INNOVAZIONE

Caro chatbot ti parlo: algoritmi e 5G per l’assistenza post-Covid

In rapida affermazione il mercato dei sistemi di interazione uomo-macchina destinati all’ambito socio-sanitario. Intelligenza artificiale e super-reti Tlc alla base dei nuovi assistenti pronti a trasformarsi in avatar capaci di empatia. Italia in campo con il progetto Catalyst promosso dal TM Forum

16 Giu 2020
Ernesto Damiani

Senior Director of Robotics and Intelligent Systems Institute at Khalifa University

chatbot

C’è un mercato nascente, nel mondo dell’assistenza post-Covid. Quello dei chatbot in grado di risolvere problemi al confine fra il counselling e la terapia. Il Giappone li ha abbondantemente sperimentati nel corso del picco epidemico. Ma la domanda è destinata a crescere in tutto il mondo.

Cresce la domanda di tecnologia per la salute

Il motivo è chiaro. Durante la crisi, il sistema sanitario si è dovuto concentrare sull’assistenza ospedaliera ai casi conclamati, lasciando quasi completamente scoperto il terreno dell’assistenza e del consiglio a chi – malato paucisintomatico o semplicemente preoccupato – era confinato a casa. In questo articolo ci chiediamo se lo stato di ansietà dovuto alla pandemia avrà effetti di lungo termine creando una domanda permanente di supporto tecnologico per la salute.

WHITEPAPER
Food&Beverage: come cambierà il paradigma del data management?
Retail
Smart agrifood

Partiamo dall’esperienza di Paesi abituati più di noi a fare affidamento sull’interazione uomo-macchina per risolvere problemi al confine tra gli interventi terapeutici (sanità) e i consigli di comportamento (salute). Vogliamo discutere se la piattaforma tecnologica basata su 5G ed Intelligenza artificiale arriverà a giocare un ruolo fondamentale nella gestione dell’ansia del mondo post-COVID. I fornitori di sistemi intelligenti hanno iniziato ad accorgersi di questo potenziale mercato, tanto che IBM ha offerto il suo Watson Assistant for Citizens in uso gratuito per 90 giorni a governi e aziende sanitarie gratuitamente per 90 giorni.

Giappone campione di counselling-chat

Durante i mesi più intensi della pandemia il Giappone ha visto un’esplosione delle chiamate ai servizi di consulenza gratuiti, sia in giapponese che in inglese. Questi ultimi sono gestiti da organizzazioni no-profit come Tell Japan (che serve la comunità internazionale che risiede in Giappone fin dal 1973). Altri servizi in inglese hanno offerto incontri di gruppo. Ad esempio, 7 Cups è un servizio internazionale di salute emotiva che fornisce connessioni anonime (anche via chat) e dichiara di avere ascoltatori umani preparati, premurosi e compassionevoli. La Prefettura di Tokyo ha attivato servizi informativi mutlilingue.

Per i giapponesi, i servizi gratuiti di consulenza psicologica e le terapie di sostegno attivate durante la crisi COVID sono stati in gran parte forniti dalle aziende per cui lavorano, come parte del programma di assistenza sanitaria aziendale per i dipendenti che si aggiunge al sistema sanitario nazionale. E’ interessante notare che la delega al sistema delle imprese della tutela della salute mentale dei singoli dipendenti non venga considerata da molti un pericolo per la privacy individuale. La maggior parte delle aziende giapponesi, comunque, ha fatto ricorso a servizi di counselling esterni (VIsual Counselling Agent – VICA) che forniscono consulenza psicologica ai dipendenti in forma anonima e riservata. In questi servizi VICA, l’interazione è affidata a chatbot basati su tecniche di Intelligenza Artificiale, che lasciano al terapista umano un ruolo di pura supervisione.

Il successo di questi servizi chatbot via Rete non era del tutto inatteso, perché il counselling per ripristinare il comfort emotivo era molto diffuso in Giappone anche prima del COVID (più di 2 milioni di client in Giappone). La vastità del fenomeno ha comunque portato il governo giapponese a ricordare alla popolazione che “nessun sistema di terapia o consulenza online può sostituire il supporto della famiglia o dei propri cari”.

Chatterbox “nipoti” di Eliza

Nell’ambito dei Visual Counselling Agent (VICA), l’Intelligenza Artificiale è dappertutto, tranne forse dove ci aspetteremmo di trovarla, cioè nella comprensione diretta delle frasi pronunciate dal chiamante in linguaggio naturale. Anzitutto, bisogna considerare che lo scopo della conversazione con un chatterbox non è capire cosa dice il chiamante, ma (non necessariamente in quest’ordine) farlo sentire meglio, dargli informazioni utili e raccogliere informazioni su di lui.

Il cuore algoritmico dei VICA si occupa di generare una risposta accettabile: ad esempio, sono diffusi semplici modelli k-NN (k Nearest Neighbors) che permettono di identificare le k frasi più vicine a quella pronunciata dall’utente per cui è nota una risposta, e poi sceglierne una in modo casuale, evitando così di dare sempre la stessa risposta alla stessa domanda. Si tratta dell’evoluzione di una tecnica nota fin dagli anni Sessanta, quando Joseph Weizenbaum scrisse un chatbot ante litteram, ELIZA, che faceva la parodia di uno psicoterapeuta, rispondendo al paziente con frasi perlopiù ottenute dalla riformulazione di affermazioni precedenti del paziente stesso.

La distanza usata per identificare il pool di risposte nel modello k-NN (o Random Forest) interno dei chatbot di oggi però è calcolata in uno spazio metrico i cui vettori comprendono, oltre alla codifica delle domande e risposte precedenti attraverso un “language model” (ossia un istogramma che rappresenta il numero di occorrenze delle singole parole o n-grammi), anche la codifica del profilo emozionale (mood) dell’utente, magari estratto da un sofisticato modello Deep Learning sulla base dell’espressione del viso.

L’apprendimento computazionale ha invece un ruolo chiave nell’acquisizione e nella sintesi del parlato. I chatbot lavorano sulla trascrizione del parlato e non direttamente sull’audio, e quindi è importante che la trascrizione sia impeccabile. Il problema dell’acquisizione corretta del parlato umano è stato quasi completamente risolto da Google, Apple e Amazon per le interfacce conversazionali di comando come Alexa o Siri, ma presenta ancora numerose incognite per quelle dialogiche dei chatbox, soprattutto per le lingue diverse dall’inglese.

Il problema di sintetizzare il parlato del chatbot con l’opportuna inflessione (ad esempio, compassionevole o di conforto) dettata dall’umore dell’utente o dall’andamento della conversazione è invece una sfida ancora aperta. Al momento, i VICA stanno imparando a utilizzare le sfumature della lingua nelle loro risposte e nelle loro inflessioni.

Se i codec voce/testo e testo/voce risiedono sugli smartphone, il cuore algoritmico dei VICA è eseguito in cloud. I requisiti per erogare un VICA sono onerosi: una latenza nella risposta ad ogni domanda inferiore a 50 msec, e una banda 0.3 Mbps (upstream)-1.5 Mbps (downstream). La prefettura di Tokyo genera normalmente intorno a 1000 chiamate giornaliere ai servizi di assistenza. Secondo Setsuo Tsuruta e Yoshi Sakurai delle Meji University, durante l’esplosione del COVID-19 a Tokyo il ricorso ai servizi ha riguardato più di 100K persone al giorno (la popolazione di Tokyo supera i 14 milioni) con una richiesta complessiva di banda 15-150Gbps.

Chatbot pronti per il 5G

I VICA attualmente disponibili su rete mobile 4G saranno presto proposti su rete 5G. Per capire il motivo di questa transizione, occorre tener presente che gli attuali modelli AI per chatbot dovranno essere integrati con la realtà virtuale per generare, insieme al parlato, una comunicazione non verbale che tenga conto delle espressioni facciali e del linguaggio del corpo del chiamante.

La bassa latenza (Ultra Low Latency – URLLC), e la banda elevata (eMBB – Enhanced Mobile BroadBand) del 5G sono essenziali per poter basare in cloud i futuri avatar in realtà aumentata, che dovranno riconoscere ogni sottile cambiamento delle emozioni degli utenti in tempo reale sulla base dell’immagine e del tono di voce.

Lo scambio internazionale attraverso la rete 5G di servizi chatbot di consiglio medico in lingue diverse è uno dei casi d’uso di un progetto Catalyst italo-franco-giapponese promosso dal TM Forum, l’organizzazione che riunisce gli operatori di rete mobile. Il progetto (Figura 1), guidato da Orange con la partecipazione di TIM, Meji University e Università di Milano, permette di gestire i chatbot in cloud tenendo conto della lingua e della cultura del chiamante, dovunque quest’ultimo si trovi.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 2