La guida

Economia circolare: i vantaggi per imprese, commercianti e artigiani

Estendere il ciclo di vita di un prodotto per pesare meno su consumatori e ambiente: è il concetto alla base dell’economia circolare, che sta prendendo sempre più piede diventando un modello di business in grado anche di creare posti di lavoro anche nell’ambito delle piccole e medie imprese, del commercio e dell’artigianato

04 Nov 2022
Giuditta Mosca

Giornalista

(Immagine: https://www.pexels.com)

L’Italia è in cima alle graduatorie europee dell’economia circolare, un comparto economico che (dati 2021) offre lavoro a 519mila persone e che vale 3,5 miliardi di euro di Pil, cifra superiore al valore medio europeo fermo a 2,2 miliardi di euro. Vediamo nel dettaglio in cosa consiste e qual è l’impatto sulle imprese.

Quanto è di moda l’ESG: perché la sostenibilità è diventata un valore aggiunto per le aziende

In che cosa consiste l’economia circolare

L’economia circolare non può essere reclusa in una definizione specifica, va inserita in un contesto produttivo e consumistico che sussiste nel riciclo, nel ricondizionamento e nel riutilizzo di materiali e prodotti non di rado inseriti in un sistema di condivisione e di prestito. Lo scopo ultimo è quello di prolungare il ciclo di vita dei prodotti e ridurre i rifiuti.

WHITEPAPER
IoT Platform: trasforma le promesse del 4.0 in realtà
IoT
Integrazione applicativa

Da qui la nascita di una filiera che ha regole, modelli di business, fatturati e che genera diversi indici per valutare l’intero comparto che, come detto, estende le proprie maglie a qualsiasi prodotto possa essere immesso nuovamente nell’economia. Tra gli attori che animano l’economica circolare non figurano soltanto centri di ricerca o startup dalla vocazione sociale ma anche imprese consolidate.

Perché si chiama economia circolare

Nel 1976 l’architetto svizzero Walter Stahel e l’economista Geneviève Reday hanno presentato alla Commissione europea il rapporto “The Potential for Substituting Manpower for Energy” disegnando così – seppure sul piano squisitamente teorico – un’economia basata sul riutilizzo dei beni e l’impatto che questa avrebbe avuto sull’ambiente e sulla creazione di impiego.

L’idea di circolarità è ispirata ai cicli della natura che riutilizza perennemente materiali biologici per alimentare sé stessa. Allo stesso modo è stata immaginata un’economia nella quale si riavviano i beni che produce, facendo leva sul riciclo o la riparazione e il conseguente riutilizzo.

Quali sono i cinque pilastri dell’economia circolare

L’uso del termine economia appare a tratti restrittivo, tant’è che aderire alla sostenibilità intrinseca alla circolarità dei beni è più adiacente a un modus vivendi che a una questione puramente economica. Lo dimostrano i cinque pilastri che fungono da impalcatura al concetto:

  • Input circolari. L’impiego di fonti e materiali rinnovabili o provenienti dal riciclo per ridurre l’impatto ambientale.
  • Estensione del ciclo di vita. La progettazione di prodotti modulari e quindi facilmente riparabili, aggiornabili o rigenerabili.
  • Piattaforme di condivisione. Gli strumenti che permettono a utenti e proprietari (o produttori) di ottimizzare le risorse impiegate alla produzione.
  • Prodotto come servizio. Noto anche come servitizzazione, è un modello che tende a vendere servizi corrispondenti all’acquisto di un prodotto. Un esempio: al posto di vendere una stampante professionale, se ne concede l’uso al cliente. Il fornitore si fa carico di mantenerla e aggiornarla, tendendo così ad allungare la vita del prodotto.
  • Nuovi cicli di vita. Raggiunta la fine del ciclo di vita del prodotto lo si ricicla, rigenera o ripara per immetterlo nuovamente sul mercato, anche con fini differenti da quello iniziale.

Questi cinque pilastri sono puro preambolo: per sviluppare sistemi produttivi di economia circolare è necessaria una reingegnerizzazione dei processi aziendali che integra aspetti produttivi, organizzativi e normativi, oltre a una rivisitazione dei modelli di business, di distribuzione e di consumo.

Quali sono le 3 fasi dell’economia circolare

Le fasi, dette anche “Le tre R dell’economia circolare”, sono:

  • Ridurre. Produrre beni e servizi utilizzando la minore quantità possibile di risorse naturali.
  • Riusare. Allungare il ciclo di vita di un prodotto omettendo di disfarsene quando usurato o non più funzionante.
  • Riciclare. Procedimento che include il corretto smaltimento dei rifiuti affinché possano essere trasformati in risorse che verranno immesse nuovamente nei cicli di produzione.

Non si tratta di mera nomenclatura, ognuna di queste fasi ha una propria eziologia. La prima R, la fase del ridurre l’impiego di risorse nei processi produttivi è studiata e ponderata. Il reportEcodesign your future. How ecodesign can help the environment by making products smarter”, curato dall’Unione europea nel 2014, traccia un parallelismo tra progettazione di un prodotto e il suo impatto ambientale il quale, in misura dell’80%, viene definito proprio durante il design del bene o del servizio, quindi in fase embrionale. La riduzione quindi non è soltanto relativa alle materie prime ma include la ricerca, lo sviluppo, la lavorazione e i processi di produzione, gli scarti generati e l’assemblamento dei prodotti, affinché ogni singolo pezzo possa essere facilmente smontato e destinato alla procedura di recupero e riciclo più adatta.

Allo stesso modo, il principio del riusare non è fine a sé stesso ma ha una filosofia di fondo: non si tratta soltanto di creare un segmento di mercato teso al noleggio sul breve o sul lungo termine, occorre diffondere la mentalità secondo la quale il possesso di un bene è valida alternativa all’averne la proprietà.

Infine il riciclo, che è tema ben più complesso di quanto comunemente si intenda: oltre a quello propriamente detto che consiste nel triturare o fondere un materiale per poi destinarlo alla produzione di nuovi prodotti, esiste l’upcycling il quale consiste nell’utilizzare dei beni per crearne altri più evoluti o di maggiore qualità.

Quali sono i vantaggi dell’economia circolare

Quelli che appaiono più evidenti sono le ricadute positive sull’ambiente e la migliore gestione delle risorse naturali. Anche in questo caso la profondità dell’economia circolare offre ulteriori spunti. Nell’analisi dei vantaggi non dovrebbe sfuggire la spinta che l’economia circolare può dare all’innovazione tecnologica e al rapporto tra consumatori e beni di consumo. Va quindi estesa la raggiera canonica dei benefici, includendone alcuni meno evidenti ma non per questo meno reali:

  • La nascita e la crescita di un nuovo paradigma economico nel quale possono trovare spazio anche aziende medio-piccole, con ricadute positive sull’impiego.
  • Una spinta all’ingegnerizzazione di prodotti modulari che facilitano il riutilizzo dei materiali di cui sono composti.
  • Il concepimento di nuove formule di servizi che accompagnano i prodotti.
  • Un uso più efficiente delle materie prime e la valorizzazione degli scarti di produzione.
  • Creazione di canali logistici per il recupero dei prodotti da rigenerare e reimmettere sul mercato.
  • Maggiore elasticità nel soddisfare le richieste dei clienti e i nuovi sviluppi normativi in materia di riciclo e riuso.

Vantaggi che si sviluppano attorno alla consapevolezza dei clienti finali di potere contare su prodotti e servizi durevoli, innovativi e a costi più contenuti.

Economia circolare per artigiani e commercianti

Merita un approfondimento un ulteriore vantaggio – ad ampio spettro – che include artigiani e commercianti. L’economia circolare non è appannaggio soltanto di grosse aziende e di organizzazioni consolidate nel tempo. Al contrario, permette anche a realtà più piccole e meno strutturate di guadagnarsi mercato. Ci sono diverse iniziative e, rimanendo confinati nei patri confini, possiamo citare Rifò, iniziativa grazie alla quale i vestiti dismessi vengono trasformati in capi di abbigliamento nuovi dopo una processo di lavorazione tipicamente artigianale. Un’evoluzione di quello che, nella Toscana che fu, era il cenciaiolo e che col passare degli anni è andato scomparendo per riapparire oggi, sensibile all’ambiente e ai temi sociali, non da ultimo l’impiego.

I commercianti che abbracciano l’economia circolare, anche soltanto proponendo modelli di servitizzazione, riescono a gestire meglio approvvigionamenti e scorte (il magazzino è un costo) e, spingendosi più in là e unendo le forze, riescono a dare vita a progetti di forte impatto. Citiamo, ma solo a titolo di esempio il consorzio Ecopneus il quale ricicla copertoni usati per fare materiali da destinare all’arredo urbano, alle aree gioco per bambini e ad altre superfici. Un consorzio del quale fanno parte anche colossi dell’automobile ma che assume una propria identità grazie alla collaborazione tra soggetti di diversa dimensione.

Questi sono soltanto esempi del potenziale dell’economia circolare, che offre vantaggi alle piccole realtà come a quelle grosse, ridando spolvero anche a professioni antiche, facilitando la gestione dell’azienda e aprendo scenari di business e mercati.

Quali sono gli svantaggi dell’economia circolare

Anche gli svantaggi non possono essere ridotti soltanto alla necessità delle aziende di ridisegnare i propri processi produttivi – si tratta di investimenti sul lungo termine – o a quelle dei consumatori di rivedere i rispettivi approcci agli acquisti.

Ci sono punti deboli di più complessa soluzione. Tra questi vanno annoverati:

  • Ci sono materiali riciclabili all’infinito (per esempio l’alluminio) e altri (la carta) che possono essere reimmessi nei cicli produttivi un numero finito di volte, dopodiché vanno smaltiti in modo definitivo.
  • I processi di produzione potrebbero portare a escludere quelle materie prime difficilmente riciclabili.
  • Oggi i costi di recupero di un materiale possono essere superiori a quelli dei materiali stessi, ciò comporta uno squilibrio che imporrebbe ai consumatori di pagare un prezzo fuori logica per i prodotti finali.

La transizione verso l’economia circolare è un fenomeno da osservare, soltanto in parte indotta dal difficile superamento degli svantaggi e resa farraginosa soprattutto dal fatto che il sistema vigente è eretto sull’economia lineare e la svolta culturale richiede tempo. Questo rende più complesso lo sviluppo di ulteriori nuovi modelli di business.

L’assenza di linee guida unitarie e di legislazioni chiare frenano il cambiamento che, come vedremo, è già in atto anche se appare lungi dal dare il meglio di sé.

Quando l’impresa è sostenibile

Un’impresa sostenibile adotta modelli di business responsabili che proteggono l’ambiente ma che hanno anche ricadute positive sugli stakeholder e su tutta la comunità con cui è in contatto. L’aggettivo sostenibile ha più di un’accezione e contempla l’ambiente, quindi l’attenzione delle aziende nell’approvvigionamento e nel consumo di materie prime, così come la loro sensibilità nel ridurre l’impatto ambientale dei rispettivi processi di produzione.

A questo si aggiunge la sostenibilità sociale, che contempla la sicurezza dei lavoratori e i loro diritti, sviluppati sul principio dell’uguaglianza – non solo remunerativa – e sul senso di appartenenza all’azienda. Discorso che può essere esteso alla comunità in cui l’impresa è inserita che però non si limita al finanziamento di attività locali ma che si infiltra in vantaggi di più ampia portata come, per esempio, servizi di welfare che migliorino la qualità di vita della collettività.

Uno dei metodi utilizzati per valutare un’impresa risiede nei fattori ESG (acronimo di Environmental, Social e Governance) i quali, secondo metriche diverse, sanciscono il grado di sostenibilità di aziende e investimenti.

Quali sono le aziende sostenibili

Affidandosi ai parametri ESG, Credit Suisse e KON Group hanno promosso il Sustainability Award, un riconoscimento alle imprese sostenibili che si sono distinte nel perseguire i rispettivi obiettivi nel rispetto dell’ambiente e delle persone.

Tra quelle italiane figurano aziende di respiro internazionale come, per esempio, Acqua Sant’Anna S.p.A., Clementoni S.p.A., Juventus Football Club S.p.A. e Marzotto S.p.A..

Il Sustainability Award è un premio di recente istituzione, la seconda edizione si svolgerà a novembre del 2022, ma è un progetto che inaugura un nuovo modo di guardare alle imprese, un’ottica che comprende anche l’appeal che possono esercitare sugli investitori e sul mercato.

Quali aziende usano l’economia circolare

Sono molte le aziende che hanno abbracciato l’economia circolare, anche soltanto per una parte dei rispettivi processi di produzione. Ne citiamo alcune vedendo, in seguito, in quale misura ci si sono votate. In ordine alfabetico, parliamo di Barilla, Ferrero, Icam, Lavazza e Mapei.

Alcuni esempi

Barilla, in collaborazione con la Cartiera Favini, ha varato CartaCrusca. Un progetto che mira al recupero della crusca che deriva dalla lavorazione di alcuni cereali per farne imballaggi.

Ferrero ha in essere diversi progetti di economia circolare. Oltre al packaging che tende a essere riciclato al 100%, ha avviato collaborazioni con diversi centri di ricerca per impiegare i gusci delle nocciole al fine di ottenere una fibra prebiotica con proprietà benefiche sul sistema immunitario e su quello cardiovascolare.

Icam, che produce cioccolato, oltre a fare ricorso a imballaggi riciclabili, sperimenta l’uso di mais compostabile per il flow pack, la pellicola di norma leggera e personalizzata che avvolge i prodotti.

Anche Lavazza ha optato per le collaborazioni con centri di ricerca e atenei e, grazie al Politecnico di Torino e all’Università di Scienze gastronomiche di Pollenzo (Cuneo), i fondi di caffè sono usati per la produzione di funghi alimentari.

Mapei commercializza un additivo che in pochi minuti trasforma il calcestruzzo in grani che possono essere riutilizzati nella produzione di altro calcestruzzo andando così a ridurre scarti e rifiuti.

Al di là di questi esempi, che vertono tutti sulla riduzione degli scarti e il riciclo, vanno considerati fenomeni di portata più trasversale come il mercato dei beni di seconda mano i quali, anche in Italia, sono al centro di un crescente interesse da parte dei consumatori come testimoniano le piattaforme per la compra-vendita di abbigliamento usato.

Il mercato dei beni di seconda mano rientra di fatto nell’ampio braccio dell’economia circolare, così come vi entrano alcuni attori della sharing economy, i quali oltre a mettere in contatto chi dispone un prodotto e chi vuole farne uso, ne consente anche la condivisione. Un esempio su tutti è il carpooling ma, in generale, l’economia collaborativa spinge quella circolare.

WHITEPAPER
Smart building: una guida per semplificare la progettazione della rete
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 4