pa digitale

App IO per le liste d’attesa in Sanità: l’esperienza della ASL Barletta-Andria-Trani

La ASL della provincia di Barletta-Andria-Trani (BT) sta sperimentando l’uso dell’app IO nell’ambito delle prenotazioni delle prestazioni sanitarie, con l’invio agli assistiti di messaggi di reminder così da arginare il problema delle liste d’attesa infinite

09 Dic 2020
Maria Cammarrota

Dirigente Servizio Sistemi Informativi ASL BT

Donato Montaruli

Dirigente Servizio Sistemi Informativi ASL BT

comunicazione sanità - fascicolo sanitario elettronico

I prossimi mesi vedranno impegnate molte Amministrazioni Pubbliche nello strutturare i loro processi affinché contemplino, tra i canali disponibili per l’erogazione dei propri servizi, quello dell’app IO.

La ASL della provincia di Barletta-Andria-Trani (BT) si è portata avanti con la sperimentazione quale primo servizio sulla Piattaforma IO quello riguardante le prenotazioni delle prestazioni sanitarie, ed in particolar modo i messaggi di reminder, così da arginare l’annoso problema delle infinite liste d’attesa che spesso mal si conciliano con i bisogni di assistenza dei cittadini.

Revisione dei processi interni, primo passo verso il digital & mobile first

La sperimentazione si inserisce nel solco della linea del Governo, ormai tracciata: prima con il decreto Semplificazioni, poi con il nuovo Piano Triennale per l’Informatica nella PA 2020-2022, è stata ratificata la roadmap per l’impiego sistemico dei servizi digitali in modo sempre più pervasivo, nel rapporto tra Pubblica Amministrazione e Cittadino.

WHITEPAPER
Una guida completa per le nuove direttive sull'affidamento degli appalti del PNRR

Su questa scia, la ASL BT ha adottato come paradigma evolutivo delle proprie infrastrutture tecnologiche, approfittando di una fase di reingegnerizzazione dei processi interni, quello di strutturare tutte le evoluzioni tenendo fortemente in considerazioni i princìpi guida, così come declinati nel Piano Triennale.

La più recente è sicuramente la reingegnerizzazione del modello di gestione del Centro Unico di Prenotazione (CUP) aziendale, che ha soppiantato i tradizionali canali di pagamento con quello dei pagamenti elettronici.

Per realizzare questa integrazione è stato frapposto un “orchestratore” che si pone come interlocutore tra le applicazioni di backoffice, che hanno necessità di “esigere” un credito”, e la piattaforma Regionale dei pagamenti, quale intermediario con il Nodo nazionale.

L’app IO per pagare e ricordare

La ASL BT ha adottato un suo Piano. All’interno del PAGLA (Piano aziendale governo lista d’attesa) sono previste diverse azioni per l’ottimizzazione della gestione delle liste. Una di queste riguarda proprio il recall, da parte di alcuni operatori del CUP, sui recapiti telefonici forniti dagli assistiti. È facilmente comprensibile la difficoltà di una comunicazione necessariamente online, fatta di mille problematiche diverse: non raggiungibilità del numero, numero non corretto/esistente, segreteria telefonica, …).

Questa attività di reminder ha degli obiettivi ben precisi: ricordare l’approssimarsi dell’appuntamento, evitare i mancati appuntamenti e liberare slot nelle agende, onde consentire di ottimizzare le liste d’attesa, avvantaggiando in special modo le urgenze.

È importante evidenziare che il risvolto negativo della mancata presentazione all’appuntamento, casomai per dimenticanza, sta nel dover corrispondere per intero il ticket della prestazione, come se questa fosse stata usufruita, più ulteriori costi relativi a sanzioni e spese per le attività di recupero crediti.

Non trascurabile, altresì, per lo sforzo posto in campo, è la pesante organizzazione della macchina amministrativa del servizio di “Recupero Crediti” che vede impegnati diversi funzionari per la verifica degli elenchi di coloro che, a vario titolo, hanno disertato l’appuntamento. La preparazione e l’invio di lettere di contestazione, con la non trascurabile onerosità della gestione delle controdeduzioni effettuate, ingenera un circolo vizioso di infinita burocrazia, con impatto negativo nella value chain.

Proprio grazie all’app IO si tenterà di ridimensionare questo annoso problema, replicando questa azione di reminder, attraverso l’invio un messaggio di promemoria, circa una settimana prima dell’appuntamento, con il quale si ricorderà dell’appuntamento e si esplicheranno tempi e modalità per la disdetta. È già in cantiere un’evolutiva di questo servizio, che consentirà, una volta implementata, la disdetta dell’appuntamento direttamente dall’app IO tramite il click sul link contenuto nel messaggio di promemoria.

Quando tutti avremo l’app IO installata sullo smartphone o tablet, sicuramente l’efficacia di questo genere di servizi sarà molto maggiore, poiché il messaggio di promemoria, oltreché l’appuntamento nel calendario, è sempre lì, pronto per essere consultato tutte le volte che serve, casomai in modalità push.

Nella fase di analisi per l’integrazione di IO nei processi di prenotazione, pagamento, promemoria, disdetta di una prestazione sanitaria, è fondamentale coniugare una serie di aspetti tutti ugualmente importanti.

Il primo è quello di garantire una buona esperienza utente che tenga conto della novità tecnologica cercando di semplificare quanto più possibile il linguaggio del messaggio veicolato, in considerazione del fatto che il target dell’utenza a cui tale servizio è destinato, per oltre l’80%, è fatto di adulti ultrasessantenni.

Il secondo aspetto è quello di assicurare, trattandosi di ambito sanitario, il giusto equilibrio tra chiarezza del messaggio, esperienza e corretto trattamento dei dati, evitando un uso eccessivo di informazioni che esorbitino quelle di stretta pertinenza del servizio che si sta erogando.

A tal proposito è stata prestata particolare attenzione perché non venisse inviata alcuna email all’indirizzo registrato sull’app, pur se settato per farlo, sovrascrivendo l’impostazione attraverso un’apposita impostazione del metadata (require-secure-channel=true) mediante uno degli Update Services come da specifica riportata nel sito web di tutte le API di IO (https://developer.io.italia.it/openapi.html).

Last but non least, la chiarezza nelle procedure formali a tutela di possibili risvolti onerosi per la mancata adozione di azioni necessarie. Per essere più chiari, nei messaggi di conferma e pagamento e nei messaggi di promemoria dell’approssimarsi dell’appuntamento, si ricorda di disdire in tempo utile, pena il pagamento della prestazione anche senza averne usufruito.

Conclusioni

Con questo progetto la Asl BT vuole continuare nel percorso già iniziato e definito da Agid nel Piano Triennale per l’Informatica nella PA che vede il cittadino al centro dei servizi erogati dalla Pubblica Amministrazione, semplificandone l’accesso e la loro fruizione. Vi è altresì anche l’indubbio vantaggio della semplificazione della stessa azione amministrativa della PA, liberando risorse utili per altre attività.

Di certo c’è ancora tanto da fare. In primis, scardinare la convinzione diffusa che l’innovazione passi attraverso l’adozione di un software o di una app. Lo snodo centrale in ambito di trasformazione digitale passa necessariamente dalla rivisitazione dei processi interni di una PA in chiave digitale, sfruttando quelle piattaforme abilitanti che sono già a disposizione. L’azione della Asl BT va in questa direzione. Siamo fermamente convinti dell’importanza di avere una visione strategica che promuova e diffonda la cultura del digitale, non solo come servizio al cittadino, ma come modus operandi all’interno della Pubblica Amministrazione. È altresì indispensabile mettere a fattor comune le esperienze innovative realizzate all’interno della PA, promuovendo un processo di mutua collaborazione fra i dirigenti con competenze digitali, creando una “rete” che aiuti nel confronto, nella condivisione di esperienze, nei fabbisogni e nelle criticità, in modo da poter replicare soluzioni, tecniche e buone pratiche in tutte le PA. Il percorso, dunque, è lungo, ma la direzione è quella giusta!

WHITEPAPER
I trend che stanno trasformando strumenti e processi nel Monitoring
Digital Transformation
Finanza/Assicurazioni
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
PA
Sostemibilità
Analisi
Formazione
Salute digitale
Sicurezza
Sostenibilità
Digital Economy
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 4