L'analisi

Blockchain per la PA, progetti e settori di impiego

L’introduzione della tecnologia blockchain può garantire maggiore trasparenza nel rapporto tra cittadini e Stato: nel mondo sono svariati i casi di impiego di questa innovazione, dalla gestione idrica alla semplificazione amministrativa. Anche in Europa si sta lavorando a progetti sul tema

12 Set 2019
Sara Simeone

Blockchain strategy consultant

blockchain-1

Gli usi della tecnologia blockchain possono produrre una maggiore efficienza degli apparati pubblici e privati. Con l’applicazione di tale innovazione sarebbe rafforzata la fiducia nei fruitori e ci sarebbe una maggiore trasparenza nei rapporti tra cittadino e Stato, tra aziende pubbliche e private, e tra i cittadini stessi. E non mancherebbero i risparmi per le casse statali.

Tecnologia e risparmio statale

Gli ultimi trent’anni hanno segnato, in tutto il mondo, una svolta, basata sull’uso di internet, che ha influenzato la società contemporanea favorendone lo sviluppo di nuove abitudini in termini di conoscenze ed economie circolari. I problemi, che pure ci sono stati e continuano a manifestarsi, inevitabilmente, nel mondo del web, rendono imprescindibili rapidi miglioramenti dell’efficienza degli Stati, singoli e associati, quanto a patrimonio umano e tecnologico. Per quanto attiene all’Italia, come rende noto la CGIA di Mestre, la PA Italiana, benché dotata di comparti e punti di elevate eccellenze, enormi margini di efficientamento della macchina pubblica potrebbero garantire risparmi di oltre 30 miliardi di Euro. L’inefficienza, gravante su imprese e singoli cittadini provoca costi enormi, come anche la stessa OCSE pone in evidenza.

WHITEPAPER
Una guida completa per le nuove direttive sull'affidamento degli appalti del PNRR

Una risposta concreta per invertire la tendenza risiede sicuramente nella formazione del personale coinvolto; nel livello di senso civico e, ultime ma non meno importanti, nelle recenti e più moderne tecnologie. In tal senso vanno valutate molto positivamente le iniziative del Governo italiano e, in particolare, della Regione Lombardia che ha appena stanziato, con forte lungimiranza, 150 milioni per investimento nella blockchain. Questa tecnologia, unitamente a mirate tecniche di marketing alle quali sempre più si dedicano esperti europei e mondiali, può garantire una sicura svolta nel diritto individuale di cittadinanza ed un sicuro incremento del business in una società sempre più globale e decentralizzata.

Blockchain, i progetti europei

A tal proposito, l’Unione Europea, come autorità amministrativa sovra ordinata, ipotizza l’uso e lo sviluppo di piattaforme in cui la collettività gestisca autonomamente, tramite l’uso della tecnologia blockchain, i propri dati, scambi di proprietà, voto elettronico, l’esecuzione automatica di contratti tramite i cosiddetti smart contracts e molte altre attività che potrebbero beneficiare di un sistema piú trasparente, agile ed efficiente. L’UE, ha infatti individuato nella Blockchain, lo strumento tecnologico per poter cambiare la vita ai propri cittadini ed ha cominciato a promuovere iniziative progettuali nel campo socio-assistenziale stanziando alcuni milioni di Euro per stimolare appositi progetti denominati “Blockchain per il bene sociale” partendo dall’assunto, importante, che “Internet ha abilitato la creazione di piattaforme centralizzate, come quelle utilizzate per i social network, i motori di ricerca o il cloud. Ma questa centralizzazione espone potenzialmente i dati personali ad abusi sia con obiettivi commerciali sia con obiettivi politici da parte di chi detiene o controlla le piattaforme”, è scritto nella nota descrittiva del bando progettuale, che così continua: “Le tecnologie blockchain supportano metodologie decentralizzate per condividere, memorizzare e rendere sicure le transazioni senza intermediari attraverso reti distribuite, come è Internet stessa. I meccanismi di decentralizzazione sicura basati su blockchain sono quelli che possono consentire ai cittadini di mantenere il pieno controllo sui loro dati personali”.

I progetti che l’UE si prefigge di finanziare dovranno garantire, inevitabilmente, la tracciabilità dei processi produttivi; dovranno migliorare la trasparenza nella spesa pubblica e nella pubblica amministrazione; dovranno altresì consentire la gestione dei dati e la tracciabilità delle proprietà dei rifugiati o dei percorsi formativi degli studenti. Tali progetti, inoltre, dovranno avere un impatto sociale positivo ed essere adottabili da ampie comunità, salvaguardando i concetti di privacy, responsabilità e trasparenza, fermo restando che siano utilizzabili e inclusivi e siano portabili su larga scala.

In tale ottica, singoli privati nonché aziende private e Pubbliche amministrazioni locali, le quali, partendo dalle ricche banche dati in loro possesso originate dalle anagrafiche civili e sanitarie, potranno intervenire efficacemente nella gestione dei servizi socio-assistenziali e socio-sanitari potendo ipotizzare grossi margini di risparmio di risorse contestualmente a enormi possibilità di migliorare gli standard dei livelli quali-quantitativi dei servizi erogati ed erogabili ai vari stakeholders.

I settori

Ma quali sarebbero i settori nei quali si potrebbe incidere realmente? Alcuni esempi concreti, in tal senso, ci vengono dalla Gran Bretagna, dalla Svezia, nonché dalla vicina Svizzera. Paesi, questi, nei quali i rispettivi archivi catastali verranno gestiti con la blockchain. Ciò porterà ad una facilitazione delle compravendite immobiliari, delle relative mappature e maggiore trasparenza sulla imponibilità fiscale, centrale e locale dei cespiti censiti. Una notevole sensibilità in tal senso è emersa nel recente forum della PA tenutosi in Italia.

In estremo oriente, inoltre, un grosso esempio dell’utilizzo della blockchain viene dato nel campo delle risorse energetiche ed idriche, anch’esse come fin troppo evidente, di grosso impatto nei confronti dei cittadini utenti e delle entrate per le casse pubbliche. Anche in Italia, ed in particolare in Sardegna, si è già dimostrata una lungimirante sensibilità, utilizzando la blockchain nel servizio idrico già da un paio d’anni. L’impatto innovativo di tali iniziative, comporta l’utilizzo di questa tecnologia per verificare puntualmente i reali consumi dei clienti e snellire i procedimenti intorno alla correttezza e fatturazione delle bollette, portando benefici non solo in termini di risparmio dei costi per le aziende coinvolte, ma anche di rafforzare il rapporto fiduciario con i clienti stessi.

I medesimi criteri potrebbero essere sfruttati, come pure già sperimentato in Africa, Sud America ed Australia, per la gestione e la ottimizzazione dei servizi pubblici anche “a domanda individuale” (dal trasporto scolastico alla raccolta e smaltimento rifiuti, tanto per fare degli esempi) e soprattutto, per ciò che attiene alla sanità pubblica, se si considera che l’Italia ha già attuato e sta portando a termine l’ANPR – Anagrafe Unica Nazionale della Popolazione Residente – i cui dati, completati inevitabilmente con la digitalizzazione dello storico in possesso di tutte le P.A., potranno far risparmiare risorse equivalenti ad una “grossa manovra finanziaria”.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
PA
Sostemibilità
Analisi
Formazione
Salute digitale
Sicurezza
Sostenibilità
Digital Economy
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati