Certificati verdi digitali

Passaporto vaccinale, così l’Europa vuole tornare aperta

Il green pass, come definito dalla Ue, sarà uno strumento digitale armonizzato, di facile uso, non discriminatorio e rispettoso della privacy. Ma quali saranno gli elementi caratterizzanti di questa misura, grazie a cui la Commissione punta alla revoca graduale delle misure restrittive? Facciamo il punto

18 Mar 2021
Vittorio Colomba

Avvocato esperto in diritto delle nuove tecnologie e protezione dei dati personali

Ursula von der Leyen

I “certificati verdi digitali” (Green Pass) (“passaporti vaccinali”) sono stati individuati dalla Commissione europea come uno strumento centrale per una ripresa dell’attività economica e sociale europea (è stata diffusa anche una proposta complementare, volta a garantire il rilascio del green pass anche a cittadini extra UE residenti in Stati membri o associati Schengen, nonché ai visitatori che hanno il diritto di recarsi in altri Stati membri).

La misura si inserisce nel quadro della definizione di un’impostazione coordinata tra gli Stati membri e tecnicamente abbozzata grazie alla quale si potrà procedere a una revoca graduale ma definitiva delle misure restrittive e al recupero di uno “stile di vita europeo”.

Vediamo quali sono gli elementi caratterizzanti dei certificati verdi digitali.

Passaporto vaccinale: gli elementi caratterizzanti

La vaccinazione non costituirebbe più l’unica condizione per potersi spostare.

Secondo quanto dichiarato da Věra Jourová, vicepresidente della Commissione europea responsabile per coordinare le politiche sui valori e la trasparenza, il green pass si tradurrà in uno «strumento digitale armonizzato, di facile utilizzo, non discriminatorio che rispetti pienamente la protezione dei dati»

WHITEPAPER
Sfide di mercato, strategie e strumenti per la nuova INDUSTRY4.0, con il digitale al centro
Automotive
IoT

Potrà agevolare la libera circolazione all’interno del territorio dell’unione europea e, di fatto, fungerebbe da prova dell’avvenuta vaccinazione, del risultato negativo ai test ovvero dell’avvenuta guarigione da Covid-19.

Ad auspicabile chiusura del dibattito sulle “nuove discriminazioni”, fin qui accesissimo tra favorevoli e contrari ai vaccini, la certificazione difatti si aprirebbe anche ad altre due categorie di individui: coloro che siano autonomamente guariti dal virus e chi potrebbe disporre di un test che attesti la sua negatività.

Il green pass, in sostanza, dovrebbe essere disponibile per il più alto numero di persone possibile, a prescindere dall’intervenuta vaccinazione, ivi compresi i familiari extra UE di cittadini europei, i cittadini extra UE residenti in UE e i visitatori che abbiano diritto di recarsi in uno Stato membro.

Funzionalità

I certificati dovrebbero essere resi disponibili gratuitamente e rilasciati in forma digitale (per una più rapida visualizzazione) ovvero in modalità cartacea, a seconda della preferenza del titolare. Verrebbero compilati in inglese oltre che nella lingua ufficiale dello stato membro che li rilascerebbe. Riporterebbero un QR code interoperabile e leggibile meccanicamente, contenente le informazioni fondamentali necessarie e una firma digitale che potrebbe garantirne l’autenticità.

In fase di controllo del certificato, si procederebbe alla scansione del QR code e alla verifica della firma.

Gli organismi di rilascio (ospedali, centri di test o autorità sanitarie) utilizzerebbero a tal fine la propria firma digitale; le chiavi verrebbero conservate in una banca dati protetta, e la Commissione europea creerebbe un gateway, allo scopo di consentire la verifica dei certificati in tutto il territorio dell’Unione.

Il sistema si completerebbe con l’implementazione di un software che le autorità potrebbero utilizzare per scansionare e controllare i codici QR.

La Commissione ha voluto anticipare ogni critica, professandosi certa che la creazione dei certificati secondo questi standard garantirebbe, by design e by default, piena tutela ai dati personali del titolare del certificato.

Le informazioni, difatti, non transiterebbero materialmente attraverso il gateway, poiché il loro trasferimento non sarebbe necessario per verificare l’autenticità del certificato, e non sarebbero nemmeno conservate dallo Stato membro incaricato di effettuare la verifica.

Si tratta, chiaramente, di circostanze che meriteranno ampi approfondimenti, proprio nell’ottica della data protection.

Digital green certificate, attenti ai nostri diritti: ecco i punti sensibili

Minimizzazione e massima sicurezza del trattamento dei dati

Una corretta formazione dei green pass richiederebbe l’inserimento delle sole informazioni e dei soli dati personali necessari a comprovare e a verificare lo stato di vaccinazione, negativizzazione o guarigione del titolare.

In particolare, il certificato conterrebbe i dati personali indispensabili quali il nome, la data di nascita, oltre ad altre informazioni ritenute fondamentali, come lo Stato membro di rilascio e l’identificativo univoco del certificato.

Oltre a ciò:

  • in caso di vaccinazione, dovrebbe essere indicato il prodotto somministrato e l’identificativo del fabbricante, il numero delle dosi e la data di vaccinazione;
  • nel caso di test, ne verrebbe riportata la tipologia, la data e l’ora, il centro che l’ha effettuato oltre, ovviamente, al risultato. Per garantire l’attendibilità della prova, sarebbero accettati solamente i risultati dei cosiddetti test NAAT (compresi i test RT-PCR) e dei test antigenici rapidi figuranti nell’elenco stabilito sulla base della raccomandazione 2021/C 24/01 del Consiglio. Verrebbero quindi esclusi i cosiddetti test autodiagnostici.
  • nel caso di guarigione, il certificato riporterebbe la data del risultato del test, il soggetto rilasciante il certificato, la sua data di emissione e quella di validità.

Obblighi e facoltà degli Stati membri

Gli Stati membri che adottino la prova della vaccinazione per ridurre le restrizioni alla libera circolazione dovrebbero accettare, alle stesse condizioni di reciprocità, i certificati di vaccinazione rilasciati dagli altri stati membri.

Si tratta di un obbligo che dovrebbe essere limitato ai soli vaccini autorizzati in UE, anche se gli Stati membri potrebbero, nel proprio territorio, autonomamente decidere di riconoscere validità anche altri vaccini.

Qualora uno Stato membro continuasse ad imporre la quarantena o i test ai titolari di un green pass, dovrebbe notificarlo alla Commissione e a tutti gli altri Stati membri, giustificando tale decisione.

Gli Stati membri dovrebbero sostenere i costi della realizzazione dell’infrastruttura a livello nazionale, sfruttando anche eventuali finanziamenti erogati dalle istituzioni europee.

Ambito e periodo di validità

La validità dei certificati sarebbe riconosciuta da tutti gli Stati membri ed è prevista un’apertura anche nei confronti di Islanda, Liechtenstein, Norvegia e Svizzera.

Un progetto articolato e ambizioso quindi, che dovrebbe avere comunque natura temporanea giacché, come precisato dalla Commissione stessa, l’intero sistema della certificazione verde digitale dovrebbe essere sospeso nel momento stesso in cui, finalmente, l’OMS dichiarerà ufficialmente la fine dello stato di emergenza sanitaria internazionale da COVID-19.

Digital event
Torna il Cybersecurity 360 Summit strategia nazionale di cybersicurezza. Online, 27 ottobre
Sicurezza
Sicurezza dei dati
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
PA
Sostemibilità
Analisi
Formazione
Salute digitale
Sicurezza
Sostenibilità
Digital Economy
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 4