Desi 2022

Competenze digitali: primi passi avanti dell’Italia, ma la vera svolta è all’orizzonte

Desi 2022, l’Italia compie significativi progressi, non ancora sufficienti. Soprattutto in ambito competenze digitali. La Strategia nazionale per le competenze digitali e il relativo piano operativo, sviluppato nell’ambito di Repubblica Digitale, faranno però la differenza in futuro

03 Ago 2022
Nello Iacono

Coordinatore Coalizione Nazionale Repubblica Digitale - Dipartimento per la trasformazione digitale

europa digitale

Il rapporto Desi 2022 fotografa un quadro europeo certamente con progressi rilevanti (tra tutti è significativa la riduzione complessiva del divario tra le performance degli Stati membri, con un’accelerazione dei Paesi in ritardo), ma ancora con carenze significative rispetto agli obiettivi definiti per il 2030 nell’ambito della prospettiva del Decennio Digitale.

Ed è un segnale importante che il rapporto evidenzi come negli ultimi 4 anni, nel periodo 2017-2021, l’Italia sia il Paese che abbia realizzato la maggiore performance sopra le aspettative, con ripercussioni positive anche nel ranking, che adesso la vede al diciottesimo posto, continuando nella risalita dei risultati e della graduatoria.

Desi 2022, per l’Italia un risultato agrodolce: perché siamo l’emblema di un’Europa a due velocità

Sull’area del Desi “capitale umano”, e in generale sulle competenze digitali, la situazione europea, e nel suo ambito quella italiana, mostra ancora dei dati molto lontani dagli obiettivi del 2030, nonostante i progressi registrati anche nell’ultimo anno. Ma su quest’area è utile un approfondimento, per analizzare meglio i dati e valutare il percorso intrapreso, sapendo che in quest’ambito la distanza temporale tra il momento dell’attuazione degli interventi e la possibilità di rilevazione statistica dei risultati non è certamente breve. Si tratta di interventi che necessitano di processi di cambiamento profondi e quindi con tempi lunghi.

Competenze digitali, una sfida europea

La centralità delle competenze digitali è ben evidenziata dall’introduzione posta al rapporto DESI per l’analisi della sezione “Capitale umano”: “La trasformazione digitale è in aumento e interessa ogni aspetto della vita. Le competenze digitali sono importanti perché sono alla base del modo in cui interagiamo e di come viene condotto il lavoro moderno. Per molte professioni moderne, le competenze digitali sono semplicemente competenze essenziali per la vita. Le competenze digitali richieste sul posto di lavoro sono più avanzate e le aziende e le istituzioni – pubbliche e private – si aspettano che la maggior parte dei propri dipendenti le disponga. Con l’aumento della dipendenza da Internet e dalla tecnologia digitale, la forza lavoro deve stare al passo con l’evoluzione della domanda di competenze. Senza una salda padronanza delle competenze digitali, non c’è modo di promuovere l’innovazione e rimanere competitivi. Lo stesso vale per il settore pubblico che avrà bisogno di competenze digitali nel contesto professionale o personale quotidiano.”

WHITEPAPER
Supply Chain: ecco come ottenere un tracciamento trasparente grazie all'IoT
IoT
Industria 4.0

Il livello di competenze digitali non influenza soltanto, a valle, la fruizione dei servizi digitali e l’utilizzo autonomo della rete, ma determina anche la velocità di risposta e di azione delle organizzazioni pubbliche e private rispetto alla necessaria attuazione della trasformazione digitale. Da un punto di vista esclusivamente di analisi dei dati del rapporto DESI, il tema competenze digitali, oltre a determinare i risultati della sezione Capitale Umano, influenza in modo rilevante sia la maturità digitale delle imprese che la diffusione dei servizi digitali pubblici (e quindi anche i dati delle rispettive sezioni 3 e 4 del Desi), riguardando di fatto,  complessivamente, tre dei quattro punti cardinali del Decennio Digitale.

La situazione europea, come già commentato in occasione della pubblicazione dei dati Eurostat 2021 , è ancora lontana dagli obiettivi fissati per il 2030, con un 54% di europei con competenze digitali almeno di base a fronte dell’obiettivo dell’80% , solo due Stati Membri (Svezia e Finlandia) vicini già a questa quota, e 8 Stati, tra cui l’Italia, con percentuali inferiori al 50%. Allo stesso modo distante è l’obiettivo di 20 milioni di specialisti ICT, a fronte degli 8,9 milioni attuali e con quantità abbastanza inferiori all’obiettivo anche da parte dei Paesi con migliori performance.

Questo, non è un caso, si riflette anche sulle capacità digitali delle imprese, soprattutto PMI, con una percentuale di PMI che vendono online ancora molto inferiore al 30% che era l’obiettivo fissato dalla Commissione, da raggiungere diversi anni fa.

Analizzando i dati del livello di competenze digitali di base, misurato da Eurostat nel 2021 rispetto alle 5 aree del framework DigComp, che quindi assume indiscutibilmente il ruolo di riferimento per la definizione delle competenze digitali degli individui, si nota che i fattori di differenziazione e quindi di svantaggio rimangono quelli già rilevati nei rapporti precedenti:

  • il vivere o meno in una zona rurale (in media la percentuale di chi ha competenze digitali di base in zona rurale è inferiore del 15% a chi vive in una zona urbana);
  • il possedere o meno un certo livello di istruzione (in media la percentuale  di chi ha competenze digitali di base avendo un livello di istruzione formale nullo o basso – scuola dell’obbligo- è inferiore del 47% rispetto a chi ha un livello alto-universitario);
  • lo stato occupazionale (in media la percentuale di chi ha competenze digitali di base ed è disoccupato è inferiore del 14% rispetto a chi invece ha un’occupazione in proprio o in una organizzazione).

In più, il divario digitale di genere rimane alto, al 4%.

Come raggiungere gli obiettivi al 2030

Rispetto al livello di competenze digitali di base è utile prendere in considerazione l’analisi ulteriore effettuata nel Desi 2022 rispetto alla popolazione con competenze inferiori al livello di base, in particolare per quanto riguarda il livello denominato “basso”, corrispondente alla popolazione con livello base in 4 delle 5 aree di competenza prese in esame, e quello “stretto” (3 aree su 5). Se consideriamo infatti questa popolazione, non molto lontana dall’acquisizione del livello base, la percentuale europea salirebbe all’80%, obiettivo 2030, che quindi così può essere considerato un obiettivo ambizioso sì, ma realistico.

D’altra parte, un ruolo fondamentale riveste anche il dialogo strutturato sull’educazione e le competenze digitali, con l’obiettivo di supportare ciascuno Stato membro nella definizione delle roadmap verso gli obiettivi fissati per il 2030, ma anche per definire le azioni che può intraprendere la Commissione UE a livello di supporto e indicazioni per i diversi Stati. In questo senso sono particolarmente rilevanti anche le riflessioni dal recente incontro dei coordinatori delle Coalizioni Nazionali, in cui sono state identificate alcune criticità in ambito di governance e coordinamento dell’attuazione della strategia sulle competenze digitali in molti Paesi. Criticità che spingono ad un ruolo di maggiore spinta della Commissione UE per favorire un approccio organico e multistakeholder che veda insieme istituzioni, settore pubblico, privato e del terzo settore, così da velocizzare la messa a terra delle strategie oltre che favorire una loro più ricca ed efficace definizione.

Su questo fronte di azione la Commissione, come anche suggerito durante l’incontro, potrebbe rendere il Dialogo come uno strumento e una piattaforma permanente di confronto e scambio tra gli Stati Membri, almeno da qui al 2030, poiché assicurare un livello omogeneo di consapevolezza digitale nella popolazione europea  è una  condizione sociale precompetitiva, la cui realizzazione rappresenta  un valore comune per tutti gli Stati dell’Unione. Allo stesso modo si può porre il tema del numero di specialisti ICT, oltre che della convergenza di genere. In quest’ambito, con percentuali oggi di poco superiori al 4% degli specialisti ICT sulla popolazione occupata, Germania e Francia con oltre tre milioni di specialisti ICT contribuiscono a oltre il 30% della quantità complessiva europea, e l’Italia, con una percentuale del 3,8% contribuisce comunque con quasi il 10%. Questo indica come l’incremento debba realizzarsi con interventi di accelerazione su tutti i Paesi, e in primo luogo quelli con più alta industrializzazione, e quindi anche in questo caso con una spinta organica in ambito europeo, come ad esempio è l’approccio del  Digital Europe Programme.

La situazione italiana

Il rapporto Desi 2022 mostra che la percentuale degli italiani con competenze digitali inferiori a quelle di base è ancora maggioritaria (54%) ma, come viene evidenziato, si sta riducendo il gap rispetto agli altri Paesi UE. Se consideriamo le fasce di popolazione con livelli base di competenze digitali su almeno 3 aree su 5 del DigComp, la percentuale è di poco sopra il 70% (obiettivo 2026 del Piano operativo di attuazione della strategia nazionale ) ma, a differenza degli altri Paesi, con una percentuale ancora alta di popolazione che non utilizza Internet (sfiora il 20%).

Per migliorare la performance attraverso gli indicatori chiave, l’Italia deve affrontare la diffusa mancanza di consapevolezza digitale, sapendo che questo risultato è strettamente correlato con il potenziamento complessivo del sistema educativo e con la riduzione delle disuguaglianze sociali, di genere, territoriali. In questo senso, il digital divide, come sottolinea il rapporto BES 2021, “tende ad aumentare le disuguaglianze socio-culturali ed economiche e ad aggravarle ulteriormente”. E le differenze nella conoscenza digitale sono significativamente pronunciate tra le regioni.

I fattori di svantaggio che maggiormente influiscono sul raggiungimento di un livello base di competenze digitali sono particolarmente presenti in Italia, e in questo senso indicano le aree di priorità per gli interventi.

In più l’Italia sconta il ritardo con cui è stata considerata la rilevanza del tema competenze digitali. La strategia nazionale e il lancio della Coalizione Nazionale sono del 2020 , così come la prima versione del piano operativo è di dicembre 2020. Sul fronte delle competenze digitali di base le prime azioni a livello nazionale devono ancora dispiegarsi: questo è il caso dei due progetti “Servizio Civile Digitale” e “Rete dei servizi di facilitazione digitale”, per i quali sarà possibile osservare i primi risultati sul livello di competenze digitali della popolazione soltanto a partire dal 2023, e allo stesso modo importanti interventi, anch’essi inclusi nel PNRR, come il Fondo Nuove Competenze, con interventi sulle competenze digitali di base per i lavoratori e anche il piano GOL rivolto a giovani e NEET, oltre che gli interventi previsti dalle agende digitali regionali. Il progresso registrato nel 2021 e che ci si aspetta sia presente anche nel 2022, è dovuto al primo impatto dell’azione di spinta e coordinamento legata al piano operativo e ai progetti della Coalizione Nazionale, naturalmente in integrazione con gli effetti delle misure legate al periodo pandemico, con un utilizzo forzatamente maggiore della rete e dei servizi digitali pubblici e privati.

Per quanto riguarda il numero di specialisti ICT ci si aspetta un impatto in particolare dal “Fondo per la Repubblica Digitale”, oltre che, con diversa prospettiva temporale, dalla riforma degli ITS da poco approvata. D’altra parte su questo tema, come anche evidenziato dal rapporto BES 2021, influisce in generale la riduzione del numero di laureati, per cui l’azione complessiva, per velocizzare i tempi di impatto, deve auspicabilmente valorizzare le esperienze delle imprese attualmente impegnate nell’offrire opportunità e percorsi di formazione, con ottimi risultati, come si rileva anche dall’analisi dei progetti della Coalizione Nazionale , agendo quindi in un contesto di potenziamento degli ecosistemi di innovazione e di educazione.

Riflessioni conclusive

Il “cambio di passo” per l’Italia sul fronte del Capitale Umano, auspicato nel rapporto Desi 2022, si può così realizzare a partire dalle azioni già definite, che naturalmente nel corso dell’attuazione potranno aver bisogno, sulla base del monitoraggio e della valutazione dei risultati via via ottenuti, di arricchimenti e rafforzamenti, sempre in una logica organica di azione sull’ecosistema educativo.

La Strategia nazionale per le competenze digitali e il relativo piano operativo, sviluppato nell’ambito di Repubblica Digitale, tracciano un percorso strategico per la politica delle competenze digitali, investendo in azioni strutturali e garantendo la rilevanza delle azioni in corso, creando le condizioni di base per il miglioramento.

Come si rileva anche dal rapporto, il percorso è ben definito ma la strada da percorrere è ancora lunga, perché si tratta di un cambiamento culturale, in grado di impostare un sistema permanente che consenta non solo di acquisire, ma di mantenere nel tempo la necessaria consapevolezza digitale.

WHITEPAPER
Smart working: perché conviene avere i device giusti
Risorse Umane/Organizzazione
Smart working
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati