Rapporto Eurobarometer

Dati personali e fake news: ecco cosa chiedono i cittadini Ue ai Governi

Dal rapporto Eurobarometer emergono richieste chiare dei cittadini alle istituzioni per un maggior controllo sull’uso dei dati personali e per un supporto attivo nel contrasto alla disinformazione, con una crescente consapevolezza sul livello delle proprie competenze digitali. Verso l’accesso al digitale come diritto

06 Apr 2020
Nello Iacono

Coordinatore di Repubblica Digitale

digital services act

Questo periodo di emergenza sanitaria e di contenimento degli spostamenti ha portato in chiara evidenza che uso della tecnologia e pervasività del digitale sono elementi costituenti della nostra società. In questo contesto diventano fondamentali temi quali la disinformazione online e il livello delle competenze digitali, la corretta via tra uso di applicazioni per il contact-tracing e la privacy e il controllo sui dati personali. Uno spunto di riflessione ci viene dall’ultimo rapporto Eurobarometer  della Commissione Europea, basato su indagini realizzate a dicembre 2019, e quindi poco prima che si avesse un reale impatto in Europa dell’emergenza sanitaria.

Il rapporto misura l’atteggiamento nei confronti dell’impatto della digitalizzazione sulla vita quotidiana degli europei in 27 Stati membri dell’UE e nel Regno Unito. Copre diverse aree tra cui la digitalizzazione e l’ambiente, la condivisione di informazioni personali, la disinformazione, l’adeguatezza delle competenze digitali e l’uso dell’identità digitale. Ne viene fuori un quadro di progressiva consapevolezza sul digitale della popolazione, ma vengono evidenziate anche le carenze che sono ancora da colmare nell’approccio complessivo a questi temi da parte dei paesi europei (e quindi anche dalle politiche europee).

Margrethe Vestager, Vicepresidente esecutivo della Commissione Europea per “A Europe Fit for the Digital Age”, nella sua dichiarazione di accompagnamento al rapporto riflette pienamente questo stato del percorso europeo: “La nostra strategia digitale non consiste nel rendere l’Europa più simile alla Cina o negli Stati Uniti, ma nel rendere l’Europa più simile a se stessa. Il nuovo sondaggio conferma che gli europei sono consapevoli delle nuove opportunità che il digitale offre alle loro vite. Allo stesso tempo, vogliono anche un migliore controllo sulla loro identità digitale e sul modo in cui i loro dati vengono utilizzati. La nostra strategia mira a garantire che possiamo sfruttare appieno i vantaggi che le tecnologie digitali ci offrono. ”

Ma vediamo i risultati del rapporto per area analizzata.

Il Rapporto Eurobarometer

Sostenibilità

Quasi 8 intervistati su 10 ritengono che i produttori dovrebbero essere tenuti a semplificare la riparazione dei dispositivi digitali, con il 64% (53% il dato per l’Italia) che desidera continuare a utilizzare i propri dispositivi attuali per almeno 5 anni e l’85% disposto a riciclare quelli vecchi (con la principale condizione, per gli intervistati italiani, che non ci siano rischi per la propria privacy).

WHITEPAPER
ServiceNow: il caso concreto di un’azienda di successo nel Customer Service
Software
Competenze Digitali

Inoltre, solo 3 intervistati su 10 affermano che le informazioni sul consumo energetico legato all’utilizzo diservizi online, come le piattaforme di streaming video o musicali, influenzerebbero il loro utilizzo di tali servizi.

Condivisione dei dati e identità digitale

Complessivamente, il 59% degli intervistati sarebbe disposto a condividere alcune delle proprie informazioni personali in modo sicuro per migliorare i servizi pubblici. In particolare, la maggior parte degli intervistati è disposta a condividere i propri dati per migliorare la ricerca e l’assistenza medica (42%), migliorare la risposta alle crisi (31%) o migliorare i trasporti pubblici e ridurre l’inquinamento atmosferico (26%). Simile graduatoria anche per gli intervistati italiani, con una percentuale però più bassa (37%) anche per l’ambito sanitario,comunque primario.

D’altra parte, la richiesta di avere un ruolo più attivo nel controllo dell’utilizzo dei propri dati è condivisa dal 58% degli intervistati europei, mentre in Italia si raggiunge il 63% con il 19% sulla posizione più estrema (nessuna condivisione per nessuna ragione). Interessante notare come la sensibilità sia molto alta in Spagna (74%) e molto bassa in Germania (45%).

La stragrande maggioranza degli intervistati che utilizzano i loro account di social media per accedere ad altri servizi online (72%) vuole sapere come vengono utilizzati i loro dati (l’Italia è in linea con questo dato). Una grande maggioranza (63%) ritiene utile disporre di una unica identità digitale sicura che possa servire a tutti i servizi online e dare loro il controllo sull’uso dei propri dati. Gli intervistati italiani appaiono rispetto alla media europea più convinti di questo (66%, rispetto al 57% della Germania).

Disinformazione

Il 71% degli intervistati afferma di incontrare notizie false più volte al mese o più spesso. Almeno due terzi affermano di imbattersi in notizie false almeno una volta alla settimana a Malta (73%), Francia e Spagna (entrambi 66%), mentre la percezione in Italia è molto più bassa, raggiungendo solo il 41% degli intervistati.

La maggior parte degli intervistati ritiene inoltre che i media dovrebbero essere responsabili della lotta alla disinformazione, seguiti dalle autorità pubbliche e dalle piattaforme dei social media, mentre in Italia le responsabilità sono distribuite equamente tra questi tre soggetti e con percentuali minori, indice di una maggiore polarizzazione nelle risposte (era consentita la risposta multipla).

Dal punto di vista delle azioni da porre in essere da parte delle autorità pubbliche l’autoregolamentazione è individuata solo dal 22% degli intervistati, mentre prevale la richiesta di aiuto a individuare la disinformazione (46%, mentre in Italia è il 43%), seguita da quelle di intervenire su chi diffonde disinformazione e di regolamentare le piattaforme di social media. Solo un intervistato su tre chiede la promozione di servizi di fact-checking.

Competenze digitali

Rispetto all’adeguatezza delle proprie competenze digitali, gli intervistati italiani esprimono una valutazione inferiore alla media europea e soprattutto in tendenza negativa rispetto alla rilevazione del 2017, mentre quella europea è in crescita, sia in ambito lavorativo (71% degli italiani, in discesa dell’8%, rispetto al 79% della Spagna e al 90% della Germania) e quotidiano (57%, in discesa dell’11%, rispetto al 64% della Francia e all’80% della Germania). La percezione degli intervistati italiani è in linea con i dati Istat-Eurostat, per cui le percentuali ci collocano nelle ultime posizioni, e questo però evidenzia consapevolezza dei limiti, base sana per uno sviluppo rapido.

Interessante il fatto che tra le barriere al miglioramento delle competenze sia posta dagli italiani in primo piano la mancanza di opportunità di formazione (il 30%, unico Paese in cui primeggia questa barriera, negli altri Paesi di riferimento come Spagna, Francia e Germania questo valore è intorno alla media europea del 22%), mentre la mancanza di tempo è scelta dal 27% degli intervistati, in linea con gli altri Paesi europei (solo in Spagna questa risposta svetta al 34%). Da notare che la risposta “non sento il bisogno di migliorare le mie competenze” è scelta dal 24% degli intervistati italiani, in media europea, mentre raggiunge il 50% in paesi come il Portogallo.

Acquisti online transfrontalieri in Unione Europea

La maggioranza (62%) degli intervistati utenti di Internet afferma di non aver effettuato acquisti online da altre paese UE, il che è confermato anche per l’Italia (65%) e sono pochi i Paesi in cui si registrano maggioranze inverse (come Belgio, Francia, Irlanda, Danimarca). La motivazione principale è la mancanza di necessità o il non volere effettuare acquisti online (45% per l’Italia) tranne che nei Paesi Bassi, dove prevale il non volere acquistare da siti di altri Paesi UE (in Italia questa motivazione è rilevante anche se con percentuale più bassa del 32%).

Intelligenza artificiale (IA)

Rispetto a dati di novembre 2019 (nell’ambito del rapporto Eurobarometro standard) sono state verificate anche le percezioni della popolazione relative all’intelligenza artificiale.

Circa la metà degli intervistati (51%, anche tra gli italiani) ha affermato che è necessario un intervento pubblico per garantire applicazioni etiche di IA. La metà degli intervistati (50%) menziona il settore sanitario come l’area in cui l’IA potrebbe essere più vantaggiosa (43% tra gli italiani dove è anche significativa l’indicazione dei temi ambientali, 34%). Una forte maggioranza (80%) degli intervistati pensa che dovrebbero essere informati quando un servizio digitale o un’applicazione mobile utilizza l’IA in varie situazioni.

Qualche spunto per l’Italia

La lettura di questi dati dell’Eurobarometro, interessanti in generale per interventi sulle diverse aree (ad esempio per incentivare il riciclo dei dispositivi), suggeriscono anche alcune riflessioni rispetto ad alcune questioni “calde” di queste settimane di emergenza. Provo a sintetizzarle.

Privacy, tracciamento e controllo dei dati

La richiesta di un maggiore controllo sull’uso dei propri dati è maggioritaria anche in Paesi con competenze digitali basse come il nostro e il bilanciamento tra l’allentamento dei diritti di privacy in casi eccezionali (per crisi come quella attuale o in generale per ragioni sanitarie) e la salvaguardia del controllo diventa quindi essenziale. Applicando questi risultati al caso specifico delle applicazioni di contact-tracing, di cui tanto si parla in queste settimane per il contenimento del contagio, la richiesta che sembra emergere è quella di valutare con attenzione l’allentamento effettivamente necessario dei diritti di privacy, come sostengono diversi esperti e come ha messo in chiara evidenza il Garante della Privacy , definendo vincoli e limiti di tempi e di modi che tutelino i diritti dei cittadini. E associata è quindi la richiesta di verificare se quel tipo di applicazione, nel contesto italiano dell’evoluzione dell’epidemia, abbia un’efficacia sufficiente per giustificare l’allentamento in assenza di una possibilità effettiva di controllo da parte dei cittadini (in una situazione in cui potrebbe forse essere più utile, invece, spingere per una programmazione basata su modelli predittivi  ). In questo senso, tanto più i cittadini saranno messi nelle condizioni di controllo sull’uso dei propri dati (ad esempio seguendo la linea del progetto DECODE ) tanto più sarà possibile con maggiore tranquillità poter gestire momenti di eccezionalità. Per questo è sempre più urgente una strategia sui dati, versante sul quale si sta muovendo il MID.

Disinformazione e competenze digitali

La disinformazione online  è chiaramente un problema ancora più rilevante in un periodo di emergenza sanitaria come quello che stiamo vivendo, perché mina allo stesso equilibrio personale e sociale. L’aspetto da porre sotto particolare attenzione nel nostro Paese è che le forti carenze di competenze digitali, delle quali dal sondaggio si rileva una crescente consapevolezza, si associano a una difficoltà a percepire la presenza di fake news, che infatti risultano notevolmente sottovalutate.

Questo periodo di emergenza sta forzando l’uso dei servizi digitali e di Internet sia per ragioni di lavoro sia per migliorare una quotidianità vincolata dalle misure di contenimento, e se da una parte sta accelerando l’utilizzo di Internet e anche l’acquisizione di competenze digitali, dall’altro sta aumentando l’ampiezza della popolazione esposta alla disinformazione online. Su questo versante è pertanto fondamentale intervenire in modo profondo e duraturo con una strategia complessiva, oltre che con iniziative diffuse e di sistema, come si propone l’iniziativa Repubblica Digitale promossa dal MID.

Rendere organica e più facilmente fruibile l’offerta di formazione, come viene chiesto dal 30% degli intervistati, diventa certamente uno degli obiettivi prioritari (utilizzando anche i riscontri dall’attuale esperienza delle proposte formative gratuite di Solidarietà digitale ), così come dare evidenza, da parte delle istituzioni e dei media, soprattutto quelli pubblici, ad aree specifiche dedicate al contrasto della disinformazione, dando ai cittadini un supporto per quanto possibile organico su alcuni siti di riferimento (in questo periodo di emergenza sanitaria naturalmente quello del Ministero della Salute).

Ripartire

Se uso della tecnologia e pervasività del digitale sono elementi fondamentali della nostra società, è impossibile pensare a interventi di sviluppo sociale ed economico che non partano, in modo organico, dal rafforzamento di tutte le componenti chiave per l’uso efficace del digitale, come le infrastrutture tecnologiche, la diffusione dei dispositivi (innanzitutto computer e tablet), le competenze. Componenti chiave che diventano sempre più condizioni di cittadinanza e di partecipazione alla vita sociale e lavorativa. Condizioni per esercitare diritti, ma anche per lo sviluppo. Da garantire a tutti, sostanzialmente e non solo formalmente, in ambito italiano ed europeo.

Nel quadro strategico dell’Agenda 2030, e riprendendo l’idea chiave che il lavoro agile è una leva fondamentale per l’altra emergenza, quella climatica, grazie all’impatto rilevante sulla mobilità sostenibile, la misura della velocità della ripartenza italiana (ed europea) sarà probabilmente anche basata sulla capacità di investire su queste componenti chiave della nostra società.

WHITEPAPER
Smart working: perché conviene avere i device giusti
Risorse Umane/Organizzazione
Smart working
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 4