semplificazione

PA, semplificare tutto per innovare l’Italia: la missione per il nuovo Governo

La trasformazione digitale non è possibile senza semplificazione. E’ inutile creare piattaforme che non reggono nulla e non facilitano la vita. Le PA devono semplificare tutto il possibile e occorre intervenire sulle regole, che devono essere chiare e applicabili. Ecco il vero cambiamento che il Governo deve operare

21 Giu 2018
Donato A. Limone

professore di informatica giuridica e scienza dell’amministrazione digitale, Università degli studi di Roma, Unitelma Sapienza

pa digitale

Il Governo, con le nomine dei sottosegretari del 12 giugno 2018, è nel pieno della sua configurazione e dei suoi poteri e quindi a questo punto deve definire le strategie concrete ed operative per attuare il programma (contratto) di “governo”. Anche per quanto attiene la trasformazione digitale: l’insieme dei processi di semplificazione e digitalizzazione per un passaggio paradigmatico verso amministrazioni moderne, trasparenti, semplificate, digitali, aperte, “tipiche” della società dell’informazione.

Trasformazione digitale vs. burocrazia

La trasformazione digitale è ancora oggetto di analisi, di convegni, di seminari, di timidi tentativi di attuazione e di slogan o proclami politico-istituzionali. Le burocrazie sono ancora contrassegnate da modelli degli anni settanta: gerarchiche, chiuse, molto attente alla forma, non attente alle esigenze dei cittadini, degli utenti, delle imprese; costose, con una organizzazione del lavoro “per pratiche”; con risorse umane scarsamente formate, con molta tecnologia informatica “sui tavoli”; con molta carta da gestire, da “passare”, da fotocopiare, da archiviare; con cicli burocratici senza senso e senza direzione, senza finalità (si opera per prassi remote e per tradizione orale).

WHITEPAPER
Vantaggi economici, flessibilità e scalabilità: perché scegliere il cloud oggi!
Cloud
Digital Transformation

Tutto ciò che è “quasi-impossibile” se non si semplifica

Il passaggio all’amministrazione digitale (dove si formano i documenti nativamente digitali, si presentano istanze solo in modalità digitale, ecc.) è “bloccato” su di un aspetto ineliminabile: la semplificazione amministrativa. Se non si semplifica non si riesce a trasformare la burocrazia in amministrazione digitale (l’art. 15 del Codice dell’amministrazione digitale in questo è molto chiaro e netto: prima si semplifica e poi si digitalizza). Ma se non si semplifica diventa “quasi-impossibile” attuare piani di trasparenza e anticorruzione (perché si richiede una analisi vera dei rischi e questa analisi è possibile solo attraverso la conoscenza delle procedure, dei procedimenti, delle attività e la loro conseguente semplificazione). Se non si semplifica diventa “quasi-impossibile” attuare il regolamento UE 679/2016 per il trattamento dei dati personali e la loro protezione: non si conoscono i trattamenti, non si rilevano i rischi da trattamento, diventa difficile “proteggere” i dati personali come patrimonio pubblico, come valore della persona (il tentativo è quello di continuare su di una finta e solo formale protezione dei dati). Se non si semplifica diventa “quasi-impossibile” garantire il diritto di accesso e di informazione (in una babele di dati, documenti, atti formati in una modalità “mista”, analogico-digitale) e la qualità dei servizi. Se non si semplifica non cambia l’organizzazione del lavoro (che opera in una perenne “complessità” che non ha ragione di essere). Il Governo è quindi chiamato ad intervenire pesantemente sul fronte della semplificazione amministrativa: le pubbliche amministrazioni (30.000 enti tra ministeri, regioni, comuni, province, scuole, ecc.) devono semplificare tutto il possibile (non ci sono limiti giuridici e normativi): iter delle attività, modulistica, tempistica, modalità di presentazione delle istanze, ecc. Con un progetto per una burocrazia digitale a supporto dello sviluppo socioeconomico ed amministrativo del Paese.

Regole tecniche aggiornate, lineari, chiare, applicabili

Sul versante del digitale dobbiamo ancora una volta rilevare (lo facciamo da anni ormai) che è necessario un indirizzo del Governo (senza commissari straordinari, che di straordinario non hanno fatto niente!) per “normalizzare” lo sviluppo dell’amministrazione digitale: è necessario avere a disposizione un sistema di regole tecniche aggiornate, lineari, chiare, applicabili. E quindi un piano nazionale di informatica che integri semplificazione e tecnologia. Un piano che sia espressione di un’Agid che finora è stato un ente con molte “sfumature di grigio” senza un ruolo determinante. Resta sullo sfondo un Codice dell’amministrazione digitale che andrebbe semplificato e ridotto a pochi articoli (di principio): oggi è un sistema misto di norme, di prescrizioni, di regole, di pie intenzioni, ecc.

Il Governo non può che fare un patto forte con Regioni, Comuni (ANCI), Province (UPI) per definire “cosa fare” e “come” sia per i processi di semplificazione sia per i processi di digitalizzazione: non basta creare o finanziare tante “piattaforme digitali” a livello regionale e poi? Le piattaforme (lo dice il termine) sostengono qualcosa (decisioni, procedure, procedimenti, attività, atti, documenti, dati, sistemi documentali, dati aperti, ecc.): è su questo “qualcosa” che è necessario operare. Anche per dare una risposta di ammodernamento ai cittadini che vivono la propria “burocrazia quotidiana” nei comuni tutti i giorni. Piattaforme digitali per farci cosa?

A ciascuno le sue responsabilità

Il futuro dell’amministrazione pubblica (oltre 3 milioni di pubblici dipendenti; un insieme di macchine burocratiche vecchie da rinnovare, da stravolgere, da rendere produttive) è ancora legato al passato: applicare veramente e definitivamente la legge 241/90. La necessità di cambiare è strettamente legata agli alti costi della burocrazia per i cittadini, i professionisti e le imprese oltre che per lo Stato. Diversi studi e ricerche hanno registrato costi per 30 miliardi di euro per adempimenti burocratici inutili, ridondanti, che ogni anno costituiscono un blocco allo sviluppo sociale ed economico del Paese. Non si può dare la responsabilità ai dipendenti pubblici che operano in modelli organizzativi datati. Il Governo deve definire una strategia di vero cambiamento. Il Parlamento deve fare la sua parte.

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
PA
Sostemibilità
Analisi
Formazione
Salute digitale
Sicurezza
Sostenibilità
Digital Economy
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati