La riflessione

Interoperabilità piattaforme PA: Madamina, il catalogo (API) è questo

Basterà un catalogo centrale di API a garantire l’interoperabilità delle piattaforme PA? Il PNRR parla di un catalogo centrale di connettori automatici: di che si tratta, i precedenti, perché c’è il rischio che la Babele attuale rimanga

18 Giu 2021
Guido Vetere

Università degli Studi Guglielmo Marconi

Le sorti della trasformazione digitale più importante per la nostra PA, l’interoperabilità, sembrano affidate ad un catalogo centrale di API – Application Programming Interface, “connettori automatici” consultabili e accessibili tramite un servizio dedicato.

Madamina, il catalogo è questo” cantava Leporello alla sconsolata donna Elvira nel Don Giovanni di Mozart. Si trattava di un elenco di tutte le conquiste del noto seduttore, tanto ricco e dettagliato da poterne ricavare inusitate correlazioni: “vuol d’inverno la grassotta, vuol d’estate la magrotta”. I cataloghi, spiegava Umberto Eco, servono a questo: rubricare un numero non prestabilito di elementi anche sparsi ed eterogenei (“Vertigine della lista”, Bompiani 2009). Per sua natura, un catalogo non serve se non a elencare, a mantenere tracce i cui usi eccedono le previsioni del redattore. Si tratta dunque di un dispositivo debole e aperto, in quanto non impone prescrizioni, vincoli formali o criteri di pertinenza.

PA, Mochi: “Senza interoperabilità non c’è semplificazione. Ecco dove agire”

Interoperabilità PA: i fondi PNRR, come sarà il catalogo centrale di API

Il problema dell’interoperabilità è in apparenza molto semplice: un’amministrazione, con l’automazione delle sue procedure, deve poter attingere facilmente dalle altre i dati che servono per espletarle. Similmente, deve poter trasmettere i dati in suo possesso alle altre amministrazioni interessate, anche al fine di attivare le loro procedure. Questi scambi informativi dovrebbero avvenire con la stessa fluidità e naturalezza con cui le persone addette agli uffici li produrrebbero parlando al telefono o scrivendosi lettere, come oggi ancora fanno.

WHITEPAPER
Sfide di mercato, strategie e strumenti per la nuova INDUSTRY4.0, con il digitale al centro
Automotive
IoT

Il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR) dedica un intero capitolo (Investimento 1.3) all’interoperabilità, con una allocazione di 650 milioni, senza contare le numerose occorrenze della parola negli altri capitoli. Questa attenzione non è di sicuro una novità: sono almeno trent’anni che alle deplorazioni della gestione dei dati amministrativi fanno seguito piani, visioni, codici, perlopiù, alla fine, inattuati e disattesi. Nel Libro Bianco sull’Intelligenza Artificiale di AgID (2018), si diceva addirittura che l’IA avrebbe potuto facilitare l’intesa semantica delle amministrazioni nei loro scambi informativi. Il catalogo centrale di “connettori automatici” di cui si parla nel PNRR è forse un passo in questa direzione?

Umberto Eco, nel libro prima citato, avrebbe chiamato le API una forma, cioè una descrizione logica completa di qualcosa di ben identificato, come ad esempio le procedure amministrative con i loro dati caratteristici. Fondamentalmente, una API descrive il modo in cui un servizio deve essere attivato per mezzo di un programma informatico, nonché il modo in cui i dati che produce, a seguito dell’attivazione, vadano intesi dal programma stesso. Nel caso dei servizi di accesso ai dati, questo significa ad esempio definire il formato della query e dei valori ottenuti come risposta. Il catalogo centrale di API assume dunque l’aspetto di un elenco di forme, cioè una lista aperta di elementi chiusi.

PA e cataloghi: perché quello di vent’anni fa è più avanzato della proposta attuale

La PA italiana, fin dagli anni ’90, ha ragionato sull’uso degli IDL che l’industria le ha di volta in volta proposto. Un catalogo descrizioni di web service fu già predisposto ai tempi del Sistema Pubblico di Connettività, erano gli anni 2000. In che modo quel catalogo abbia favorito l’interoperabilità dei servizi pubblici ciascuno può oggi giudicarlo.

Sembra chiaro che l’elenco delle descrizioni delle interfacce applicative non potrà di per sé risolvere la situazione, ed è lecito chiedersi se valga la pena di spenderci molti soldi, visto anche che si possono mettere su anche gratis.

Il linguaggio descrittivo delle API, in genere, non offre nulla di specifico per quanto concerne l’interoperabilità. Anzi, rispetto a quello dei web services, fa un passo indietro, privilegiando gli aspetti tecnici, in primis la generazione automatica di codice, rispetto a quelli semantici, cioè di concettualizzazione del servizio. D’altra parte, le API sono pensate per servizi software logicamente centralizzati, cioè per il cloud computing, dove la semantica non è oggetto di alcuna negoziazione, essendo semplicemente imposta dal fornitore del servizio. Una situazione ben diversa da quel semantic web decentralizzato per cui i web services erano pensati.

Interoperabilità PA: senza un linguaggio comune, le traduzioni non basteranno

Aderire al modello delle API senza alcuna governance del modo in cui le interfacce applicative sono disegnate significherebbe di fatto che ciascuna amministrazione potrà adottare un proprio linguaggio, mantenendo intatta la Babele attuale.

L’eventualità che tali servizi vengano forniti in cloud, come auspica il Governo, non allevierebbe affatto il carico di dover provvedere complessi meccanismi di traduzione di tutti verso tutti per poter realizzare schemi di cooperazione applicativa.

L’idea di lasciare massima libertà espressiva ai singoli enti e guardare all’integrazione semantica, fondamentale per l’interoperabilità PA, come una annoyance da minimizzare con qualche artificio, se si affermasse, sarebbe particolarmente nefasta.

L’interoperabilità sarà ottenuta solo quando le singole sorgenti di dati e servizi si impegneranno verso un linguaggio comune, cioè un codice intersoggettivo che faccia da guida all’interpretazione. L’auspicio è che le ingenti risorse a disposizione vengano impiegate anche per costruire le condizioni sociotecniche necessarie a questo impegno, senza il quale il metallo del cloud resterà freddo e i cataloghi centrali serviranno al più a fare statistiche.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
PA
Sostemibilità
Analisi
Formazione
Salute digitale
Sicurezza
Sostenibilità
Digital Economy
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati