coinvolti e che hanno i mezzi per agire con efficacia si impegnino per diffondere conoscenza fra i cittadini, tenendo in considerazione ciò che le persone stesse chiedono rispetto al digitale: essere maggiormente informate attraverso canali che già conoscono, quali la radio, la televisione e il web stesso, come è emerso dalla stessa ricerca ISPO citata poc’anzi.

In questo senso, anche piccole iniziative possono essere utili: sommandosi e diffondendosi in modo virale, possono suscitare attenzione e avviare uno scambio positivo di interessi e di informazioni. A tale scopo, ad esempio, Cisco Italia ha creato una mappa interattiva dedicata a far scoprire tutte le tecnologie che, da qui al 2015, potranno rendere Milano una vera smart city; la mappa è stata diffusa su Facebook, il social media cui sono iscritti quasi 24 milioni di italiani (fonte: http://vincos.it/osservatorio-facebook). La mappa consente di condividere con i propri amici esempi concreti di opportunità quali: nuovi modi di orientarsi e vivere la città – grazie all’evoluzione degli strumenti di geolocalizzazione Wi-FI ed alla diffusione di pannelli informativi e interattivi digitali; nuove forme di collaborazione, lavoro, comunicazione in remoto; nuove forme di assistenza sanitaria, attraverso strumenti per visite e consulenze mediche a distanza; nuovi modi per risparmiare energia, grazie a sistemi digitali che gestiscono i consumi in modo integrato.

Naturalmente, il compito di fare sì che il gap sia colmato – e magari anche il 30% di opinion leader che ancora non si interessa a questi temi inizi a farlo – non è cosa che possa essere realizzata solamente da un’azienda, o da un qualunque soggetto che abbia la volontà di farlo.

La presenza di un persistente digital divide informativo sui temi più caldi per il nostro futuro richiede un impegno di sistema che coinvolga le istituzioni, coloro che fanno informazione, il mondo educativo affrontando le diverse problematiche, non ultime quelle di natura più prettamente infrastrutturale. Va fatto tutto quanto possibile per eliminare gli ostacoli alla conoscenza, all’utilizzo delle tecnologie, alla capacità di creare e innovare di ciascuno dei cittadini: per non temere la partecipazione e coltivarla con cura.

Se il futuro delle nostre comunità digitali si costruirà intorno a reti sempre più fitte di scambi, connessioni, interazioni che renderanno più efficiente e intelligente l’ambiente in cui viviamo – ed il modo con cui possiamo relazionarci con esso – dobbiamo far in modo che ogni abitante delle città sia un “sensore di innovazione” – in grado di vedere esigenze che dall’alto possono essere trascurate, e capace di esplorare i contesti più vicini a sé per individuare nuovi spazi in cui un utilizzo intelligente e consapevole delle tecnologie possa migliorare la qualità della vita individuale e collettiva.

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
PA
Sostemibilità
Analisi
Formazione
Salute digitale
Sicurezza
Sostenibilità
Digital Economy
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 3