algoritmi e diritti

I rischi dell’intelligenza artificiale visti dagli Usa: ecco paletti e limiti dell’AI Bill of Rights

Il progetto di una nuova “Carta dei Diritti dell’IA” delinea un set di 5 principi e prassi da rispettare (ma non vincolanti) ed è un passo avanti per gli Usa nel processo di responsabilizzazione e riforma delle nuove tecnologie di IA. L’obiettivo è evitare una lesione dei diritti fondamentali, ma non mancano le critiche

12 Ott 2022
Marina Rita Carbone

Consulente privacy

intelliegenza_artificiale1

È stata annunciata da parte del presidente USA Joe Biden la nuova AI Bill of Rights, un progetto che delinea un set di cinque principi e prassi associate da rispettare nella fase di progettazione, utilizzo e sviluppo di sistemi automatizzati.

L’obiettivo del progetto è quello di evitare che l’impiego – specialmente in settori come la sanità, le risorse umane o la concessione di credito – degli algoritmi nei processi decisionali possa costituire una lesione dei diritti fondamentali dei cittadini.

AI Bill of Rights, così gli Stati Uniti cominciano a preoccuparsi dell’intelligenza artificiale

“Troppo spesso”, si legge nel comunicato della Casa Bianca, “questi strumenti vengono utilizzati per limitare le nostre opportunità e impedire il nostro accesso a risorse o servizi critici. […] In America e in tutto il mondo, i sistemi che dovrebbero aiutare con la cura dei pazienti si sono rivelati non sicuri, inefficaci o distorti. È stato riscontrato che gli algoritmi utilizzati nelle decisioni di assunzione e di credito riflettono e riproducono disuguaglianze indesiderate esistenti o incorporano nuovi pregiudizi e discriminazioni dannose. La raccolta incontrollata di dati sui social media è stata utilizzata per minacciare le opportunità delle persone, minare la loro privacy o tracciare in modo pervasivo la loro attività, spesso a loro insaputa o senza il loro consenso”.

Tuttavia, questi risultati, sebbene profondamente dannosi, possono essere evitati: è proprio a tal scopo che nasce l’AI Bill of Rights, all’interno della quale sono codificati cinque principi che dovranno guidare gli sviluppatori e gli utilizzatori dei sistemi di intelligenza artificiale. Per ognuno dei cinque principi enunciati, il progetto fornisce altresì degli esempi di una loro possibile applicazione.

L’AI Bill of Rights a confronto con l’AI AcT

Sebbene il progetto di una nuova “Carta dei Diritti dell’IA” in esame rappresenti un passo avanti per gli Stati Uniti, nel processo di responsabilizzazione e riforma delle nuove tecnologie di intelligenza artificiale, lo stesso è stato oggetto di numerose critiche da parte degli esperti.

WHITEPAPER
Sanità: quali le applicazioni di AI in radiologia, oncologia e cardiologia?
Intelligenza Artificiale
Sanità

Ciò che si contesta, in particolare, è che i principi delineati nel Bill of Rights costituiscono una mera linea guida, cui dovrà necessariamente far seguito un’attività di tipo regolamentare/legislativo, che ponga degli effettivi limiti e obblighi all’applicazione dell’IA, specialmente nei settori maggiormente a rischio. È quanto in Europa si sta cercando di raggiungere con l’AI Act, che detta una serie di norme direttamente applicabili e volte a prevenire i danni causati dall’IA ai cittadini e ad introdurre nuove forme di responsabilità per le aziende che sviluppano un’IA “dannosa”.

Russell Wald, director of policy per lo Stanford Institute for Human-Centered AI, afferma che il documento manca inoltre di dettagli o meccanismi utili per la concreta applicazione legislativa dei principi enunciati nello stesso: “è scoraggiante vedere la mancanza di una politica federale coerente per affrontare le sfide disperatamente necessarie poste dall’IA, come il monitoraggio coordinato a livello federale, l’auditing e la revisione delle azioni per mitigare i rischi e i danni portati dai modelli di fondazione distribuiti o open source”, afferma, “Vorremmo vedere alcuni chiari divieti sulle implementazioni di IA che sono stati più controversi, che includono, ad esempio, l’uso del riconoscimento facciale per la sorveglianza di massa”. Sarebbe stata preferibile, dunque, l’implementazione di regolamenti applicabili a livello federale, al pari dell’AI Act europeo, con l’introduzione di nuove forme di controllo.

La Carta dei diritti dell’IA è “impressionante”, afferma ad ogni modo Marc Rotenberg, direttore del Center for AI and Digital Policy, un’organizzazione no profit che tiene traccia della politica sull’IA: “Questo è chiaramente un punto di partenza. Ciò non pone fine alla discussione su come gli Stati Uniti possano implementare un’IA incentrata sull’uomo e affidabile”, rappresentando comunque “un ottimo punto di partenza per spostare gli Stati Uniti in un luogo in cui possano portare avanti questo impegno”.

L’AI Bill of Rights potrà rappresentare, dunque, una base per la futura legislazione in materia di intelligenza artificiale; a tal riguardo, Sneha Revanur, alla guida di Encode Justice, un’organizzazione che si concentra sui giovani e sull’IA, afferma che “Sebbene sia limitata nella sua capacità di affrontare i danni del settore privato, la Carta dei diritti dell’IA può mantenere la sua promessa se viene applicata in modo significativo, e speriamo che seguirà l’esempio una regolamentazione efficace”.

Blueprint for an AI Bill of Rights White House Event

I cinque principi delineati nell’IA Bill of Rights

Come anticipato, sono cinque i principi generali enunciati nella nuova Carta dei Diritti:

  • Sistemi sicuri ed efficaci;
  • Protezioni dalla discriminazione algoritmica;
  • Privacy dei dati;
  • Avviso e spiegazione;
  • Alternative umane, considerazione e ripiego.

Il framework delineato dal progetto si applica a tutti i sistemi automatizzati che hanno “il potenziale per avere un impatto significativo sui diritti, le opportunità o l’accesso del pubblico americano a risorse o servizi critici”. Più nel dettaglio, i principi enunciati dovranno essere applicati a tutti quei sistemi che possono incidere su:

  • L’esercizio dei diritti e delle libertà civili, inclusa la privacy, la libertà di parola, di voto e protezione da discriminazioni, punizioni eccessive, sorveglianza illegale e violazioni della privacy e di altre libertà in contesti sia del settore pubblico che privato;
  • Pari opportunità, come un accesso equo all’istruzione, all’alloggio, al credito, all’occupazione e ad altri programmi;
  • Accesso a risorse o servizi critici, come l’assistenza sanitaria, servizi finanziari, sicurezza, servizi sociali, informazioni non ingannevoli su beni e servizi e benefici governativi.

Le misure adottate per realizzare gli obiettivi delineati dal Bill of Rights dovranno, poi, essere proporzionate all’entità e alla natura del danno, o del rischio di danno, ai diritti, alle opportunità e all’accesso delle persone.

Sistemi sicuri ed efficaci

Il primo principio enunciato dall’AI Bill of Rights prevede che debba essere fornita protezione ai cittadini dai sistemi pericolosi o inefficaci. “I sistemi automatizzati”, si afferma, “dovrebbero essere sviluppati con la consultazione di diverse comunità, parti interessate ed esperti di dominio per identificare preoccupazioni, rischi e potenziali impatti del sistema”.

Inoltre, gli stessi dovrebbero essere “sottoposti a test pre-implementazione, all’identificazione e alla mitigazione dei rischi e a un monitoraggio continuo che dimostri che sono sicuri ed efficaci in base all’uso previsto, alla mitigazione dei risultati non sicuri, compresi quelli al di là dell’uso previsto, e al rispetto delle norme specifiche del dominio. I risultati di queste misure di protezione dovrebbero includere la possibilità di non implementare il sistema o rimuoverlo dall’uso”.

I sistemi automatizzati, inoltre, non dovranno essere progettati con l’intento o la “possibilità ragionevolmente prevedibile” di mettere in pericolo la sicurezza dei cittadini o di comunità di essi. Dovrebbero essere progettati, invece, per proteggere gli stessi “in modo proattivo dai danni derivanti da usi o impatti non intenzionali, ma prevedibili, dei sistemi automatizzati”. I cittadini, inoltre, dovrebbero essere protetti da usi inappropriati o non rilevanti dei dati nella “progettazione, nello sviluppo e nella distribuzione di sistemi automatizzati e dal danno aggravato del loro riutilizzo”.

Dovrebbero essere, da ultimo, effettuate “valutazioni e relazioni indipendenti che confermino che il sistema è sicuro ed efficace, compresa la segnalazione delle misure adottate per mitigare i potenziali danni, e i risultati dovrebbero essere resi pubblici ogniqualvolta possibile”.

Protezioni dalla discriminazione algoritmica

Il secondo principio enunciato dall’AI Bill of Rights afferma che nessun cittadino dovrebbe subire discriminazioni da parte degli algoritmi, e i sistemi dovrebbero essere utilizzati e progettati in modo equo.

“La discriminazione algoritmica”, si legge nel progetto, “si verifica quando i sistemi automatizzati contribuiscono a un trattamento diverso ingiustificato o influiscono sfavorendo le persone in base a razza, colore, etnia, sesso (inclusi gravidanza, parto e condizioni mediche correlate, identità di genere, stato intersessuale e orientamento sessuale), religione, età , origine nazionale, disabilità, stato di veterano, informazioni genetiche o qualsiasi altra classificazione protetta dalla legge”.

A seconda delle specifiche circostanze in cui avviene, tale discriminazione algoritmica può violare le tutele concesse dalla legge. Per tale ragione, progettisti, sviluppatori e gestori di sistemi automatizzati dovrebbero adottare “misure proattive e continue per proteggere gli individui e le comunità dalla discriminazione algoritmica e per utilizzare e progettare i sistemi in modo equo”.

Al fine di garantire detta protezione, dovrebbero essere condotte delle valutazioni proattive dell’equità del sistema nella fase di progettazione dello stesso, utilizzati dati rappresentativi e sistemi di protezione contro i proxy per le caratteristiche demografiche, garantendo l’accessibilità per le persone con disabilità nella fase di progettazione e sviluppo, pre-distribuzione e test e mitigazione delle disparità in corso e una chiara supervisione organizzativa.

Inoltre, dovrebbe essere eseguita una valutazione d’impatto algoritmica indipendente, i cui esiti dovranno essere resi pubblici ove possibile e comunicati in un linguaggio semplice ed accessibile, compresi i risultati dei “test di disparità”. Dovranno inoltre essere rese note tutte le informazioni relative alle azioni di mitigazione del rischio intraprese.

Privacy dei dati

Uno degli obiettivi principali che la Carta dei Diritti sull’IA si pone è anche quello di proteggere i cittadini da possibili pratiche abusive applicate sui dati personali. Al cittadino, infatti, dovrebbe essere sempre garantito il controllo sulle modalità e le finalità di utilizzo dei suoi dati, mediante l’integrazione all’interno del sistema di intelligenza artificiali di sistemi di protezione dall’abuso dei dati stessi.

Come affermato nel progetto, il cittadino dovrebbe “essere protetto dalle violazioni della privacy attraverso scelte progettuali che garantiscano che tali protezioni siano incluse per impostazione predefinita, inclusa la garanzia che la raccolta dei dati sia conforme alle aspettative ragionevoli e che vengano raccolti solo i dati strettamente necessari per il contesto specifico”. Pertanto:

  • Progettisti, sviluppatori e gestori di sistemi automatizzati dovrebbero chiedere l’autorizzazione dell’interessato e rispettarne le decisioni in merito a raccolta, utilizzo, accesso, trasferimento ed eliminazione dei dati nei modi più appropriati alle finalità perseguite e nella misura massima possibile;
  • ove ciò non fosse possibile, dovrebbero essere utilizzate salvaguardie alternative della privacy by design;
  • I sistemi non dovrebbero utilizzare esperienze utente e scelte di progettazione che offuscano la scelta dell’utente medesimo o appesantiscono gli utenti con impostazioni predefinite invasive per la privacy.

Il progetto si focalizza anche sulla corretta gestione del consenso da parte degli interessati: eventuali richieste di consenso, infatti, “devono essere brevi, essere comprensibili in un linguaggio semplice e concedere all’utente il diritto di agire sulla raccolta dei dati e sul contesto specifico di utilizzo”. Allo stesso modo, ogni scelta concessa all’utente relativa all’uso dei suoi dati dovrebbe essere resa comprensibile.

Si evidenzia, poi, l’importanza di applicare restrizioni e protezioni maggiori ai dati sensibili, relativi alla salute, al lavoro, all’istruzione, alla finanza, alla giustizia e ai minori. Detti dati e le relative inferenze, si afferma, “dovrebbero essere utilizzati solo per le funzioni necessarie e dovresti essere protetto da revisione etica e divieti di utilizzo”.

In relazione ai sistemi di sorveglianza, si afferma, in linea generale, che i cittadini dovrebbero essere liberi da una sorveglianza incontrollata, e che le tecnologie utilizzate a fini di sorveglianza dovrebbero essere soggette ad un maggiore controllo, che includa almeno una valutazione preliminare all’implementazione, che analizzi i loro potenziali danni e limiti di portata per proteggere la privacy e le libertà civili.

La sorveglianza e il monitoraggio continui, inoltre, “non dovrebbero essere utilizzati nell’istruzione, nel lavoro, nell’alloggio o in altri contesti in cui è probabile che l’uso di tali tecnologie di sorveglianza limiti i diritti, le opportunità o l’accesso”. La sorveglianza e il monitoraggio continui, inoltre, non dovrebbero essere utilizzati nei settori dell’istruzione, del lavoro, dell’assegnazione di un alloggio o in altri contesti in cui è probabile che l’uso di tali tecnologie di sorveglianza limiti i diritti, le opportunità o l’accesso degli interessati. La sorveglianza e il monitoraggio continui non dovrebbero essere utilizzati nell’istruzione, nel lavoro, nell’alloggio o in altri contesti in cui è probabile che l’uso di tali tecnologie di sorveglianza limiti i diritti, le opportunità o l’accesso. Quando possibile, poi, si dovrebbe garantire l’accesso a rapporti che confermano che le decisioni sui dati intraprese dall’utente sono state rispettate e forniscono una valutazione del potenziale impatto delle tecnologie di sorveglianza sui diritti e le opportunità degli interessati.

Avviso e spiegazione

Il quarto principio enunciato dalla Carta dei Diritti pone l’attenzione sulla comunicazione nei confronti degli interessati. Questi ultimi, infatti, dovrebbero conoscere quanto viene utilizzato un sistema automatizzato e capire in che modo e per quali motivazioni lo stesso contribuisce a fornire dei risultati che hanno un impatto su di loro, anche nei casi in cui il risultato non è determinato esclusivamente sulla base di un input automatizzato.

Pertanto, si pone in capo a progettisti, sviluppatori e gestori di sistemi automatizzati, l’onere di fornire la documentazione necessaria per rendere dette informazioni, in un linguaggio semplice e accessibile, inclusivo di descrizioni chiare circa il funzionamento generale del sistema e il ruolo svolto dall’automazione, oltre che sugli individui o le organizzazioni responsabili del sistema, e spiegazioni sui risultati resi tempestive e accessibili.

Gli avvisi resi all’utente dovrebbero essere sempre aggiornati, e ogni modifica rilevante dovrà essere comunicata all’utente medesimo.

Inoltre, i sistemi automatizzati dovrebbero fornire spiegazioni tecnicamente valide, significative e utili all’utente ed a tutti i soggetti che hanno bisogno di comprendere come funziona il sistema stesso, calibrate in base al livello di rischio e al contesto in cui sono utilizzati, oltre che sintetiche, chiare e semplici.

Alternative umane, considerazione e fallback

L’ultimo principio enunciato dall’AI Bill of Rights afferma che l’utente dovrebbe “essere in grado di effettuare un opt-out, se del caso, e avere accesso a una persona che può considerare e porre rimedio rapidamente ai problemi che incontra”.

In sintesi, dovrebbe garantirsi un’alternativa umana ai sistemi automatizzati, che sia adeguata allo scopo, sulla base di aspettative ragionevoli in un determinato contesto e con l’obiettivo di garantire un’ampia accessibilità e proteggere il pubblico da impatti particolarmente dannosi.

Dovrebbe, inoltre, essere garantito l’accesso ad una “considerazione umana tempestiva” che possa rimediare e attuare una forma di ripiego nel caso in cui un sistema automatizzato dovesse presentare dei guasti o produrre un errore, oppure nel caso in cui l’utente desideri contestarne le decisioni che hanno avuto un impatto su di lui.

L’alternativa umana e gli strumenti di ripiego dovrebbero essere “accessibili, equi, efficaci, mantenuti, accompagnati da un’adeguata formazione degli operatori e non dovrebbero imporre un onere irragionevole al pubblico”.

Nel caso, poi, in cui i sistemi automatizzati siano utilizzati in settori sensibili, come la salute, la giustizia, l’occupazione e l’istruzione, dovrebbero “dovrebbe inoltre essere adattato allo scopo, fornire un accesso significativo per la supervisione, includere la formazione per tutte le persone che interagiscono con il sistema e incorporare la considerazione umana per le decisioni avverse o ad alto rischio”.

Conclusioni

I principi dettati dall’AI Bill of Rights si pongono, dunque, quali fondamenta per l’implementazione – a livello legislativo – di nuove leggi che tutelino i cittadini da possibili forme di abuso dei sistemi di intelligenza artificiale. Tuttavia, come detto in premessa, trattasi comunque di principi non obbligatori, che costituiscono linee guida e non introducono nuovi obblighi in via diretta, al contrario di quanto invece si prevede nell’AI Act europeo, che andrà a introdurre una serie di obblighi e di tutele coerenti a livello comunitario ed immediatamente efficaci nei confronti dei soggetti che si occupano di sviluppare o utilizzare sistemi di intelligenza artificiale.

Si tratta, dunque, di un passo ancora particolarmente timido verso l’effettivo adeguamento della normativa statunitense vigente alle nuove necessità di tutela che le nuove tecnologie impongono, per quanto da accogliersi senza dubbio favorevolmente, nell’ottica di una progressiva armonizzazione delle diverse normative in tema di intelligenza artificiale.

WHITEPAPER
Banking, come creare valore con l’AI conversazionale
CIO
Finanza/Assicurazioni
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 4