La lettura

No digitale, no transizione ecologica? Tutti i nodi della contraddizione

Il digitale è materiale: dai componenti dei dispositivi, all’energia che alimenta i datacenter, l’industria digitale mondiale ha un’impronta ecologica tre volte superiore a Francia o Inghilterra. I dettagli nel libro d’inchiesta “Inferno digitale” (Luiss University Press)

27 Ott 2022
Lelio Demichelis

Docente di Sociologia economica Dipartimento di Economia- Università degli Studi dell’Insubria

green ict

Davvero abbiamo bisogno del digitale[1] per risolvere o almeno attenuare la crisi climatica e ambientale e avviare una vera transizione ecologica? Industriali, scienziati, economisti, businessman, finanza, tecnofili eccitati in servizio permanente effettivo, mass/social media, politici e governi e soprattutto tecnocrazie, guru della Silicon Valley e non solo, dicono di sì e lo ripetono ogni giorno, più volte al giorno e anche noi ormai lo ripetiamo come un mantra: senza digitale, niente transizione ecologica.

Lotta dura contro chi inquina: le nuove strategie degli ambientalisti per salvare il Pianeta

Ma, a guardare bene, sembra una ulteriore forma di greenwashing se è vero, ed è vero, che l’unico modo per (almeno) attenuare la crisi climatica e ambientale è quella, radicale, di modificare profondamente, rovesciandolo, il nostro irrazionale modello di produzione e di consumo che appunto ha generato questa crisi ambientale.

Modello tecnico-economico di cui il digitale è parte oggi fondamentale e quindi – razionalmente – è davvero difficile credere che qualcosa che alimenta e accresce questo sistema irrazionale possa aiutarlo a diventare razionale o meno irrazionale.

È appunto una evidente contraddizione in termini, eppure il sistema lavora incessantemente – e con grande successo mediatico – per mascherare questa contraddizione.

L’impronta insostenibile del digitale

A comprendere meglio il rapporto – o il conflitto – tra digitale (cioè capitalismo) ed ecologia, ci aiuta un libro fresco di stampa: “Inferno digitale”, del francese Guillaume Pitron, giornalista e documentarista, vincitore nel 2017 del premio Érik Izraelewicz del quotidiano Le Monde per il giornalismo economico d’inchiesta. Un libro del 2021 e ora meritoriamente tradotto in italiano da Luiss University Press.

WHITEPAPER
Conversational e Customer Experience: come si fa la differenza?
Software
Telco

Il sottotitolo è chiarissimo per definire i contenuti del libro: “Perché Internet, smartphone e social network stanno distruggendo il nostro pianeta”. Già, perché? E perché non ce ne accorgiamo, travolti come siamo da parole come smart, de-materializzazione, cloud, virtuale?

Prima di tutto – scrive Pitron – “perché le tecnologie digitali generano [appunto, ma questa è la forza manipolativa del loro storytelling, in alleanza con il nostro feticismo infantile per la tecnica] un malinteso. Secondo i loro araldi, l’universo digitale sarebbe poco più concreto di una nuvola, il famoso cloud nel quale archiviamo documenti e fotografie”.

E dove giochiamo virtualmente, commerciamo online e “ci scanniamo su Twitter” davvero credendo che “questo non smuova, a prima vita, neanche un grammo di materia, un elettrone o una goccia d’acqua. In sintesi, è opinione diffusa che il digitale non abbia alcun impatto materiale”.

Ma la realtà è invece molto diversa dal racconto che il digitale fa di sé stesso. E questo libro lo dimostra, essendo un libro di inchiesta: “Per due anni di seguito abbiamo seguito, su quattro continenti, il percorso delle nostre e-mail, dei like e delle foto delle vacanze. Per farlo abbiamo dovuto attraversare le steppe della Cina settentrionale alla ricerca del metallo che fa funzionare gli smartphone, percorrere le vaste pianure del circolo artico dove si raffreddano gli account di Facebook e indagare sul consumo di acqua di uno dei più grandi data center del pianeta, quello della National Security Agency (NSA), costruito in uno degli stati più aridi degli Usa”.

E così scoprendo che il digitale – apparentemente immateriale – è in realtà “un intramondo costituito da data center, centrali idroelettriche e a carbone e da miniere di metalli strategici, tutto unito da una tripla ricerca: di potenza, di velocità e di freddo”. Sempre per la massimizzazione capitalistica del profitto privato – e quindi “gli industriali useranno tutti gli stratagemmi possibili per accrescere la nostra dipendenza dai loro prodotti”.

Ma soprattutto scoprendo – l’inchiesta di Pitron – che “l’industria digitale mondiale consuma così tanti materiali, acqua ed energia da rendere la sua impronta ecologica tre volte quella di un paese come la Francia o l’Inghilterra. Le tecnologie digitali consumano oggi il 10% dell’elettricità prodotta nel mondo (ossia l’equivalente della produzione di 100 centrali nucleari) e generano quasi il 4% delle emissioni globali di CO2, ovvero poco meno del doppio dell’aviazione civile mondiale”. Di più: il consumo elettrico del digitale aumenta del 5-7% ogni anno e quindi potrebbe richiedere, nel 2025, il 20% dell’elettricità mondiale, con le emissioni di CO2 raddoppiate entro lo stesso anno.

Da qui il problema di come regolamentare le imprese digitali non solo in termini di privacy da rispettare, di spionaggio commerciale da vietare, ma anche dal punto di vista ambientale. Problema delle stesse imprese, ma da tutt’altro punto di vista, che devono cercare di sembrare green mentre coltivano “la nostra ignoranza riguardo la loro impronta materiale” anche creando – analogamente all’industria del tabacco e del petrolio – falsi studi o rapporti e gruppi di ricerca di fatto a-scientifici, cioè di parte, ma capaci di far passare nell’opinione pubblica il messaggio che il proprio impatto ecologico è limitato, promettendo addirittura un guadagno netto per la biosfera.

Ovvero, continua Pitron, “il digitale non è, nella stragrande maggioranza dei casi, messo al servizio del pianeta e del clima. Pur essendo così evanescente, paradossalmente ci farà scontrare con i limiti fisici e biologici della nostra casa comune” – perché basato su una tecnologia (per altro utilissima per una infinità di cose) che, “in nome di un ideale quasi mitico di dematerializzazione, sta creando una modernità incredibilmente materialista”.

Questo non escludendo, ovviamente, che nel mondo esistano “reti e comunità di pionieri che ritengono sia concretamente possibile un digitale più sobrio e rispettoso dell’ambiente”. Ma sono casi ancora (troppo) limitati, aggiungiamo, che non modificano la potenza del digitale capitalistico e la sua pesantezza ecologica – per non parlare di quella sociale, nell’organizzazione del lavoro, nella ingegnerizzazione dei comportamenti individuali e sociali.

Materie prime e totalitarismo

Pitron riporta nel suo libro un elemento interessante, utile proprio per valutare l’impatto/impronta ecologica del digitale: “Fate un giro in un mercatino dell’usato. Vi imbatterete sicuramente in un vecchio telefono degli anni Sessanta, con il quadrante circolare: all’epoca, per produrlo servivano al massimo una decina di materie prime, come alluminio e zinco. Negli anni Novanta, un telefono conteneva altri 19 metalli aggiuntivi, tra cui rame, cobalto o anche piombo”. Oggi invece uno smartphone “contiene molte più materie prime, come oro, litio, magnesio, silicio, bromo…in tutto oltre cinquanta!”

E ancora: “Il digitale inghiotte il 15% del palladio, il 23% dell’argento, il 49% del tantalio, il 41% dell’antimonio, il 42% del berillio, il 66% del rutenio, il 70% del gallio, l’87% del germanio e addirittura l’88% del terbio”. Eppure, lo storytelling del digitale ci narra che lo smartphone è “un bell’oggetto, che trasmette un’idea di purezza. In che modo una cosa così bella potrebbe essere sporca?”

E invece è sporca in sé e sporca (anche di rifiuti digitali) è la sua produzione che impatta sull’ambiente; ed è sporca e ci sporca perché ci profila/spia, perché “è praticamente impossibile rendere i dati anonimi”, cioè “i dati anonimi sono una barzelletta”, come ricorda Pitron citando fonti autorevoli.

E quindi – aggiungiamo ancora una volta, questo esito sembrandoci uno scandalo di questa nostra ipermodernità – il digitale permette al capitalismo di fare molto più efficacemente e per profitto privato ciò che facevano i totalitarismi politici/ideologici del Novecento, appunto uno spionaggio di massa. Le imprese, oggi, dicono di farlo per aiutarci e per consigliarci e renderci la vita più semplice; in realtà lo fanno perché noi siamo la materia prima di cui necessitano per accrescere il loro profitto. Incredibile – aggiungiamo ancora – è che dopo avere condannato lo spionaggio di massa dei totalitarismi politici del XX secolo come cosa abominevole, illiberale, appunto totalitaria, noi tutti si accetti di essere ancor di più massivamente sorvegliati e spiati da imprese industriali e commerciali.

E dopo i dati arrivano i data broker, “intermediari discreti che comprano dati, compilano profili e li rivendono al miglior offerente. Il profilo di un consumatore può raccogliere 1.500 parametri venduti separatamente (circa 30 centesimi di euro per un nome e cognome) e più raramente in blocco (600 euro in media). Il mercato mondiale si avvicina ai 300 miliardi di euro”. Per non parlare dei QR code, ricorda Pitron. Ovvero, ciò che da noi occidentali è tanto esecrato – il sistema cinese di credito sociale – è solo la versione più evidente di ciò che da tempo viviamo nei paesi occidentali (ma criticare i cinesi è il mezzo migliore, per l’industria del digitale, per nascondere ciò che accade nelle cosiddette democrazie liberali).

E dunque? Pitron si chiede “se saremo in grado di sostenere tecnicamente la crescita esponenziale dei dati prodotti, scambiati, archiviati e trattati. Tenuto conto dell’energia e delle risorse che l’infrastruttura digitale richiede, le reti potranno assorbire lo tsunami immateriale di dati annunciato dal 5G e dall’Internet of Everything? La nostra società iperconnessa genera in effetti un cambiamento radicale di paradigma: le sfide di un mondo drogato di abbondanza sono ormai ancor più grandi di quelle di un mondo schiavo della scarsità. L’accumulo sta diventando più letale della mancanza”.

Conclusioni

E quindi – conclude Pitron, secondo noi però con un eccesso di ottimismo nella capacità umana di controllare e di governare i processi di innovazione tecnologica e capitalistica – “questa tecnologia è – e sarà – né più né meno ecologica di quanto lo siamo noi. Se ci piace sprecare risorse alimentari ed energetiche, il digitale accentuerà questa inclinazione. […] Questo strumento [ma noi ci domandiamo: è ancora uno strumento, cioè un mezzo; oppure l’Internet of Everything è il fine e il destino a cui ci vuole portare il tecno-capitalismo affinché tutto sia automatizzato e amministrato dalle macchine e dal capitale, negando di fatto ogni consapevolezza e ogni responsabilità umana?], questo strumento opera come un catalizzatore delle nostre iniziative quotidiane, di quelle meno meritevoli come di quelle più nobili. In fin dei conti il digitale ci invita, da demiurghi quali siamo diventati, in gran parte incoscienti degli innumerevoli poteri di cui abbiamo ormai la responsabilità, a maturare questa potente esortazione del mahatma Gandhi: Siate il cambiamento che volete vedere nel mondo”.

_________________________________________________________________________

Note

  1. E di una ulteriore digitalizzazione del mondo, fino ad arrivare all’Internet of Everything

WEBINAR
12 Dicembre 2022 - 12:00
Nuovi modelli e strumenti di lavoro per accelerare vendite e marketing
Manifatturiero/Produzione
Marketing
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 4