La rivoluzione

Accesso unico ai servizi della PA, da marzo cambia tutto: il quadro dell’Agenzia delle Entrate

Dal primo marzo si potrà accedere a tutti i servizi online della Pubblica Amministrazione tramite un’unica identità digitale, scegliendo tra SPID, CIE e CNS: l’Agenzia delle entrate in previsione di questo cambiamento sta già dismettendo le vecchie credenziali

23 Feb 2021
Fabio Brocceri

Servizio Comunicazione e Relazioni Esterne - Agid

Giuseppe Buono

Direzione Centrale Tecnologie e Innovazione Agenzia delle Entrate

web-3967926_1920

Un’unica identità digitale per accedere a tutti i siti della Pubblica amministrazione. Fino a qualche anno fa era il sogno impossibile di tutti gli smemorati e i disordinati di questo Paese: adesso, finalmente, questo sogno diventa realtà. Dal primo marzo, infatti, tutti i siti della Pa saranno accessibili tramite un’unica chiave passepartout, una semplificazione che farà risparmiare tempo ai cittadini e renderà più agevole la fruizione dei servizi online.

Si tratta di una delle novità introdotte dal Decreto semplificazioni (DL n. 76/2020), il quale ha stabilito che l’accesso alle piattaforme online delle Pubbliche amministrazioni debba avvenire esclusivamente tramite il Sistema per l’Identità Digitale (SPID), la Carta d’Identità elettronica (CIE) o la Carta Nazionale dei Servizi (CNS), mentre le credenziali che negli anni ogni Amministrazione ha rilasciato in autonomia dovranno essere dismesse.

L’Agenzia delle Entrate è già pronta e si appresta a dismettere le vecchie credenziali che i cittadini hanno utilizzato fino ad oggi per accedere ai servizi online del Fisco: dall’invio della dichiarazione dei redditi alla registrazione dei contratti di locazione, passando per le visure catastali, il pagamento delle imposte o l’assistenza via web.

Tutto adesso sarà più facile. Finisce, infatti, l’era delle infinite password, dei pin spesso dimenticati in qualche cassetto remoto, dei farraginosi meccanismi per il ripristino delle credenziali originarie a favore di un’unica identità in grado di aprire tutte le porte dei servizi pubblici telematici, a prescindere dall’Amministrazione che li eroga. Un cambio di passo importante nel processo di digitalizzazione della Pa che rimette al centro il cittadino e la sua user experience.

I servizi dell’Agenzia delle Entrate già in linea con il DL Semplificazioni

Addio dunque ai sistemi di autenticazione che fino ad oggi ogni singola Amministrazione aveva adottato per permettere l’accesso all’area riservata del proprio sito istituzionale. L’Agenzia delle Entrate, per esempio, ha già reso disponibile da tempo l’accesso ai propri servizi telematici attraverso SPID, CIE e CNS ed entro settembre manderà in soffitta Fisconline, il sistema di credenziali usato fino ad oggi.

WHITEPAPER
AZIENDA RETAIL: ecco i 15 motivi per cui hai bisogno dell'Intelligenza Artificiale!
Intelligenza Artificiale
Retail

SPID, in particolare, è stato introdotto già da quasi tre anni e ha permesso a tantissimi cittadini di usufruire con facilità di numerosi servizi fiscali e catastali, soprattutto in quest’ultimo e difficile anno nel quale abbiamo avuto modo di apprezzare la possibilità di fare tutto online con pochi semplici click senza muoverci da casa: l’invio della dichiarazione dei redditi precompilata, per esempio, la registrazione di un contratto di locazione, la richiesta della tessera sanitaria smarrita, la produzione della visura catastale della propria abitazione ma anche la semplice consultazione del cassetto fiscale, questa sorta di bacheca virtuale contenente tantissime informazioni fiscali che ci riguardano, come i dati delle nostre dichiarazioni dei redditi, dei rimborsi, dei versamenti effettuati tramite modello F24 e F23, dei nostri immobili.

Dal primo marzo non sarà più possibile, quindi, registrarsi al sito dell’Agenzia tramite le credenziali Fisconline, mentre gli utenti che oggi ne sono ancora in possesso possono continuare ad utilizzarle fino alla loro naturale scadenza e comunque non oltre il 30 settembre 2021; dopo sarà necessario dotarsi di SPID, della CIE o della CNS.

Sarà l’anno di svolta per l’identità digitale? I problemi da superare

Cosa cambia per i professionisti e le imprese e che fare

Ricordiamo in generale che le credenziali uniche previste dal Decreto semplificazioni al momento riguardano solo i cittadini, mentre sono esclusi i professionisti e le imprese, che potranno continuare ad usare gli username e le password già in loro possesso ma anche richiederne di nuovi. Il passaggio all’uso esclusivo di SPID, CIE e CNS avverrà per loro in un secondo momento, in base alle tempistiche che saranno indicate in un apposito decreto attuativo, così come previsto dal Codice dell’amministrazione digitale. Nessun problema, quindi, per i professionisti che utilizzano, per esempio, i servizi Entratel dell’Agenzia delle Entrate, come i commercialisti, oppure per i tecnici che operano con le banche dati catastali della piattaforma Sister.

Come ottenere SPID

Ottenere una delle tre credenziali passepartout per accedere con semplicità a tutti i siti della Pa è molto semplice. Uno dei sistemi più diffusi è SPID, il Sistema Pubblico di Identità Digitale che oggi conta più di 17 milioni di credenziali attive, il che significa che quasi un italiano su tre ormai ne è già in possesso. La pandemia e l’erogazione dei bonus statali, che prevedevano l’utilizzo obbligatorio di SPID per beneficiarne, hanno contribuito ad accelerare la sua diffusione, come si evince dal grafico riportato di seguito: mentre dal 2016 ai primi mesi del 2020 la crescita è stata abbastanza costante ma lenta, a partire dalla primavera 2020 la curva di crescita ha subìto un’importante virata verso l’alto.

Richiedere SPID è semplice. Basta scegliere, infatti, uno degli identity provider presenti sul sito istituzionale (come Aruba, Infocert, Poste, Sielte, Tim, Register.it, Namirial, Intesa, Lepida) e seguire il processo di attivazione. Occorrerà compilare alcuni campi con i propri dati anagrafici ed essere in possesso di un documento d’identità, della tessera sanitaria (o del tesserino del codice fiscale), di un indirizzo email e di un numero di telefono cellulare. L’ultimo passaggio consiste nella verifica della propria identità tramite il riconoscimento, che avviene in base alle diverse modalità offerte da ciascun gestore: di persona, presso gli uffici dei gestori; via webcam, con un operatore messo a disposizione dall’identity provider o con un selfie audio-video; tramite la Carta d’Identità Elettronica o la Carta Nazionale dei Servizi.

CIE, come fare per averla 

La seconda chiave di accesso “universale” ai servizi della Pa è rappresentata dalla Carta d’Identità Elettronica. Si tratta dell’evoluzione della tradizionale carta di identità cartacea, realizzata su un supporto plastico delle dimensioni di un bancomat, che contiene i dati personali e la foto del cittadino, stampati a laser, e un microchip contactless che contiene ulteriori informazioni tra cui quelle per l’autenticazione in rete.

La CIE può essere richiesta presso il proprio Comune di residenza (o presso il Comune di dimora per i cittadini residenti in Italia) oppure presso il Consolato di riferimento per i cittadini residenti all’estero. A questo indirizzo questo indirizzo è disponibile il servizio di prenotazione degli appuntamenti online.

Normalmente per il rilascio della CIE è necessario portare con sé la propria fototessera, in formato cartaceo o digitale su una chiavetta USB, e la ricevuta del versamento presso le casse del Comune di 16,79 euro, oltre, se previsti, ai diritti fissi e di segreteria.

La CNS: come funziona

La terza e ultima modalità per accedere alle piattaforme online della Pa è la Carta Nazionale dei Servizi. Si tratta in questo caso di un dispositivo, come una smart card o una chiavetta USB, dotato di certificato digitale per l’autenticazione personale, che viene collegato al pc, per esempio attraverso un lettore, e consente l’identificazione dell’utente. Sono CNS, per intenderci, anche le nuove tessere sanitarie (ma attenzione: solo quelle di tipo TS-CNS dotate di microchip!): per utilizzarle come Carta Nazionale dei Servizi è però necessario procedere alla loro attivazione, richiedendo i codici PIN/PUK presso uno degli sportelli abilitati presenti nella Regione di appartenenza.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati