casi di studio

I due diversi modelli di smart city: uno studio analizza Vienna, Chicago, Londra

Come dovrebbe organizzarsi il governo della città che punta a diventare smart? Partendo da questa domanda di ricerca, in un recente studio con due colleghi, Ivanka Visnjic (Esade Business School), e Andy Neely (Cambridge University), abbiamo analizzato il modello organizzativo di diverse città europee ed americane. Lo studio rivela due fondamentali modelli di governo della smart city

10 Set 2015
Carmelo Cennamo

università Bocconi di Milano

smart-city-140129091910

Esiste un modello di smart city? Come dovrebbe organizzarsi il governo della città che punta a diventare smart? Smart city va oltre la semplice adozione di iniziative digitali che facilitino l’accesso ad informazioni e l’uso dei servizi da parte dei cittadini. Smart city è un nuovo modo di concepire il governo della città, in maniera appunto partecipativa, dove la produzione dei servizi sia intesa non come prerogativa esclusiva degli amministratori locali secondo il classico modello top-down, ma come processo collaborativo che include i cittadini e le imprese.

Partendo da questa domanda di ricerca, in un recente studio con due colleghi, Ivanka Visnjic (Esade Business School), e Andy Neely (Cambridge University), abbiamo analizzato il modello organizzativo di diverse città europee ed americane, cercando di capire se esista e quale sia il modello più efficace di smart city. Dopo un primo studio preliminare, l’analisi si è focalizzata sulla comparazione di tre città “esempio”, Vienna, Chicago e Londra, che primeggiano nei vari ranking per qualità di vita e/o ambiente economico. Dallo studio emerge che la città è un complesso ecosistema fatto di tanti micro-ecosistemi dove vari organismi (siano essi enti pubblici, cittadini privati, imprese o anche “parassiti” – criminalità) co-abitano, interagiscono e influenzano l’un l’altro attraverso attività e bisogni interdipendenti. Il governo della città non è altro che la sovra-struttura (di questo ecosistema) che facilita il coordinamento di tali attività e l’evoluzione dell’ecosistema stesso.

Lo studio rivela due fondamentali modelli di governo della smart city, che divergono profondamente su diverse dimensioni, in particolare nel ruolo che l’amministrazione locale assume nell’erogazione dei servizi e coordinamento delle attività economiche.

Da una parte abbiamo il modello extended enterprise, o “organizzazione diffusa”, dove diversi attori (organizzazioni pubbliche e private) contribuiscono beni e servizi complementari che vengono poi integrati in un unico, complessivo servizio finale. Nel modello ad organizzazione diffusa, la “regia di coordinamento” da parte dell’amministrazione locale è diretta e più visibile, ancorché non del tutto accentrata. Il modello è pur sempre collaborativo e partecipativo, ma l’amministrazione si fa promotore, coordinatore e garante ultimo delle varie attività volte a soddisfare il dato servizio. Le varie fasi (selezione dei fornitori, integrazione dei vari beni e servizi, erogazione del servizio), d’altro canto, sono in capo a diverse organizzazioni (pubbliche e/o private), ciascuna specializzata per la propria parte del servizio collettivo.

Un esempio di questo modello è London & Partners, l’agenzia ufficiale di promozione della città di Londra. L’organizzazione del servizio di promozione si basa su una costellazione di interconnessioni verticali e laterali tra vari enti e servizi di promozione. Coordina un ente responsabile del turismo; un altro responsabile per le business convention; gestisce direttamente le operazioni di investimenti da parte di imprese ed organizzazioni estere nella città, oltre che le attività volte ad attrarre studenti stranieri nelle università londinesi; e affianca altri enti per supportare aziende con sede a Londra nell’accesso a mercati e filiere produttive internazionali. L’agenzia collabora inoltre con altre agenzie nazionali quali Visit Britain e UK Trade & Investment per creare sinergie tra le varie attività di promozione. Molte di queste attività possono essere svolte al meglio anche grazie alle varie tecnologie digitali che permettono lo scambio immediato ed integrato di informazioni tra i vari enti, e la comunicazione con milioni di attori esterni all’agenzia, garantendo efficienza dal punto di vista del coordinamento inter-organizzativo, ed efficacia dal punto di vista della promozione.

Dall’altra parte abbiamo il modello platform market, o “mercato piattaforma”, dove infrastrutture ad hoc, fisiche e/o regolamentari, fungono da hub di interscambio che facilitano l’interazione tra vari fornitori di servizi e consumatori. La Città quindi, come organizzatore dell’ecosistema, svolge il ruolo di match-maker tra i bisogni dei cittadini e i fornitori di servizi volti a soddisfare tali bisogni, e coordinatore delle transazioni economiche. Nel modello a mercato piattaforma, il ruolo dell’amministrazione è prettamente quello di coordinatore, in particolare, facilitatore del mercato dei servizi. In questo senso, la “regia” è più indiretta e invisibile, pur rimanendo pietra miliare dell’ecosistema, fondamentale affinché i vari gruppi d’interessi (pubblici e privati) convergano.

Un esempio di questo approccio, sempre dalla città di Londra, è il progetto di digitalizzazione Digital Projects (la versione locale della nostra Agenzia Digitale). L’agenzia ha creato London DataStore, un sito ufficiale che offre libero accesso a diverse base-dati dei vari enti e organizzazioni alle imprese interessate a sviluppare applicazioni ed altri servizi che fanno uso di tali dati. Nelle parole della sua direttrice, Eleanor Coleman, questa piattaforma di dati aperta ha già generato importanti benefici facilitando la creazione di nuove aziende e innumerevoli applicazioni digitali, focalizzati su servizi complementari ai servizi offerti dalla città, come ad esempio Tube Deluxe, una guida digitale alla metro di Londra sviluppata da un’impresa privata.

Non esiste un modello migliore. Mentre Vienna adotta per la maggior parte un modello a organizzazione diffusa, Chicago per la maggiore un modello a mercato piattaforma, tutte e tre le città mostrano esempi di entrambi i modelli. Per chi fosse interessato lo studio offre ricchi dettagli in merito e identifica le condizioni in cui un modello è più efficace dell’altro. Ma l’obiettivo di questo articolo non è quello di segnalare ai nostri amministratori locali possibili modelli da adottare per l’organizzazione dei vari servizi. Qualora lo studio possa essere di qualche valore in tal senso, ben venga.

Ma il punto è un altro.

Il digitale ha aperto la strada a nuovi modi di fare innovazione, abbattendo in molti casi i costi del processo innovativo, e rendendo l’innovazione diffusa. Nuovi modelli organizzativi sono emersi in risposta a questo processo di cambiamento, per lo più nel settore ICT dove il digitale è pervasivo. Ma sempre più aziende nei settori più tradizionali stanno facendo tesoro di questi apprendimenti e sperimentando nuovi modelli. Seguendo questi trend, smart city, oltre che il collage di singole iniziative promosse a slogan per una campagna elettorale, può e deve diventare un’occasione di innovazione nel mondo della PA: un’agenda, che parte dal digitale per ripensare la Città e il modello di governo.

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
PA
Sostemibilità
Analisi
Formazione
Salute digitale
Sicurezza
Sostenibilità
Digital Economy
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 3