Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

lo studio

Pa digitale, ecco perché l’Italia è ancora ultima

Solo il 22% dei cittadini utilizza i servizi digitali (nel 2017): siamo ultimi in Europa. Troppe lungaggini burocratiche, confusioni di governance e mancanza di dialogo con i cittadini i principali motivi del flop. Speranze (di nuovo) rinviate: ai dati 2018-2019

27 Nov 2018

Gianluigi Cogo

Agenda Digitale Regione Veneto


I dati rilevati da un recente studio della Commissione europea confermano che siamo ultimi in eGovernment. E questo avviene per tre semplici motivi. Già, nonostante la buona volontà degli ultimi anni, l’Italia continua a perdersi nei dettagli attuativi della trasformazione digitale PA.

I dati dicono che solo il 22% dei cittadini utilizza i servizi digitali (nel 2017): l’Italia è ultima in Europa per questo. E la PA italiana si piazza al 17mo posto per capacità di sfruttare le potenzialità dell’Ict. 

I motivi dei ritardi nella PA digitale

  • Primo fra questi la distanza siderale che intercorre fra la data del taglio del nastro e la data di conclusione dei lavori. Si, sto parlando di digitale e di eGovernment, non di lavori pubblici. Ma la musica non cambia. Quando un piano o un programma che dovrebbe semplificare e snellire ci mette troppi anni a diventare esecutivo, perdiamo tempo e la tecnologia che evolve a velocità pazzesca, lo rende vecchio e inutile (ecco quindi che ora è di nuovo rimandato l’effetto pratico di innovazioni allo studio, come l’app IO della cittadinanza digitale e il pieno dispiegamento dei benefici, comunque già un po’ percepiti, di PagoPA, Ndr).
  • Prendiamo il Piano Triennale ICT della PA. Ho detto più volte che è di buon senso, sistemico, e ben strutturato ma, a parte qualche piccola accelerazione, è fermo al palo. Non si capisce ancora chi deve fare e cosa. Il ruolo di Stato, regioni, mercato ecc. non è ben definito e se fossi il sindaco di un Comune che deve dare risposte immediate, non saprei da che parte girarmi.
  • Sul fatto poi che gran parte dei servizi non siano vestiti su misura del cittadino, direi che ciò rappresenta la solita mancanza di dialogo e di analisi fuori dalla comfort zone della PA. Continuando a costruire sistemi non preventivamente condivisi con gli utenti si genera solo distacco e sfiducia (innovazioni che cambiano il quadro, come appunto PagoPA, non sono ancora a pieno regime e certo non lo erano nel 2017, anno dei dati della ricerca, Ndr.).

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 4