elezioni 2022

Il digitale alla prova del nuovo Governo: cosa aspettarsi

Ecco le evidenze del dossier che Agendadigitale.eu ha preparato sulle elezioni 2022. Il digitale è finalmente centrale nei programmi di tutti i partiti. Con differenze però nelle modalità attuative e nei diversi accenti. Ecco cosa emerge. E cosa possiamo auspicare per il dopo elezioni

15 Set 2022
Alessandro Longo
Alessandro Longo

Direttore agendadigitale.eu

italia

Tutti d’accordo: il digitale è centrale per il Paese. E meno male e non era scontato, in Italia. Ma la pandemia e il conseguente PNRR declinato in ottica digitale (e green) non lasciano più scusanti: tutti i partiti, a quanto dichiarano, lasciano un posto di rilievo per la trasformazione digitale.

D’accordo anche, grosso modo, sulle cose importanti da fare, diciamo i fondamentali: la nuova rete, la transizione 4.0 delle imprese, la PA digitale.

Le differenze sono nei diversi accenti e, in certi casi, nelle modalità indicate per raggiungere quegli obiettivi condivisi.

Risultano queste evidenze dal dossier che Agendadigitale.eu ha preparato sulle elezioni 2022 e che potete leggere qui, con le voci degli esponenti digitali dei principali partiti che hanno scritto per la nostra testata; con in più diversi esperti sui temi in questione, com’è nello stile del nostro stile editoriale.

Elezioni 2022, i programmi dei partiti sui principali temi digitali

Quello che i partiti ora dichiarano può essere significativo rispetto a ciò che possiamo aspettarci con il prossimo Governo, ovviamente; per quanto dichiarazioni e azioni politiche non sono in stretto collegamento deterministico – in modo particolare per i temi del digitale, registriamo anni di promesse a vuoto – almeno è una piccola bussola utilizzabile.

Punti di convergenza e divergenza

  • Nessuno propone stravolgimenti del PNRR in ambito digitale e già questo è una buona notizia.
  • A guardare i piani e le dichiarazioni dei partiti, il tema della nuova rete sembra in tutti il tema più importante. Certo il primo indicato. 
  • Tutti propongono potenziamenti e accelerazioni sulla banda ultra larga, con FDI che si distingue sul tema rete unica rispetto a quanto finora prospettato (vuole che Tim mantenga il controllo della rete ma con maggioranza pubblica via CDP).
  • Azione-Italia Viva sono i soli a proporre abbassamento dei limiti elettromagnetici, tema che pure è bi-partisan in Parlamento (come risulta da una mozione presentata mesi fa alla Camera), ma che evidentemente è molto impopolare.
  • Per il resto si può notare una maggiore attenzione del Centro Destra (Lega e Fdi in particolare) per le esigenze delle aziende, che vanno portate verso il digitale con aiuti e accompagnamenti mentre PD e M5S mostrano maggiore attenzione ai temi dei diritti, dell’inclusione digitale.
  • Attenzione però a convergenze inattese: l’importanza della privacy contro la sorveglianza di massa tramite il digitale è anche nel programma di FDI. E come anticipato non c’è partito che non voglia potenziare il 4.0. È una questione, come si diceva, di diversi accenti sui temi presenti.
  • Il PD sembra più attento ai temi della transizione verde, purtroppo poco presente per il resto in campagna elettorale, nonostante i gravi problemi ache dovrebbero essere ormai a tutti noti.
  • Quanto alla PA digitale, tutti vogliono proseguire con semplificazioni (care alla destra in particolare per aiutare le aziende nella guerra alla burocrazia che frena la produttività e gli investimenti) e con i servizi al cittadino. Notevole che i principali partiti si ricordino del grande trascurato: le competenze digitali.
  • PD e M5S convergono sulla necessità di potenziare il ministro dell’innovazione.
  • La cybersecurity per la prima volta è presente nei programmi dei principali partiti (PD, M5s, Fdi, Lega)- vivaddio, con gli ultimi attacchi e i problemi in pandemia dovrebbe essere scontato.
  • Grande assente, la Sanità digitale. Solo il M5s la menziona nel programma pubblicato all’ultimo momento questa settimana. In sostanza il Movimento indica gli obiettivi del Pnrr, giustamente con accento tutte telemedicina, fascicolo e assistenza domiciliare. Forse i partiti sono consapevoli che la sanità uno dei nodi più critici per le troppe competenze sparse a livello di Regioni, medici, asl, strutture pubbliche e private. E non vogliono sbilanciarsi.

Telemedicina e Fascicolo sanitario Elettronico: che deve fare il nuovo Governo

Verso il nuovo Governo

Non resta che aspettare l’esito delle urne con la consapevolezza minima che, comunque vada, l’Italia dovrebbe proseguire sul percorso intrapreso di trasformazione digitale.

WHITEPAPER
Intelligent enterprise: dall’azienda estesa alla filiera integrata e collaborativa
IoT
Manifatturiero/Produzione

Una buona notizia, certo. Almeno sulla carta: poi vedremo con il nuovo Governo quanto il digitale risulterà prioritario nelle prime mosse. Non sono mancate delusioni nella storia, anche recente.

Come Agendadigitale.eu, da parte nostra auspichiamo il proseguimento dell’attuazione del PNRR, sbloccando gli ultimi decreti rimasti e avendo il coraggio politico di affrontare nodi spinosi come il cloud PA (e in generale tutti quelli dove TIM ha un ruolo). La ricetta per migliorare l’Italia col digitale ormai è nota, bisogna ora metterci mente e cuore valorizzando le convergenze presenti tra i partiti (invece di andare in stallo sulle divergenze). 

Ci sarebbe anche da tifare per l’abbattimento dei limiti elettromagnetici, ma anche alla luce delle ultime dichiarazioni, come si vede, sembra una partita (ancora) persa in Italia. Sebbene utile per la diffusione capillare ed economica della rete veloce.

E speriamo che anche la Sanità, con le promesse del fascicolo 2.o e il rilancio della medicina, segua su questo cammino.

La differenza tra i diversi approcci partitici la faranno le modalità attuative indicate, per la trasformazione digitale. Ne potrebbero venire differenze, a loro volta, nei tempi di realizzazione del piano Italia 2026, soprattutto sui dossier più critici come la rete unica o i poli strategici nazionali (cloud della PA).

E anche differenze negli equilibri di forza risultanti, che potrebbero essere più o meno orientati alla lotta alla diseguaglianze e più o meno attente alle esigenze delle aziende del territorio o della sostenibilità.

Se c’è una cosa da imparare dall’esperienza di questi dieci anni di trasformazione digitale – lunga e sofferta, promessa e tradita, interrotta, cambiata e ripresa più volte – è che l’Italia si cambia solo se si riescono a coinvolgere tutti gli attori interessati, ascoltandoli nelle loro esigenze vere. La domanda, come l’offerta; la Pa centrale come il piccolo comune; gli operatori telefonici, le startup e tutte le imprese. Senza paura di vincere le resistenze più ostinate e giustificate dal solo mantenimento del potere acquisito.

Speriamo che almeno un po’ di questa esperienza dia frutti nel nuovo Governo.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
PA
Sostemibilità
Analisi
Formazione
Salute digitale
Sicurezza
Sostenibilità
Digital Economy
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 4