il piano operativo

Agenda digitale FVG: tutte le azioni del Programma triennale

Il Programma Triennale per lo sviluppo dell’ ICT, dell’eGovernment e delle infrastrutture telematiche del Friuli Venezia Giulia. Tutte le azioni realizzate o intraprese nell’ambito della banda larga e ultralarga, della PA digitale, dei servizi digitali a cittadini e imprese, scuola e sanità digitale, sicurezza

15 Nov 2018
Luca Moratto

Direttore del Servizio sistemi informativi ed e-government

Broadband_493857595

Lo strumento per l’attuazione dell’agenda digitale per il Friuli Venezia Giulia è il Programma Triennale per lo sviluppo dell’ ICT, dell’e-government e delle infrastrutture telematiche, un documento di indirizzo strategico capace di evidenziare nel dettaglio le azioni ICT da declinare nel piano operativo che ne attesta la loro effettiva concretizzazione. Istituito dall’art. 3 della Legge Regionale 9/2011 e dunque già attivo dal 2011, il Programma Triennale definisce “gli obiettivi” del Sistema Informativo Integrato Regionale del Friuli Venezia Giulia, “raccordandoli ai programmi comunitari e statali” e “individua le azioni dell’Amministrazione regionale” in tema di ICT (art 3, comma 2). E’ a scorrimento annuale ed è approvato dalla Giunta regionale entro il 30 novembre di ogni anno precedente il triennio di riferimento, (art. 3, comma 3).

Il Programma Triennale 2019-2021 prosegue nell’assorbimento delle linee di indirizzo enucleate dall’Agid esplicitando nel dettaglio 162 azioni che di seguito, per facilità di lettura, saranno espresse accorpate in aree d’intervento.

Banda Larga e Ultralarga

La banda ultra larga, quale rete ad altissima velocità capace di garantire connessioni veloci ed efficaci, costituisce una irrinunciabile infrastruttura abilitante per lo sviluppo e la crescita economica, sociale e culturale di un territorio.

WHITEPAPER
CYBERSECURITY: le migliori strategie per la tutela e la continuità dei servizi IT
Sicurezza
Cybersecurity

Il Programma Ermes, con oltre 1.600 km di infrastrutture di dorsale e quasi 700 km di rete di accesso nei Consorzi e Distretti industriali, collega in fibra ottica tutti i Comuni del Friuli Venezia Giulia, le sedi della Pubblica Amministrazione e della Sanità oltre a portare la banda larga alle Zone Industriali del territorio.

Il Piano regionale Banda Ultra Larga (BUL) prevede l’utilizzo dell’infrastruttura Ermes da parte di Infracom per portare la Banda Ultra Larga su tutto il territorio regionale, garantendo una velocità di almeno 100 Mbps .

Complementare al programma Ermes è il Progetto FVG WiFi federato con il Progetto Free Italia WiFi, prima rete nazionale di accesso gratuito ad Internet senza fili. FVG WiFi è nato per rendere disponibili gratuitamente connessioni Wi-Fi Internet a Banda Larga nei comuni della Regione. Qualche dato a proposito di FVGWiFi:

• più di 585 access point finora installati;
• più di 57.00 utenti registrati;
• più di 2.300 accessi giornalieri al servizio;
• più di 30 nuovi utenti registrati al giorno
• più di 230 GB di traffico giornaliero.

Pubblica Amministrazione Digitale

Il Sistema Informativo Integrato Regionale (SIIR) mette a disposizione degli enti del Friuli Venezia Giulia un insieme di soluzioni e servizi integrati che supportano l’operatività interna degli uffici e le funzioni di sportello al cittadino e alle imprese, efficientando il governo delle risorse pubbliche e migliorando la comunicazione.

Anpr

Il Friuli Venezia Giulia gode di una situazione praticamente unica nel contesto italiano in riferimento all’Anagrafe Nazionale della Popolazione Residente (ANPR), in quanto la Regione fornisce gratuitamente il software ed i relativi servizi per le funzioni demografiche ai comuni del territorio, consentendo una più agevole ed uniforme migrazione. In questo contesto la Regione  fornisce inoltre supporto operativo alle attività di pre-subentro e normalizzazione delle banche dati, evolve il software di gestione anagrafica secondo il modello di interoperabilità definito dal Ministero dell’Interno e affianca i comuni del Friuli Venezia Giulia nel passaggio alla ANPR.

Fatturazione elettronica

La Regione Friuli Venezia Giulia ha attivato un sistema di interscambio (SDI-FVG) per la fattura elettronica, documento digitale che sostituisce a tutti gli effetti la fattura cartacea, unitamente alla firma digitale, che garantisce l’autenticità e l’integrità del documento, e alla conservazione sostitutiva. Sono accreditati oltre 240 enti pubblici e per la Regione si è ridotto a 15 giorni il tempo medio di pagamento.

Razionalizzazione Data Center, cloud e Polo strategico

La Regione Friuli Venezia Giulia assicura una gestione sistemica e sicura dei dati e una piena interoperabilità intra/inter istituzionale (Regione Autonoma FVG, Enti Locali, Aziende Socio Sanitarie e Ospedaliere, Enti Strumentali) mediante la razionalizzazione dei Data Center avendo adeguato il Data Center primario alle linee guida dell’AgID per quanto attiene al Disaster Recovery e avendo realizzato un Data Center secondario per il Disaster Recovery e la Continuità Operativa.

La disponibilità del Data Center Regionale e dell’infrastruttura della rete regionale RUPAR-FVG, ha consentito alla Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia di rappresentare un’eccellenza a livello nazionale nell’ambito del cloud computing, assumendo contemporaneamente i ruoli di provider, carrier e broker nei confronti di tutte le pubbliche amministrazioni del Sistema Informativo Integrato Regionale (SIIR), consolidando buona parte delle risorse hardware e software e fornendo numerosi servizi cloud quali la gestione della posta elettronica, l’hosting dei siti web, i pagamenti telematici ed altri.

La Regione Friuli Venezia Giulia è candidata a ricoprire il ruolo di Polo Strategico Nazionale.

Semplificazione

La Regione Friuli Venezia Giulia è impegnata nella rivisitazione dei modelli organizzativi in un’ottica di semplificazione e digitalizzazione dei processi e delle procedure con l’obiettivo di ridurre i costi del sistema e offrire un sevizio qualitativamente superiore a cittadini e imprese. Molti processi sono già stati digitalizzati, si ricorda l’acquisizione online dei dati, la firma digitale, l’autenticazione federata (SPID), il protocollo informatico, la gestione dei flussi documentali ed il fascicolo informatico, la gestione digitale dell’istruttoria di una pratica, i decreti digitali, la fatturazione elettronica, la conservazione a norma. Il passo successivo riguarda l’integrazione dei principali sistemi gestionali di cui l’interoperabilità e la cooperazione applicativa costituiscono fondamento tecnologico e prevede la creazione un punto di accesso telematico unitario attivabile per tutti i servizi di cui cittadini e imprese necessitano (D.Lgs. 126/16). La creazione di un sistema unico e uniforme per la gestione delle richieste verso la PA semplificherà l’attività di cittadini e imprese che si avvarranno di un sistema di front-end unico denominato cruscotto. L’erogazione dei servizi online sarà consentita dall’integrazione dei sistemi di back-office anche di terze parti in cooperazione applicativa con il front-end (SUS- sportello unico dei servizi).

Come noto l’interoperabilità e la cooperazione applicativa presuppongono standard e procedure unificati per lo scambio di dati e servizi fra le applicazioni diverse di un ente o di più enti. I Master Data Management (MDM) già definiti e operativi nella Regione Friuli Venezia Giulia sono quelli dei procedimenti, delle strutture organizzative, dei soggetti e dei progetti: essi consentono una gestione consistente dei dati essenziali per gli obiettivi dell’ente.

Servizi per i cittadini e le imprese

L’attenzione della Regione Friuli Venezia Giulia all’interazione con cittadini e imprese si è espressa nel tempo con la creazione di servizi digitali accessibili attraverso un sistema d’identità digitale federata, Login FVG, che si integra con le soluzioni applicative utilizzate dagli Enti locali/regionali e dai cittadini e che è già attivo dal 2009. Successivamente il paradigma mobile first ha indirizzato le scelte verso la reingegnerizzazione di siti in modalità resposive e la creazione di nuovi servizi on line fruibili in situazione di mobilità. Inoltre in linea con le direttive Agid tutti i servizi nuovi e vecchi prevedono l’accesso mediante il Sistema Unico d’Identità Digitale (SPID) e sono resi disponibili dal portale regionale dei Servizi al Cittadino, anticipatore della Casa del Cittadino definita dall’Agid.

Nell’ottobre del 2014 la Regione Friuli Venezia Giulia ha aderito a PagoPA, il Sistema Nazionale per i pagamenti elettronici, non solo in qualità di beneficiaria dei pagamenti ma anche come intermediario tecnologico per gli enti del territorio. Oltre 100 Enti si sono già accreditati al nodo nazionale appoggiandosi alla piattaforma regionale. Tutti i servizi di pagamento online come i ticket sanitari, i pasti per la mensa scolastica, i diritti per il sistema tavolare, ecc.., sono fruibili dal portale regionale dei servizi al cittadino.

La Regione Friuli Venezia Giulia mette a disposizione gratuitamente il Portale SUAP in Rete per la gestione digitale delle procedure di insediamento, avvio e svolgimento delle attività produttive, offrendo un punto unico di contatto fra il cittadino imprenditore e la Pubblica Amministrazione congiuntamente alla banca dati unificata regionale dei procedimenti e della modulistica in formato aperto ai sensi della L.R. 3/2001, contenente schede informative, descrizione dei procedimenti e modulistica, frutto di un’interpretazione autentica da parte della Regione che la rende un riferimento per tutto il territorio.

Sanità digitale

Nella Sanità il passaggio al digitale è sempre più concreto, la piattaforma SESAMO, SErvizi SAlute in MObilità, mette a disposizione delle persone gli strumenti per poter non solo consultare la propria storia sanitaria in modo protetto e riservato, essendo stato attivato il Fascicolo Sanitario Elettronico (FSE), ma anche di disporre di informazioni sanitarie aggiornate in tempo reale ed interagire con i servizi sanitari in modo semplice e chiaro stando comodamente davanti al pc di casa o usando strumenti in mobilità (tablet e smartphone).

Attraverso il Fascicolo Sanitario Elettronico ogni assistito del SSR, nel pieno rispetto della privacy, ha l’opportunità di consultare e ricevere le informazioni cliniche che lo riguardano e che, nel corso del tempo, costituiscono la “storia clinica personale”: dati e documenti sanitari relativi a eventi clinici, anche passati, quali referti, verbali di pronto soccorso, lettere di dimissione ospedaliera, ecc. Inoltre il cittadino può inserire al suo interno documenti sanitari in suo possesso, ad esempio referti di strutture non convenzionate o rilasciati da specialisti consultati in forma privatistica. La riservatezza è garantita dall’accesso mediante un sistema di autenticazione forte ovvero tramite smart card – Carta Regionale dei Servizi attiva – o tramite credenziali SPID. L’attivazione del FSE è una scelta libera, personale e facoltativa e si concretizza solo previo esplicito consenso.

Dalla piattaforma SESAMO sono fruibili anche numerosi altri servizi come il pagamento di ticket che si avvale del sistema PagoPA, la prenotazione di una prestazione, ecc…

Scuola e competenze digitali

La Regione promuove percorsi di formazione sulle nuove tecnologie per la Pubblica Amministrazione, le imprese e i cittadini con l’obiettivo di formare una comunità di utenti capaci di accogliere e mettere pienamente a frutto il potenziale delle tecnologie digitali.

Interventi di formazione permanente, integrati e coordinati sul territorio, in presenza e da remoto (eLearning), supportati da piattaforme adeguate, consentono di ridurre il gap di competenze sulle nuove tecnologie che riguarda in particolare le fasce più anziane della popolazione e che rappresenta una delle principali espressioni del divario digitale ancora presente in diverse aree del territorio regionale.

L’Accademia Digitale FVG, una delle iniziative promosse nell’ambito del Sistema Informativo Integrato Regionale, offre un’ampia offerta formativa tesa a rafforzare le competenze digitali di tecnici e funzionari della Pubblica Amministrazione e della Sanità.

Inoltre contribuisce alla riduzione del digital divide avviando corsi di alfabetizzazione informatica rivolti ai cittadini e promuovendo progetti per consentire alla maggior parte della popolazione di utilizzare i servizi online della P.A. come ad esempio i Punti Pasi e Centri Didattici Digitali.

Sicurezza

La Regione Friuli Venezia Giulia pone in primo piano il problema della sicurezza nell’ambito dell’ICT, adottando un approccio al rischio in conformità allo standard internazionale UNI CEI ISO/IEC 27001:2014. Esso comprende misure di sicurezza a livello fisico, logico e organizzativo a copertura dei seguenti ambiti: politiche per la sicurezza delle informazioni, organizzazione della sicurezza delle informazioni, sicurezza delle risorse umane, gestione degli asset, controllo degli accessi, crittografia, sicurezza fisica e ambientale, sicurezza delle attività operative, sicurezza delle comunicazioni, acquisizione sviluppo e manutenzione dei sistemi, relazioni con i fornitori, gestione degli incidenti relativi alla sicurezza delle informazioni, aspetti relativi alla sicurezza delle informazioni nella gestione della continuità operativa e conformità.

Inoltre nel 2005 nasce il CERT-RAFVG, la struttura che eroga servizi per la sicurezza informatica in conformità alle indicazioni fornite nel “Handbook for CSIRTs” (Computer Security Incident Response Team).

Nell’anno in corso con l’adozione del regolamento europeo “General data protection regulation” (GDPR), la Regione ha intrapreso tutte le attività necessarie, sia organizzative che tecnologiche, atte a garantire l’adeguata protezione dei propri dati, di quelli della sanità e degli enti locali, ospitati nella propria server farm. Ha inoltre avviato la realizzazione di servizi per supportare gli enti nella gestione degli obblighi derivanti dal citato regolamento, quali ad esempio la valutazione delle vulnerabilità dei sistemi, l’inventariazione centralizzata dei beni ICT, il potenziamento del servizio antivirus e la sua estensione ai device mobili, ecc.. Inoltre la Regione supporta gli enti del territorio nell’applicazione del suddetto regolamento mediante l’erogazione di corsi e seminari sia al personale tecnico sia a quello amministrativo.

WHITEPAPER
Perché impostare una strategia di manutenzione dei server?
Datacenter
Sicurezza
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 4