transizione ecologica

Il flop del Fondo nazionale per l’efficienza energetica riguarda tutti: i problemi e come rimediare



Indirizzo copiato

Il Fondo Nazionale per l’Efficienza Energetica ha una dotazione di 310 milioni e nasce per finanziare interventi di efficienza energetica su immobili, impianti e processi produttivi. Spingere su questo settore è fondamentale per attuare la transizione ecologica, eppure secondo la Corte dei conti sono stati erogati meno di tre milioni di euro. Ecco i problemi

Pubblicato il 15 dic 2023

Giuseppe Giordano

Amministratore Delegato Enerbrain



Responsabilità integrale d’impresa: un nuovo approccio per superare le eredità culturali

La transizione ecologica è un obiettivo ineludibile dell’agenda globale, un processo inevitabile a cui anche l’Italia ha deciso di partecipare attivamente. Uno degli strumenti principali di questa transizione è il Fondo Nazionale per l’Efficienza Energetica, istituito con l’intento di promuovere interventi volti al miglioramento della performance energetica delle imprese.

Tuttavia, nonostante gli sforzi e gli investimenti effettuati in questi anni, la Corte dei Conti ha evidenziato una serie di problemi e criticità che mettono a rischio l’efficacia del Fondo. Tra le sfide future, vi è quindi la necessità di indirizzare verso l’uso di nuovi strumenti e di politiche capaci di accelerare il percorso verso un’economia a basse emissioni di carbonio.

Il problema cronico dell’Italia nel’uso dei fondi

Che l’Italia abbias un serio problema cronico a utilizzare i fondi che le vengono destinati è un fatto oramai assodato. In un report della Corte dei conti europea del 2021, il nostro Paese risultò ultimo per esecuzione del bilancio Ue per non aver sfruttato 25 miliardi e 166 milioni di euro di fondi Ue che le spettavano per il periodo 2014-2020.

L’anno scorso l’allora governo Draghi ammise nella Nadef che la concreta attuazione dei progetti del Pnrr si stava rivelando complessa e stimò che dei circa 191,5 miliardi di euro che l’Ue ci aveva assegnato, soltanto 20,5 circa sarebbero effettivamente stati spesi entro la fine dell’anno. E ancora: nell’ultimo report della Corte dei conti italiana sull’attuazione del Pnrr, uscito i primi di novembre e riferito al primo semestre di questo anno, si legge: «Dalle risultanze delle indagini svolte dalla Sezione…emerge il generale raggiungimento degli obiettivi… Pur tuttavia lo iato fra adempimenti procedurali e spesa effettiva resta ancora molto significativo e ciò non può non destare attenzione, anche se si voglia considerare il Piano come un programma “per obiettivi” e non un Piano “di spesa”». Il riferimento è a un comunicato sul sito del Ministero del Lavoro.

Ora abbiamo la prova che il gap tra fondi stanziati e spesi riguardi anche il settore dell’efficienza energetica. A farlo presente è ancora la Corte dei conti, che ha analizzato l’efficacia del Fondo Nazionale per l’efficienza energetica a quattro anni dalla sua creazione presso il Ministero dello sviluppo economico.

Gli obiettivi del Fondo nazionale per l’efficienza energetica

Questo strumento è molto promettente sulla carta. Istituito dall’articolo 15, comma 1, del Decreto legislativo n.102 del 4 luglio 2012, in attuazione della Direttiva 2012/27/UE, e disciplinato dal decreto interministeriale 22 dicembre 2017, ha una dotazione di 310 milioni di euro ed è destinato a finanziare interventi di efficienza energetica realizzati dalle imprese, comprese le ESCO, e dalla Pubblica Amministrazione, su immobili, impianti e processi produttivi. Tramite concessioni di garanzie su singole operazioni di finanziamento o l’erogazione di finanziamenti a tasso agevolato, il fondo copre iniziative riguardanti:

  • la riduzione dei consumi di energia nei processi industriali;
  • la realizzazione e l’ampliamento di reti per il teleriscaldamento;
  • l’efficientamento di servizi ed infrastrutture pubbliche, inclusa l’illuminazione pubblica;
  • la riqualificazione energetica degli edifici.

Cosa è stato fatto in quattro anni

Ad oggi risulta che dal 2017 al 30 giugno di quest’anno sono state presentate 73 domande di ammissione alle agevolazioni per un importo complessivo pari a circa 53,4 milioni di euro e che il totale erogato supera di poco i 2,8 milioni. La Corte dei conti evidenzia inoltre che «molte aree geografiche appaiono poco coinvolte: in alcune Regioni (ad esempio Veneto, Puglia e Sardegna) non sono stati autorizzati investimenti: in altre (quasi tutta l’Italia centrale), da ultimo, figurano pochi beneficiari». I risultati, sono deludenti anche rispetto agli obiettivi indicativi nazionali in materia di efficienza energetico.

Al 2020, si legge nel report, «contemplano un programma di miglioramento dell’efficienza energetica teso a risparmiare 20Mtep/anno di energia primaria e 15,5 Mtep/anno di energia finale. Allo stato, per converso, i risparmi in termini di TEP, conseguiti attraverso il Fondo (circa 11.000 TEP per i progetti autorizzati) non paiono particolarmente significativi in relazione all’investimento».

Questi dati, rileva la Corte dei conti, «rendono all’evidenza poco opinabile che il Progetto denominato Fondo per l’efficienza energetica abbia dato, nel corso del proprio quadriennale (e, dunque, non privo di significatività) ciclo di vita, dimostrazione della propria scarsa attrattività, e nel complesso, di una efficacia assai blanda».

I problemi del Fondo nazionale per l’efficienza energetica

Ciò che forse più dei dati risulta sconfortante è la causa di questo mancato successo: la Corte dei conti la individua infatti in un combinato di «verosimile inadeguatezza delle forme di pubblicità assicurate alla misura anche nelle aree geografiche “disinteressate”» e nella «assenza di una recente riflessione sul se non risulti più efficace, in funzione degli obiettivi già descritti, convogliare la dotazione del Fondo sulla sezione per l’erogazione dei finanziamenti a tasso agevolato». In poche parole, non è una questione di interesse, bensì di strumenti e possibile ignoranza a monte della misura.

Il ruolo dell’efficienza energetica nella transizione ecologica

Non raggiungere un traguardo può essere desolante, ma quando non si riesce perché i fondi non vengono spesi nonostante ce ne sia bisogno e di mezzo c’è la lotta ai cambiamenti climatici, dobbiamo subito rimboccarci le maniche. L’efficientamento energetico non è solo una sfida italiana o “un’altra cosa che ci chiede l’Europa”, ma parte del percorso per mantenere l’aumento media della temperatura a +1,5 °C rispetto ai livelli preindustriali. Proprio per promuovere una crescita economica sostenibile, all’ottava conferenza globale dell’AIE sull’efficienza energetica tenutasi a Versailles, in Francia, 45 governi mondiali hanno approvato l’obiettivo di raddoppiare il tasso medio globale di miglioramento dell’efficienza energetica entro la fine del decennio. Il ministro italiano dell’Ambiente, Gilberto Pichetto Fratin, lo ha elencato in una serie di target «alla nostra portata».

Il Fondo non è l’unico strumento

Il mancato successo del Fondo del Mase è una brutta notizia, ma è consolatorio sapere che anche di recente sono state portate avanti iniziative parallele per ottimizzare i consumi. Nel “disinteressato” Veneto, per esempio, è stato aperto a fine ottobre il bando di Veneto Sviluppo e del Sistema camerale del Veneto che agevola le imprese a investire in efficienza energetica e impianti a energia rinnovabili.

Enea ha poi deciso di sostenere con un milione di euro le aziende che lavorano a progetti innovativi: tra gli ambiti riferimento, c’è anche la produzione di energia ed efficienza energetica. L’8 novembre, il Ministero delle Imprese e del Made in Italy ha inoltre fatto sapere di che sono stati pubblicati il bando “Clean Energy Transition” (CETP) e “Driving Urban Transitions” relativi ai partenariati europei “Horizon”. Il primo, si legge, «finanzia progetti che supportino la transizione verso l’utilizzo delle energie pulite e agevolino il raggiungimento della neutralità climatica dell’Europa entro il 2050». Il secondo, invece, «sostiene iniziative per rispondere alle principali sfide legate allo sviluppo urbanistico e sostenibile delle città, al miglioramento della qualità della vita e della mobilità nei centri urbani». Non bisogna infine dimenticare che le imprese possono perseguire i loro obiettivi in modo indiretto usufruendo dei finanziamenti in materia di transizione ecologica e digitale, come le risorse legate alle politiche regionali dell’Ue e a quelle nazionali per il ciclo 2021-27. Le aziende che vogliono puntare sull’efficienza energetica, quindi, hanno una gamma di opzioni cui fare riferimento.

Conclusioni

Abbiamo ben chiaro l’enorme potenziale dell’efficienza energetica e disponiamo dei fondi necessari per metterci sulla buona strada e dare il nostro contributo a una sfida mondiale, che riguarda tutti noi. Purtroppo non tutto sta funzionando come dovrebbe, ma la Corte dei conti ha individuato parte del problema e proposte misure correttive: metterle in pratica potrebbe essere il primo passo per assicurarci che non ci siano sprechi, a maggior ragione in un settore dove la chiave è risparmiare e ottimizzare.

Nel frattempo, le imprese interessate possono usufruire di altri strumenti. Ce ne sono infatti diversi, ciascuno con caratteristiche diverse di interventi ammissibili, che permettono di trovare i finanziamenti necessari per non rimanere con le mani in mano.

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati

Articolo 1 di 4