Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Direttore responsabile Alessandro Longo

Anci

Ecco perché Spid è un’opportunità per innovare i nostri comuni

di Alessandro Delli Noci, coordinatore nazionale dell’ANCI del gruppo Agenda Digitale

18 Mar 2016

18 marzo 2016

Oggi è fondamentale rispondere in maniera digitalizzata alle istanze quotidiane dei cittadini – dalla richiesta di patrocinio fino ai permessi per la Ztl, dall’iscrizione alle liste elettorali al cambio di residenza. Questo approccio genera risultati molto soddisfacenti in termini di partecipazione e soddisfazione dell’utente. Il Comune di Lecce ha scelto con convinzione di aderire a SPID e di lanciare i nuovi servizi digitali che saranno attivi a partire dagli inizi di aprile

La gestione informatizzata dei servizi e dei procedimenti amministrativi, oltre che offrire nuovi servizi per i cittadini e garantire un miglioramento della qualità della vita in città, apre anche uno scenario importante relativo al monitoraggio delle performance e della produttività della macchina amministrativa. 

Molti Comuni hanno reso disponibili attraverso portali e app tanti servizi digitali ma non siamo a conoscenza di quale sia il reale utilizzo di questi servizi da parte dei cittadini, servizi che troppo spesso non vengono promossi o comunicati adeguatamente se non attraverso conferenze stampa di rito organizzate in pompa magna.

Succede che una volta avviati i servizi digitali la PA non effettui un monitoraggio reale. Molti di questi servizi risultano sotto utilizzati per due ragioni: la prima è che non si riesce a spiegare nel modo giusto al cittadino l’utilità dello servizio stesso e la seconda perché, diciamocelo, i cittadini spesso hanno la percezione (sbagliata) che i servizi digitali della PA siano una “digitalizzazione” della burocrazia.

Fino ad oggi l’accesso ai servizi digitali poteva essere effettuato attraverso un sistema non banale di accreditamento differente per ogni PA e questo non ha fatto altro che allontanare i cittadini dall’utilizzo. Spid è l’occasione unica per la semplificazione dell’accesso ai servizi digitali ed è necessario che ci siano sempre più servizi online per far si che i cittadini sviluppino una cultura digitale. 

Oggi è fondamentale rispondere in maniera digitalizzata alle istanze quotidiane dei cittadini – dalla richiesta di patrocinio fino ai permessi per la Ztl, dall’iscrizione alle liste elettorali al cambio di residenza. Questo approccio genera risultati molto soddisfacenti in termini di partecipazione e soddisfazione dell’utente. Il Comune di Lecce ha scelto con convinzione di aderire a SPID e di lanciare i nuovi servizi digitali che saranno attivi a partire dagli inizi di aprile. 

Sta, infatti, prendendo il via il progetto Salentogov “Sviluppo del sistema di eGovernment Regionale nell’Area Vasta” (finanziato a valere sul Programma Operativo Regione Puglia FESR 2007-2013, Asse I Linea 1.5 Azione 1.5.2 – Progettazione Stralcio Area Vasta Lecce)  cui è stato riconosciuto il premio “Agenda Digitale 2015” dell’Osservatorio Agenda Digitale del Politecnico di Milano.

Il progetto – di cui il Comune di Lecce è stato Ente Capofila e che ha visto la partecipazione dei 32 comuni dell’Area Vasta di Lecce– rappresenta per i comuni coinvolti una vera e propria rivoluzione digitale perché consente di razionalizzare, semplificare e digitalizzare i procedimenti amministrativi, consentendo un accesso semplificato e multicanale a cittadini e imprese, riconosciuti e certificati tramite SPID, che permetterà fra le altre cose di dematerializzare i documenti relativi ai procedimenti amministrativi, di protocollare in maniera automatica le istanze del cittadino, di interagire attivamente col cittadino e consentirgli, tramite CRM, di esprimere il proprio giudizio sul servizio erogato valutando la qualità dell’interazione con l’amministrazione.  

Vorrei concludere questo mio intervento con un invito a tutti i Comuni a essere curiosi sull’innovazione e sul digitale, a non restare passivi aspettando che SPID o altri servizi digitali diventino degli adempimenti o delle leggi. Invito a cavalcare l’innovazione perché la voglia di servizi veloci e digitali da parte dei cittadini è elevatissima.

A Lecce ce la stiamo mettendo tutta, convinti che il digitale può avvicinare i cittadini alle Pubbliche Amministrazioni e che anche al Mezzogiorno è possibile fare innovazione. 

  • Elleeffe

    Spid spero che sia la semplificazione per la gente che deve accedere ai servizi della pubblica amministrazione: bisogna diffondere queste notizie, perché a volte anche chi lavora in uffici comunali non conosce neanche OPENDATA!!!!!!

  • vincenzo

    In effetti Spid potrebbe essere una grande opportunità ma il rischio che i processi non vengano aggiornatiè molto alto e ciò avrebbe la conseguenza di uccidere l’innovazione. Che senso ha dover apporre di persona una firma digitale? La settimana scorsa il ns legale rappresentante è dovuta andare fisicamente a Roma, al Ministero dell’innovazione (!) ad apporre la firma DIGITALE su di un atto.
    Che senso ha?

Articoli correlati