intelligence

Spie americane in Ucraina, i misteri del ruolo Usa nel conflitto

Per il New York Times, spie USA e si altri Paesi Nato sono ancora in Ucraina per favorire la diffusione di informazioni, la fornitura di armi e l’addestramento delle truppe: quanto sono vere allora le rassicurazioni sull’estraneità degli Stati Uniti e altri paesi europei nella guerra russo-ucraina?

07 Lug 2022
Marco Santarelli

Chairman of the Research Committee IC2 Lab - Intelligence and Complexity Adjunct Professor Security by Design Expert in Network Analysis and Intelligence Chair Critical Infrastructures Conference

guerra ucraina ue

Secondo il New York Times, in Ucraina ci sarebbe una rete di spie americane e altri paesi Nato per favorire la diffusione di informazioni, la fornitura di armi e l’addestramento delle truppe ucraine.

Cosa ne sappiamo esattamente?

Ukraine Spy Wars I How CIA & NATO Operatives Are Covertly Working In Ukraine Against Putin's Russia

Spie americane in Ucraina

La presenza di agenti dei servizi informativi americani sul territorio ucraino, di cui negli ultimi giorni ha parlato il New York Times, sarebbe mirata alla condivisione di informazioni di intelligence con le autorità ucraine, in particolare nella città di Kiev, anche se le attività si svolgono perlopiù al di fuori dell’Ucraina, nelle basi Nato in Germania, Francia e Regno Unito.

Le fonti riferiscono che si tratterebbe di “alcune dozzine di commando” inglesi, francesi, canadesi e lituani, considerando che gli Stati Uniti avrebbero ritirato i 150 “istruttori militari” dall’inizio del conflitto, volti all’addestramento dell’esercito ucraino e al passaggio di armi e altri aiuti, come informazioni che vengono fornite tramite comunicazioni criptate, e uomini del Pentagono e della CIA. Gli addestramenti, secondo quanto riportato dal New York Times, si svolgerebbero in Germania tramite una cellula di ufficiali.

Il fatto che l’autorevole testata giornalistica americana affermi che gli USA sono ancora in Ucraina smentisce le rassicurazioni degli ultimi tempi sull’estraneità degli Stati Uniti e altri paesi europei nella guerra russo-ucraina e può indurre anche ad attribuire una certa responsabilità americana per gli ultimi bombardamenti su obiettivi civili, di cui la stampa americana non ha parlato. Dall’altra parte, se davvero USA e Nato sono sul territorio per appoggiare l’Ucraina, finora non sembrano esserci stati grandi risultati da questo punto di vista.

Guerra e comunicazione “militare”: come sta cambiando l’intelligence e perché

Informazioni e opinione pubblica

Circa un mese fa, sempre sul New York Times, si affermava che l’intelligence americana non ha informazioni a sufficienza sulla situazione delle truppe ucraine nello scontro con la Russia rispetto a quante ne abbia sulle forze russe e Larry Johnson, ex analista CIA, non crede probabile che i servizi americani abbiano difficoltà nel reperire informazioni, essendo presenti sul campo. La scarsità di informazioni sostenuta dal giornale poteva portare a far credere all’opinione pubblica che l’eventuale fallimento dell’Ucraina nella guerra escludeva ogni responsabilità da parte degli Stati Uniti.

Sulla questione relativa al passaggio delle informazioni, sarebbero stati molto utili i dati satellitari condivisi che sono stati usati per attaccare le forze russe.

Da un’analisi del Wall Street Journal di video, foto e immagini satellitari di quattro settimane a marzo si è scoperto, attraverso resti di armi, che le forze russe hanno distrutto infrastrutture civili attraverso una serie di bombardamenti tramite l’uso di bombe a grappolo.

Sicuramente, come anche segnalato dagli alti funzionari della sicurezza nazionale USA e dirigenti industriali, la presenza di questi dispositivi ha portato una trasformazione nella guerra, non solo per la difficoltà causata alla Russia di nascondersi o dissimulare le sue azioni militari, ma anche per la facilità per le agenzie di Intelligence americane di declassificare e condividere alcuni dei loro segreti.

John Serafini, CEO di HawkEye 360, startup satellitare con una serie di strumenti che raccoglie segnali a radiofrequenza dallo spazio, su questo aspetto ha, infatti, dichiarato che “I dati geospaziali commerciali sono per la guerra in Ucraina quello che il GPS era per Desert Storm 30 anni fa”, riferendosi all’uso da parte dell’esercito americano della navigazione satellitare per operazioni di precisione nel conflitto del 1991. Le stesse fosse comuni, così come i flussi di rifugiati, sono state individuate grazie ai satelliti.

Vari punti di vista

Secondo Caitlin Johnston, commentatrice australiana, la percezione della guerra tra Russia e Ucraina ha subito dei cambiamenti nel tempo, infatti, se all’inizio la stampa americana negava che si trattasse di una “guerra per procura” degli USA, ossia con un coinvolgimento solo esterno, ora a si è passati promuovere una guerra americana che vede gli Stati Uniti impegnati sul campo. L’amministrazione americana starebbe tentando, secondo lei, di normalizzare il conflitto come scontro diretto con la Russia e acquisire intanto consensi dall’opinione pubblica.

L’ex CIA Johnson, che, come già detto, non crede alla difficoltà da parte degli Stati Uniti di ottenere informazioni, insieme ad altri analisti si focalizza sulla parte dell’articolo del New York Times riguardante il numero di vittime militari ucraine, troppo elevato e concentrato sulle figure più esperte e addestrate, che non permetterebbe un ricambio della stessa rapidità e della stessa capacità di utilizzo delle armi inviate dall’Occidente a supporto dell’Ucraina che possa contrastare efficacemente le truppe russe. In tale quadro, secondo Douglas Wise, ex agente CIA e già vicedirettore dell’Intelligence della Difesa, avere addestratori militari americani in Ucraina potrebbe non essere strategico perché potrebbe incoraggiare un’escalation di Putin, trasformare la guerra in un conflitto diretto contro la Russia e aumentare il rischio di un aggravio di vittime ucraine.

Pertanto, negli Stati Uniti si respira una vera e propria preoccupazione sull’intensificazione del sostegno da dare all’Ucraina decisa dall’amministrazione Biden, anche se fino ad oggi non c’è stata alcuna iniziativa ufficiale, nemmeno a seguito del G7 che si è tenuto in Germania nei giorni scorsi.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Analisi
PA
Salute digitale
News
Fondi
Formazione
Ecologia
Digital Economy
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Incentivi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Incentivi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 4