l'analisi

Responsabili alla transizione digitale, solo pochi con le competenze: stavolta evitiamo il bluff

Bene che ci siano 5 mila RTD in Italia…Peccato che a un’analisi dei nomi solo pochi risultano avere le competenze sufficienti. La soluzione è solo in un nuovo fondo da 100 milioni per le competenze PA: compito della neo ministra Pisano attuarlo

15 Ott 2019
Paolo Coppola

Professore associato di informatica, Università di Udine, consulente Governo per progetti di digitalizzazione della PA

digitale

La notizia del superamento della soglia di 5000 responsabili per la transizione digitale della pubblica amministrazione, come è possibile controllare dal sito avanzamentodigitale.italia.it, va sicuramente accolta con piacere, perché la Pubblica Amministrazione ha veramente bisogno di quelle figure professionali.

E tuttavia qualcosa non torna e fa venire il sospetto che siamo di nuovo di fronte a un adempimento vuoto, non in grado di incidere sulla realtà della PA. Perché a una prima analisi solo pochi di quegli RTD sembra avere le giuste competenze

Il senso dell’RTD per la PA

Quando nel 2014 il Presidente del Consiglio Renzi riunì al Nazareno i parlamentari del PD per discutere della riforma della PA ricordo bene l’intervento della Senatrice Linda Lanzillotta che chiese con determinazione che venisse introdotta una figura apicale, che rispondesse direttamente al vertice politico e che si occupasse della transizione digitale. Successivamente ricordo di quando in qualità di relatore del decreto legislativo che portava quella e altre modifiche riunii alla Camera dei Deputati, con la collaborazione del circolo dei giuristi telematici, una serie di esperti e portatori d’interesse per discutere di quale fosse la migliore formulazione di quelle norme e ne venne fuori, tra l’altro, la richiesta che la legge specificasse che quella figura doveva avere forti competenze tecniche, manageriali e di informatica giuridica.

INFOGRAFICA
Manufacturing 5.0: ecco i vantaggi della monetizzazione dei dati!
Big Data
IoT

Infine ricordo bene quando in qualità di Presidente della Commissione parlamentare d’inchiesta sulla digitalizzazione della Pubblica Amministrazione, nell’affrontare il filone d’indagine relativo al rispetto del Codice dell’Amministrazione Digitale nelle PA, decisi di iniziare convocando i vari RTD dei ministeri e scoprimmo che nessuno li aveva nominati. Tutti i decreti di nomina degli RTD dei ministeri e delle Regioni hanno una data posteriore a quella prima convocazione in cui dovetti minacciare di convocare in audizione il Ministro e chiedere conto a lui del motivo per cui, nonostante reiterate richieste al suo Ministero, il nome del RTD non ci veniva comunicato.

Il RTD è uno strumento fondamentale nella sfida alla digitalizzazione della PA se si è realmente convinti che stiamo vivendo una trasformazione epocale a causa delle tecnologie.

Se siamo convinti che il digitale pervade con velocità crescente tutte le attività umane e quindi tutte le organizzazioni, occorre domandarsi chi, all’interno dell’organizzazione stessa, si stia occupando della transizione, per evitare di trovarsi impreparati al cambiamento, arrivando in ritardo o, peggio, ignorando le nuove opportunità. Se nessuno se ne occupa e se devono occuparsene tutti, l’asino con due (o cento) padroni, si sa, muore di sete…

Il senso della legge che istituisce la figura del RTD è questo ed è quindi fondamentale non considerare la nomina del RTD come mero adempimento burocratico. È per questo che mi sento di fare un appello alla Ministra Pisano: questa volta facciamo sul serio!

La verifica sugli attuali RTD

Lo faccio perché in seguito all’annuncio del raggiungimento di quota 5000 ho fatto qualche controllo utilizzando gli open data che si possono scaricare dal sito dell’indice della PA e da cui è possibile ottenere facilmente il nome e cognome dei RTD nominati. A parte un serio problema di qualità del dato, su cui tornerò in altra sede, che ci fa trovare, ad esempio, che il comune di Sappada ha nominato Responsabile il signor “xxx” di nome e “xxx” di cognome, campionando un po’ a caso si trovano i nomi e cognomi di molti segretari comunali e addirittura di un sindaco.

Ricordo ai lettori che l’articolo 17 del CAD, che impone la figura del RTD, stabilisce al comma 1-ter che “Il responsabile dell’ufficio (…) e’ dotato di adeguate competenze tecnologiche, di informatica giuridica e manageriali”.

Nei casi appena citati, mi permetto di dubitare… Anche se fosse, comunque, sicuramente un sindaco non può rivestire un ruolo dirigenziale e quindi quella nomina è illegittima.

Pochi RTD con competenze

Quanti dei 5000  RTD elencati nell’IPA hanno realmente i requisiti richiesti dalla norma? In quanti casi la nomina è stata presa sul serio e non come mero adempimento a cui occorreva rispondere con un nome qualsiasi che si prendesse la “responsabilità” del ruolo inteso più come “terminale” a cui far arrivare le comunicazioni di Agid e del Team digitale che come “responsabile” di azioni concrete tese a gestire e favorire la transizione digitale dell’Ente?

Temo molto pochi perché, banalmente, sappiamo tutti che nelle politiche di assunzione della PA le figure professionali richieste dall’art. 17 non sono state quasi mai presenti. Inoltre va detto che probabilmente pochi comuni si sono resi conto dell’opportunità prevista dal comma 1-septies che permette alle pubbliche amministrazioni diverse dalle amministrazioni dello Stato di individuare l’ufficio e il responsabile per il digitale anche in forma associata. Perché non lo fanno? Perché nominano persone che molto probabilmente non hanno le competenze necessarie e previste dalla legge? Molto probabilmente perché le persone con le competenze giuste non le hanno e, nonostante la norma imponga loro di averle dal settembre 2016, dopo tre anni non hanno provveduto ad assumerle o formarle.

La ministra Pisano metta 100 milioni sulle competenze

La digitalizzazione della PA prosegue a rilento anche e soprattutto a causa della cronica mancanza di competenze, soprattutto nei vertici delle PA. Se non vogliamo continuare a fare finta non bastano più le circolari ministeriali che spingano gli enti ad approvare nomine di facciata la cui reale aderenza alla norma non viene poi controllata da nessuno. Servono risorse. Nella prossima legge di bilancio la Ministra Pisano dovrebbe pretendere l’istituzione di un fondo ad hoc: un investimento di 100 milioni per cofinanziare al 50% l’assunzione di nuovi dirigenti che finalmente abbiano competenze adeguate.

Cento milioni per investire in cervelli e immettere nella PA le competenze che da troppi anni mancano, innescando un circolo virtuoso che ridurrebbe gli sprechi nelle forniture ICT e, accelerando la transizione al digitale, si ripagherebbe in poco tempo.

Questa volta, vi prego, non facciamo finta. Evitiamo che la nomina dei RTD sia ridotta ad un adempimento e riconosciamo nella prossima legge di bilancio, con uno stanziamento ad hoc di almeno 100 milioni, il giusto valore ad una operazione così importante come la transizione digitale, che è una sfida bellissima e difficilissima che potremo vincere sono puntando sulle competenze.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
PA
Sostemibilità
Analisi
Formazione
Salute digitale
Sicurezza
Sostenibilità
Digital Economy
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati