Innovazione sostenibile

Il mercato digitale a caccia di energia rinnovabile: ecco la sfida



Indirizzo copiato

L’impatto ambientale dello sviluppo della rete e dei servizi di connessione è preoccupante. I problemi non sono di semplice soluzione: occorre continuare a investire in fonti rinnovabili, ma anche incentivare l’adozione di misure e tecnologie in grado di ridurre il consumo di energia per unità di prodotto

Pubblicato il 30 ott 2023

Mario Dal Co

Economista e manager, già direttore dell’Agenzia per l’innovazione



transizione energetica

Circa il 5% dei consumi mondiali di energia sono determinati dai terminali e dalle infrastrutture di rete. Da un lato i terminali, la rete e i data center aumentano di efficienza energetica ogni giorno, riducendo il consumo per unità di informazione trattata, ma dall’altro lato stanno crescendo enormemente le connessioni e soprattutto la quantità di informazioni che trattano. Il numero dei terminali (smartphone, computer, IoT) è raddoppiato tra il 2019 e il 2021.

Sui consumi di energia del settore IT, il 36% viene assorbito dalla rete, il 30% dai data center, il 34% dai computer[1]. Sembra che il cervello umano usi l’energia disponibile con minore dispendio di potenza per la gestione della rete, dedicandone di più alla memoria e all’elaborazione: in un individuo adulto il cervello rappresenta in media il 2% del peso corporeo, ma assorbe circa il 20% dell’ossigeno disponibile, che equivale al 20% dell’energia prodotta dal metabolismo. A sua volta solo il 15-20% di questa energia utilizzata dal cervello è necessaria per la manutenzione delle condizioni operative dei neuroni e delle sinapsi, ovvero del data center e della rete, mentre l’80-85% viene consumata nella neurotrasmissione delle informazioni[2].

Le conseguenze ambientali dello sviluppo della rete e dei servizi di connessione

Coloro che sono sensibili alle conseguenze ambientali dello sviluppo della rete e dei servizi di connessione osservano con preoccupazione le proiezioni, come quelle di IDC riportate in figura 1, che mostrano una crescita esponenziale della quantità di dati creati e gestiti nella datasfera[3].

Immagine che contiene testo, schermata, Carattere, lineaDescrizione generata automaticamente

Per addestrare la versione precedente di ChatGPT, sarebbero stati spesi tra 3,2 e 4,6 milioni di dollari di energia elettrica, ma secondo Sam Altman, CEO di OpenAI, per la versione successiva GPT-4 questi costi sarebbero saliti a 100 milioni[4]. Il problema non è più l’aumento del numero delle connessioni, ma l’intensificazione delle transazioni: dal 2010 il numero degli utenti di internet è raddoppiato, a livello mondiale, ma il traffico su internet è aumentato di 25 volte[5].

Le due tensioni contrastanti

Nella letteratura economica la relazione tra ICT e domanda di energia è analizzata studiando due forze contrastanti.

La prima spinge a un aumento della domanda di energia per effetto dello sviluppo delle reti e delle infrastrutture, delle apparecchiature e della domanda di nuovi servizi, a cui si aggiunge lo sviluppo di nuove attività legate all’utilizzo della rete e della digitalizzazione, che porta ad aumenti di reddito e quindi ad una crescente domanda di energia.

La seconda forza si esprime sempre con la crescita dell’accesso alla rete e dell’utilizzo dei servizi online (tele-conferenze, e-commerce, telemedicina, intrattenimento on line ecc.) che ha, tuttavia, l’effetto di sostituzione nei confronti dei servizi tradizionali: ciò comporta una riduzione dei consumi di energia per unità di prodotto[6].

Questo effetto è stato prevalente almeno fino ad una decina di anni fa. Alcuni pensavano che, nei paesi in cui le infrastrutture sono efficienti e la dotazione di terminali e connessioni elevata, gli effetti di risparmio determinati dalla sostituzione di attività ad elevato consumo di energia da parte delle attività digitali avrebbero prevalso e quindi la domanda di energia per unità di prodotto si sarebbe ancora ridotta in modo significativo. Altri, soprattutto in anni recenti, pensano che la creazione della rete con le sue infrastrutture e l’uso delle connessioni portino ad aumenti insostenibili dei consumi di energia. Questo secondo effetto sarebbe prevalente nei paesi in cui le infrastrutture sono ancora ad un livello di sviluppo inadeguato: gli investimenti necessari porterebbero ad un aumento dei consumi energetici[7].

Innovazione e consumi, una realtà complessa

La realtà è più complessa. La crisi pandemica ha portato ad un rallentamento e in alcuni casi ad una inversione della tendenza alla riduzione dell’intensità energetica. La guerra della Russia contro l’Ucraina ha portato ulteriori rallentamenti dovuti agli aumenti di prezzo, scarsità delle materie prime, disordine nella logistica. Altri ne porterà il conflitto esploso in Medio Oriente. Per quanto gravi, queste catastrofi hanno natura episodica, non modificano il trend di lungo periodo.

L’esplosione della domanda di servizi di rete, particolarmente evidente in continenti come America Latina, Africa e parti dell’Asia preoccupa coloro che hanno a cuore la sostenibilità dello sviluppo. Anche in questo caso, da un lato cresce enormemente il traffico di dati e quindi la domanda di energia, dall’altro il progresso tecnico nell’ambito dei consumi degli apparati, della rete e dei data center riduce il consumo di energia per unità di informazione.

La figura che segue riporta per alcuni paesi l’intensità energetica espressa come consumi energetici per unità di prodotto in valuta costante e tenendo conto della parità dei poteri d’acquisto. Nei trent’anni considerati la variabilità dell’intensità energetica si è molto ridotta: era oltre 20 per la Cina nel 1990, all’epoca il paese con minore efficienza, mentre l’Italia risultava, tra quelli considerati, il paese con minore intensità energetica, con un valore intorno a 3.

Nel 2020 la Cina scende a 8,5 con guadagni enormi di efficienza energetica, lasciando il posto di paese meno efficiente nell’uso dell’energia alla Russia, che ha un valore superiore ad 8, mentre l’Italia non guadagna efficienza come invece fanno sia Irlanda sia dal Regno Unito: due paesi estremamente attivi sul fronte della digitalizzazione e dei servizi di rete ed oggi con intensità energetica più bassa di noi[8].

Immagine che contiene testo, schermata, linea, DiagrammaDescrizione generata automaticamente

Lo sviluppo del 5G, la distribuzione del cloud, di IOT e dell’intelligenza artificiale comporta una ripresa momentanea dell’intensità energetica per unità di prodotto: anche nei paesi con migliori dotazioni infrastrutturali, la fase attuale comporta un nuovo impegno sul fronte degli investimenti e quindi un aumento di domanda di energia per unità di prodotto.

L’espansione dei data center, in particolare di quelli delle hyperscale companies, assume una dimensione ed una qualità tali da creare una serie di strozzature importanti. La concentrazione dei data center produce non solo picchi di domanda nel tempo, ma anche nello spazio con la congestione delle localizzazioni e delle reti elettriche.

Lo sviluppo IT è in un collo di bottiglia?

La crescita del cloud, ora spinta con ancor più forza dalla diffusione dell’intelligenza artificiale generativa, sta portando ad una concentrazione degli investimenti che a sua volta può creare una serie di colli di bottiglia.

Uno dei problemi da risolvere sul campo è l’accesso sicuro all’energia: i data center, soprattutto quelli dove si fa il training e si erogano i servizi di intelligenza artificiale, consumano enormi quantità di energia e creano tre problemi. Il primo è la sostenibilità, ovvero l’impatto in termini di emissioni di CO2; il secondo è quello della capacità della rete di alimentazione; il terzo è quello della continuità del servizio.

Il primo può essere indirizzato ricorrendo alle fonti rinnovabili, oggetto di grande attenzione soprattutto da parte delle hyperscale companies, che hanno un problema di immagine presso l’opinione pubblica e sono attente ai controlli da parte delle autorità.

Il secondo e il terzo problema sono quelli che devono essere affrontati dagli investitori nei data center, dove il ricorso a fonti rinnovabili deve essere comunque mediato dalla rete per evitare le interruzioni o le oscillazioni tipiche della generazione da quelle fonti instabili. Infatti, gli approvvigionamenti di Big Tech da fonti rinnovabili avvengono attraverso contratti di rete, ossia assicurandosi la continuità del servizio, che dipende dalla capacità della rete e dalla sua funzione di integratore tra diverse fonti.

Occorre quindi potenziare la rete facendo in modo che l’alimentazione abbia comunque un potenziale back up in grado di assorbire le discontinuità di alimentazione di una fonte rinnovabile. Infine, è importante disporre di spazio per disporre di soluzioni tecnico-architettoniche capaci di sfruttare l’energia geotermica per il raffreddamento dei data center.

La dislocazione dei data center guida ormai le scelte di investimento nella generazione elettrica e nel potenziamento della rete. I grandi operatori come Google, Amazon, Microsoft, si impegnano nell’utilizzare energia da fonti rinnovabili e cominciano ad investire nella generazione sostenibile, mentre le compagnie di generazione e distribuzione fanno i conti con un potenziale di domanda aggiuntiva che modifica completamente il profilo di un mercato maturo come era quello dell’elettricità. L’impatto si fa sentire anche sulle aree immobiliari, dal momento che i grandi data center occupano lo spazio di un campo da calcio.

In Irlanda, dove il 18% dell’energia della rete nazionale nel 2022 è stata utilizzata per i data center, nell’ultimo anno il loro consumo è salito del 31%. Qui la tensione tra gestori dei data center e la rete di distribuzione elettrica ha portato a contrasti vivaci, con rimpalli di responsabilità sugli squilibri attualmente lamentati. La gestione della rete ha annunciato un blocco delle connessioni per nuovi data center nell’area di Dublino, con il risultato di bloccare una trentina di nuovi progetti. Ma, ovviamente, la pausa è stata solo momentanea[9].

Conclusioni

L’aumento dell’efficienza energetica continuerà a manifestarsi all’interno dei nuovi settori, mantenendo aperta la tendenza di lungo periodo di una intensità energetica che si riduce.

Rispetto alle preoccupazioni sull’impatto delle emissioni di gas serra, la questione si pone sotto due profili. Il primo è il saldo netto di queste due tendenze: è assai probabile che l’IT intesa in senso lato domanderà una quota crescente di energia nel prossimo futuro, ma potrebbe farlo con un qualche effetto sostitutivo rispetto ai consumi di altri settori che si ridurrebbero. La valutazione finale è assai complessa e può essere risolta soltanto considerando l’evoluzione dell’intensità energetica del prodotto interno lordo dei vari paesi.

Il secondo profilo riguarda la capacità di sostituire le fonti fossili con quelle rinnovabili.

Oggi Big Tech assorbe una buona parte di energia prodotta da fonti rinnovabili, ma nel farlo lascia meno disponibilità per altri settori. I grandi operatori della rete e del cloud sono comunque un fattore di stimolo e sostegno al processo di sostituzione delle fonti fossili. Non lo fanno per beneficenza: se nel 2010 il costo medio del KW/h prodotto da fonti rinnovabili era del 95% più alto del costo minimo del KW/h prodotto da fonti fossili, nel 2022 il costo medio delle rinnovabili era del 29% inferiore[10].

Il contrasto più efficace all’aumento delle emissioni causato dalla crescita esponenziale del traffico dei dati verrà, da un lato, dal progresso tecnico che continuerà a ridurre i consumi unitari per bit dei terminali, della rete e dei data center. Dall’altro lato, il contributo ancor più decisivo verrà dalla sostituzione di fonti fossili con fonti rinnovabili e dall’efficienza energetica del sistema nel suo complesso. Qui, occorre che gli investimenti proseguano ed accelerino, ma occorre anche, di nuovo, che il progresso tecnico dia i suoi risultati riducendo i costi della generazione e dello stoccaggio da fonti rinnovabili e incentivando l’adozione di misure e tecnologie in grado di ridurre il consumo di energia per unità di prodotto.

Un governo come il nostro è alle prese con la scarsità delle risorse pubbliche disponibili e dovrebbe fare scelte di priorità precise e chiarire anche all’opinione pubblica se la convenienza di oggi è quella di evocare costosissimi fantasmi del passato, come il ponte di Messina, o investire nel nostro futuro come paese tecnologicamente avanzato.

Note

  1. ) Go-globe.com
  2. ) Marcus E. Raichle and Debra A. Gusnard, Appraising the brain’s energy budget, Proceedings of the National Academy of Sciences (PNAS), July 29, 2002.
  3. ) David Reinsel, John Gantz, John Rydning, The Digitization of the World From Edge to Core, An IDC White Paper, November 2018 (Data refreshed May 2020).
  4. ) Kristo Mikkonen, Alex Wilson, The looming data center crunch, Financial Times, October 5, 2023.
  5. ) Internationa Energy Agency, Data Centres and Data Transmission Networks, July 13, 2023.
  6. ) En-Ze Wang, Chien-Chiang Lee, The impact of information communication technology on energy demand: Some international evidence, International Review of Economics & Finance Volume 81, September 2022.
  7. )
  8. )
  9. ) Georgia Butler, Ireland isn’t going to limit data centers despite high energy use, Data Centers Dynamics, June 13, 2023.
  10. ) Irena, Renewable Power Generation Costs in 2022, August 2023.

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati

Articolo 1 di 3