normativa

CIE, verso nuovi modelli per l’identità digitale: cosa cambia con il decreto 8 settembre

La pubblicazione in Gazzetta ufficiale pochi giorni fa del decreto 8 settembre 2022 ecante “Modalità di impiego della carta di identità elettronica” rappresenta una svolta nell’ambito dell’identità digitale: vediamo cosa cambia, cosa dicono le regole e qual è la relazione tra la CIE e SPID

10 Ott 2022
Giovanni Manca

consulente, Anorc

CIE

La pubblicazione in Gazzetta Ufficiale (Serie Generale n. 233 del 5 ottobre 2002) del Decreto 8 settembre 2022 recante “Modalità di impiego della carta di identità elettronica” rappresenta una importante novità nell’ambito dell’identità digitale nazionale e comunitaria. Vediamo cosa cambia per la CIE con i 21 articoli di questo decreto, alla luce del nuovo scenario che si configura rispetto all’altro sistema nazionale che è, come noto, il sistema SPID.

Pagamento contributi scolastici: come pagare le tasse in rete o con bollettino

CIE, cosa cambia

La prima considerazione che si può fare è sulla complessità del quadro normativo di riferimento. Le premesse del Decreto hanno bisogno di oltre una pagina di Gazzetta per essere pubblicate. D’altro canto la loro estensione rappresenta un indispensabile strumento per inquadrare tutte le numerose norme coinvolte sul tema. Come da tradizione normativa, il Decreto presenta nell’articolo 1 le definizioni dei termini utilizzati al proprio interno. Si riscontra un utilizzo delle definizioni ben coordinato con gli scenari di riferimento. Come elemento di curiosità, si nota che nella definizione di firma elettronica avanzata alla lettera k), ci si riferisce anche “al decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri sulle firme”. Il citato decreto è senza dubbio il DPCM 22 febbraio 2013, come conferma anche la premessa che indica l’articolo 61, comma 2 del medesimo decreto.

WHITEPAPER
Strategie e strumenti per il Digital Marketing del 2023 - la guida step by step
Dematerializzazione
Istruzione

L’articolo 2 stabilisce l’oggetto del decreto. Questo è relativo alle modalità di impiego e di gestione dell’identità digitale rilasciata al cittadino e che utilizza la CIE come strumento di accesso erogati in rete dalle PPAA e da soggetti privati. Questo scenario integra un regime di identificazione elettronica conforme al regolamento eIDAS (nr. 910/2014). Rispetto al testo inglese del regolamento eIDAS sarebbe corretto parlare di schema di identificazione, ma la traduzione errata in italiano impone il termine improprio di regime. Il decreto definisce anche una serie di tipologie di dati con adeguata attenzione ai dati personali.

L’identità digitale CIEId

L’articolo 3 introduce l’identità digitale basata su CIE e la denomina CIEId. L’identità digitale CIEId è ovviamente conforme alle regole del CAD e il cittadino prova questa identità utilizzando la CIE insieme ad un serie di elementi associati che sono associati alla tessera come il PIN, il PUK e il NIS (Numero univoco casuale associato alla CIE e memorizzato nel CHIP).

L’articolo 4 descrive le credenziali dell’identità digitale CIE. La corrispondenza tra i tre livelli introdotti (1,2 e 3) viene associata ai livelli basso, significativo e elevato del regolamento eIDAS. Questo è diverso rispetto ai tre livelli di SPID definiti del DPCM 24 ottobre 2014 per il banale motivo che il regolamento eIDAS era contemporaneo a questo decreto e quindi non coordinabile. Questo aspetto formale è una classica riproposizione dell’atavico problema di coordinamento delle norme che ha impatto, fisiologicamente, soprattutto sulle regole tecniche.

Il trattamento dei dati

Nel comma 5 di questo articolo si cita l’obbligo di effettuare da parte del Ministero dell’Interno una valutazione d’impatto ai sensi dell’articolo 35 del regolamento europeo 2016/679 conforme all’articolo 35 del medesimo regolamento. Tale valutazione viene sottoposta al parere preventivo del Garante per la protezione dei dati personali. L’articolo 5 stabilisce la presenza di aggregatori e fornitori di servizi erogati tramite CIE. Il comma 4 di questo articolo evidenzia l’analogia con i soggetti analoghi nel contesto SPID.

L’articolo 6 descrive le modalità di acquisizione e gestione dei dati personali del cittadino. La descrizione è dettagliata e doveroso il coordinamento dei dati con ANPR (Anagrafe Nazionale della Popolazione Residente) e conseguentemente con il domicilio digitale del cittadino. Può essere utilizzato anche altro tipo di contatto come il numero di telefonia mobile o un indirizzo di posta elettronica.

Il comma 4 richiama i principi base di privacy by design e minimizzazione dei trattamenti che devono essere applicati da fornitori di servizi e aggregatori. Un richiamo importante anche se ad abundantiam.

Il ruolo del Ministero dell’Interno

L’articolo 7 descrive le funzioni del Ministero dell’Interno e in particolare della Direzione centrale per i servizi demografici. Il Ministero si avvale dell’IPZS (il Poligrafico). L’articolo 8 stabilisce le funzioni dei comuni e degli uffici consolari. E’ molto importante informare i cittadini sulle funzioni di autenticazione, la loro attivazione e il loro utilizzo.

Tutte le regole

Ulteriori indicazioni sono:

  • L’articolo 9 stabilisce le funzioni dell’IPZS e chiarisce perché l’Istituto è coinvolto nel progetto.
  • L’articolo 10 introduce il CIEId Server che svolge un ruolo analogo e quello del gestore dell’identità digitale nel sistema SPID. L’articolo descrive i punti principali di funzionamento del CIEId Server.
  • L’articolo 11 stabilisce le regole per gli accessi tramite CIEId per i minorenni. Viene consentito il controllo genitoriale ai soggetti tutelati.
  • L’articolo 12 stabilisce le funzioni di coordinamento e allineamento con ANPR. L’aggiornamento dell’anagrafe è fondamentale per il corretto funzionamento del sistema.
  • L’articolo 13 introduce il registro degli accessi che consente ai cittadini di avere evidenza dell’utilizzo della propria CIEId al fine della tutela rispetto all’utilizzo illecito da parte di terzi della propria identità digitale.
  • Questo registro è importante ma anche critico rispetto al tema della protezione dei dati personali. Le regole stabilite sono estremamente rigorose rispetto al regolamento 2016/679 ma la criticità operativa e il conseguente rischio rimane. La presenza del registro è peraltro indispensabile.
  • L’articolo 14 introduce e stabilisce le funzioni del portale del cittadino. Le funzioni vengono elencate in dettaglio. Il Ministero individua tramite valutazione d’impatto “privacy” il livello minimo necessario per le credenziali.
  • L’articolo 15 descrive come sia possibile il recupero del PUK della CIE. Questa funzione è indispensabile per il cittadino che deve, comunque essere adeguatamente informato su possibili azioni di attacchi informatici di varia natura (phishing, SIM swapping, ecc.) in caso di perdita di disponibilità (anche temporanea) della CIE.
  • L’articolo 16 ufficializza nella norma il possibile utilizzo della CIE come firma elettronica avanzata (FEA). Sono stabilite regole anche per la generazione e la verifica della FEA. Si auspica che gli strumenti di verifica della firma digitale attivino la funzione di verifica della FEA apposta tramite CIE.
  • L’articolo 17 descrive alcuni servizi che possono utilizzare il NIS come elemento di sicurezza “ambientale”. Per esempio tramite il NIS e la lettura del chip della CIE è possibile avere evidenza e conferma della autenticità e originalità della CIE.
  • L’articolo 18 stabilisce le regole per il monitoraggio del Ministero dell’Interno su IPZS e sulla collaborazione con il Garante per la protezione dei dati personali. Questa circostanza è positiva e poco esplicitata in altre normative.
  • L’articolo 19 stabilisce le regole sulla donazione di organi e tessuti alla luce delle nuove funzionalità tramite CIEId anche nell’ottica della trasmissione dei dati al SIT (Sistema Informativo dei Trapianti).
  • L’articolo 20 è dedicato alle regole sul trattamento dei dati. L’esplicita presenza di regole sul tema è positiva e dovrebbe essere estesa a tutta la normativa in quanto rappresenta un definito ed esplicito impegno del progetto in esame nei confronti dell’importanza di questo argomento.
  • L’articolo 21 è un classico nelle norme “Le attività del presente decreto sono realizzate con le risorse umane, strumentali e finanziarie disponibili a legislazione vigente, senza nuovi o maggiori oneri a carico della finanza pubblica”. Il decreto in esame è in vigore dal 5 ottobre 2022.

Per concludere l’analisi del decreto 8 settembre 2022 recante le “Modalità di impiego della carta di identità elettronica” possiamo dire che con esso si consolida il parallelo tra SPID e CIE. Nell’utilizzo pratico c’è da aspettarsi anche modalità di accesso ai servizi analoghe, per esempio con l’utilizzo del QR Code per semplificare l’accesso ai servizi. La situazione è anche la naturale conseguenza del fatto che due i sistemi sono notificati in ambito comunitario come regime di identificazione conforme al regolamento eIDAS, anche se per la CIE vengono introdotti i livelli 1 e 2. Sarebbe utile un aggiornamento del DPCM 24 ottobre 2014 per il coordinamento con eIDAS.

Conclusione

Con il nuovo modello l’identità si associa a CIEId che concentra le funzione digitali della CIE, per l’accesso al livello 2 basta lo smartphone che sblocca la transazione con la sicurezza dell’impronta, una password e l’OTP della transazione. Nel decreto è molto positivo l’approccio esplicito e di ampia applicazione (anche come forte volontà di applicazione) delle norme europee (e nazionali) sulla protezione dei dati personali. Lo scenario che si apre a livello nazionale riguarda come, quando e quanto il mercato dei servizi privati utilizzerà CIEId. Certamente il modello di business dello SPID non beneficia della gratuità del controllo di accesso tramite CIEId tra l’”Identity Provider CIE” e l’utente. Stesso discorso per le credenziali di livello 3 dello SPID. La gratuità del rilascio delle credenziali SPID ai pubblici dipendenti da parte del gestore dell’identità digitale Lepida S.p.A è un altro tassello che non favorisce la “SPIDnomics”.

Un ulteriore modifica che arriverà nel breve periodo sarà quella dell’EUDI Wallet (European Union Digital Identity) previsto nel nuovo regolamento eIDAS che dovrebbe consolidarsi nel terzo trimestre del 2023.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 4