l'analisi

Domicilio digitale al rush finale: cosa manca per la grande svolta

Con la bozza di Decreto sul domicilio digitale del Mite ci avviciniamo al totale (o quasi) abbandono delle comunicazioni cartacee tra PA e cittadini. Ma manca ancora uno “switch off” importante, che è quello sui servizi online: occorre lavorare sulla semplificazione anche delle comunicazioni tra cittadini e PA

11 Ott 2022
Patrizia Saggini

avvocata, esperta di digitalizzazione della Pubblica Amministrazione

domicilio-digitale

La bozza di Decreto del Ministero per l’Innovazione tecnologica e la transizione digitale che ha per oggetto il Domicilio Digitale è stata sottoposta al parere della Conferenza Stato Regioni nei giorni scorsi; infatti già in una delle ultime modifiche del CAD pubblicata alla fine del 2017 sono stati modificati gli artt. 2 e 3 del D. Lgs. 82/2005, che riguardano proprio le modalità di comunicazione tra la Pubblica Amministrazione – e i gestori di pubblico servizio – e i cittadini, professionisti ed imprese.

Scorza, nuovo Cad: “Così cambierà la vita dei cittadini”

Il decreto si pone come l’ultimo tassello mancante sul tema delle comunicazioni digitali, visto che da tempo le imprese (sia società che unipersonali), e i professionisti iscritti ad Albi sono già obbligati ad avere un recapito digitale.

La questione del Domicilio Digitale può essere affrontata da diversi punti di vista:

  • da un lato c’è il tema – forse prevalente – della necessità degli enti pubblici di attivare modalità di comunicazioni elettroniche anche con i cittadini, che siano tracciate e diano la possibilità di abbandonare le modalità cartacee, con i costi materiali (carta, stampa, spese postali e difficoltà di recapito collegate) e di personale che queste comportano;
  • dall’altro lato, ci si pone il problema di garantire a tutte le categorie di cittadini la possibilità di entrare in possesso delle comunicazioni elettroniche da ricevere, anche tenendo conto delle situazioni di “digital divide” e più in generale di mancata alfabetizzazione sull’utilizzo degli strumenti informatici che ormai sono diventati di utilizzo comune.

Proprio su questo tema si era espresso il parere del Consiglio di Stato sulla modifica al CAD sopra citata, indicando la necessità di prevedere forme di “assistenza” per tutti coloro che non avessero la possibilità di avere una casella di Posta Certificata.

I passi avanti sul domicilio digitale dal 2018 a oggi

Dal 2018 ad oggi molti passi in avanti sono stati fatti:

  • è stata realizzata ed attivata l’infrastruttura per l’app IO, attraverso cui quotidianamente le Amministrazioni centrali e locali che hanno pubblicato i servizi disponibili possono inviare messaggi ai cittadini per inviare comunicazioni o richiedere pagamenti;
  • sono state pubblicate le Linee Guida sull’Indice Nazionale dei Domicili Digitali, che si aggiunge ad INI-PEC e ad IPA, che rispettivamente contengono i recapiti digitali di imprese e professionisti, e delle PA e gestori di pubblico servizio.
  • è in fase di attivazione la Piattaforma delle Notifiche Digitali – prevista dall’art. 26 del DL 76/2020 – che introduce una normativa speciale (rispetto a quella contenuta nel Codice di Procedura Civile) per la notifica avente valore legale degli atti amministrativi. Proprio su questo tema è già stato pubblicato anche un bando PNRR (che scade l’11 novembre prossimo), con cui sono previsti dei contributi per permettere ai Comuni l’integrazione dei sistemi utilizzati con la Piattaforma stessa.
  • nel 2018, inoltre, è stato emesso uno specifico decreto finalizzato a regolamentare la notifica tramite PEC delle contravvenzioni al Codice della Strada, ovviamente applicabile solo per Imprese e Professionisti; il provvedimento è importante, perchè testimonia un primo passo verso l’utilizzo del Domicilio Digitale per l’invio di atti amministrativi.

Verso l’agognato switch off

Presumendo che la Piattaforma delle Notifiche possa cominciare ad entrare in funzione nei primi mesi del 2023 – parallelamente all’attivazione di INAD – ci avviciniamo quindi al tanto agognato “switch off” delle comunicazioni digitali, e quindi il totale (o quasi) abbandono delle comunicazioni cartacee.

WHITEPAPER
Supply Chain: ecco come ottenere un tracciamento trasparente grazie all'IoT
IoT
Industria 4.0

La bozza di decreto si inserisce proprio in questo scenario, e se ne sarà confermata l’adozione da parte del Presidente del Consiglio dei ministri, allora l’Italia potrà dire di aver raggiunto un bell’obiettivo sulla trasformazione digitale.

Il testo del decreto contiene alcuni aspetti interessanti:

  • La data prevista per lo “switch off” delle comunicazioni digitali dovrebbe essere il 1° gennaio 2024;
  • Il gestore della piattaforma per le notifiche (cioè PagoPA S.p.A.) comunicherà l’attribuzione del domicilio digitale ai soggetti che ne risulteranno ancora sprovvisti o in possesso di un domicilio non più valido;
  • L’assegnazione del domicilio digitale sarà gratuita;
  • Il gestore della piattaforma delle notifiche comunicherà tramite App IO ai cittadini interessati di aver “creato” un domicilio digitale con annesse istruzioni per l’uso (modalità di attivazione, gestione e cessazione), oppure anche attraverso comunicazione cartacee.
  • Molto importante il riferimento a «campagne di comunicazione e ogni altra iniziativa utile alla capillare diffusione», visto l’impatto di questa azione sulla vita quotidiana delle persone;
  • se l’attivazione del domicilio digitale attribuito gratuitamente non dovesse andare a buon fine, le PA, i gestori di servizi pubblici invieranno le comunicazioni tramite la piattaforma delle notifiche con le modalità e secondo le regole previste per le notificazioni in forma analogica.

Risulta quantomai evidente il collegamento tra questo decreto e l’impianto normativo e tecnologico della Piattaforma delle Notifiche Digitali: infatti, in caso di assenza del domicilio digitale, la notifica telematica si “trasforma” in notifica cartacea, a mezzo servizio postale, in modo da garantire comunque il recapito della comunicazione.

In secondo luogo, l’assistenza alle persone “svantaggiate” che non hanno possibilità di utilizzare le tecnologie è comunque già prevista nell’ambito della PND, visto che la persona può ritirare presso gli Sportelli Postali la notifica, chiedere il download dell’atto, e anche effettuare il pagamento.

I nodi da sciogliere

Provando a fare un primo commento, la bozza di decreto è da accogliere positivamente, dato che “chiude il cerchio” dell’annoso problema delle comunicazioni digitali; però ci sono alcune note da fare:

  • Un primo aspetto da valutare è il rapporto tra domicilio digitale e app IO. 
    Nelle Linee Guida su INAD viene espressamente indicato che il domicilio digitale potrà essere gestito anche con le funzionalità di IO (art. 2.1); dal testo sembra quasi che anche l’iscrizione del domicilio digitale possa essere fatta attraverso l’app, rendendo più facile la registrazione. Le Amministrazioni, quindi, potranno scegliere se mandare messaggi su IO (senza valore legale) o sulla PEC (con valore legale)?
    Oppure non sarebbe meglio regolamentare con maggiore precisione il valore giuridico della comunicazione tramite app IO? Infatti, è già previsto che la notifica si perfezioni anche attraverso accesso al documento avendo ricevuto un messaggio sull’App, quindi per questi casi sembrerebbe “inutile” attribuire un indirizzo PEC, essendo sufficiente accedere alla notifica con le proprie credenziali di identità digitale.
    Certo è che i due canali potranno continuare ad esistere per molto tempo, in attesa di una totale copertura della popolazione, in un senso o in un altro: dipenderà ovviamente da quale sarà il canale prevalente, IO o la PEC. Questo tema è ancora più vero alla luce delle “funzionalità premium” a cui PagoPA sta lavorando, che permetterebbero alle PA di avere un ritorno certo sui messaggi inviati, con una sorta di “spunta” che ne attesta l’avvenuta lettura.
  • Un altro aspetto riguarda l’assistenza alle persone “svantaggiate”: abbiamo appena detto che il servizio sarà a disposizione presso gli Sportelli postali, ma non sarebbe opportuno prevedere anche altri soggetti qualificati? Solo per fare qualche esempio, i CAF oppure gli Sportelli URP dei Comuni, o altri soggetti che si occupano anche di alfabetizzazione digitale? Sarebbe un’occasione per affiancare un momento formativo e di contatto ad un servizio di assistenza, magari approfittando anche delle reti sul territorio che si stanno creando nell’ambito del Piano Operativo per la Strategia sulle competenze digitali.
  • Sempre su questo tema, è di tutta evidenza l’importanza della comunicazione, soprattutto con i palinsesti nazionali, a cui si aggiungono i mezzi locali, in modo da raggiungere tutte le fasce di popolazione e diffondere il cambiamento; il messaggio che deve passare non è solamente sull’obbligo, ma invece deve puntare sull’opportunità, dando importanza alla sicurezza e velocità delle comunicazioni, oltre che sul risparmio delle spese di notifica, quindi mettendo in luce le potenzialità degli strumenti digitali.
  • Un ultimo tema è quello della possibilità di delega: nel decreto non è chiaro se anche l’accesso e la gestione del domicilio digitale possa essere soggetta a delega ad altra persona, nell’ambito del più ampio quadro del Sistema di Gestione Deleghe, di cui è stato pubblicato il decreto e di cui si aspetta la realizzazione; potrebbe essere un aspetto importante, che potrebbe aiutare la diffusione dell’utilizzo del domicilio digitale per un maggior numero di persone.

Conclusioni

In conclusione, possiamo quindi dire che dopo l’emanazione di questo decreto sarà completato il percorso di digitalizzazione?

Probabilmente no, perché manca ancora uno “switch off” importante, che è quello sdei servizi online: se il domicilio digitale trasforma le comunicazioni tra PA e cittadini, è forse arrivato il momento di agire in parallelo, e preparare il terreno fin da ora anche per rendere digitali anche le comunicazioni tra cittadini e PA.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 4