Sanità digitale, decollo in corso: tra nuovi servizi e vecchi intoppi

Prima di partire per le vacanze, facciamo il punto della situazione per capire come (e quanto più o meno velocemente) procede la digitalizzazione della sanità italiana.
Una buona notizia: le cose cominciano a muoversi con una maggiore accelerazione rispetto al passato.
Forse è la volta buona. O forse no: vediamo

28 Lug 2016
Paolo Colli Franzone

presidente, Osservatorio Netics

sanità-forumpa-150612174543

Ultimo refresh ai dati che rappresentano l’avanzamento del processo di digitalizzazione della sanità italiana.
L’obiettivo è quello di portarci sotto l’ombrellone un po’ di dati aggiornati a partire dai quali fare tuning sugli obiettivi e sulle strategie di digital transformation.
Per poi magari fare un punto della situazione insieme a tutti gli stakeholder nel corso dell’edizione 2016 di “S@lute: Forum dell’Innovazione per la Salute” che avrà luogo a Milano (Palazzo Lombardia) dal 10 al 12 novembre.

Partiamo subito dal fondo: questo primo del 2016 è stato il semestre dell’accelerazione, in tutti i sensi e su tutti i fronti.
Passano da 4 a 7 le Regioni che hanno in produzione il Fascicolo Sanitario Elettronico: alle “pioniere” Lombardia, Emilia-Romagna, Provincia Autonoma di Trento e Toscana si aggiungono Valle d’Aosta (riuso del FSE trentino), Sardegna e Puglia.

Continua ad essere difficile ottenere dalle Regioni dati puntuali sull’effettivo utilizzo della piattaforma FSE da parte di medici e assistiti/pazienti, con la sola eccezione del Trentino che pubblica e aggiorna di frequente i dati relativi agli accessi e non solo quelli (del tutto “teorici” e non rappresentativi dell’effettiva realtà) relativi al rilascio del consenso privacy da parte dei cittadini e contestuale “attivazione del FSE”

.Ma questo del forse ancora un po’ scarso utilizzo del FSE è un problema ascrivibile alla categoria degli “happy problem”: c’è tempo per diffondere l’utilizzo, l’importante è che le piattaforme ci siano e funzionino al meglio.
Ad oggi, una Regione su 7 (Valle d’Aosta) ha scelto di riusare un FSE già esistente, abbandonando la tentazione del “facciamo l’ennesimo software”; con ogni probabilità – se prendiamo per buone le indiscrezioni – alla fine saranno 4 o 5 (su 21) le Regioni “riusanti”.
Poche, troppo poche.

Ancora di più in questi tempi di vacche indiscutibilmente magrissime, pensare che si siano moltiplicati per 16 gli investimenti necessari a costruire una piattaforma di FSE grida un minimo di vendetta, ragionando da contribuenti.
Si ripete l’errore fatto a suo tempo coi software per il bollo auto e coi sistemi informativi di Lavoro e Agricoltura: qualche centinaio di milioni di Euro investiti per inventare l’acqua calda, alla faccia della spending review e del buon senso.
Desta qualche curiosità il fatto che una sola delle 8 Regioni in piano di rientro dal disavanzo della spesa sanitaria abbia più o meno ufficialmente manifestato interesse verso l’opzione di riuso per il FSE.

In estrema sintesi: bene dal punto di vista dell’avanzamento del processo di digitalizzazione della sanità, un pochino meno bene (per dirla con un eufemismo) sotto il profilo della “buona” amministrazione della res publica.
Soprattutto se si tiene conto che il legislatore, introducendo a suo tempo l’obbligatorietà del Fascicolo Sanitario Elettronico, previde l’infrastruttura centrale di FSE da rendere disponibile in regime di sussidiarietà alle Regioni che avessero voluto evitare rilevanti investimenti e iniziative progettuali complesse in alcuni casi poco compatibili con le risorse disponibili a livello locale.
Tutto bene, quindi, ma si spera che in qualche caso riesca ancora a prevalere il buon senso ed il numero delle Regioni riusanti (e/o accedenti alla piattaforma centrale di FSE) salga ad almeno 7-8. Con un risparmio di qualche centinaio di milioni, sicuramente da reinvestire in innovazione tecnologica dando luogo magari a circuiti virtuosi di riuso e co-progettazione/co-sviluppo.

Nel frattempo, ottime notizie da molte Regioni sul versante del rilascio di servizi online afferenti alla sfera sanitaria, con particolare riferimento al pagamento elettronico di ticket, all’inoltro telematico dei referti e alla possibilità di prenotare online visite specialistiche ed esami diagnostici.
Veneto, Lazio, Umbria e Liguria, in particolare, spiccano per un vero e proprio balzo in avanti nell’ultimo anno, secondo i dati rilevati dall’Osservatorio Netics relativi alla readiness regionale per l’e-health. Bene anche la Valle d’Aosta, anche in funzione della messa in operatività del Fascicolo Sanitario riusato dalla Provincia di Trento.
“Virtualmente bene” anche la Sardegna, che rilascia il servizio di “Web CUP” (prenotazioni di prestazioni online) restringendo sensibilmente le prestazioni prenotabili via Web rispetto a quelle prenotabili via call center o ricorrendo agli sportelli fisici. Troppo poco per vedersi aumentare il ranking secondo la metodologia Netics, che prevede di assegnare punteggio solamente alle piattaforme di Web CUP che consentono di prenotare almeno il 50% delle tipologie di prestazioni ottenibili.

Come sempre, il problema non è tecnologico: si rendono disponibili le prestazioni rispetto alle quali i singoli ambulatori/dipartimenti/unità complesse decidono di “aprire le agende”, mettendole online. Decisione che dipende in larghissima misura dal livello di confidenza che il singolo Dirigente ripone nei confronti del sistema informativo aziendale e/o regionale.
E qui le cose a volte si fanno critiche.

Ancora una volta, “come sempre”: il problema sta nel manico, e il manico sono gli obiettivi dati ai dirigenti.
Vogliamo provare? Cerchiamo un Direttore Generale di ASL che abbia voglia di fissare un obiettivo rigido relativo alla quantità di agende aperte online?
Scommettiamo che funziona?
Come diceva il Poeta: “provare per credere”.
Isole comprese.

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
PA
Sostemibilità
Analisi
Formazione
Salute digitale
Sicurezza
Sostenibilità
Digital Economy
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 2