OPEN DATA

Creare valore da ogni singolo dato: ecco il modello del Trentino (che guarda all’Europa)

Il sistema trentino si è attrezzato per trasformare in dati riusabili tutte le informazioni che transitano sui portali istituzionali, creando una struttura condivisa per i dati fra tutti gli enti e sviluppando, a livello di attività dei singoli comuni, sistemi che rendono il cittadino sia produttore che consumatore di dati

04 Mag 2017
big data

Partendo dalla mappa presentata da AgID al  webinar per il lancio del nuovo portale nazionale dati.gov.it, vorremmo proporre alcune riflessioni sul processo di valorizzazione dei patrimoni informativi del servizio pubblico nazionale, dal punto di vista dei singoli territori.

La mappa è quella che mostra i cataloghi che oggi in Italia espongono dati aperti.

Si osserva una buona diffusione a livello nazionale dei nodi impegnati nel processo di apertura dei dati pubblici; una buona distribuzione policentrica con un processo che evidentemente è avviato e che nei prossimi anni è molto probabile vada avanti cambiando il nostro modo di essere pubblica amministrazione.

I dati sono la materia prima del cambiamento oggi in atto, il riuso dei dati e delle soluzioni per leggerli, interpretarli, incrociarli, trovare le conoscenze, quando e dove ci servono: tutto questo difficilmente si arresterà nei prossimi anni.

In altre parole, quello che molto probabilmente accadrà a questa mappa, nei prossimi mesi ed anni, sarà di passare da un modello a nodi scollegati ad un modello territoriale connesso.  Come già è evidente per il Trentino, anche le altre regioni, troveranno il modo per rendere diffuso a livello di ogni piccolo comune questo processo di cambiamento.

Ecco come abbiamo fatto in Trentino.

Grazie ad un modello federato fra i livelli provinciali e comunali delle pubbliche amministrazioni e grazie soprattutto all’impegno su questi temi del Consorzio dei Comuni Trentini, ogni attore del sistema pubblico trentino ha trovato il suo modo per partecipare a questo flusso di cambiamento.

Con le “Linee guida per la valorizzazione del patrimonio informativo provinciale” il Progetto Open Data in Trentino ha messo in evidenza e ha posto a sistema l’esperienza sviluppata  con ComunWeb, la piattaforma che gestisce la comunicazione digitale degli enti locali, che ha trasformato i semplici siti web dei comuni in strumento di modellazione e strutturazione dei dati pubblici, consultabili dai cittadini in tanti modi diversi (calendari di eventi, mappe geografiche con i punti di interesse, grafici interattivi che misurano le performance dell’ente, tabelle con i dati obbligatori per la trasparenza, …).

All’insegna di “nessuna informazione va sprecata perché ha un potenziale valore economico di interesse collettivo” il sistema trentino si è attrezzato per trasformare in dati riusabili tutte le informazioni che transitano sui portali istituzionali, creando una struttura condivisa per i dati fra tutti gli enti e sviluppando oggi a livello di attività dei singoli comuni sistemi che rendono il cittadino sia produttore che consumatore (prosumer) di dati come nel caso del calendario degli eventi di ViviAla, in cui le associazioni partecipano alla creazione del calendario culturale locale via web, attraverso un processo di concertazione condivisa degli eventi; anziché pubblicare nuovi eventi o aggiornare i profili delle associazioni, l’ente abilita un processo che consente di diffondere su più canali (sito web, registro delle associazioni, app eventi, portale europeo degli Open Data, ecc.) dei dati che vengono generati ed aggiornati in tempo reale da parte di chi detiene il sapere all’origine (fonte) ed ha la motivazione di dettagliare le informazioni (dato di alta qualità).

Per il catalogo dati.trentino.it, quanto sviluppato dal Consorzio dei Comuni Trentini ha significato arricchire di una nuova e peculiare fonte di dati i nostri cataloghi open data.  Oltre ai dati che arrivano dai sistemi gestionali; oltre a quelli che arrivano da sensori e oltre ai dati autoprodotti; oggi ogni più piccolo comune è in grado di rendere “riusabili dalle macchine” le informazioni  relative alle sue attività, lungo tutta la filiera degli open data, da ComunWeb, passando per  dati.trentino.it, quindi su dati.gov.it e a chiudersi sull’European data portal.

Ma perché e per chi stiamo facendo tutto questo? Perché stiamo aumentando i valore dei dati raccolti dalle pubbliche amministrazioni?  Come mai si riesce a lavorare allineati fra amministrazioni che hanno contesti istituzionali e organizzativi diversi dietro?

Crediamo sia stato cruciale rendersi conto che il principale beneficiario delle politiche di Provincia e Comuni è sempre il medesimo e cioè  il cittadino: siano essi famiglie, giovani, adulti,  imprese esistenti o quelle che verranno. Questo cittadino è sempre la stessa persona, sono i livelli amministrativi che cambiano, siano essi una regione, un paese o in generale l’unione europea.

In altre parole, ogni diverso livello amministrativo europeo, sta lavorando per rispondere alle esigenze di un medesimo utente che sempre meno vede le sue azioni e le sue esigenze chiuse dentro confini amministrativi o geografici e gli open data si stanno dimostrando essere un importante aiuto verso questa nuova grande pubblica amministrazione fatta di servizi per cittadini dentro un unico spazio digitale europeo.

Se si guarda allora a quella mappa, è chiaro immaginarsi che a breve, in modo neutro dalle tecnologie ma centrato invece sulle regole di scambio di questi dati, la diffusione di quei nodi per i dati aperti avrà una forma sempre più estesa sui territori e sarà sempre più connessa ed interoperabile, e sempre più si potrà parlare di “servizi web – open service – basati su una struttura dati condivisa”.

Per realizzare questo è utile e necessario riferirsi a vocabolari standard, concordati su base europea. 

Per questo motivo siamo impegnati in processi che oltre ad aprire i nostri dati si preoccupano che la loro strutturazione, i vocabolari all’origine, sia la medesima delle altre regioni europee.

Per questo ci siamo impegnati attivamente, assieme alla provincia di Bolzano, per rendere applicabile sulle piattaforme CKAN il profilo per i metadati DCAT-AP-IT .

Per questo pensiamo che il lavoro sull’ontologia dei servizi pubblici di AgID il  CPSV-AP-IT  sia  un passaggio importante verso questa nuova pubblica amministrazione.

I nostri riferimenti oggi sono il programma ISA2;  le attività a livello centrale di AgID e del team per la trasformazione digitale che si concentrano su come strutturare i dati in modo cross border con strumenti e servizi web di facile accesso per le macchine su scala europea.  Pensiamo che lavorare assieme a tutte le regioni e ai nodi nazionali in questa direzione sia la chiave per accelerare processi di cambiamento e crescita grazie allo sviluppo di servizi web omogenei  che favoriscono lo sviluppo di una API economy.

Per approfondire

Il progetto open Data in Trentino

Il Consorzio dei ComuniTrentini

New European Interoperability Framework

https://teamdigitale.governo.it/

http://www.comunweb.it/

http://dati.trentino.it/

http://www.dati.gov.it/

https://www.europeandataportal.eu/

*I due autori sono, rispettivamente, responsabile del Progetto open data in Trentino per il Servizio Supporto alla direzione generale e ICT della Provincia autonoma di Trento e Consulente digitale per il Con­­­­sorzio dei Comuni Trentini

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
PA
Sostemibilità
Analisi
Formazione
Salute digitale
Sicurezza
Sostenibilità
Digital Economy
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 4