ecosistemi digitali

Africa, la tecnologia sta trasformando città e fauna selvatica: gli esempi

L’Africa si sta attualmente approcciando a un concetto di smart urbanism declinato sulle esigenze del Continente e per la realizzazione di smart city su misura. Allo stesso tempo, la tecnologia viene usata per la salvaguardia della fauna selvatica. Ecco come

Pubblicato il 09 Mar 2023

Maria Angela Maina

ricercatrice The Thinking Watermill Society

giraffe-2233366_960_720

La tecnologia sta rinnovando la vita in Africa, in particolare la vita nelle città, il turismo, l’agricoltura, l’istruzione, l’industria mineraria e l’industria dei videogiochi.

Vogliamo perciò di seguito illustrare i rapidi sviluppi che stanno avendo luogo a beneficio degli abitanti dell’Africa, sia umani che animali. Alcuni dei successi includono l’introduzione dell’urbanistica intelligente volta a migliorare la vita delle città africane, nonché l’adozione di soluzioni tramite l’utilizzo dell’intelligenza artificiale (AI) per il bracconaggio della fauna selvatica e la rinascita delle specie in via di estinzione.

In Africa il confronto tra potenze passa anche per la tecnologia: Usa e Ue rincorrono la Cina

Il concetto di smart urbanism declinato per la realtà africana

L’Africa si sta attualmente servendo della tecnologia per approcciarsi all’urbanistica intelligente attraverso la creazione di città intelligenti, così da rinnovare l’urbanistica e migliorare la qualità della vita in questi centri.

La tecnologia sta contribuendo a ridisegnare l’urbanistica in Africa attraverso le città intelligenti di seguito elencate:

  1. Casablanca, Marocco: a Casablanca è stato creato un cluster di smart city noto come e-Madina, con la speranza di renderla più efficiente e competitiva allo scopo di attrarre aziende, cittadini e visitatori. Si basa su una sinergia tra il pubblico, gli stakeholder, gli attori privati e i progetti di partenariato.
  2. Konza Technopolis Kenya: Konza Technopolis è un progetto importante che fa parte del portafoglio di sviluppo economico 2030 del Kenya. Comprende 3 cluster principali: (i) il settore della TIC (tecnologie dell’informazione e della comunicazione) per la creazione di posti di lavoro; (ii) le scienze biologiche per consentire le scoperte scientifiche; (ii) l’ingegneria, che comprende il settore idrico e quello dell’energia.
  3. Kigali, Ruanda: la città in sé offre un modello di città intelligente. Kigali dispone di sensori per misurare la qualità dell’aria, monitorare la sicurezza della rete elettrica e rilevare le perdite d’acqua per migliorare la qualità della vita quotidiana della sua popolazione sempre più in aumento. Di conseguenza, questi aspetti contribuiscono al crescente successo economico e sociale della città.
  4. Città del Capo, Sudafrica: la tecnologia viene utilizzata allo scopo di monitorare il traffico in tempo reale in ciascuna corsia, così da superarne le difficoltà utilizzando una tecnologia basata sulla fibra che analizza i dettagli dei veicoli e l’uso della strada. L’obiettivo finale è quello di migliorare il flusso del traffico e la sicurezza di automobilisti e pedoni.
  5. Silicon Delta, Nigeria: la smart city Silicon Delta a Port Hartcourt, in Nigeria, dovrebbe essere completata entro il 2030. La città cerca di ridefinire le condizioni di vita e il progresso tecnologico in Africa, mentre c’è un disperato bisogno di incoraggiare il lavoro da remoto (smart working) per una comunità pronta per il futuro.

Il concetto di smart urbanism in Africa è diverso da quello sviluppato in Occidente. Una lettura critica dello smart urbanism rivela infatti che si tratta di un fenomeno basato sul concetto che la tecnologia digitale è il principale motore del cambiamento, al fine di fornire soluzioni flessibili e reattive per:

  • la crescita e il rinnovamento urbano;
  • gli effetti del cambiamento climatico;
  • costruire una società più inclusiva

A sua volta, una smart city è un ecosistema digitale in cui la tecnologia e la connessione ad internet giocano un ruolo cruciale per consentire ai propri abitanti di vivere e lavorare in modo più semplice, ad assoluto vantaggio della sostenibilità.

Città intelligenti su misura

Il concetto è sancito nell’Aspiration 1 dell’African Union (AU) 2063 Agenda che prevede la realizzazione di città con infrastrutture moderne e con la possibilità per le persone di accedere ad alloggi accessibili e dignitosi, nonché a tutti i beni essenziali per la vita (ad esempio acqua, servizi igienici, energia, trasporti pubblici e TIC).

Uno studio di ricerca del 2021 della Cape Peninsula University of Technology rileva che la definizione contestuale africana di smart city deve tenere conto delle sfide contestuali endemiche che ostacolano l’urbanizzazione in Africa. Secondo loro, la definizione di una smart city africana deve includere gli elementi di applicazione della tecnologia per sostenere l’attuale economia informale e riflettere:

  • il sistema di credenze multiculturali degli individui;
  • le lingue indigene;
  • il modo in cui si usufruisce dei servizi governativi.

Per questo motivo, gli africani si sono assunti la responsabilità di capire di cosa hanno bisogno per la loro vita nelle città e si stanno impegnando per trovare una risposta attraverso la creazione di città intelligenti su misura.

Come la tecnologia aiuta nella salvaguardia della fauna selvatica

La salvaguardia della fauna selvatica si può raggiungere grazie ad ecosistemi ben conservati, poiché gli animali sono fondamentali per assorbire il carbonio. La fauna selvatica contribuisce, inoltre, in modo significativo alle economie africane e si configura come una delle principali attività turistiche del continente.

A tal riguardo, il bracconaggio è il problema più grave da affrontare in Africa.

L’Africa Wildlife Foundation afferma che la maggior parte degli animali vittime di bracconaggio in Africa sono a rischio di estinzione. Si tratta di specie quali il rinoceronte nero, il gorilla di montagna, l’elefante africano, il leone e la zebra di Grevy. Questi animali vengono uccisi per ottenere le loro singole parti del corpo come zanne, pelli o ossa, le quali vengono vendute illegalmente in cambio di ingenti somme di denaro.

Ecco i modi con cui la tecnologia ha aiutato a preservare la fauna selvatica in Africa.

  • AI Guardian of Endangered Species: nell’aprile 2020, il Fondo internazionale per il benessere degli animali ha lanciato lo strumento di intelligenza artificiale denominato AI Guardian of Endangered Species in collaborazione con Baidu, un marchio di cloud computing intelligente che utilizza la tecnologia internet per individuare i sospetti commercianti illegali sulle piattaforme online e che combatte la criminalità informatica della fauna selvatica. L’IFAW (International Fund for Animal Welfare) riferisce che lo strumento di intelligenza artificiale AI Guardian ha un tasso di accuratezza del 75% nel riconoscere le immagini dell’avorio di elefante, dei denti canini delle tigri, della pelle, degli artigli e delle squame delle specie protette, come ad esempio gli artigli del formichiere.
  • Monitoraggio della biodiversità: l’algoritmo Mbaza è uno strumento di intelligenza artificiale di classificazione di immagini in grado di funzionare sia online che offline per monitorare la biodiversità nel bacino del Congo. Il suo scopo è quello di fornire dati in tempo reale sullo stato della fauna selvatica e della biodiversità, migliorare e mitigare gli effetti del cambiamento climatico e osservare la loro interazione con l’uomo. E’ stato sviluppato nel 2020 da Appsilon (una società di Data Science) dell’Università di Stirling (Scozia) in collaborazione con l’Agenzia nazionale dei parchi del Gabon. Fair Planet afferma che l’algoritmo Mbaza è in grado di classificare 3000 immagini ogni ora con una precisione del 96%.
  • Il sistema EarthRanger: sviluppato dall’Allen Institute for AI e finanziato da Microsoft, il sistema EarthRanger tiene traccia dei dati provenienti dai collari degli animali per proteggere le specie in via di estinzione e prevenire il bracconaggio e la perdita di habitat ecosistemici nelle riserve di caccia in tutta l’Africa. Ad esempio, Liwonde, in Malawi, utilizza il sistema EarthRanger per ridurre i conflitti tra uomo e fauna selvatica: il sistema monitora i movimenti degli elefanti per intervenire tempestivamente prima che distruggano i raccolti degli agricoltori.
  • Lo Spatial Monitoring Reporting Tool (SMART): è una piattaforma che contiene software e strumenti di analisi che supportano un’ampia gamma di attività di conservazione, tra cui conservazione delle biodiversità, l’applicazione del turismo e, tra gli altri, la valutazione del livello di minaccia. Più di 1.000 sirti in oltre 70 Paesi utilizzano la piattaforma SMART insieme agli operatori in prima linea, al fine di ridurre al minimo le minacce alla fauna selvatica e alle aree di conservazione.
  • La genomica per far rinascere le specie in pericolo alle Mauritius: la Mauritian Wildlife Foundation sta utilizzando lo studio del DNA e della genetica (genomica) per ottenere dati sulle specie a rischio di estinzione e utilizzare le variazioni genetiche perdute per riportarle in vita.

Conclusioni

È straordinario vedere le azioni che l’Africa intende mettere in atto per incrementare il progresso economico, migliorare la vita sociale e salvaguardare la biodiversità. Sebbene siano ancora necessari dati in tempo reale su quello che è l’impatto effettivo delle smart city in Africa, possiamo ben sperare nel fatto che i progressi sono evidenti con riguardo alla fauna selvatica e questo è un ottimo risultato. Con l’aumento degli investimenti e delle sinergie in questi due ambiti della vita africana, speriamo che si verifichino cambiamenti effettivi in grado di riflettersi anche sulla qualità della vita dei suoi abitanti.

Valuta la qualità di questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati

Articolo 1 di 3