Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Direttore responsabile Alessandro Longo

Obbligo POS

Boccadutri (PD) “Le tre novità normative che cambieranno i pagamenti elettronici nei negozi”

di Sergio Boccadutri, PD

17 Dic 2015

17 dicembre 2015

La norma all’interno della Legge di Stabilità risolve alcuni dei limiti dovuti ad una certa timidezza del legislatore su un tema fondamentale per lo sviluppo del sistema paese, com’è quello dei pagamenti elettronici.

La norma poggia su tre pilastri (da definire con decreto ministeriale entro febbraio, Ndr). 

Il primo è la cancellazione di un limite per l’obbligo di accettazione di pagamenti elettronici, prima fissato dal un decreto ministeriale a trenta euro.

Il secondo quello di rendere effettiva la scelta della modalità di pagamento da parte del consumatore attraverso la previsione di sanzioni nei confronti di chi dovesse impedire la scelta, salvaguardando esclusivamente i casi di oggettiva impossibilità tecnica.

Il terzo quello di incentivare la moneta elettronica nei consumi di tutti i giorni, attraverso l’esercizio di una opzione contenuta nel regolamento europeo 751/2015 per i pagamenti inferiori a cinque euro.

Il combinato disposto dell’aumento della soglia e l’incentivazione dei pagamenti digitali tra l’altro era esattamente contenuto del dispositivo di una mozione approvata a giugno del 2015 dalla Camera dei Deputati

In questo modo l’Italia si predispone nel migliore dei modi al recepimento della Direttiva sui servizi di pagamento (PSD2) che modificherà profondamente il mercato dei pagamenti, anche con l’ingresso di nuovi attori e che tra poche settimane sarà definitivamente approvata in sede europea.


 

Articoli correlati