Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Direttore responsabile Alessandro Longo

PIANO INDUSTRIA 4.0

Cogo: “Piano Industria 4.0, dare più spazio a soluzioni miste: Public Private Participation”

di Gianluigi Cogo, docente Social Media Università di Venezia

05 Dic 2016

5 dicembre 2016

Governance

Credo sia opportuno dare più spazio a soluzioni miste: Public Private Participation. In Germania, ad esempio, la governance è condivisa fra Governo, Banche e Privati/Industriali.

Strumenti di intervento per gli investimenti Innovativi

Sarebbe opportuno dare più spazio alla trasformazione che alla ricerca. La ricerca è utile ma la nostra manifattura è leggera e ha bisogno di usare subito tutte le tecnologie disponibili. Quindi deve trasformarsi velocemente.

Strumenti di intervento per le competenze

Penso che manchi un vero piano integrato scuola/impresa/famiglia. Si continua a intervenire settorialmente e questo significa avere metodologie e obiettivi diversi.

Punti di debolezza delle infrastrutture abilitanti identificate

Mi sembra che il Piano sia troppo sbilanciato sulla Banda Ultra Larga rispetto al 5G e altre tecnologie mobile, che in un Paese così vecchio e difficile da infrastrutturare potrebbero essere invece maggiormente considerate.

Principali ostacoli da superare per l’attuazione del Piano Industria 4.0

I principali ostacoli vengono dal Codice degli Appalti e da tutte le normative “bloccanti”, che non aiutano la veloce attuazione.

 

L’articolo è estratto dalle riflessioni dell’autore per il sondaggio “Valutazione del piano Industria 4.0” realizzato tra gli esperti di agendadigitale.eu in corso di pubblicazione

Articoli correlati