ASSET URBANI

Smart city, così a Firenze il verde diventa “mobile friendly”

Il Comune toscano abilita una nuova piattaforma che punta ad avvicinare i cittadini al patrimonio green della città. Dal progetto “Alberi-Nuovi nati” al servizio “Dona un albero”, ecco tutte le iniziative messe in campo

13 Mar 2020
Cecilia Del Re

Assessora ambiente, innovazione tecnologica, sistemi informativi, Comune di Firenze

Mirko Leonardi

Dirigente - Servizio Parchi Giardini ed Aree Verdi, Comune di Firenze

Gianluca Vannuccini

Direttore Sistemi Informativi, infrastrutture tecnologiche e innovazione Regione Toscana

word-image

Il Comune di Firenze sta spingendo su sistemi innovativi per la gestione del verde pubblico. Oltre a irrigazione smart e sistema informativo per la gestione di alberi e parchi, ecco come funziona la nuova piattaforma di servizi che mette nel mirino una cittadinanza digitale “green-friendly”.

Firenze Green Smart City: i tre step

Il progetto Firenze Green Smart City, risultato vincitore al recente premio Agenda Digitale Enti Locali 2019 dell’Osservatorio sull’Agenda Digitale del Politecnico di Milano si compone di tre sotto-progetti:

WHITEPAPER
Smart building: una guida per semplificare la progettazione della rete
  • Il primo, il sistema di smart irrigation connesso alla piattaforma bigdata cittadina
  • Il secondo sotto-progetto è il cosiddetto Sistema Informativo del Verde Pubblico – SIVEP
  • Il terzo sotto-progetto, composto da un set di servizi: lo raccontiamo qui

Il Comune di Firenze ha realizzato da anni un sistema di mappatura del Verde, esposto tramite la Rete Civica con un sito piuttosto datato che raccontava il mondo dell’Ambiente ai cittadini.

Di recente, usando come piattaforma la nuova rete civica della città di Firenze basata su Drupal e realizzata con il supporto degli esperti del Team Digitale, il Comune ha realizzato una nuova sezione dell’Ambiente che ha l’obiettivo di avvicinare i cittadini al Verde pubblico in un modo diverso, mediante strumenti più mobile-friendly, contenuti aggiornati e che raccontano una serie di iniziative nuove, che sfruttano le tecnologie per tutelare al meglio l’ambiente (come lo smart irrigation), o che stimolano la cittadinanza sui temi della sostenibilità ambientale (come Firenze Plasticfree).

Piattaforma e nuovo sito

Parlare di ambiente pone innanzitutto la difficoltà di definire quali siano i contorni di questo ambito tematico, dove incontri i propri limiti, quali siano gli elementi che oggi lo caratterizzano e delineano. Sì, perché l’ambiente è molto più del verde che ci circonda: si sostanzia delle nostre azioni, della nostra cultura, si cala nel quotidiano del nostro vissuto, in un contesto urbano che lo modella e con cui si fonde.

È per questo che realizzare un nuovo sito dedicato all’ambiente ha voluto dire confrontarsi con una dimensione ampia e variegata, cercando di darne conto in tutte le sue sfaccettature, radunando e riorganizzando contenuti che avevano avuto fino a quel momento contesti separati.

Ha voluto dire cogliere le profonde connessioni che legano la dimensione naturalistica ed estetica di un parco con la programmazione locale e internazionale per la qualità dell’aria, coniugare il servizio al cittadino con il suo coinvolgimento attivo, offrire informazioni, strumenti, servizi, e farlo attraverso le opportunità che le nuove tecnologie ci mettono a disposizione.

Firenze, “riforma” dei siti tematici

Un nuovo sito ha costituito così l’occasione di ripensare e riorganizzare questi contenuti, nella cornice della revisione globale dei siti tematici che il Comune di Firenze sta conducendo attraverso il passaggio al sistema Drupal e all’adozione delle Linee guida di design redatte da Agid (Agenzia per l’Italia Digitale), che hanno permesso di offrire una grafica coerente, un’architettura dell’informazione semplificata e funzionale, una standardizzazione dei principali elementi tecnici.

Nel corso del 2019, forti dell’avvio in produzione della piattaforma SIVEP, in cui i dati sono a sistema e ben curati, il Comune di Firenze ha deciso di lanciare un percorso di partecipazione con i cittadini sul tema alberi, l’elemento del verde pubblico che più rappresenta il presidio e l’importanza della Natura nelle città.

E’ così che ne è nato un nuovo racconto, che è stato rappresentato con una linea grafica e di comunicazione tutta realizzata in-house presso l’Ufficio del Sindaco-Servizio Gestione Canali di Comunicazione dell’Ente.

Come un fil rouge, o piuttosto verde dato il tema, che mostrasse la connessione e la continuità di tutte le azioni, i contenuti e i servizi innovativi proposti, è stato scelto per la campagna di comunicazione un elemento grafico lineare che, in modo intuitivo e chiaro, potesse declinarsi a seconda delle diverse sfaccettature dei vari ambiti, mantenendone però, anche visivamente, la coerenza e il legame.

Dal sito tematico alle locandine, dalle etichette alle email, tutto il materiale comunicativo si è caratterizzato per la presenza, riconoscibile e immediata, di un albero accompagnato da elementi specifici studiati per i diversi contesti

I servizi per i cittadini sul Verde

Su questo percorso di comunicazione si sono innestati due servizi estremamente apprezzati, semplici come idea ma basati su una infrastruttura digitale tutt’altro che banale: il servizio Alberi-Nuovi nati e il servizio Dona un albero.

Il servizio Alberi-Nuovi nati ottempera ad una legge, conosciuta come “Un albero per ogni nato” (L. n. 113/1992), che obbliga i Comuni con più di 15.000 abitanti a porre a dimora un albero per ogni bambina e bambino nati nel proprio territorio.

Il Comune ha voluto cogliere l’opportunità derivante da questo obbligo normativo per instaurare una nuova forma di dialogo fra chi ha avuto un nuovo nato e gli alberi le città.

E’ stato scelto di utilizzare SPID per l’autenticazione al servizio, per varie ragioni, innanzitutto per promuovere queste credenziali presso i cittadini che si avvicinano per la prima volta ai servizi digitali dell’Ente, e poi perché in ogni caso si visualizzano dati recuperati dall’Anagrafe di Firenze (anche se estremamente ridotti secondo il principio del minimo trattamento ai sensi del GDPR).

Il servizio è stato completamente sviluppato con risorse interne al Comune di Firenze utilizzando piattaforme e librerie open (symfony 4.4, openlayers). I dati minimi di accesso dei soggetti sono verificati direttamente nella banca dati anagrafica del Comune di Firenze, allo stesso modo l’associazione con l’albero avviene attraverso colloquio diretto con il SIVEP.

L’associazione bambino-albero è solo virtuale: permetterà di vedere online la collocazione, la specie, lo stato di crescita della pianta ma non ci sarà nessuna indicazione o targhetta sull’albero fisicamente pianato. La piantagione degli alberi avviene in periodi stabiliti dell’anno e in ogni caso nel rispetto delle condizioni climatiche del momento, quindi dal momento della nascita al momento della piantagione fisica dell’albero possono passare alcuni mesi (massimo 7).

La campagna di comunicazione

Tuttavia, come sappiamo, la sola digitalizzazione di un servizio non è niente, se non vi si accompagna un processo di comunicazione che lo rende noto e lo fa inserire “naturalmente” nella quotidianità dei gesti dei cittadini.

Ai nuovi nati residenti a Firenze viene infatti spedita una lettera del Sindaco con la quale i genitori possono ritirare, in una qualsiasi delle farmacie comunali, un ‘kit neonato’ composto da pannolini, crema, salviette e tisana per l’allattamento, adesso insieme a una cartolina informativa sull’albero che viene piantato per il nuovo nato, con le prime informazioni su come accedere al servizio on line dedicato. La cartolina, così, non ha solo carattere informativo, ma acquista valore come bene di prima necessità, elemento essenziale che accompagnerà la crescita del bambino e la sua relazione con la città

E’ così che gli alberi entrano a far parte dell’insieme di novità che i genitori affrontano alla nascita della propria figlia o figlio, e dunque si avvicina da subito la nuova famiglia alla cura del Verde.

La vita del nuovo albero si sviluppa infatti in connessione diretta con la storia della famiglia e diventa uno strumento capace di rappresentare quanto il sistema del verde cittadino la riguardi intimamente, mostrando e coltivando un legame coinvolgente con la propria città e stimolando la famiglia a sentirsi parte attiva della cura del verde.

Il servizio “Dona un albero”

Il servizio Dona un Albero, è invece nato dall’idea di avvicinare i cittadini agli alberi rendendoli partecipi della sua piantumazione, in ottemperanza alla Legge 29 gennaio 1992, n. 113 così come modificata dalla Legge 14 gennaio 2013, n. 10 Norme per lo sviluppo degli spazi verdi urbani, la quale all’art. 1 comma 2 prevede che “Il comune stabilisce una procedura di messa a dimora di alberi quale contributo al miglioramento urbano i cui oneri siano posti a carico di cittadini, imprese od associazioni per finalità celebrative o commemorative”.

La procedura prevede che il donante possa scegliere, accedendo a una mappa interattiva e in base all’offerta proposta dal servizio online, il tipo di pianta da donare e il sito di piantagione. La posa a dimora della pianta sarà accompagnata dall’apposizione di una targhetta fisica recante il nome della persona o delle persone a cui l’albero viene dedicato e, nell’eventualità che il donante abbia dato la sua approvazione per la visualizzazione aperta a tutti, il testo della dedica. Il testo del messaggio sarà sempre invece visibile a tutti dal QR-code che sarà presente sulla targhetta apposta sopra il palo tutore dell’albero.

Al donatore verrà inviata una cartolina digitale con un QRcode che potrà consegnare al soggetto interessato. Questo QRcode permette, inquadrato con un lettore, di accedere al sito dell’albero e di vedere le informazioni inserite: tipo albero, dedica.

Allo scopo di facilitare l’operazione di donazione è stato individuato lo Sportello EcoEquo quale ufficio di raccordo con i tecnici della Direzione Ambiente e della Direzione dei Sistemi Informativi e preposto alla ricezione di segnalazioni e/o all’assistenza per la donazione, aiutando così anche cittadini meno digital-friendly.

Anche in questo caso, l’albero donato potrà essere piantato solo in alcuni periodi dell’anno (ovvero quelli coincidenti con i momenti più propizi per la messa a dimora di nuovi alberi), e pertanto la donazione potrebbe vedersi realizzata non a breve termine ma in un lasso di tempo che comunque dovrà essere inferiore ai 7 mesi, fatto salvo il caso di condizioni stagionali particolarmente avverse che l’amministrazione comunale si riserva di valutare allo scopo di garantire la migliore riuscita dell’operazione.

PagoPA per il servizio di pagamento

L’amministrazione comunale provvederà prontamente a informare il donante non appena l’albero verrà piantato. Sulla mappa online degli alberi messi a disposizione del progetto, l’albero risulterà però già come “donato”, marcato con un piccolo cuore rosso, e quindi non più donabile da parte di altri utenti.

La somma di 150 Euro è idonea a coprire le spese per l’acquisto dell’albero, la sua messa a dimora da parte degli operatori dell’amministrazione comunale e l’apposizione della targhetta contenente la dedica, sempre a cura dei medesimi. Il Comune di Firenze assume a proprio carico l’onere delle cure selvicolturali per l’intero periodo di attecchimento.

Il servizio ‘dona un albero’ è stato sviluppato come il precedente con risorse interne al Comune utilizzando analoghe piattaforme di sviluppo, e il pagamento viene effettuato tramite il sistema di connessione al nodo dei pagamenti nazionale realizzato nell’ambito del PON Metro 2014-2020 Asse 1 Agenda Digitale Firenze dalla azienda in-house multi-ente per la gestione di Firenze Smart City denominata SILFI SpA (che ingloba per fusione Linea Comune SpA). In questo modo non solo si ottempera alla normativa che richiede che i pagamenti alla PA siano tramite pagoPA, ma si prosegue nel percorso di penetrazione delle nuove infrastrutture immateriali del Piano Triennale presso i cittadini.

Ancora una volta, al servizio si è associato un processo di comunicazione e la realizzazione dei materiali comunicativi connessi all’iniziativa. La grafica realizzata è stata quindi tradotta in prodotti sia di rilancio e diffusione nei confronti dei cittadini, come le locandine collocate nel centro storico, sia in prodotti complementari al servizio, come la cartolina inviata agli utenti, con la loro dedica, che è possibile stampare in autonomia.

Il sistema è stato lanciato il 27 novembre per la festa dell’albero, già il 28 erano state fatte 100 donazioni e ad oggi registra 455 donazioni.

Il Comune intende proseguire con 15.000 nuovi alberi da porre a dimora nel quinquennio 2019-2024, anche in aree recuperate allo scopo di incrementare la dotazione complessiva di verde pubblico. Per agevolare il raggiungimento dell’obiettivo saranno implementate forme di partenariato pubblico privato, sia attraverso procedure di sponsorizzazione che di donazione di alberi.

Si può dunque dire che Dona un albero è diventata la killer application del Verde pubblico digitale, visto il grande successo, addirittura una cittadina da Los Angeles si è lamentata della non agevole fruizione in lingua italiana, e i tecnici del Comune stanno prontamente sviluppando la versione in lingua inglese!

I prossimi progetti

Un ulteriore progetto che ha il fine di coinvolgere il cittadino nella cura e nella conoscenza del verde urbano è quello della mappatura di itinerari turistici che intercettino gli alberi di maggiore pregio della città: dagli alberi monumentali a quelli esotici, dalle specie più rare ed in via di estinzione ad alberi che hanno assunto una crescita particolare, l’obiettivo è quello di guidare il cittadino e il turista – attraverso una sorta di google maps degli alberi – alla scoperta del patrimonio arboreo presente sul proprio territorio per poter ammirare lo spettacolo e la storia della natura che ci circonda.

Progetto Firenze Green Smart

Il video sul Sistema Firenze Green Smart City

WHITEPAPER
Smart Building: a quanto ammonta il loro valore di mercato nel nostro Paese?
Proptech
Smart city
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 3