ue

Mission Ocean: un gemello digitale interoperabile per salvare gli oceani

Mission Ocean consiste nel conoscere, recuperare, proteggere e costruire una relazione equilibrata fra i comportamenti dell’essere umano e i nostri oceani e le nostre acque. Per ottenere il successo serve una “costellazione” di gemelli digitali per ciascuna delle numerose componenti. Ma la parola chiave è “interoperabilità”

23 Mag 2022
Francesco Beltrame Quattrocchi

Ordinario di Bioingegneria Università degli Studi di Genova; Presidente di ENR - Ente Nazionale di Ricerca e promozione per la standardizzazione

nature-water-ocean-sea-underwater-bubbles

Progettare e realizzare digital twin interoperabili per la Mission Ocean europea – che si prefigge di recuperare, proteggere e costruire una relazione equilibrata fra i comportamenti dell’essere umano e i nostri oceani e le nostre acque può essere (e forse dovrebbe) un milestone ineludibile per rendere credibile la missione medesima nei diversi scenari del pianeta.

Ma è una strada praticabile?

Digital twin per la transizione verde, il nodo dei dati: problemi e possibili soluzioni

Cos’è la Mission Ocean

L’oceano e le acque sono il sistema che consente la vita, la nostra esistenza, la nostra economia e lo stato di salute della terra, il nostro Pianeta Blu. Azioni sconsiderate a dinamica negativa crescente, mai messe in atto nel passato dagli esseri umani, pongono sfide ad alta criticità, tali da mettere a rischio grave i nostri oceani, mari, coste, fiumi e laghi e i loro corrispondenti ecosistemi. La Commissione Europea, al di là dei suoi Programmi propri di R&D e Innovazione, ha in tempo percepito la gravità e la portata del problema, giungendo a classificarlo come una vera e propria “missione” ad alta priorità. La Mission Ocean consiste nel conoscere, recuperare, proteggere e costruire una relazione equilibrata fra i comportamenti dell’essere umano e i nostri oceani e le nostre acque, capace di funzionare in modo efficace ed efficiente per noi e per il pianeta. In estrema sintesi, il messaggio è: operiamo tutti in modo da rendere nuovamente blu il nostro oceano e le nostre acque.

WHITEPAPER
La RPA in 9 step: da dove si comincia?
Intelligenza Artificiale
Realtà virtuale

Le Missioni Europee di R&D e Innovazione (assai limitate per numero, ma tutte ad alta priorità), ispirate in parte al modello della missione Apollo 11: “mandiamo l’uomo sulla luna”, hanno come obiettivo quello di produrre come risultato un insieme di soluzioni percorribili per far fronte alle sfide più alte e complesse di fronte alle quali si trova il mondo nel tempo attuale. La Mission Ocean è guidata a Bruxelles da Sieglinde Gruber – EC, Active Senior Advisor and former Head of Unit Healthy Oceans and Seas, persona di grande esperienza, già dal 2014 a capo della Marine Resources Unit, parte del Directorate General for Research and Innovation della Commissione Europea, dunque attrice in prima persona della definizione e della attuazione degli obiettivi e delle priorità di ricerca e innovazione a supporto della politica marittima integrata europea e, in particolare, della ben nota Blue Growth Agenda.

Il paradigma del gemello digitale applicato a Mission Ocean

Fin dall’inizio, Sigi Gruber, ben consapevole da un lato della complessità del problema da affrontare e, dall’altro, dell’armamentario tecnologico disponibile per affrontarlo, in particolare sul versante ICT, ha concepito bandi (call) che suggerivano l’adozione di quello che è il conosciuto paradigma del gemello digitale (digital twin), soprattutto in considerazione della necessità di costruire soluzioni a dinamica variabile (dunque non statiche), portabili, scalabili e a costi sostenibili, pure essi assai variabili in funzione dello scenario geografico applicativo concreto.

È noto a tutti cosa si intenda con gemello digitale di un oggetto o di un processo: in buona sostanza, una simulazione a computer, a diversi livelli di sofisticazione tecnologica (anche in forma distribuita), che consente di seguire in tempo pressocché reale la vita dell’oggetto o del processo medesimo, dalla sua ideazione (nascita), al suo sviluppo, alla sua manutenzione nelle sue diverse applicazioni fino al suo degrado e alla sua uscita di scena. Così, tanto per fare qualche esempio, è possibile fare un digital twin di una matita o di una gru o di una nave. Più delicata la questione di intuire (prima) e applicare (poi) la metodologia tecnologica del gemello digitale al problema di Mission Ocean, di immediata percezione per questione di dimensionalità (si potrebbe dire, in termini ICT, di big data, ovviamente nelle diverse accezioni di questo termine), ma ben più difficile da intendere rispetto all’effettiva potenza di fuoco dispiegabile ove si ponga più attenta riflessione al merito del tema.

Un primo spunto che consente di intravedere il percorso da intraprendere si può avere dalla lettura del recente articolo[1] dove viene offerto al lettore un quadro molto specifico delle numerose e diverse tecnologie hw (sensori, chip, boe a rete mesh) e sw ( algoritmi di machine learning) necessarie ove si volesse costruire un digital twin limitatamente all’aspetto “profondo del mare”, capace di portare tutte le informazioni rilevate a terra (compreso il problema del passaggio da banda acustica a radiofrequenza). In realtà, le prime call di Mission Ocean sono state concepite così, si potrebbe dire “per parti”.

Una costellazione di gemelli digitali

Quanto rappresentato, a titolo di esempio per “il profondo del mare”, ha da essere replicato, con le dovute variazioni del caso, per altri aspetti rilevanti di Mission Ocean: certamente un modello digitale per ciò che viaggia sul mare e sulle acque, ossia digital twin di navi di varia natura e funzione, un modello per i porti che si affacciano sugli oceani, un altro per la questione della pesca, un altro per le piattaforme marine offshore dedicate al deep sea mining, un altro per i fiumi interni, uno per le coste che affacciano gli oceani e così via. Si può arrivare così, con tutta evidenza, ma non senza fatica, a cercare di mettere a punto una vera e propria “costellazione” di gemelli digitali per ciascuna delle numerose componenti che appartengono a Mission Ocean. Ogni gemello digitale potrebbe così, in linea teorica, essere utilmente impiegato come elemento di previsione strategica di un determinato segmento, quale per esempio, l’evoluzione della portualità nel futuro, con forte risparmio di risorse grazie al fatto di non dover ricorrere ad alcun prototipo reale.

Un rischio sottile da non sottovalutare

La prima positiva conclusione è che l’adozione della metodologia digital twin porta, per ciascun settore applicativo parte di Mission Ocean, un proprio valore. Tuttavia, qui si nasconde un rischio sottile che merita (e Gruber lo ha sensibilmente recepito) di essere evidenziato. Il punto cruciale sta nell’osservazione che all’interno di Mission Ocean interagiscono in modo dinamico e importante diversi sottosistemi (quello cha sta sotto il mare, quello che ci passa sopra, i porti, etc.), i quali rispondono a modelli culturali e corrispondenti logiche economiche profondamente diversi, non necessariamente convergenti rispetto all’obiettivo principale e prioritario di Mission Ocean.

L’interoperabilità è la chiave

Se, molto probabilmente, tale convergenza è utopistica nel breve e medio periodo, il ricorso a un’altra rilevante proprietà dei digital twin potrebbe offrire almeno la speranza di percorrere un pezzo di strada verso il main goal di Mission Ocean. Essa consiste nella possibilità di progettare e realizzare sistemi digitali (cui i digital twin appartengono) con caratteristiche di interoperabilità. Scritto in termini pratici, il digital twin del mare profondo, quello delle navi, quello dei porti debbono essere almeno concepiti da subito per potersi “parlare” fra loro, ossia per scambiarsi dati e informazioni, in modo da un lato di evitare necessità di duplicazioni, dall’altro di offrire “semi informativi” capaci di aiutare a disegnare una strategia integrata per Mission Ocean e, in particolare, per la Blue Growth Agenda di cui tanti convegni discutono. Concepire e sviluppare un digital twin integrato per Mission Ocean otterrebbe l’effetto di un valore ben superiore alla semplice somma dei valori pertinenti a ciascuno dei digital twin appartenenti alla costellazione di cui sopra e, probabilmente, potrebbe essere elemento costitutivo per la soluzione sul lungo e lunghissimo periodo come risultato di Mission Ocean.

Note

  1. Alessandro Longo su Il Sole 24 Ore del 21 aprile 2022, a pagina 21, dal titolo: “Com’è connesso (e perché) il mare nel suo profondo”
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 2