identità digitale

Chiudere Spid? Ma la CIE non può ancora sostituirlo, ecco perché

Cosa succede con lo spegnimento di SPID? La Carta d’Identità Elettronica è pronta a sostituirlo? Esaminiamo il tema dal punto di vista operativo evidenziando le differenze tra i due strumenti

Pubblicato il 21 Dic 2022

Giovanni Manca

consulente, Anorc

Convenzione per gli aggregatori di servizi privati SPID cie identità digitale.

Il Sottosegretario con delega all’Innovazione Tecnologica Alessio Butti ha annunciato la volontà di spegnere gradualmente il sistema SPID e avere la carta d’identità elettronica come unica identità digitale al fine di facilitare la vita agli italiani.

Lo stesso Sottosegretario ha poi precisato meglio il suo pensiero con un intervento su un importante quotidiano nazionale.

Perché chiudere Spid sarebbe grave perdita per gli italiani

Questi due episodi hanno scatenato un vespaio di articoli, dichiarazioni per ogni dove con una serie di informazioni non sempre aggiornate e precise

Proviamo allora a trattare il tema da un punto di vista operativo, con il tentativo di rispondere al quesito, nocciolo della questione, “Cosa succede con lo spegnimento di SPID ?”.

Cosa succede se spegniamo Spid?

Chi scrive è un tecnico che prescinde da considerazioni ideologiche, peraltro inutili rispetto alla prevalente volontà politica.

In tal senso l’analisi che segue è oggettiva e basata su dati tecnici e su recenti norme sul nuovo ecosistema della CIE che, in questa sede abbiamo già diffusamente commentato.

WHITEPAPER
Robot intelligenti: i vantaggi nei progetti di automazione nell'Industry4.0
Industria 4.0
Realtà virtuale

I numeri di Spid e Cie a confronto

Lo SPID nato l’8 marzo 2016 ha raggiunto alla data (dati AgID) il numero di 33.324.270 identità rilasciate con un uso molto elevato dovuto all’unicità dello strumento di accesso dopo l’abolizione del PIN.

Per quanto concerne la CIE sono state attivate alla data 32.587.243 carte (dati Ministero dell’Interno). I numeri in gioco sono vicini tra loro ma l’utilizzo della CIE è molto più basso perché meno noto all’utenza e soprattutto perché meno pubblicizzato in sede istituzionale anche nella fase di emissione.

Il nuovo scenario disegnato con il sopra citato decreto introduce alcune cruciali novità in materia di accesso ai servizi tramite CIE.

Per brevità diamo per scontata la conoscenza da parte del lettore dell’architettura SPID e delle sue modalità di utilizzo.

Attualmente il livello più utilizzato di SPID è il livello 2 che utilizza un doppio fattore di autenticazione e assenza di supporto fisico delle credenziali (non ci sono tessere).

Gli attuali limiti di CIE

L’accesso ai servizi tramite CIE avviene con l’associazione della Carta a un lettore contactless di classe NFC (Near Field Communication) che generalmente è all’interno di uno smartphone di recente generazione o in un lettore esterno specializzato. Per ovvi motivi, l’utilizzo della CIE è più frequente con il telefono. Peraltro, l’esperienza utente con telefono e Carta è non facilissima. Non è raro che il telefono non legga la carta ed esperienze dirette, comunque, evidenziano che l’utilizzo della CIE in mobilità, oltre che non essere agevole, ha impatti sull’integrità del supporto e delle scritte su di esso. Non è raro vedere CIE emesse da oltre tre anni con scritte non più al massimo delle definizioni dei caratteri. Per questo motivo, in ogni caso, sarebbe utile proteggere la carta con un adeguato portatessera.

Tema significativo è la capacità di lettura dei telefoni con NFC. Siamo distanti (in peggio) dall’usabilità tipica del POS contactless con una carta di debito o credito, ma anche di un telefono con sistema di pagamento digitale a bordo. Il caso più estremo è che lo stesso telefono accetta una CIE ma non un’altra presentata nello stesso modo. Più diffuso è il caso di telefoni che non leggono proprio la carta.

Una analisi fisica della interazione elettromagnetica tra CIE e interfaccia NFC non sarebbe inutile.

La nuova architettura Cie ID

Il preannunciato scenario stabilito con il decreto sopra citato elimina questo problema ampliando l’ecosistema CIE con la nuova architettura CIE ID. Questa sigla non è più solamente il nome dell’APP che consente di fruire dei servizi in rete con l’opzione Entra con CIE ma anche un nuovo modo di usare la CIE.

Per prima cosa nascono i livelli 1 e 2 della CIE. Il livello 2 potrà essere fruito (la sua attivazione è prevista a breve) nello stesso modo del livello 2 di SPID e ci si aspetta una esperienza utente pressoché identica a quella dell’omologo livello di SPID. Questo fatto, se confermato praticamente, renderà minimo il problema di passaggio di esperienza utente nell’uso tra i due strumenti.

Il livello 2 potrà essere attivato sul CIE ID Server gestito da IPZS per conto del Ministero dell’Interno con il possesso della CIE e dovrebbe bastare anche un solo utilizzo del supporto fisico.

Addirittura, è ipotizzabile anche un’attivazione senza supporto fisico ma, in questo senso, è meglio attendere l’operatività dell’ecosistema CIE ID con la sua realizzazione pratica.

Spid: si può migliorare, ma spegnerlo è un errore

Un altro passo cruciale è lo smarrimento o la perdita d’uso del PIN e PUK della CIE. Il titolare generico molto spesso non sa che all’interno della carta c’è un circuito elettronico che contiene, tra l’altro, la foto del titolare e le impronte digitali (impronte disponibili solo agli organi di polizia).

Ma il nuovo ecosistema CIE ID consentirà il recupero del PUK che poi viene utilizzato per aggiornare il PIN e quindi diventa nuovamente utilizzabile la CIE.

Molto importante anche la regola nello stesso decreto che invita i Comuni e i Consolati ad informare adeguatamente l’utente sulle possibilità offerte dalla CIE come strumento per l’accesso ai servizi della PA. Questo è un cruciale passo in avanti sulle informazioni ai titolari di CIE.

Perché lo spegnimento di Spid non è facile come sembra

Per quanto descritto fino a qui sembra che vada tutto bene e che lo “spegnimento” sia facile ma non è proprio così.

  • La diffusione della CIE è ancora insufficiente per l’esclusività nell’accesso ai servizi. Il numero di Carte di Identità cartacee in uso è ancora significativo e lo sarà ancora per due/tre anni. Tanti cittadini non hanno la Carta di Identità perché hanno altri documenti di identità. Questi soggetti saranno obbligati ad avere la CIE ? Servirà una norma specifica?
  • I tempi di attesa per l’emissione della CIE sono in molte realtà di parecchie settimane, indubbiamente ci sono stati miglioramenti nei grandi comuni e soprattutto a Roma Capitale ma parliamo comunque di tempi lunghi.
  • Cosa succede in caso di furto, smarrimento o guasto della CIE? Altre attese necessarie e indisponibilità conseguente dell’accesso online, se non c’è Spid.

Quanto descritto evidenzia che la transizione SPID – CIE può essere gestita senza tragedie utilizzando le indispensabili cautele e la sempre utile prudenza.

I fondi PNRR sono sempre utili perché comunque abilitano i servizi CIE e il nodo eIDAS di interoperabilità comunitaria.

Spid sarà spento solo per la PA?

Le dichiarazioni del Sottosegretario Butti sono relative ai soli servizi resi tramite SPID dalla pubblica amministrazione. I gestori di identità (alla data 10) stanno attivando lo SPID per uso professionale che alimenta i primi incassi a supporto dei costi dell’infrastruttura SPID. Lo spegnimento SPID sarà per la sola PA (e questo si evince dalle dichiarazioni) o totale?

Il decreto 8 settembre 2022 sulla CIE attiva anche la possibilità di erogare servizi da parte di soggetti privati senza l’onere della ricompensa al gestore dell’identità digitale come è in SPID.

Questa regola, di fatto, elimina la base dei proventi previsti per SPID alle origini progettuali. Il fatto può anche indurre il pensiero che SPID, alla fine si spegne da per mancanza di risorse.

Conclusioni

In ogni caso rimane il fatto che ad ogni cambio di Governo si introducono nuove istanze tecnologiche che modificano o addirittura cancellano quelle vecchie, anche se di grande successo. È sempre successo dai tempi del governo elettronico di Lucio Stanca che è stato il primo ad essere nominato Ministro per l’Innovazione e le Tecnologie e continua, almeno allo stato delle dichiarazioni attuali.

Questo crea sul piano tecnico operativo che affrontiamo in questa sede, incertezza e sfiducia che poi limitano il corretto sviluppo dell’indispensabile collaborazione tra pubblico e privato. Quest’ultimo aspetto è senz’altro il più critico e più urgente da gestire in questa fase cruciale per l’innovazione tecnologica del Paese.

INFOGRAFICA
Come sfruttare al meglio i fondi del PNRR per rinnovare gli impianti idrici
IoT
Manifatturiero/Produzione
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Valuta questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 2