Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

De Martin (Polito): “Prepariamoci all’ondata americana dei corsi online”

07 Gen 2013

Juan Carlos de Martin, Politecnico di Torino


Si parla tantissimo di Mooc negli Usa: Massive open online courses. Nessuno ha le idee chiare ma, da americani, vogliono sperimentare. Prima che il fenomeno arrivi da noi- come sempre accade, con le cose americane, alcuni mesi o anni dopo- è bene prepararci.

E sapere per prima cosa che la tecnologia è matura a differenza di anni fa, quando i tentativi sono falliti. Ma bisogna capire chi fa che cosa e per chi. Per sperimentare, per raggiungere disabili, autodidatti? O magari per creare nuovi modelli didattici? Il rischio è che da noi, con i tempi che corrono, i corsi online vengano visti solo come una misura per tagliare i costi. Ma sarebbe catostrofico. Università è un luogo dove fare ricerca. Anche un luogo civico. Non è solo mettere bit in testa alle persone…

(De Martin sta scrivendo un libro su questi temi, Università, democrazia e internet, di prossima uscita)

Articolo 1 di 2