LA SVOLTA DEL TECNOCENE

La nostra esistenza “datificata”: ecco la nuova era del digitale



Indirizzo copiato

Fin dalla nascita il nostro corpo, la nostra mente, le nostre azioni, i nostri desideri, i nostri gusti, la nostre relazioni, vengono datizzati e diventano elaborabili in chiave algoritmica. Il libro “La svolta del Tecnocene. Una nuova sociazione bio-tecno-sociale contro l’iperevoluzione digitale” di Giorgio Grossi esamina questa nuova era

Pubblicato il 4 lug 2023

Giorgio Grossi

Università degli Studi di Milano Bicocca



People,Standing,Around,Big,Data,Cloud,,3d,Illustration

Per la prima volta dall’apparizione dei Sapiens, una nuova configurazione evolutiva irrompe a connotare (e condizionare) la vita degli umani sulla Terra: la datificazione dell’intera esistenza (data driven society).1

La datificazione della vita antropologica

È un fenomeno collettivo del tutto nuovo, seducente forse ma anche inquietante: fin dalla nascita il nostro corpo, la nostra mente, le nostre azioni, i nostri desideri, i nostri gusti, la nostre relazioni, ecc. vengono datizzati (cioè tradotti in strisce di bit e byte) e quindi diventano elaborabili in chiave algoritmica e cumulabili non nella memoria collettiva ma in quella di computer superintelligenti allenati col deep learning. In proposito, è stato ad esempio sottolineato da Mascheroni che:

Siamo di fronte alla prima generazione datizzata dalla nascita: quando i genitori condividono sui social media la prima ecografia [del nascituro] per annunciare la gravidanza […]. [Dopo la nascita] i genitori tengono traccia delle poppate, dei pannolini cambiati, delle ore di sonno, del respiro e battito cardiaco durante il sonno, ecc., con il supporto di app e dispositivi indossabili. Ciò che queste pratiche suggeriscono è appunto la normalizzazione della sorveglianza nella relazione di cura” (“Datizzati dalla nascita”, “AgendaDigitale.eu”, 2020, pp. 1-2).

Infatti, la datificazione della vita antropologica, che ormai è sempre più diffusa nelle nostre esistenze anche ora in occasione della pandemia del Covid, è la conseguenza di una svolta informatica e tecno-scientifica su base economico-finanziaria che sta modificando il nostro modo di vivere fino a “sedurre” il nostro stesso orizzonte esistenziale.

Il futuro, perciò, non è più solo una mitica Terra Promessa dei Sapiens ma anche una concreta Fine della Storia (2), perché l’esistenza diventa un ciclo vitale “perfetto” e “automatizzato” proprio in quanto virtuale (sintetico, artificiale, automatico ecc.) che cerca di portare a termine l’evoluzione bio-tecno-sociale uscendo di fatto dalla sua configurazione antropomorfa, animale, vegetale e materica per reinterpretare e generalizzare il dispositivo del Deus ex machina (3). Tutte le varie attività, le forme di società, le istituzioni e i movimenti, la democrazia e la politica, la cultura e l’arte, gli stessi risultati della ricerca scientifica e tecnologica (anche quelli a ricaduta positiva) non possono essere interpretate correttamente (e quindi eventualmente criticate, condizionate o modificate) se non si parte dalla analisi della trasformazione digitale del nostro ciclo vitale in termini, appunto, di datificazione (e quindi “valorizzazione”) dell’intera esistenza per fini economici e politici.

Cosa intendiamo con questa concettualizzazione e come è stato possibile che ciò sia avvenuto con tale rapidità? Cosa significa esattamente l’espressione data driven society e quali sono le sue caratteristiche? Le risposte ormai sono sempre più numerose ed euristicamente convincenti anche se arrivano da parte di settori ancora minoritari, seppure in crescita costante, all’interno delle scienze della natura, umane e sociali, e ci permettono di fare luce sull’accelerazione bio- cibernetica che caratterizza i primi venti anni del XXI secolo.

I passaggi principali di questa nuova analisi interpretativa dell’iperevoluzione

Vediamo i passaggi principali di questa nuova analisi interpretativa dell’iperevoluzione.

Per essere “datificati” occorre essere “sempre connessi”

Nelle società degli ultimi secoli siamo già diventati sempre più interrelati, più o meno interagenti e più o meno comunicanti, più o meno industrializzati e glocalizzati, ma il livello e la modalità di “relazione” restavano sempre di tipo socio-culturale (cioè bio-semantico e morfogenetico) e non meramente cibernetico (cioè digitale, algoritmico e informatizzato). Invece, in seguito a questo nuovo tipo di connettività, il nostro ambiente esistenziale è diventato sempre più onlife, che significa che tutto ciò che facciamo, diciamo, pensiamo può essere sempre datificato, cioè convertito in dati operazionabili e quindi profilabili per ogni tipo di finalità.

Così da neonati (nelle relazioni di cura da parte di genitori e medici), da bambini (nella scuola in presenza o a “distanza” attraverso insegnanti e dirigenti scolastici), da ragazzi tramite lo smartphone (nei social network per i gruppi dei pari e il tempo libero), da adulti nel lavoro, nelle professioni, tramite gli acquisti e i consumi, come pure nelle aspirazioni, nei saperi e nei desideri (mediante la “realtà aumentata”, la “realtà virtuale”, il WWW e relativi memo, like e hate), e per ultimo, anche da vecchi (attraverso ricordi riconfigurati, reperti visualizzati e animati, gusti recuperati, sogni dimenticati e rivissuti) siamo tutti continuamente immersi in molteplici situazioni esperienziali che comportano la datizzazione. Cosicché veniamo sempre più esteriorizzati in un “nuovo mondo parallelo” inorganico, computato, digitalizzato e quindi devitalizzato, che può anche piacere ma certo non è auspicabile per il futuro della specie4.

La connessione, infatti, va oltre la relazione interpersonale o macrosociale perché il precipitato bio-sociale dei rapporti non rimane solo dentro gli attori interrelati ma viene nel contempo tradotto in byte, cumulato in apposite banche dati soprattutto private ma anche pubbliche, dando origine alla miniera dei Big data e rendendo possibile quello che è già stato chiamato l’“autoritarismo digitale” (cfr. Alù, L’incubo della cybersorveglianza nel futuro di Internet, “AgendaDigitale.eu”, 2020).

Siccome non possiamo disconnetterci, perché saremmo marginalizzati e desocializzati, abbiamo interiorizzato come necessario lasciare tracce “digitali” di noi stessi nei dispositivi creati dall’IA e nei suoi sistemi di elaborazione dati, per esempio con il selfi in quanto espressione della propria identità artificiale che trasforma l’intera esistenza bio-sociale in una “costruzione digitale della realtà”. Di conseguenza, è sempre più difficile uscire da questa “gabbia di acciaio virtuale” senza diventare homeless o asociali o marginali perché la connessione è la precondizione non solo del presente ma anche del futuro (5).

La nostra esistenza “renderizzata”

Ma per arrivare alla datificazione della società occorre evidenziare altri passaggi intermedi. Il primo viene chiamato renderizzazione secondo l’analisi di Zuboff:

Ogni discussione sulla protezione o la proprietà dei dati [personali] non si pone la domanda più importante: perché in primo luogo la nostra esperienza viene renderizzata in dati comportamentali? […] Ogni volta che incontriamo un’interfaccia digitale rendiamo la nostra esperienza disponibile alla “datificazione” per “renderizzare a beneficio del capitalismo della sorveglianza” il suo perenne tributo di materie prime (Il capitalismo della sorveglianza, 2019, pp. 247-248).

Ma la trasformazione non si limita a tradurre in altre forme non più bio-semantiche la composizione delle specificità biologiche ma realizza un vero e proprio “salto di specie” dall’organico all’artificiale, creando le condizioni dell’uscita definitiva dall’Antropocene per entrare nel Tecnocene (6). I dati ottenuti infatti operano, in aggiunta alle finalità economiche o politiche che ne possono derivare, una automazione e informatizzazione del ciclo esistenziale stesso, che non solo ne minimizza o azzera la componente organica e sensitiva ma anche ne annulla la sua peculiare imprecisione, approssimazione, variabilità e imperfezione che ne caratterizzano invece la stessa morfogenesi (cfr. Pievani, Imperfezione, 2019).

Infatti, la renderizzazione de-biologizza ogni forma di comportamento, atteggiamento e interazione, perché rende possibile la computazione dei byte e delle eventuali reti neurali digitali che sono appunto il prodotto della datizzazione dell’esperienza stessa. Non più omeostasi dei vari processi fisiologici ed evolutivi e quindi socio-esistenziali né contraddizione tra di essi in seguito a dinamiche interiori o esteriori, ma numerizzazione di ogni traccia proattiva, espressiva e sensitiva riducibile a una sola cifra binaria (0/1), eliminando ogni traccia di casualità, problematicità, sensibilità e ambivalenza dell’agency sociale medesima .

Ciò rende di conseguenza possibile il tracciamento sistematico e algoritmico di ogni forma di azione antropomorfa sia in funzione del marketing, sia per ragioni di sicurezza sociale e di salute collettiva, ma soprattutto per finalità di crescita finanziaria e di controllo politico. Come per il contenimento della pandemia del Covid-19 è strategico il tracciamento dei contatti di chi risulta contagiato (per ridurre la circolazione del virus), così nella società datificata il tracciamento diventa – più o meno esplicitamente – la modalità di governo del mercato, della cultura, dei valori e delle idee, riassunta anche nel termine ossimorico di “datacrazia”, al fine di ridurre piuttosto la contagiosità dell’ethos antropomorfo.

La “silicolonizzazione del mondo”

Naturalmente questa “silicolonizzazione del mondo” (cfr. Sadin 2018) tramite i dati e il processo di renderizzazione-computazione produce anche altre conseguenze che caratterizzano l’attuale svolta trans-post-umana nella gestione del ciclo esistenziale dei Sapiens. Conseguenze che non riguardano solo il trinomio connessione-renderizzazione-computazione, cioè la numerizzazione di elementi che hanno una composizione bio-semantica e non informatica, ma anche gli effetti prodotti sugli attori bio-sociali e sulla loro peculiarità interiore e riflessiva.

In questa prospettiva infatti gli attori tendono così a diventare sempre più degli attanti, dei prosumer, trascurando o marginalizzando progressivamente le proprie capacità di sensibilizzazione, cognizione e coscientizzazione. Con il risultato, come ha sottolineato ironicamente Harari, che “molti di noi sarebbero felici di mettere gran parte dei nostri processi decisionali nelle mani di un sistema del genere [Google] o almeno di poterlo consultare qualora dovessimo fare delle scelte particolarmente importanti… Google ci consiglierà quali film vedere, dove andare in vacanza, quale università frequentare, quale offerta di lavoro accettare e perfino con chi uscire e sposarci” (op. cit., p. 512).

La deresponsabilizzazione dell’azione sociale

Una di queste conseguenze più rilevanti della computazione è la cosiddetta deresponsabilizzazione dell’azione sociale, cioè l’indebolimento o l’eliminazione di un tratto evolutivo fondamentale dei Sapiens: la responsabilità del dire e del fare, la consapevolezza delle scelte, la riflessione sugli errori e la previsione delle conseguenze, la coscienza delle proprie convinzioni e dei valori relativi, la performatività e riflessività delle pratiche sociali, il dubbio o la delusione dei possibili risultati ottenuti.

Cosa succede invece nella società datificata? La responsabilità delle scelte è conferita ai “sistemi esperti” della cibernetica, dell’informatica e delle tecnoscienze che garantiscono con precisione e perfezione il raggiungimento del bene collettivo e della felicità individuale. Non c’è più un mercato di beni di massa più o meno costosi ma invece vi è sempre più un consumo personalizzato e ottimizzato perfettamente rispondente alle nostre “differenti” esigenze7; non c’è più un governo oligarchico o autoritario o corporativo o pseudo-democratico ma un sistema istituzionale guidato dall’IA capace di raggiungere algoritmicamente i risultati migliori senza errori o contraddizioni. Quindi non ci sono nemmeno valori e diritti da rivendicare, norme giuridiche da difendere o da riformulare, pratiche eccentriche da sperimentare: basterà riprogrammare gli “algoritmi predittivi” e tutti vivranno “felici e contenti” (o quasi) secondo i criteri cibernetici adottati.

La crescente spoliticizzazione della vita individuale e collettiva

Una ulteriore conseguenza di questa “datificazione” dell’esistenza – al di là degli effetti collaterali anche positivi che può comportare in alcuni ambiti (sanità, infrastrutture, emergenze, mobilità territoriale, lotta alla criminalità, prevenzione dei rischi, razionalizzazione della pubblica amministrazione ecc.) – è la crescente spoliticizzazione della vita individuale e collettiva. Delegando implicitamente l’agency politica alla computazione informatica, ecco che la prassi, le idee e i programmi, le scelte controversiali e le policies per attuare principi e affermare leggi di interesse collettivo vengono progressivamente meno, sostituendo il naturale “conflitto politico” con la perfezione tecno-scientista governata dall’IA e dalle sue piattaforme informatiche.

Tratto da: La svolta del Tecnocene. Una nuova sociazione bio-tecno-sociale contro l’iperevoluzione digitale, Ombre corte, Verona, 2023, pp. 34-39.

Note

1 Ha chiarito Sadin nelle prime pagine del suo volume Critica della ragione artificiale (2019): “Ecco perché il tecnoliberismo ha fatto delle tecnologie dell’aletheia il suo principale cavallo di battaglia; in esse ha visto la realizzazione delle sue ambizioni egemoniche, grazie all’insorgere di una ‘mano invisibile automatizzata’, in un mondo retto dal regime della retroazione, del feedback: una ‘data-driven society’ ” (p. 20). 2 La profezia “futurista” di Fukujama, La fine della storia e l’ultimo uomo (1992).
3 Il termine fa riferimento, nel teatro greco, all’apparizione della divinità, realizzata con un meccanismo che la faceva discendere dall’alto sulla scena e che serviva a risolvere una situazione difficile o controversa nel corso della rappresentazione teatrale.

4 Denuncia Harari: “La religione dei dati dice che ogni parola e ogni azione è parte del grandioso flusso dei dati, e che gli algoritmi vi stanno guardando costantemente e che essi si preoccupano di qualsiasi cosa facciate e di qualsiasi sentimento proviate: alla maggior parte delle persone questo piace parecchio” (Homo Deus, 2017, p. 587).

5 Perfino i migranti abbandonati nelle tendopoli lungo i percorsi di sopravvivenza marini e terrestri usano gli smarthphone per cercare di sopravvivere, mentre le loro speranze sono solo la variabile dipendente di interessi che non li riguardano, e anzi li ostacolano e li sfruttano. Ma lo smarthphone è più di uno strumento, è soprattutto l’illusione di “un’altra vita migliore” nell’Occidente digitale!
6 Ha sottolineato Demichelis (“I nuovi totalitarismi”,AgendaDigitale.eu”, 2019), parlando dei nuovi totalitarismi: “Se qualcuno ancora crede di vivere nell’Antropocene dobbiamo convincerlo che da tempo siamo ormai entrati nel Tecnocene, dove è la tecnica a governare la vita dell’uomo e a determinare l’ambiente oggi appunto quasi totalmente artificiale/virtuale” (p. 5).
7 Il claim delle pubblicità diventa così anch’esso “cibernetico” perché garantisce che sappiamo bene cosa ti piace e cosa desideri e facciamo in modo di offrirtelo sempre e in ogni momento, perché tutto è “computato intorno a te”.

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati