il commento

Capitanio: “Digitale, bene un sottosegretario ma serviva un ministero. Ecco le sfide per il nuovo Governo”

Un ministero ad hoc e con portafogli, forse, sarebbe stata la chiave di volta definitiva per concentrare tutte le competenze in un solo luogo, evitando inevitabili rimandi. Ma Giorgia Meloni ha optato per un sottosegretario. Ora il Governo dovrà evitare alcuni rischi di atomizzazione

26 Ott 2022
Massimiliano Capitanio

Commissario Agcom, già Camera dei Deputati, Lega

giorgia meloni digitale

I 40 miliardi che il PNRR stanzia per la digitalizzazione del Paese, a cui si aggiungono i fondi della Missione 6 per la digitalizzazione del sistema sanitario nazionale e per la telemedicina, spiegano da soli la crucialità di questa sfida per l’Italia e, naturalmente, anche per l’Europa.

Questa transizione, allo stesso livello di quella ecologica, è la chiave di volta per un Paese che voglia essere sicuro, sovrano e proiettato al futuro.

Perché servirebbe un ministero ad hoc (ma ci sarà un sottosegretario)

Il presidente del Consiglio, Giorgia Meloni, dopo i malumori per la scelta di non confermare un ministero per la Transizione digitale, ha rassicurato che “il dipartimento sarà affidato a un sottosegretario alla presidenza del Consiglio e non si perderà un minuto del lavoro fatto che anzi sarà rilanciato”.

WHITEPAPER
Supply Chain: ecco come ottenere un tracciamento trasparente grazie all'IoT
IoT
Industria 4.0

Un ministero ad hoc e con portafogli, forse, sarebbe stata la chiave di volta definitiva per concentrare tutte le competenze in un solo luogo, evitando inevitabili rimandi tra Presidenza del Consiglio e Ministero dello Sviluppo economico, passando a volte anche da Ministero della Cultura, Ministero della Pubblica Amministrazione e Ministero delle Infrastrutture. Così come era avvenuto per semplificare la burocrazia, la metafora sarebbe stata quella di attivare una sorta di Sportello unico per il digitale, un ministero per le Infrastrutture digitali e per l’innovazione che rispondesse agli auspici del settore.

Quando temo la atomizzazione dei provvedimenti penso ad esempio agli ultimi provvedimenti del Governo uscente: il ministero della PA che, in autonomia, decide di affidare a una società privata la concessione gratuita di Spid per i dipendenti pubblici, il ministero degli Interni che rivoluziona le funzioni della carta di identità elettronica mettendo a rischio la sussistenza dello stesso Spid, oggi in mano a 30 milioni di italiani, ma anche il direttore dei Monopoli che annuncia la possibilità per i tabaccai di non accettare pagamenti digitali per valori bollati e sigarette. Segnali della necessità di un coordinamento nelle iniziative.

Le sfide del nuovo Governo e il ruolo di Agcom

La sfera della digitalizzazione, insieme all’innovazione, racchiude le partite della cybersicurezza, delle infrastrutture delle tlc, della semplificazione della Pubblica Amministrazione, di una moderna formazione dei nostri giovani per ancorarli al mondo del lavoro, dello sviluppo delle imprese, ma anche della sostenibilità ambientale, dell’offerta turistica integrata e di molto altro.

Agcom accompagnerà il Paese in questa affascinante sfida perché il tema della digitalizzazione va affrontato sotto il profilo “hardware” della infrastruttura e della rete, ma anche sotto quello “software” dei contenuti e della responsabilizzazione di chi li fa circolare.

Software: adozione del nuovo quadro regolamentare

Siamo, infatti, al crocevia di due momenti fondamentali: da un lato l’Europa ha assistito a un imponente processo di adeguamento e aggiornamento del quadro giuridico di riferimento con l’adozione del Nuovo Codice europeo delle comunicazioni elettroniche, della Direttiva sui servizi media audiovisivi, della Direttiva quadro in materia di diritto d’autore, delle disposizioni per le piattaforme contenute nel Regolamento sul “Platform to business”. Agcom sarà chiamata a “mettere a terra” la regolazione di dettaglio.

Dall’altro lato, la stagione di fermento e di grande innovazione normativa nel settore digitale ha messo sul tavolo atti come il Digital markets Act e il Digital Services Act la cui implementazione è di particolare interesse per tutte le autorità di settore, soprattutto in vista dell’individuazione del Digital Services Coordinator per cui Agcom rappresenta certamente un candidato naturale.

Non ha ancora attirato l’attenzione che si merita il recentissimo Regolamento denominato “European Media Freedom Act” (EMFA) pubblicato lo scorso 16 settembre dalla Commissione europea. Il provvedimento si prefigge, tra l’altro, di proteggere il pluralismo e l’indipendenza dei servizi di media e di introdurre nuove regole destinate ad incidere sui servizi di media pubblici e commerciali, sulla stampa e sulle radio, sulle piattaforme online, nonché sui governi e sulle autorità di regolamentazione dei media.

Media Freedom Act, al via la legge Ue sulla libertà dei media: obiettivi e problemi applicativi

Ciò che deve destare un certo interesse è proprio il fatto che la proposta parte da un punto saldo: il riconoscimento dell’informazione come bene pubblico. L’esigenza di tutelare l’indipendenza dei media a livello dell’Unione Europea, anche da minacce esterne si configura come un item fondamentale nell’agenda del legislatore eurocomunitario. Non è un caso, infatti, che quest’ultimo abbia deciso di utilizzare uno strumento come il Regolamento, invece delle tradizionali Direttive. Per loro stessa natura, infatti, i Regolamenti sono immediatamente applicabili negli Stati membri e dettano un’armonizzazione minima del quadro regolamentare al di sotto del quale ogni Paese membro non può attestarsi.

Non si tratta di un elemento di poco conto se consideriamo che in forza della cosiddetta libertà di stabilimento i soggetti regolati possono essere stabiliti in uno dei qualsiasi Paesi membri per cui si applica il frame normativo vigente in quel paese; quindi, assicurarsi che questi ultimi adottino regole minime comuni rappresenta una maggior tutela per tutti gli utenti europei, a prescindere dal paese di provenienza. E questo passaggio è cruciale in vista di una omogeneità nei provvedimenti di settore.

Sebbene siamo ancora in un fase iniziale di adozione del regolamento l’Autorità ne sta seguendo attivamente l’iter ed è coinvolta nel dibattito istituzionale sotto diversi profili per far sì che anche la posizione italiana sia tenuta in debita considerazione in fase di revisione del regolamento stesso, anche nell’attesa di ereditare dal regolatore francese ARCOM la presidenza dell’ERGA ossia il gruppo dei regolatori dell’Audiovisivo europei, organo che più da vicino segue l’iter di approvazione del Regolamento in tutti i paesi membri. Per questo l’Autorità acquisirà un ruolo chiave nell’implementazione dell’EMFA nei prossimi mesi.

Hardware: la nuova rete

Inutile negare, poi, anche il ruolo fondamentale che giocheranno anche i progetti da attuare nell’ambito del PNRR che lambiscono, non in via incidentale, gran parte dei mercati regolati da Agcom soprattutto nelle comunicazioni elettroniche.

Agcom ha un ruolo proattivo e rilevante nell’attuazione del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR), con riferimento ai Piani di intervento pubblico previsti nella “Strategia italiana per la Banda Ultra Larga – Verso la Gigabit Society”, in particolare, in relazione al “Piano Italia a 1 Giga” e al “Piano 5G”.

Inoltre, sempre in relazione allo sviluppo della rete l’Autorità ha emanato le Linee guida che identificano le condizioni di accesso wholesale alle reti a banda ultra-larga destinatarie di contributi pubblici. Un analogo provvedimento è stato assunto anche per le reti 5G.

Continuano ovviamente, in coordinamento con il MiSE, le attività annesse alla gestione del radio spettro per una efficiente allocazione delle risorse frequenziali non solo per quanto attiene lo sviluppo del 5G ma anche e soprattutto il refarming della banda 700 MhZ per i broadcaster e le attività di pianificazione delle frequenze per la DAB Radio.

Un certo interesse è stato poi suscitato da due procedimenti che hanno avuto come protagonisti TIM e DAZN. Nel primo caso parliamo dell’Offerta di coinvestimento presentata da TIM per la realizzazione di una nuova rete ad alta capacità, ai sensi degli artt. 76 e 79 CECE. Si è trattato del primo procedimento di questo genere in Europa sebbene abbia ora registrato una battuta di arresto e sia allo stato al vaglio dell’Autorità;

Nel secondo il riferimento è ovviamente all’offerta di contenuti televisivi premium, relativamente alla trasmissione in live streaming delle partite di serie A da parte di DAZN.

Questo ha permesso di agire su tre diversi ambiti la tenuta della rete, la qualità delle trasmissioni e tutela dei consumatori, la rilevazione degli ascolti. Fondamentale il passaggio sulla tenuta della rete anche alla luce del dibattito quanto mai cruciale sulla possibilità che gli OTT contribuiscano economicamente alla infrastrutturazione digitale del Paese.

Quanto al dibattito sulla rete unica, entrato anche nell’agenda del nuovo Governo Meloni, l’obiettivo dell’Autorità di concerto con la Commissione europea con le altre autorità nazionali di regolazione e con i Ministeri competenti è quello di favorire lo sviluppo di un ecosistema digitale equo, trasparente e non discriminatorio, in cui siano rispettati i diritti di libertà, il pluralismo informativo, la piena concorrenza, la tutela di utenti, consumatori e aziende che operano nel web.

E tra queste tutele non posso non citare il contrasto alla pirateria audiovisiva che sottrae al sistema Paese 1,7 miliardi ogni anno, oltre a decapitare migliaia di posti di lavoro e mettere a repentaglio la sicurezza dei dati dei cittadini, corresponsabili a volte inconsciamente di questi reati.

Perché la digitalizzazione è, forse in primis, una urgente rivoluzione culturale.

WHITEPAPER
Smart building: una guida per semplificare la progettazione della rete
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 4